Skip to main content

Full text of "Carteggi casanoviani"

See other formats


Digitized by the Internet Archive 

in 2008 with funding from 

IVIicrosoft Corporation 



http://www.archive.org/details/carteggicasanovi01molm 




GIACOMO CASANOVA 

I>a nil dipiut" di Fiautcsco Casauova. 
(Colle/.ioiii' Dachdrt'. a Pietrourado). 



'Pwpriela artistico-lelteraria dell' Ediiore 
REMO SANDRON 



Ottc. Tipogr. SANDRON - 306 - 1 - 010317. 



ALLA MEMORIA 
DI 

ALESSANDRO D'ANCONA 

MAESTRO ED AMICO 
INCOMPARABILE. 




IL CASTELLO DI WALDSTEIN. 




LA CHIESETTA DI SANTA BARBARA A DUX. 



Sulla faceiata fe la piccola lapide 
ill memoria del Casanova. 



PREFAZIONE. 




ARRA forse inopportune che in questa 
ora augusta e solenne, in cui si son 
risvegliate potenti la virtii e la forza, 
che sembravano addormentate , della 
patria nostra , si continui a spender 
tempo e fatica a iilustrare la vita del 
pill famoso di quegli avventurieri , rispetto ai quali il 
Carducci, dopo aver detto stupendamente « che por- 
« tavano a spasso pe l mondo lo spettacolo della 
« vergogna italiana , attestando che la vecchia Italia 
« irrideva , vendeva e prostituiva tutto , gli eroi an- 
« tichi e i santi nuovi, i monumenti e le ville , le 
« sue donne, i suoi ragazzi acconciati per la musica, 
« la gloria, I'arte, I'ingegno » , soggiungeva con parole 
non meno belle e giuste : « Codesta vecchia Italia e 
« sepolta da un pezzo, ma sarebbe non so qual piu 
« tra vigliaccheria e scempiaggine rimpiangerne o, co- 
« me dicono, riabilitarne qualche rea memoria ( 1 ) » . 

(1) Carducci, Opere (// Panni maggtore), Bologna, MCMVII. I. XIV, 
g. 14. 



pag 



— VII — 



— VIII 



Oggi poi che, inaspettato prodigio, splende nobile e 
alta la nostra vita, cosi da destar maraviglia e conforto 
a un tempo negli uomini che dubitavano della virtii 
dellanima italiana, puo parere quasi un pervertimento 
ritornare anche una volta sulla ignobile figura del 
Casanova. Ma, chi ben guardi, appare invece non 
senza profonda significazione il contrasto fra 1' Italia 
presente, purificata e trasfigurata nello splendore dell'eroi- 
smo e del sacrifizio, e quella vecchia Italia ch'era per 
gli stranieri un paese d'imbelli fra le altre genti o li- 
bere o armigere , un paese di accattoni , di citaristi, 
di cantanti , di ballerini , quando non era la terra 
classica dei briganti, dei truffatori , dei parassiti , dei 
cavalieri d'industria. Da troppo lungo tempo sonava 
oltr'Alpe tale riputazione alia patria nostra, dimenti- 
cando quei popoli che dall' Italia era partita la luce che 
avea fugato le loro tenebre. Meglio tuttavia il vitupero 
che non la fatua insolenza con cui gli stranieri, ve- 
nendo qui ad ammirare il bel cielo , il fertile suolo 
e le arti stupende , cercavano , compiacendosene , 
quanto di men bello e puro e nella nostra storia, nei 
nostri uomini, ne' nostri costumi. E poiche, per tal ra- 
gione appunto, Giacomo Casanova fu, oltre ogni limi- 
te, ammirato dagli stranieri, che lo consideravano il 
missionario della degenerazione italica , il rappresen- 
tante tipico del nostro paese, io credo opportuno di 



— IX 



contribuire, per la mia parte, a ridurre entro i giusti 
confini una figura, che, per quanto spregevole, ha nel 
suo tempo non piccola importanza e desta una legittima 
curiosita negli studiosi. 

lo che di null'altro posso vantarmi che di esser un ga- 
lantuomo, dedico questa mia opera alia memoria di un 
altro galantuomo, il quale ha su me il vantaggio d'es- 
sere stato uno scrittore insigne, Alessandro D'Ancona. 
II mio venerato maestro ed amico ha diritto a questa 
dedica, sia perche egli fu tra i primi che s'occuparono 
di quel birbante di genio , sia perche la materia di 
questi due volumi e dovuta in gran parte a lui stesso. 
Egli infatti offerse a me in dono quasi tutte le lettere 
qui raccolte , affinche le ordinassi e le corredassi di 
note. lo, pur grato all' onore , di cui egli mi credette 
degno, penso, con desiderio misto a rammarico, di quale 
acume critico e di quale efficacia evocatrice avrebbe egli 
saputo animare queste vecchie carte. 

Gia, fin dal 1882, il D'Ancona pubblicava uno studio 
intitolato Un avventuriere del secolo XVIII (I), nel 
quale illustrava con documenti nuovi e con acute con- 
siderazioni alcuni particolari della vita del Casanova, 
specialmente quello della fuga dai Piombi. Egli finiva 
il suo scritto con questa nota : 



(I) Nuova Jlnlologia (febbraio e agosto 1882). 



- X — 

« Interrompo qui per adesso questi studi sul Casa- 
« nova. Proseguendo , avrei voluto compiere il rac- 
« conto della vita del grande avventuriere dopo il suo 
« ritorno a Venezia, e dopo la sua nuova e definitiva 
« partenza dalla patria. La fondata speranza che ho 
« di accrescere i documenti gia posseduti per cotesto 
« periodo, con altri di molta importanza, mi fa riman- 
« dare ad altro tempo il seguito del lavoro, nel quale 
« avrei anche discorso delle varie opere a stampa del 
« Casanova. Mi sarei poi ingegnato di formulare su 
« lui e sulle Memorie un giudizio generale. I poveri 
« di spirito soltanto hanno potuto credere ch'io avessi 
« in mira una riabilitazione del Casanova. Intenzione 
« mia e invece di considerarlo in relazione co' suoi 
« tempi, e collegare questo con altri studi sul costume 
« nel secolo decimottavo » . 

Coll'autorita dei documenti, e con quella non meno 
irreiragabile della logica, egli ribatte le ragioni di Ri- 
naldo Fulin e di altri, che considerarono le Memorie 
dell'inquieto veneziano come un romanzo fantastico. Non 
soltanto il D'Ancona, ma, per non citar che i maggiori, 
il Baschet in Francia e il Barthold in Germania (1) 



(1) Baschet, 'Preuves cuneuses de I'authenticite des Memoires de Ca- 
sanova (Livre, Janvier, f^vr., avril et mai, 1881).— F. W. BARTHOLD (D/e 
geschichllichen 'PeTsdnlichk&iten in J. Casanova's MemoHen , Berlin, 1846, 



— XI — 

hanno dimostrato con documenti e riscontri storici che 
il Casanova , il quale si servi cosi spesso della men- 
zogna nella vita, fu invece, nel descriverla, quasi sem- 
pre fedele alia verita, ben inteso una verita relativa, co- 
me dice un critico acuto , non avendo I'awenturiero 
veneziano ne I'onesta, ne la rettitudine, ne 1' equili- 
brio morale che formano I'autorita dell' uomo e dello 
scrittore (1). Tanta e la varieta dei casi insoliti che 
il racconto ha tutto il colore e il gusto delle finzioni 
romanzesche, ma il quadro di Venezia settecentesca 
e colorito con efficace evidenza, come senza veli e quasi 
con cinica inconsapevolezza son messi a nudo 1' animo 
e la vita del piu celebre fra quei ciarlatani e ciur- 
madori, che rispecchiavano nelle piii cattive tendenze 
gli spiriti di una societa in dissoluzione , vaga del- 
r ignoto, dello strano , del maraviglioso. Erano come 
i torbidi precursori della grande tempesta , che dovea 
cangiare al mondo I'aspetto. Le Memorie del Casanova 
furono giudicate da Federico Arnoldo Brockhaus, che 
ne fu il primo editore , un tresor de la connaissance 



II , 339), scrive : « Noi speriamo di aver potuto dare con coscienza di 
« critica al celebre furbo il diploma di sincere scrittore del secolo di Luigi 
« XV, di Elisabetta e di Caterina 11, di Federico II e di Maria Taresa, 
« del Voltaire, del Rousseau, della soppressione dei gesuiti, de' sudditi sof- 
« rerenti, dell Enciclopedia , dei cuochi principeschi pagati a peso d'oro, degli 
« indovini, del teatro italiano, in una parola dell'epoca intera del Rococo ». 
(1) SAMARAN. /. Casanova, Paris, L^vy, pp. VI. VII. 



— XII — 

du monde et de la vie (1), « ma — osserva bene il 
« Fulin — il brio delF ingegno o la vivacita dello stile 
« non bastano a redimere la ricordanza d' un uomo, le 
« cui vicende furono un oltraggio sfrontato e continue 
« alle leggi della morale e alia dignita deH'animo uma- 
« no » (2). 

Le Memorie, nonostante il lungo e noioso racconto 
delle troppe avventure amorose (3) , sono una viva 
opera d'arte, ed hanno un vero valore storico, ma tut- 
to cio non puo sollevare la memoria del veneziano 



(1) 11 manoscritto della Histoire de ma vie fu venduto, nel gennaio 1821, 
al Brockhaus da Carlo Angiolini, nipote del Casanova, presentato al celebre 
editore di Lipsia da un Federico Gentzel, agente librario. II testo francese 
fu raffazzonato e tradotto in ledesco da Guglielmo von Schiitz e pubblicato 
in dodici volumi dal 1 822 al '28. Incoraggiato dal buon successo, il Brockhaus 
incomincio nel 1 827 a pubblicare I'originale francese , compendiato dal prof. 
Giovanni Laforgue, ma nel 1827, quando era uscito il quarto volume, la 
Censura tedesca vieto di proseguire ; altri quattro furono stampati a Parigi 
nel 1832, ma anche la Censura francese non ne permise la continueizione, sic- 
ch^ i quattro ultimi volumi furono stampati a Bruxelles. Fino a che le Me- 
morie non siano pubblicate nella loro forma originale ed integra, le due 
migliori edizioni sono quelle del Rosez di Bruxelles (1860) e del Gamier 
di Parigi (1880). 

(2) FULIN, Q. Casanova e gl' Inquisitori di Stato , Venezia, Antonelli, 
1877, p. 35. 

(3) Fra le lodi, talvolta eccessive, che si fanno alle Memorie casanoviane 
potra sembrare curioso qiesto giudizio poco noto di Giorgio Sand, giu- 
dizio severo, ma non del tutto ingiusto : « Nulla mi so di meno interessante 
« di quello che le Memorie del Casanova, eccetto la parte in cui nana la 
« sua prigionia sotto i Piombi di Venezia ; non v' k una pagina di questa 



— XIII — 

dalle colpe che la gravano. Anche di recente il D' An- 
cona , facendo eco alle severe parole del Fulin, rim- 
proverava acerbamente colore, che, con grottesca esa- 
gerazione , voglion nomare dal Casanova il secolo di- 
ciottesimo (1). 

Ma come ? Si dimentica che in Venezia stessa erano , 
a questo tempo, uomini insigni per integrita di vita e 
per altezza d'ingegno ? Per restar soltanto nel campo 
dell'arte, Carlo Goldoni, si mirabile creatore di tipi e 
descrittore di costumi , non fa onore a Venezia e al- 
ritalia ? E Gasparo Gozzi, nobile onesto ed elegante 
scrittore, non e benemerito del nome italiano? E non fu 
Giambattista Tiepolo il piii grande pittore del suo se- 



« lunga storia che ne induca a leggere la pagina che segue o quella che 
« precede, non v'e un istante in cui I'interesse drammatico vi costringa im- 
« periosamente a continuare la lettura, un'ora in cui non possiate chiudere 
« il libro, senza piu pensare a Casanova di quello che ad un viandante che 
« vi saluterebbe strada facendo. Le sue sventure non v' interessano molto piii 
« delle sue fortune, e le sue fortune, come i suoi amori, vi trovano talvolta 
« incredulo.... Uomo strano che si fece valere da per tutto e da per tutto 
« nulla valse. Casanova non seppe formarsi in nessun luogo relazioni stabili 
« e durevoli : rimarra nella storia e nella letteratura come 1' espressione piu 
« vivente, sebbene alle volte malaccorta e inelegante, del secolo XVIII, che 
« un tale uomo sembra compendiare in se ; scettico come Diderot, meno 
« I'ingegno e la probita ; libertino come Crebillon figHo, meno la grazia e la 
« piacevolezza ; scettico furfante e libertino osceno, Casanova visse da filo- 
«8ofo e mori da cristiano*. (Trad, e cit. deirHnc/c/opet/ia pubbl. a Venezia 
« dalla tip. Tasso). 

(I) Casanoviana {NuoVa Jintologia I aprile 1911). 



— XIV — 

colo e uno degli uomini piii amabili per la bonta del- 
r animo ? E il Canova non tocco, come scultore, Tec- 
cellenza nella sua arte, e non fu, come uomo, esem- 
pio unico piu che raro di ogni nobile virtii ? 

Eppure , fra tutti i veneziani suoi contemporanei, il 
Casanova esercita le maggiori attrattive. Certamente 
quest'uomo, per cui I'amore e istinto ed egoismo e sa 
pur trovare I'accento della passione sincera, e dell'amore 
coglie tutti i fiori; che or difende con calore la patria 
e si rammarica d'esserne lontano ( 1 ) ed ora la vitu- 
pera e la calunnia ; che non rifugge da ogni bassezza 
plebea e da ogni inganno volgare, e sa comprendere 
le squisitezze dell' arte e la severita della scienza ; che 
affronta con ardimento tutti i pericoli e striscia fra le 
abbiezioni del delatore ; che ricambia colla piu cinica 
ingratitudine il benefizio e sa essere talvolta amico 
sincero ; quest' uomo deliberato a trarre dalla vita 
tutti i godimenti, e che, per raggiungerli si vale di tutti i 
mezzi, ed ora e ipocrita, ora sfacciato, ora adula, ora 
calunnia, puo essere un tipo degno della maggior atten- 
zione dello storico e dell'artista, ma nessuna morale per 



(1) Per il desiderio di ritornare in patria egli si fa persino delatore sti- 
pendiato dagli Inquisitori di Stato. « 11 C. dopo di avere ramingato dopo 
« la sua fuga per diciotto anni per tulta Europa, figlio della Repubblica, 
« tentato indarno ogni mezzo per rivederla, sperimento I'ultimo, che ri- 
« pugnava al suo cuore » . TRIBOLATI, Giacomo Casanova, (in Saggi Cri- 
tici e Biogr. Pisa 1891, pag. 380). 



— XV — 

quanto indulgente potrebbe trovare scuse al venturiere 
che porto in giro per I'Europa cio che di piii depravato 
era nel servaggio italico. Senza la voglia d' inconsulte 
rivendicazioni, ben Alessandro D' Ancona avrebbe po- 
tuto, come niun altro, darci viva ed intera la singolare 
figura del Casanova in relazione col suo tempo, nel 
quale 1' avventuriero veneziano rappresento la parte piii 
ignobile , come nel cinquecento I'Aretino. Per narrare 
la vita del Casanova, specialmente ne' suoi ultimi an- 
ni, r arte finissima e la critica acuta del D' Ancona 
avrebbero potuto trar profitto dai documenti pubblicati 
da altri studiosi e da quelli che egli stesso aveva rac- 
colto. 

Molte carte casanoviane si conservano nell'archivio 
del castello dei Waldstein a Dux in Boemia, 1' ultimo 
rifugio offerto al veneziano irrequieto dal conte Giu- 
seppe Carlo di Waldstein , che sulla fine del 1 783 
aveva conosciuto il Casanova a Parigi a un pranzo 
deir ambasciatore veneto Daniele Andrea Dolfin (1). 

II Waldstein, generoso d'animo, ma spensierato, spen- 
dereccio , vago di avventure , gran vagheggiatore di 



(1)1 Wallenstein , di (amiglia boema , discendenti dal grande capitano, 
sulla fine del seicento furono chiamati colla forma popolare di Waldstein. 
Giuseppe Carlo Emanuele, il primo di undid figli di Emanuele Filippo conte 
di Waldstein e della principessa Maria Anna Teresa di Liechtenstein, nac- 
que nel 1755 e mori celibe a cinquantanove anni. 



— XVI — 

donne e amatore di cavalli, si dilettava come il suo 
avo famoso, il duca di Friedland , di scienze occulte 
e cabalistiche. II Casanova , maestro nelle arti della 
magia (1), (e quanto valessero le sue lezioni aveano 
ben saputo il patrizio Bragadin e la marchesa d'Urfe), 
conquisto di primo tratto Y animo del giovane conte 
boemo, il quale tanto si piacque della conversazione 
di quellaffascinante ciarlatano che, per averlo con se, 
gli promise I'ufficio di bibliotecario nel suo castello di Dux, 
ufficio che il Casanova ottenne nel settembre del 1 785. 






Passato dallo strepito della vita alia solitudine di 
Dux , il Casanova conservava sempre il desiderio del 
lieto mondo romoroso, e colla illusione di ascoltare e di 
farsi ascoltare dagli uomini lontani scriveva d' ogni cosa e 
d'ogni argomento. A Dux « quand je ne dors pas je reve, 
« et quand je suis las de rever, je broye du noir sur du 
« papier », scriveva egli alia principessa Clary de Ligne. 

E, negli ultimi anni passati nel castello boemo, I'in- 
faticabile grafomane riempi della sua penna un cumulo 
immenso di scartafacci e diede alle stampe parecchi 



(I) MAYNIAL, Casanova et son temps (III, G. C. cabaliste et sorcier), 
Paris, MCMXI, pag. 133 e segg. 



— XVII — 

volumi. Le opere pubblicate sono : Soliloque d' un 
penseur (Praga 1 786), un romanzo in cinque volumi 
intitolato Icosameron (Praga 1 787), Histoire de ma 
fuite (Lipsia 1 788), La solution du probleme dilia- 
que (Dresde 1 790), Corollaire de la duplication de 
Vhexaedre (Dresde 1 790) e Lettre a Leonard Snetlage 
(s. 1. 1 797), in cui tratta dei neologismi introdotti 
nella lingua francese durante il periodo della Rivolu- 
zione (1). 

Restano ancora nella biblioteca di Dux, confusamente 
ammassati in grosse buste, manoscritti di opere storiche, 
filosofiche, religiose, morali, poetiche, teatrali, matema- 
tiche, e centinaia di lettere d'uomini e di donne, pro- 
venienti da tutti i paesi d'Europa, in italiano, in fran- 
cese, in latino ; le piu vecchie del 1757 le ultime del 
1 798 (2). In quel caos epistolografico ci passano di- 



(1) L'ultimo libro pubblicato del Casanova porta questo titolo : A Leo- 
nard Snetlage, Jocteur en droit de I'Vniversite de Goetlingen, Jacques Ca- 
sanova, docteur en droit de l' Universite de Padoue, 1797. II Casanova 
narra, nelle Memorie, di aver ottenuto a sedici anni la laurea in giurispru- 
denza con due tesi, una in diritto civile, De lestamentis, e I'altra in diritto 
canonico : Utrum Hebrei possint construere novas synagogas. Ma h da cre- 
dere che egli sia divenuto dottore, motu proprio , nello stesso modo che si 
creo nobile di Seingalt. 

(2) SYMONS, Casanova a ^Dux , trad, dall'ingl. in <^ercure de France, 
Paris, MCMllI n. 166, p. 60. - MAHLER, Catalogue des mss. de Casa- 
nova conserves au chat, de Dux (in l^evue des Biblioth. Paris, 1905, XV, 
43). — RAVA, Studi casanoviani a Dux, {Marzocco, 18 sett. 1910). 



XVIII - 



nanzi insieme confusi nomi illustri ed ignoti , nobili e 
plebei, rispettabili e vituperevoH : Massimiliano di Lam- 
berg, Carlo Giuseppe de Ligne, Opiz, Andrea Mem- 
mo, Francesco Albergati, Medin, Zaguri, Stratico, Stras- 
soldo. Da Lezze, Mengs, Pittoni, Torres, Pizzi, Rog- 
gendorff, Mazzola , Da Ponte, Berlendis, Albani, Fe- 
naroli, Colloredo, Beloselsky, Keith, O-Reilly, Delia Le- 
na, Kaunitz... e molti altri, avvocati , banchieri , ebrei, 
strozzini , albergatori, mastri di posta, artigiani ( 1 ). 

Circa dugento cinquanta sono le lettere di donne : 
lettere d'amore e lettere d'affari, di complimento, d'in- 
vito, di ricordi, di rimpianti, di speranze ; di gentildonne 
e di popolane, di cantanti, di attrici, di ballerine... (2). 



( 1 ) Un Yuda Schiff gli fa citazione per 300 lire ; un fornaio di Dux gli 
manda ccnti in latino pro semulis et pane 3 fl. 32 ^r. ; un sarto gli chiede 
il pagamento di un panciotto di pelle inglese ecc. Vedi Allgemeine Lilleratur, 
Augsbourg, 26 giugno 1875 {Bohmische IVanderungen). 

(2) A. RAVA pubblico (Lettere di donne a Q. Casanova, Milano, 
Treves, 1912) le lettere di Manon Balletti (delizioso epistolario d'amore), 
di Giovanna Benozzi Balletti, di Maria Teresa Dolfin Zorzi, di Mada- 
ma Brunet, della Contessa di Montmartel , di Madame du Rumain , della 
Contessa A. B., di La Charpillon, di Luce Lolli, della marchesa Chigi, 
della marchesa Frescobaldi Vitelli, di Laura Bassi Verati, di Caterina Cap- 
pocci Manzoni, di Maddalena de Leo Costanzi, di Madame de Saby , di 
Maria Rizzotti Kaiser, di Francesca Buschini, di Elisabetta Catrolli, di Giu- 
stina de Wynne Rosemberg , di Caton M,, di Teresa Boisson de Quency, 
di Maddalena AUegranti, di Wilhelmine Rietz, della principessa Lobkowitz, 
di Henriette de Schuckmann, di Teresa Casanova, di Cecile Roggendorff, di 
Elise von der Recke. 




Biblioteca del Castello di Dux. 




Biblioteca del Castello di Dux. 



XIX — 



Dopo aver ordinati i ricordi e le note, che con ogni 
probabilita deve aver tenuto durante il corso dell' av- 
venturosa sua vita, comincio nel 1791 a scrivere la 
Histoire de ma vis jusqu a V an 1 797 , che in- 
vece bruscamente si arresta al 1774, forse per che la 
morte non gli lascio il tempo di compierla. Fra le carte 
lasciate a Dux si ritrovarono due capitoli inediti e sco- 
nosciuti delle Memorie, e propriamente quelli che si 
riferiscono al soggiorno in Roma nel 1770-71 , ma 
vane riuscirono le ricerche per ritrovare note ed ap- 
punti in continuazione alia autobiografia casanoviana. 

Nel 1 882, Alessandro D'Ancona pote ottenere dai 
conti di Waldstein, che un suo incaricato, il prof. An- 
tonio Ive, copiasse a Dux un grosso manipolo di carte 
lasciate dal Casanova. Qualche studioso aveva gia pre- 
ceduto rive nelle indagini all' archivio di Dux, qualche 
altro lo segui. Vi fu nel 1 874 il dottor Giulio Gund- 
ling, piu noto sotto lo pseudonimo di Luciano Her- 
bert, il quale scrisse un romanzo intitolato Casanova, 
nella cui prefazione si parla dell' archivio di Dux ; vi 
ando nel 1 883 I'illustre scienziato Carlo Henry, che 
tratto dei lavori matematici del Casanova ( 1 ) ; e nel 
1886 Gustavo Kahn , che diede in luce vari scritti 



( 1 ) Carlo Henry scrisse anche uno studio intitolato : /. C. de S. et la 
critique hislorique (T^euue Hist. vol. XLl, p. 297, a. 1889). 



— XX — 

inediti linvenuti a Dux (1) ; seguono poi il dottor 
Meier di Copenhagen e il Symons, nel 1 899 (2), il 
Mahler che compilo nel 1 905 un affrettato catalogo 
dei manoscritti di Dux, I'Ottmann, che e autore di una 
incompiuta bibliografia casanoviana, e il Conrad, editore 
di una traduzione tedesca delle Memorie , ricca di 
belle figure e di note erudite , dovute — benche non 
vi si legga il nome — agli studi diligenti di uno scrit- 
tore, modesto e valoroso del pari, il dottor Gustavo 
Gugitz. Fra gli ospiti di Dux, penultimo (!' ultimo e 
Ottavio Uzanne) e il dottor Aldo Rava (3) , il 
quale si compiace che tutti i visitatori del prezioso ar- 
chivio, o troppo frettolosi, o troppo indolenti, o poco 
preparati a trattare le questioni casanoviane, o troppo 
facili a pronunciare giudizi e conchiusioni arbitrarie, 
gli abbiano lasciato il modo di raccogliere una messe 
abbondantissima di documenti, sconosciuti o trascurati o 
male interpretati. Anche riconoscendo giusto il compia- 



(1) 11 Kahn, pubblico ne La Vogue: il Precis de ma vie (t. I. p. 100) ; 
Aux beaux cheveux de Therese (p. 144); Passe-temps pour le Carnaval 
de Van 1792 (t. 11 p. 144); Fragment sur V Icosameron (p. 164); Essai 
d'egoYsme (p. 168); Le 'Polemoscope , tragicomedie (t. Ill, p. 29); Leltre 
d'Eupoleme 'Pantaxene a M... (p. 267). E, nella Revue independante del 
luglio 1 889, uno studio intitolato : Jacques Casanova. 

(2) 11 Symons credette aver scoperto mohi dei manoscritti, gia trovati dal 
Kahn; ma di qualche manoscritto, non ricordato dal Kahn, il Symons fa pero 
menzione. (Cfr. SYMONS, Casanova a T)ux cit.). 

(3) RAVA, Studi Casanoviani cit. 



— XXI — 

cimento del Rava, non si puo negare, per esempio, che 
il grosso manipolo di carte casanoviane , copiate, forse 
troppo affrettatamente, dal prof. Ive, non sieno utili per 
trovarvi qualche importante notizia sull'uomo singolarissi- 
mo , qualche curioso particolare del tempo e del co- 
stume (1). II D'Ancona, che avea fatto raccogliere quel 
document!, si proponeva di servirsene per compiere il rac- 
conto della vita dell' errabondo veneziano, ma poscia 
abbandono malauguratamente il proposito, e cedette al 
signor Ottavio Uzanne di Parigi tutti i document! scritti 
in francese. « Ces papiers forment douze ou quinze dos- 
« siers assez volumineux, que peu a peu nous arriverons 
« a mettre en ordre » , scrive Y Uzanne, il quale ando in- 
terrottamente pubblicando nel Livre (Paris, Quantin, 
1887-1889) e nell' Er/m7age (Paris, sept.-oct. 1906), 
un breve Avvertimento e la prima 'Prefazione ai Me- 
moires, i due menzionati capitoli inediti, il 'Precis de ma 
vie, la Courte reflexion d'un philosophe, una prefazione 
al poema incompiuto L' Alhertiade, che dovea cantare 
le geste di Alberto di Wallenstein, le T^eflexions sur la 
T^evoluiion francaise, parecchie lettere del principe de 
Ligne al Casanova, tre del Casanova al principe Belo- 



( I ) II prof. Ive copio it manoscritto piu importante , i capitoli IV e V 
deir ultimo volume dei Mimoires , che mancano alle edizioni Brockhaus e 
Gamier. Cfr. ADEMOLLO, Una pagina ined. delle Mem. Casanoviane (in 
Fanf. della Domenica, 15 marzo 1885). 



— XXII — 

zelsky alia principessa Clary e alia contessa Lamberg, 
e i Quinze Pardons. 

L'Uzanne deve avere ancora inediti altri documenti 
a lui ceduti dal D'Ancona, al quale restava un buon 
numero di lettere in italiano, scritte da uomini di gran 
fama e da uomini oscuri, che informavano degli avveni- 
menti del tempo il celebre avventuriero, assiduo inda- 
gatore dei fatti altrui. Questi carteggi, donati a me con 
liberale cortesia dal D'Ancona, e dei quali ho gia dato 
in luce parecchi saggi (I) , pubblico ora integral - 
mente, nella loro grafia originate, scorrettissima in quanto 
air interpunzione , e spesso anche alia grammatica, il 
che da ad essi un' impronta caratteristica (2). 

Incomincio colle lettere del Casanova al conte di 
Collalto , che non provengono dall' archivio Waldstein 
a Dux, ma da quello dei Collalto a Pirnitz (3). A 
Dux sono invece quelle del Collalto al Casanova. 



(1) Arch. Star. It. disp. I e IV, del 1910, disp. II e III del 1911.— 
Atti del R. htitulo Veneto, t. LXIX, parte II. 1910-11. 

(2) Ho messo anche le soprascritte delle lettere, tutte le volte che non 
furono dimenticate dal copista. 

(3) Queste e altre lettere del Casanova da me pubblicate nell' /Irchivio 
Storico Italiano furono poi tradotte in un grosso epistolario casanoviano da 
Aido Rava e Gustavo Gugitz {Casanovas , (Qriefwechiel, B. XV der Erin- 
ntmngen, Miinchen und Leipzig, 1913). 



- XXUI — 

A coteste ne faccio seguitare tre dell' awentun'-ro 
all'abate Delia Lena. : r 

Vengono poi talune lettere del Casanova e u •, 
intorno a una fiera controversia, che s' era accesa '' 
I'irrequieto veneziano e il tipografo Valerio de' Valerj, 
editore della sua Istoria delle turbolenze di 'Polonia 
(Gorizia, 1774). 

Tra le carte copiate nell'archivio di Dux per inca- 
rico del D' Ancona , non trovai altre lettere o scritti 
del Casanova. Delle lettere a lui dirette ho creduto 
opportuno pubblicare quelle che mi parvero piii inte- 
ressanti. 

Chiude la collezione di questi carteggi il copioso epi- 
lario del patrizio Pietro Zaguri al suo amico Giacomo, 
che forma il secondo volume e che , oltre a dipin- 
gere certi particolari curiosi di quel tempo curiosis- 
simo, ci mostra come a tra verso uno spiraglio di luce 
gli ultimi tristi anni del Casanova. 



* * 



Con quanto dolore , nella solitudine del castello di 
Dux , avra il Casanova rievocate le sue awenture ! 
II silenzio, che d'ordinario pacifica gli animi, svegliava 
invece nel suo spirito memorie, sollevava desideri, che 
gli davano tutte le sofferenze del rimpianto verso le 



— XXIV — 

cose fuggite per sempre. Dov'eran mai le sue passioni 
^ suoi inganni, le sue vanita e i suoi intrighi ? Le lettere, 
e gli giungevano da tanti e diversi paesi, gli facevano ri- 
fiorire, triste neila mente, il ricordo de' tempi trascorsi. 
L'uomo che aveva amato come Don Giovanni ed era 
stato ammirato pel suo spirito quanto il signor di Vol- 
taire , che, fuggito dai Piombi, aveva saputo coll'in- 
gegno, coll'audacia, coll' inganno farsi amare o temere 
m quasi tutta Europa , stupita de' suoi casi, si trov6 
un giorno in un vecchio castello boemo a meditar, con la 
sua cinica filosofia, sul passato, per convincersi sempre 
piu che la vita senza vizi audaci non e che lan- 
guore e tristezza. Giunto ormai sulla soglia della vec- 
chiaia, lo spirito di avventure e le colpe gioconde del- 
I'uomo, che un di aveva saputo far sua schiava la fortuna. 
avevano lasciato in fondo al suo animo come una po- 
satura di vizt putridi e inaciditi. Era divenuto ombroso 
e bisbetico, e lo stesso principe de Ligne, che gli era 
pur tanto benevolo, e costretto a confessare come non 
passasse giorno senza che insorgessero querele o per 
una ragione o per I'altra. Si offendeva di tutto, seb- 
bene trattato con signorile liberalita dal conte di Wal- 
dstein, che poneva a' suoi ordini servitori, cuoco, coc- 
chiere. Ma se il cuoco gli mandava la polenta o i 
maccheroni mal cotti , o gli si dava un cocchiere di- 
verse dal solito, o alia notte i cani abbaiavano nel 



— XXV — 

cortile, o il conte non gli presentava i forestieri, o questi 
non capivano il suo cattivo tedesco, s' imbronciava , e 
se altri rideva del suo malumore, montava sulle furie. Un 
tale ospite non doveva esser piacevole, e a Dux tutti 
congiuravano per fargli perdere le grazie del conte, dal 
sindaco Loser al medico O-Reilly irlandese , dall' in- 
tendente Feltkirchner al corriere Wiederholt, dal cuoco 
e dal portinaio ai contadini. Un giorno I'intendente Felt- 
kirchner, cattivo e ipocrita, fece bastonare I'odiato biblio- 
tecario, senza che questi ne potesse poi avere soddisfazione 
alcuna. Un'altra volta il corriere Wiederholt espose a lu- 
dibrio nella latrina il ritratto dell' ospite italiano, che irato 
ricorse , ma senza costrutto, al tribunale di Oberleu- 
tensdorf. Deve avergli giocato qualche brutto tiro anche 
un altro servitore del conte Waldstein, quel caporale 
Gerron (Gering) , le offese del quale egli insegna con 
acre ironia a perdonare in un breve scritto, che reca 
questo strano titolo : Les quinze Pardons, monologue 
nocturne du hihliothecaire fait a Oberleutensdorf , bon 
pour desopiler cette masse de chair qui se trouoe dans 
Vh\)pocondre gauche entre Vestomac et les fausses cotes. 
Un giorno d'umor nero deve essere stato anche il 1 3 
dicembre 1 793, in cui scrisse la Courte reflexion d'un 
philosophe qui se trouoe dans le cas de penser a se 
procurer la mort. 

Pareva comprasse le brighe a contanti, e talvolta se 



~ XXVI — 

la pigliava perfino col conte , il quale nella sua gio- 
conda spensieratezza, aveva una grande indulgenza pel 
vecchio ospite , cui pagava qualche volta anche i de- 
bit!. E il Casanova , pur tra le bizze e i corrucci, 
sentiva che alia sua vecchiezza non si offriva ormai 
migliore asilo di Dux, quantunque Toeplitz fosse distante 
appena mezz'ora ed egli vi potesse lietamente essere ac- 
colto dai principi Clary-de Ligne, e lontana non fosse 
Dresda, la cara citta dove, lasciato Parigi, era andato 
a vedere sua madre nel 1752, e dove era ritornato 
nel 1 766, subito dopo il suo celebre duello avvenuto a 
Varsavia, il 5 marzo, col conte Branicki. 

A Dresda sua madre era morta nel 1776, ma vi 
abitavano sempre sua sorella Maria Maddalena e suo 
fratello Giovanni Alvise, pittore. Maria Maddalena, moglie 
a Pietro August , maestro di gravicembalo , morto 
nel 1 787, aveva avuto una figlia, Marianna, che ando 
sposa a un Carlo Angiolini , maestro di musica an- 
ch'egli. 

Giovanni Alvise, aveva ottenuto la direzione dell'Ac- 
cademia di pittura a Dresda, e pote conservare 1' alto 
ufficio, nonostante fosse stato condannato in contumacia 
a Roma per truffa nel 1 747. Buon sangue non men- 
te ! E a Dresda era morto nel 1 795, lasciando quattro 
figli, tra i quali una buona e bella fanciulla, di nome 
Teresa. 



XXVII — 



Dal romitaggio di Dux il vecchio Giacomo, che 
avea portato con se la nostalgia di Venezia, si recava 
tratto tratto a Dresda, presso la famiglia della sorella 
o del fratello, e forse in quei giorni e in quell' aere 
egli si trasformava, rinasceva con un altro spirito. 
In una lettera del 4 gennaio i 790 scriveva al conte 
Antonio Ottaviano di Collalto: « lo non esco nep- 
pure dalla mia stanza ; ma forse andro a Dresda a 
passar tre settimane in famiglia » . Ma le amorevoli ac 
coglienze, che gli facevano a Dresda i giovani nipoti, 
erano spesso turbate dall' indole torbida dei vecchi fra- 
telli Casanova : erano ire e litigi tra la famiglia di Gio- 
vanni e I'altro fratello Francesco, il celebre pittor di bat- 
taglie, che da Vienna scriveva lettere piene di acri 
risentimenti ; erano discordie e rancori anche tra Gia- 
como e Giovanni. Trovo fra le carte copiate a Dux 
questa lettera di Giacomo , che e una specie di di- 
chiarazione di pace col fratello , ed ha una into- 
nazione di dolcezza e mansuetudine , non consuete 
in lui. 

« Sig. Giovanni mio carissimo fratello, 

« Giacomo Casanova , che fu sempre vostro amo- 
« roso fratello, ripassera costi il giorno tredici di questo 
« mese per seguitare poi il suo viaggio il quattordici. 



— XXVIII — 

« Egli v'invita con questa sincera ed amichevole lettera 
« ad un colloquio, di cui brama che Teffetto sia una 
« perfetta riconciliazione tra lui e voi, che poteste dargli 
« motivo nel primo giorno dell' anno di credervi suo 
« nemico. II vostro fratello Giacomo vi ama, e stima, 
« ma non a segno di soffrire il vostro disprezzo , ne 
« che il mondo regolandosi sul vostro procedere possa 
« supporre che voi abbiate qualche legittima ragione 
« di lagnarvi di lui. 

« Piacevolezza , mansuetudine , e moderazione , po- 
« trebbero, fratello mio amatissimo , render vi tanto ri- 
« guardevole quanto il vostro talento , e forse piu in 
« faccia a quelli, che sono del vostro sangue, e che die- 
« dero segni al mondo di amar 1' onore ed il buon 
« nome, quanti potete averne dati voi. 

« Dessau 9 genn. dell'anno 1 784 » . 

La rappacificazione fraterna non fu tuttavia sincera. 
II poeta Lorenzo Da Ponte , in una lettera del 24 
settembre 1 792, scrive da Dresda a Giacomo : 

« Di suo fratello non posso dirle nulla, perche nes- 
« suno me ne parla, sentendo continuamente ch'io non 
« fo che pregiarmi della di lei amicizia » . 

La Concordia che regnava tra i due fratelli era adun- 
que siffatta che non sembrava opportuno ne discrete 
parlare di Giovanni a un amico di Giacomo ! 

Altro animo quello dei nipoti. Teresa Casanova, 



— XXIX — 

soave creatura , aveva pel vecchio zio riguardi assai 
gentili, si riprometteva come una festa di andarlo a vi- 
sitare a Dux , si rammaricava di non averlo compa- 
gno in qualche lieto convegno familiare coi parenti An- 
giolini, lo invitava con dolce insistenza a Dresda, suo 
ospite desiderato (I). Le parole di questa buona fan- 
ciulla , cresciuta tra 1' impuro aere casanoviano , mol- 
cevano forse la fronte corrugata del vecchio peccatore, 
inciprignito fra le irritazioni e i tormenti del servidorame 
di Dux. Tutte le lettere di Teresa sono piene d'af- 
fetto. Uditene alcune frasi in quel suo francese spro- 
positato, che pur suona cosi dolcemente : 

« Vous ne me dit rien, mon cher oncle , sur ce 
« quand vous viendraiz pour sur a Dresde — mon Dieu, 
« je voudrais que cela fut demain ! c'est deja si longtems 
« que je desire vous revoir, qu' un mois me paroit 
« un siecle » . (6 giugno 1796). 

« Dites moi, mon tout aimable oncle, si dans le cas 
« que je ne puis esperer de Vous voir chez Vous, 
« me priverez Vous du bonheur de Vous voir a Dresde ? 
« Oh ! ne vous refusez point a mes prieres !... Mon 
« cher Oncle, il faut que vous venez a Dresde, Vous 
« le devez a tout ceux qui vous aiment, je vous sup- 
« plie, et si cela ne vous amene pas — allors je suis 



(I) RAVA, Lett, di donne, pag. 269 e segg. 



— XXX — 

« fache de ne pas avoir le droit de vous I'ordonner » . 
(giugno 1 796). 

« Non seulement que je vous aime, que je vous 
« cherie comme un pere et que je me livre entie- 
« rement a Votre jugement , mais aussi vous pos- 
« sede toute ma confiance, je vous parlerai toujours 
« comme a un Pere, avec la difference que cela sera 
« sans crainte et si je crains quelquechose ce n'est que 
« de Vous deplaire, mais je me soumette tout a fait 
« a vos excellents conseilles et j' agirai toujours de 
« maniere de meriter I'abbrobation de mon cher Oncle 
« Jaques ; de moins je ferai tout mon possible pour y 
«parvenir». (30 luglio 1796). 

« Tous desire vous voir, tenez votre parole et venez, 
« mon tres cher Oncle , soyez si aimable de quitter 
« votre villain Dux, et venez a Dresde , ou vous etes 
« aime et bien re^ue de tous ». (6 marzo 1797). 

Anche il nipote Carlo Angiolini si mostrava amo- 
roso verso lo zio, e andava qualche volta a trovarlo 
a Dux, come vi andarono alcuni amici, il principe de 
Ligne, I'abate Delia Lena, il poeta Lorenzo Da Ponte, 
il conte di Monte vecchio, ufficiale al servizio del re di 
Sassonia, ed altri. E quando essi ripartivano, piu pro- 
fonda si faceva pel Casanova la mestizia della soli- 
tudine. 




TERESA CASANOVA 

NIPOTE DI GTACOMO 



Dill iiiedaulioue scolpito snUa t<>uil>:i. 
<li lei ncl cimitfio di Dif.-da. 



XXXI 






II melanconico tramonto dell'esule si chiuse con una 
morte sconsolata. Poche notizie si hanno intorno agli estremi 
suoi giorni. All' artritide, di cui soffriva da lungo tem- 
po, s' aggiunsero 1' idropisia e il mal di vescica. Ai 
primi di febbraio del 1 798 i suoi mali si aggravaro- 
no, e un amico a lui sempre benevolo, il patrizio Za- 
guri, scrivendogli da Venezia, il I 6 febbraio, gli chie- 
deva con ansia affettuosa notizie intorno alia sua infer- 
mita. 

Merce la forte fibra il Casanova pote riaversi, ma 
per poco. II vecchio infermo si avviava lentamente 
alia morte, e non un raggio di sincere affetto illumino 
la lunga agonia di un uomo, che era passato a traverso 
tanti amori, sempre pero rapidi e talvolta immondi. 

In quei giorni la dolce nipote Teresa aveva l' ani- 
mo occupato da altri affetti. Gia da un anno s' era- 
no un po' intiepidite le cordiali relazioni tra lo zio 
e la nipote, ed e da supporre non per colpa di 
quest'ultima, giudicata un' anima veramente eletta da 
quelli che la conobbero. Un indizio del leggero screzio, 
che pero non si avverte nella corrispondenza sempre 
affettuosa di Teresa , si trova in una lettera piena di 
malignita del fratello di Giacomo , Francesco , giudice 



— XXXll — 

sospetto , perche non poteva soffrir la nipote. « Eh 
« bien ! — cosi Francesco a Giacomo 1*8 gennaio 1 797 — 
« tu a done a te pleindre de la jadis aimable et ado- 
« rable Theresa : j'en suis bien aise et pourquoi ne pas 
« me croire lorsque je te disois dans la sincerite de 
« mon coeur que c'etoit une coquette, enfin quelle ne 
« valoit rien ? » 

Certo e che la malattia dello zio Giacomo, non fa- 
cendo temere alcun pericolo imminente, permise a Te- 
resa, il l°marzo 1798, di unirsi in matrimonio col ba- 
rone Rodolfo von Wessenig e partire per la Cur- 
landia, dove il marito occupava un alto ufficio in quella 
Corte ducale. 

Rimaneva immutato I'animo di Carlo Angiolini, non 
mai immemore dello zio malato e infelice, 

« II m'est doux de savoir que vous avez votre neveu 
avec vous » . Cosi al Casanova scriveva, 1*8 maggio 1 798, 
un curioso tipo di donna , Elisa von der Recke (n. 
1756), che si trovava, ospite dei principi di Ligne, a 
Toeplitz. Elisa, smaniosa di passar per letterata e di 
entrare in dimestichezza con letterati, si mostro soc- 
corritrice pietosa al Casanova durante la grave malattia 
che lo condusse alia tomba , « mossa f orse — osserva il 
Rava, che ne pubblico le lettere ( 1 ) — piu dalla va- 



(I) Rava, Lettere di donne cit., pag, 301 e segg. 



— XXXlll — 

« nita di poterlo dire e farlo sapere, che da vera e propria 
« carita; e il vecchio bibliotecario del conte Waldstein la 
« ripago di egual moneta, mostrando di gradire maggior- 
« mente i brodi e il vino che la compagnia della pre- 
« murosa poetessa » , 

Anche la premura affettuosa del nipote Angiolini 
doveva essere misurata coi doveri della sua professione. 
L' Angiolini andava a visitare lo zio infermo, ma quando 
glielo permettevano i suoi obblighi col teatro di Corte di 
Dresda, dove era inscritto fra i suonatori d' orchestra, Cosi 
appare da questa lettera del maggio 1 798 : 



« Carissimo Signor Zio, 

« Sono nella piii grande disperazione e per non po- 
« tere partire per renderle una visita, come Lei brama 
« stante che oggi devo essere al teatro per 1' Opera del 
« Sacrifizio interrotto : percio mi e impossibile di absen- 
« tarmi fino a tanto che le recite non sono passate. Tutta 
« la famiglia a me unita e costernata per sentire il suo 
« stato. Per il messo le mando un orinale di latta, che 
« ho fatto fare per suo uso. Spero in Dio che le dara 
« ancora vita e che non sara tanto pericoloso il suo male. 
« Subito che saro in liberta partiro per venirla ad ab- 



— XXXIV — 

« bracciare come faccio ora con lo spirito ripetendomi 
« di V. S. Ill.ma 

« Devot.mo servo e nipote aff.o 
« Carlo Angiolini » . 

Circa un mese dopo, il 4 giugno 1 798 , Giacomo 
Casanova passava, e da sperare, a miglior vita (1). 

Venezia, settembre 1916. 




1 Delia tomba, dove fu sepolto, non c'e piii traccia. Sulla facciata della 
cappella del cimitero di Dux fu murata in memoria una lapide con queste 
parole : 

JAKOB CASANOVA 

VENEDIG 1725 

Dux 1798 




ELISA VON DER RECKE. 

Dal (lipinto ili Anton Gri'lt. 



CARTEGGI CASANOVIANI 








PARTE I. 



CARTEGGIO CASANOVA — COLLALTO 




E lettere del Casanova al Collalto, custo- 
dite nell'archivio domestico dei Collalto 
a Pirnitz in Moravia, furono copiate nel 
1835 dal signor Antonio Franceschi. II 
Franceschi, bibliotecario e archivista di 
Casa Collalto, dimorava d' ordinario nel castello di San 
Salvatore presso Conegliano , dove mori nel 1 884 ; ma 
passo qualche tempo della sua vita anche a Pirnitz (I). 
Le lettere casanoviane furono dal Franceschi donate al 
nobile Clementino Tomitano di Oderzo , donde passa- 
rono in proprieta dei baroni Galvagna , che a Odei-zo 



(1) MAGNO C, Jlntonio franceschi, arch, e bibl. (in Bibliofilo, Bo- 
logna, sett. -olt. 1886). 



MOLMENTI - Carteggi 



— 2 — 
hanno la loro villa. Furono poi date al D'Ancona dalla 
baronessa Antonietta Galvagna Persico, che a me rinnovo 
gentilmente il permesso di pubblicarle (1). 

L'epistolario casanoviano, che va dal 1 7 maggio 1 788 
al 13 gennaio 1791, scritto ora a Praga, ora a Dresda, 
pill spesso a Dux, puo recare qualche notizia interessante 
sugli ultimi anni del girovago veneziano. Puo sembrare, ad 
esempio, curiosa la viva sollecitudine, con cui egli prega il 
Collalto di occuparsi della diffusione del suo romanzo Ico- 
sameron, dal quale sperava lucro e rinomanza (2). 



(1) Le lettere del Casanova al Collalto, pubblicate la prima volta nell'/lrc/i. 
StOT. It. (t. XLV, a. 1910), furono tradotte e pubblicate da RAVA-GU- 
GITZ, Giac. Casanova's Briefwechsel (Band XV Der Erinnerungen) Miin- 
chen und Leipzig, Muller 1913. 

(2) II romanzo, in cinque volumi, pubblicato a Praga nel 1 788, che il 
Casanova finge tradotto dall'inglese, ha questo titolo : Icosameron ou hi- 
stoire d' ^douard et d'^lisabeth qui passerent qualre vingts un ans chez les 
^^egamicres habitans aborigenes du T^rolocosme dans I'tnterieur du notre 
globe, traduite de I'anglois par JACQUES CASANOVA DE SEINGALT 
V£N1TIEN. Questo libro fu particolarmente diletto all' autore, che ne fece 
commenti e difese in alcuni scritti, custoditi nell' archivio di Dux. Cfr., 
Mahler, Cath. des mss. de Cas. conserves au Chaut. de Dux (in Rev. 
des ^ihl. Paris, 1905, XV, 49-51). II soggetto del romanzo h un viaggio 
fantastico in un paese maraviglioso al centro della Terra, e cosi nel soggetto 
come ne' particolari alcuni vollero riscontrare certe analogic col Voyage au 
centre de la ITerre di Giulio Verne, sicch^, quando quest 'ultimo fu pubblicato, 
taluno 1 accuso di plagio. Tra mille fantasie e utopie sociali e strane invenzioni 
meccaniche, tra le piu svariate discussioni di matematica, di fisica, di medi- 
cina, di chirurgia, di chimica, di geologia ecc, balena alia mente della 
scrittore veneziano, dallingegno proteiforme, una concezione precisa del tele- 
grafo elettrico. Della naturale disposizione del Casanova agli studi scientifici 
»ono prova anche i seguenti opuscoli : 1 . Solution du probleme deliaque de~ 



— 3 — 

A quelle del Casanova faccio seguire alcune lettere del 
conte Collalto a lui, tratte dairarchivio di Dux, che abbrac- 
ciano un breve periodo, dal 28 marzo al settembre 1 792. 
Qualche particolare non inutile della vita di quel tempo puo 
trovarsi anche nelle notizie , che il Collalto riferisce da 
Vienna al Signor Giacomo padron mio ed amico pregia- 
tissimo. 

Quest'uomo, la cui vita fu un tessuto d'inganni e d'im- 
posture, conobbe, come pochi, 1' arte di conquistare non 
soltanto I'affetto delle donne, il che non sembra molto ma- 
lagevole, ma anche, cio che e piu difficile, la confidenza, 
la fiducia, I'amicizia di uomini eminenti per ingegno o per 
nascita. Incomincio col credulo affetto del Bragadm, dal 
quale ottenne protezione e quattrini, secondandone la foUe 



montee par J. C. Dresda, 1790. — 2. Corollaire a la duplication de I'he- 
xaedre. — 3. Demonstration giometrique de la duplication du cube. Corol- 
laire second. II primo di questi opuscoli tratta della duplicazione del cubo. 
I due allri non sono che dei corollari, pubblicati nel medesimo anno. 
Dapprima il Ccisanova credette di aver trovalo una soluzione esatta del fa- 
moso problema della duplicazione del cubo ; dipoi egli riconobbe la verita : 
la soluzione non poteva essere che approssimativa. La soluzione del problema 
di Delo contiene alcuni notevoli concetti filosofici, ma scientificamente 
non ha alcuna importanza, giacche di questo problema, come degh altri 
celebri della quadratura del circolo e della trisezione dell'angolo, non si pos- 
»ono conseguire soluzioni rigorosamente esatte. La casa editrice Brockhaus di 
Lipsia, nel 1821, acquistava dal nipote del Casanova, Carlo Angiolini, in- 
sieme col manoscritto della Histoire de ma vie, anche due altri opuscoli 
scientifici, tuttora inediti : 1 . E^sai sur le moeurs, sur les sciences et sur les 
arts. — 2. Reveries sur la mesure mo^enne de notre annee selon la reformation 
gregorienne. Cfr. CH. HENRY, Les connaissances mathematiques de J. C. 
(in ^ullettino delle scienze mat. e fis. Roma, nov. 1882). 



— 4 — 
passione per le scienze occulte ; fini tra la longanime ospi- 
talita del Waldstein, la cui benevolenza egli seppe con- 
quistare mediatrice ancora la scienza cabalistica. Non a torto 
Giambattista Manuzzi, il nolo confidente degli Inquisitor! di 
Stato, che ebbe tanta parte nelle vicende del Casanova, scri- 
veva di lui in un suo referto del 17 luglio 1755 : « Molti 
nobili patrizi amando il suo talento li vanno a seconda * . 
A questo proposito bastera ricordare il lusinghiero giudizio 
di un nobile ed alto spirito, il principe di Ligne, zio del 
conte di Waldstein, e assiduo frequentatore del Castello di 
Dux, dove si compiaceva deila briosa e arguta converscizione 
del Casanova, homme aimable, celebre et profond (1). 

Un altro amico del sedicente cavaliere di Seingalt, il 
conte Antonio Ottaviano di Colialto, ebbe reputazione di 
saviezza e onesta, e, a quanto dice la tradizione, fu esem- 
pio delle piii amabili virtu. Discendeva egli dalla storica fa- 
miglia dei Colialto, che vantano la stessa origine degli Hohen- 
zollern, coi quali hanno comune lo stemma. Col titolo di conti 
di Treviso, governarono questa citta, prima che fosse retta 
a Comune. Aggregati nel 1 306 al patriziato veneto, ebbero 
la giurisdizione di mero e misto imperio sui castelli di Col- 



( I ) Cos! il principe di Ligne, in una delle lettere pubblicate da! Liore 
di Parigi. E, in un'altra del 24 gennaio 1 796, scrive al veneziano : « Vous 
« ne m avez, mon cher Jacques qui n'6tes pas un Jean, mais plus profond que 
« les deux, d'autre obligation que celle de vous avoir appris ce que vous valez. 
« Les femmes vous I'ont montr^ ; mds les hommes presque toujours jaloux 
« Tous I'ont cache... ». Ancora, il principe di Ligne, ne' (rammenti delle 
sue Memorie e nella sua Raccolta di Lettere, pubblicata a Weimar nel 
1812, parla con afletto ed ammirsizione del Casanova, del quale, in altro 
scritto, fa un vigoroso ritratto, sotto il nome di Aventuros, 




< - 



z*-^- 




..#" 



■J 



N 




IL PRINCIPE CARLO DI LIGNE. 



— 5 — 
lalto e di San Salvatore presso Conegliano. Nel 1 586 la 
Repubblica veneta impose sui feudi e sui privilegi dei Col- 
lalto il suo dlto dominio, onde un giovane sedicenne di 
quella potente famiglia, Rambaldo XIII, indispettito, ab- 
bandono I'ltalia, e arrolatosi come semplice soldato nell e- 
sercito austriaco, divenne comandante supremo delle arm 
imperiali e fondo in Austria una nuova famiglia, che si di- 
vise ne' due rami di Vienna e di Moravia. Estintasi nel 
1 779 la linea di Vienna, i feudi di questo ramo passarono 
al conte Antonio Ottaviano (1). Di lui si trova la seguente 
notizia in un manoscritto dell' archivio del castello di San 
Salvatore : 

« Antonio Ottaviano Conte ereditario libero Signore di 
« Pirnitz. Questo piissimo e virtuosissimo Personaggio nac- 
« que il 26 maggio 1719. Ebbe in isposa Laura Nani. 
« Passo a Vienna nel 1 780, dove si fece amare e rispet- 
« tare da tutti e dove con universale dispiacere fini di 
« vivere I'anno 1 793 » (2). 

Dalle poche lettere del Collalto al Casanova, egli non 
appare uomo di molta cultura, ne molto versato nella gram- 



(1) Con la morte di Francesco Agoslino Collalto (1779), che non lascio 
eredi maschi, Antonio Ottaviano entro in possesso del fedecommesso di fa- 
miglia, che passo a suo figlio Odoardo; i beni allodiali moravi di Okrischko e 
Pokozowitz furono pero dal conte Ottaviano lasciati al detto figlio Odoar- 
do in comunione col figlio minore Antonio. 

(2) Nello stesso archivio si trova un altro manoscritto, che h una fradu- 
zione dal tedesco degli atti di Inlroduzione e aggregazione agli Illustri Slati 
deW Austria Superiore di S. Eccellenza il Signer Antonio Ottaviano Conte 
di Collalto. Devo queste notizie alia gentilezza del cav. DallArmi, agente 
generale dei conti Collalto. 



— 6 — 
matica e neU'ortografia italiana, ma tratto tratto non gli fa 
difetto un certo acuto spirito di osservazione, onde il suo 
breve epistolario puo giovare, per quanto in tenue misura, 
alia storia del tempo e del costume. 





Lettere del Casanova al Collalto. 



1). 



Praga 7 Maggio 1 788. 



^ccellenza mio adorato 'P.rone. 

kJpero <di sapere dalla pregialissima sua prima a giun- 
germi che ella si sia liberato dall'influenza russa(l). Spero 
ancora che abbia ricevuta alia dogana una cassetta in cui 
posi 24 terzi tomi, 7 primi, e 7 secondi con dodici miei 
ritratti (2), e con un tei-zo tomo legato alia francese , e 



(1) E quella malattia che ora dicesi senz'alfro, influenza, e nel '500 fu 
chiamata mal del castrone; piii tardi anche grippe, come la denomina pure 
il Nostro. 

(2) II bel ritrjUto inciso dal Berka a Praga nel 1 788, che adorna VIco- 
tameron, e intorno al quale k la seguente scritla : lacob. Hieron. Chassa- 
naeus. Venelus. Jlnno. /E. Suce. LXIII. 



— 8 — 
che la supplico di mandare con linclusa alia signora con- 
tessa del Clari nata d' Osten (1). La cassetta debbe 
esserle giunta franca, poiche, se pure non mi hanno in- 
gannato, mi dissero che ho pagato tutto. lo arrossisco quan- 
do rifletto, che con troppo ardire do a V. E. tanti inco- 
modi, e non posso che raccomandarmi sempre alia conti- 
nuazione della sua bonta. 

Ho scritto al mio fratello (2), che V. E. ha otto o 



( 1 ) Come il Collalto era protettore del Casanova e si prestava a procac- 
ciargli associati aW Icosameron, cosi la contessa Federica Carlotta Enrichetta, 
figlia di Mattia Corrado von der Osten, presidenle della Camera Prussiana 
nella Kurmark. Nata il 17 aprile 1 731, unita in matrimonio, il 3 novem- 
bre 1 748, col coate Francesco Carlo Clary, mori a Vienna il 1 2 febbraio 
1798. II conte Clary, che avea sposato in prime nozze una contessa Kii- 
nigl, era Consigliere intimo. Gran Cacciatore in Boemia e titolare della Si- 
gnoria di Toeplitz. Mori il 20 gennaio 1751. 

(2) 11 fratello, che si occupa degli associati dellVcoiameron, ^ Francesco, 
il celebre pittore di battaglie. De' suoi genitori e de' suoi fratelli Giacomo 
Casanova parla dilSusamente ne' suoi <^emoires. II padre di lui Gaetano 
Giuseppe Giacomo Caisanova di Parma , comico e ballerino, venuto a Ve- 
nezia con una compagnia comica al teatro di San Samuele, s'innamoro di 
Zanetta, figlia unica (n. circa il 1 709) dal calzolaio Girolamo Farusso e di 
certa Marzia. Non volendo il padre consentire alle nozze di sua figlia con 
un comico, personnage abominable, il Casanova persuade Zanetta a lasciarsi 
rapire. I due amanti s'unirono col vincolo religioso, ed ecco I'atto di matrimonio 
tratto dell'archivio parrocchiale di San Samuele : 

« Addi 27 febr. 1723 m. v. (1724). 

« II sig. Cajetano Giuseppe Casanova del qm Giacomo Parmegiano, e la 
« sig. Giovanna M.a Fig.a del qm Girolamo Farusso ambedue della nostra 
« contr^ [di San Samuele] fatte tutte e tre le solite pubblicazioni, come dal 
« libbro si vidde, prima interrogati, ed ottenuto il loro mutuo consenso, con- 



— 9 — 
died esemplari della mia opera, e che al bisogno potra 
somministrargliene, e gli ho scritto ancora, che dopo averli 
distribuiti, faceia passare il denaro raccolto tra le venerate 



« trassero matrimonio per verba de presenti, alia presenza del R.mo Piev. della 
« nostra Chiesa, ed illico in missa furono dallo stesso benedetti, pnti testimonj 
« il sig. Angelo Filosi qm Bortolo sta a S. Salvador e do Giuseppe Monti 
« del sig. Giacomo Filippo Bolognese sta a S. Fantin » . — Je suis ne de 
ce man'age au bout de neuf mois, le 2 avril 1725, scrive il Casanova. La 
data h giusta, ma ch'egli sia nato dopo nove mesi dal matrimonio non appare 
dall'atto di batlesimo [jJrchitiio di San Samuele] : 

« Addi 5 aprile 1 725. 

« Giacomo Girolamo fig.o di D. Caietano Giuseppe Casanova del q m 
« Gia.o Parmegiano comico, et di D.a Giovanna Maria giogali, nato li 2 corr. 
« battezzato da P. Gio. Batta Tosello Sacerd. di Chiesa de licentia. Compare 
« il signor Angelo Filosi q. Bortolamio sta a Salvador. Lev. Rosina Salvi » . 

L'anno seguente, Zanetta affido il bambino alle cure della nonna Marzia 
e parti col marito per Londra, dove sail anch'essa il palcoscenico, ed ebbe, 
il 1" giugno 1727, il secondo figliuolo, Francesco. Nel 1728 Zanetta, che 
mostrava gia di diventare una eccellente commediante, lodata poi anche dal 
Goldoni (GOLDONI, Mem. ed. Mazzoni. Firenze, 1907, I, 210) ritorno 
collo sposo a Venezia, dove le nacquero altri quattro figliuoli. II 4 novem- 
bre 1730 nacque Giovanni Alvise detto Giovan Battista, il 28 dicembre 1731 
Faustina Maddalena che, il 20 agosto 1736, mori di vaiuolo, e il 25 di- 
cembre 1732 un'altra figlia, Maria Maddalena. Nel 1733 moriva a Zanetta 
il marito come appare dall'atto di morte (jJrch. di San Samuele) : 

« Adi 18 die. 1733. 

« II Sig. Gaetano Casanova Parmegiano qm Giacomo d'anni 36 amalato 
« g.ni 1 5 da febre e convulsione habitante nella nostra Contra per el corso 
« d'anni 10 fini di vivere questa notte alle hore 13. med. il Monlicelli e 
<< Zambelli. Sara fatto sepellir da Sua Consorte » . 



— 10 — 
sue mani ; desidero che mio fratello faccia cio con quella 
civilta che si deve. 

Dopo la nuova arrivata qui che neirultimo fatto il prin- 



11 1 6 febbrciio 1 734, Zanetta ebbe un figlio postumo, Gaetano Alvise, e nel 
1 737, dopo aver recitato con plauso in van teatri, fu scritturata a vita dal- 
I'Elettore di Sassonia pel teatro di Dresda, e a Dresda mori il 29 novembre 
1 776, di 67 anni. Dei tre fratelli di Giacomo, Francesco, il secondogenito 
(n. 1 727) e il pittor di battaglie. In Venezia fu avviato all'arte dal parmi- 
giano Francesco Simonini ; poi si recb a Firenze e a Parigi, e quindi a 
Dresda, circa il 1 752. Ritornato a Parigi, sposo, il 26 giugno 1 762, Maria 
Giovanna Jolivet. Nel 1 763, Francesco Casanova fu ammesso all'Accademia 
di pittura, e i suoi quadri ebbero il plauso del pubblico e dei critici, quali 
il Diderot. Ando finalmente a Vienna dove, per commissione deU'imperatrice 
Caterina di Russia, dipinse alcuni quadri rappresentanti le principali vittorie 
dei Russi sugli Ottomani. Mori in Briihl presso Vienna, I'anno 1 805. 11 prin- 
cipe di Ligne, ne' suoi Fragments sur Casanova, chiama Francesco le plus 
celebre peintre de batailles de son temps. — Fu pittore anche il terzogenito, 
Giovanni Alvise, che all'eta di sette anni parti per Dresda con la madre Za- 
netta, scritturata daU'Elettore di Sassonia. Nel '46 ritornato in Italia per studiar 
la pittura, si reco sugli ultimi del *50 a Roma e vi dimoro per quattordici 
anni. AUievo del Mengs, amico del Winckelmann, il 1 2 maggio 1 764 si am- 
moglio con la romana Teresa Rolland, figlia dell'albergatore Carlo, avigno- 
nese, e sui primi di settembre di quello stesso anno ritorno a Dresda, quale 
direttore dell'Accademia di belle arti. Rimase vedovo nel '74 e mori il 10 
dicembre 1 795. Scrisse un Discorso sopra gli antichi e van monumenti lore 
(Lipsia 1 770). A Roma Giovanni si rese tristamente celebre per il falso di 
una cambiale, per cui fu nel 1 767 condannato in contumacia a dieci anni di 
galera, e per aver ingannato il Winckmann col fargli credere come scoperte 
in Ercolano due pitture eseguite di propria mano. (CARLETTA (VALERI), 
Sloria di una cambiale falsa (in 'Oita ital., Roma, I " feb. 1 897). La so- 
rella Maria Maddalena, nata il I 732, si marito con Pietro August maestro di 
gravicembalo alia Corte di Dresda e a Dresda mori il 1 gennaio 1 800. La 
loro figlia Marianna si sposo nel 1 787 con Carlo Angiolini. L'ultimo fratello 
di Giacomo, Gaetano Alvise, dedicatosi al ministero ecclesiastico, fu consacra o 



cipe Poniatowski resto ferito, tutte queste dame, madri, 
spose, o sorelle di que' cavalieri che sono alia guerra, 
tremano (I). 

Accio mio fratello non possa allegarmi alcuna scusa, se 
non registra associati, come la contessa Clari mi lusinga 
che fara, mi sono determinato a mandargli nella ventura set- 
timana ventiquattro esemplari. 

Uno stampatore di qui mi domando permissione di far 
stampare tradotto in tedesco il discorso del monarca me- 
gamicro (2), che si trova in questo mio terzo tomo a carte 



suddiacono il 24 maggio 1755. Dopo alcuni anni fu, per ordine del Consiglio 
dei Dieci, trattenuto in carcere da! 31 luglio 1767 a! 30 luglio 1 769. Aria 
di famiglia I Fatto libero, supplico per riavere il permesso di celebrar messa. 
Ando a Roma nel 1771 e quivi mori nel 1783. 

(1) II principe Giuseppe Antonio Poniatowski, nato a Varsavia il 7 
maggio 1 762, figlio di Andrea e della contessa Kinska. Entrato come luo- 
gotenente al servizio deirAustria, divenna colonnello dei dragoni e aiutante 
di campo di Giuseppe II ; e fece la campagna contro i Turchi ( 1 788-89), 
durante la quale fu ferito. Ebbe poi gran parte nelle vicende della Polonia, 
e in tutti gli avvenimenti napoleonici ; mori eroicamente il 1 ottobre 1813 
alia battaglia di Lipsia, comandando il IX corpo e 1' ala destra francese, 
mentre cercava di coprire la ritirata dell' Imperatore, che giorni prima lo 
aveva nominato sul campo maresciallo dell'Impero. 

(2) Neir/cosameron il Re dei Megamicri, regnante nella capitale Po- 
liarcopoli, dice a Edoardo, dopo averlo investito di un vassallaggio, per in- 
segnargli a ben governare : « II faut, mon cher Edouard, vous rendre justice; 
« vous avez fait en cent vingt trois ans que vous etes chez nous des cho- 
« ses surprenanles, tr^s utiles, et quelques unes qui paroissent au dessus du 
« pouvoir des hommes : mais en revanche que le grand Genie vient de faire 
« pour vous a present, payez la dette generale, car il n'est pas possible qu'un 
« monarque donne plus qu'un fief a quelqu'un qu'il veut honorer, et auquel 
« il veut marquer sa reconnaissance. Vous etes fait prince souverain, et a la 



— 12 — 
261, ed io gllel'ho negata, ma se viene questa volonta a 
qualcuno a Vienna, non mi domandera questa licenza. Sono 
curioso di sapere la cagione, che il Re di Francia ha ri- 
chiamato da Venezia il suo ambasciatore (1). Sono col piii 
umile rispetto 

Di V. E. 

Um."'° DiC"" Servitor e 

G. Casanova. 



« dignity pr^s egal a moi, car vous jouirez chez vous de toutes les preroga- 
« tives de la puissance independante. Vous pouvez savoir tout ce que je 
« Vciis vous dire de toute personne intelligente interregna sur cette mati^re ; 
« mais puisque c'est de moi que vous desirez d'etre inform^, je vous dirai 
« comment je crois que vous devez vous r^gler pour etre aim^ de la na- 
« tion de laquelle vous allez devenir le mailre. Vous ne sauriez vous rendre 
« heureux autrement ». II Re enumera qui i soli modi coi quali un re puo 
vivere felicemente : « Empecher le luxe, 1' usure, veiller sur I'avarice des 
« riches ; faire qu'on disc que dans les punitions on ne voit que les lois, et 
« que dans les r&ompenses on ne voit que le souverain. Etre r^erv^, ne 
« pas se montrer trop souvent, etre magnifique, favoriser la richesse de I'etat 
« par le commerce, I'industrie ; ne pas mettre d'obstacles a I'importation, car 
« elle est Tame de I'^tat. Eloigner et ne pas ecouter les courtisans, les flat- 
« teurs. Ne pas se preoccuper du malheur de quelque particulier, mais du 
« bien public. Faire payer plustot des droits d'exportation que d'importation. 
« EmpScher de tout moyen les malversations et le contrebamde. Ne jamais 
« decerner une prohibition sur quelque marchandise etrang^re » etc. 

( 1 ) La causa del richiamo da Venezia, nel marzo del 1 788, dell'amba- 
sciatore di Francia si desume dal dispaccio 22 marzo 1 788, che il Senato 
Veneto trasmetteva f)er espresso al proprio ambasciatore a Parigi, Antonio 
Cappello, e che incomincia cosi : « Dalle scritture del CoUegio della Giu- 
« stizia Nova, che vi si uniscono in copia, rilevarete il fatto avvenuto in 
« una casa vicina all' abitazione di questo Sig.r ambasciator di Francia co. 
« di Chalon, le ingiurie e le offese inferite dai suoi domestici alii Ministri di 
« esse Magistrate, non che la violenta traduzione, da loro praticata, della 



- 13 — 
Sig. Conic Ant. Ott. Collalto 

conte di Collalto ecc. 

a VIENNA. 

2). Eccellenza mio P. rone adora.mo. 

Praga 1 4 Maggio 1 788. 

La pill Bella nuova ch'ella mi potesse recare fu quella 
che vengo di leggere nel pregiatissimo suo foglio d' oggi. 
V. E. e liberato dall'influenza russa, e Dio ne sia lodato: 
ora tocca a me : ne sono attaccato da tre giorni in qua, e 
spero liberarmene a forza di dieta e di ber the con siroppo 
di fiori di sambucco. Tutta Praga e infetta da questa inco- 



c Barca inserviente alia Giustizia, che condotta alia riva della casa dello 
« stesso Sig. Ambasciatore, due giorni dope con gravissima commozione del 
« Popolo e con scandalo universale venne alia presenza dell'ambasciator me- 
« desimo, con I'opera de' di lui domestici, incendiata, con tal solennita che 
« portando il carattere di un atto giunsdizionale, ne restarono m conseguenza 
« altamente offesi i diritti della Sovranita della Repubblica. Questo fatto per 
« ogni riguardo esige la piu solenne riparazione, ecc. » (Archivio di State 
« di Venezia, Senato, Corli, filza 956). Le proteste dell'ambasciatore Cappello 
ebbero per conseguenza il richiamo deU'ambasaalore conte di Chalon, come 
ti rileva dal dispaccio del Senato veneto, 1 9 aprile I 788, che incomincia co« : 
« All'ambasciator in Francia. II zelante ed utile impiego con cui vi prestasbe 
« ad eseguire le Ducali 22 marzo decorso, riguardanti I'ambasciator sig.r co. 
« di Chalon, accresce il distinto vostro merito, e yi concilia il pieno aggra- 
« dimento del Senato, essendo riuscito coUe vostre rappresentaizioni e destri 
« maneggi di ottenere dall'equita di codesto Sovrano nel pronto richiamo di 
< esto Ambasciatore la richiesta soddufazione ecc. » (Ibid.). 



— 14 ~ 
moda malattia, non per altro mortale. La novita che corre 
qui, e la soppressione della moneta d'argento. L'editto im- 
periale non e ancora pubblico, ma si dice per certo, che 
arrivera fra poco tempo. Chi consiglio all'imperatore questa 
operazione e un traditore, che menterebbe la forca. Non 
e possibile di portare al commercio un colpo piu fatale ; 
non vi sara piu che rame ed oro, ne I'uno, ne I'altro fatto 
per aver corso fuori dello stato. Son sicuro che col tempo 
il Monarca riparera al disordine, rimettendo la moneta 
com'era prima, ma sara sempre troppo tardi (1). 

Oggi parte una carrozza del conte di Waldstein (2), dove 
ho posto 24 esemplari del mio Icosameron, che fanno 72 
tomi : questi sono per gli associati eventuali, che mi po- 
tranno esser fatti dalla protezione della Contessa Clari-Osten. 
V. E. cortesemente li distribuira a quelH che si presente- 
ranno per riceverli, ma il mio fratello naturalmente non 
permettera che V. E. abbia quest'impiccio, ne mandera a 
prendere quel numero che gli sara necessario, e le fara poi 
rimettere il denaro quando i' avra riscosso. Alia fine del 
venturo mese le mandero 48 quarti tomi. Spero che la 
medesima indulgenza per la mia debole opera continuera 
sempre ; ma non vedo lora di aver finite. Trovero politi- 



(1) Non mi fu possibile trovare alcuna notizia su questo editto imperiale, che 
il Casanova stesso dice non ancora pubblico. Con ogni probabilita non fu 
mai pubblicato. Non puo escludersi tuttavia la possibilita che in Austria siasi 
legalmente stabilita qualche limitatzione alia circolazione monetaria dell'argento. 
Cosi ringhilterra, per impedire Tesodo dell'oro, con la legge 2 1 giugno 1 798, 
proibi provvisoriamente la coniazione delle monete d'argento. 

(2) II conte Giuseppe Carlo Emanuele di Waldstein , protettore del 
Casanova. 



— 15 — 
camente il modo di far sapere alia degnissima contessa Clari 
nata Ligne (1) che non sono ricco. Questo avvisole bastera 
come spero. 

L'ambasciatore di Francia fu in Venezia ingiusto e pre- 
potente, ma il re di Francia ha dato alia repubblica una 
bella soddisfazione, e me ne rallegrai. Dell'affare di Na- 
poli non ho alcuna idea (2). Adesso le gran novita della 



( 1 ) Maria Cristina Claudina Leopoldina Filippina, primogenita del principe 
Carlo Giuseppe de Ligne. Nata il 27 maggio 1757, si sposo il 31 maggio 1775 
al conte Giovanni Nepomuceno Clary (n. 1753, m. 1826) e mori a Vienna 
nel 1 830. Da una lettera dell' imperalrice Maria Teresa, in data 1 2 luglio 
1 779, si rileva come la contessa Clary avesse relazioni amichevoli coU'lmpe- 
ralore, e com essa brillasse alia Corte per le grazie dello spirito e per la sua 
perizia nel canto (A. VON ARNETH, Maria 'Uheresia und t'hre Kinder, 
111. 369). 

(2) II Casanova accenna qui a un'cispra vertenza fra Venezia e Napoli. 
Nell'aprile del 1788 la Repubblica di Venezia fece arrestare ed espellere 
dagli Stati veneti il tenente Vincenzo Leer dei Dragoni di Macedonia del Re- 
gno di Napoli. I dispacci del Cav. Micheroux, Residente di Napoli a Ve- 
nezia, diedero notizia alia sua Corte di questo arresto come accaduto pub- 
blicamente e clamorosamente, di mezzodi, sotto le Procuratie, per mano della 
sbirraglia, con grave offesa all'assisa militare napolitana, che il Leer indos- 
sava. L'accusa era di seduzione e di arrolamento di soldali, reato che pre- 
tendevasi altra volta effettuato dal Leer, senza che fosse stato punito. La 
Repubblica si giustifico alia Corte di Napoli per mezzo del suo Residente 
Francesco Alberti, che protestava esser invece seguito il fatto di notte, e 
nel modo piu cauto. L'Alberti trovo (dopo le giustificazioni) favorevoli due 
miaistri napolitani, il marchese Caracciolo e il generale Acton ; ma il Re, 
sulle informazioni ricevute (che dicevano come non si fossero arrolati che di- 
sertori dell'armata austriaca) e a causa della divulgazione, forse esagerata, 
data alia cosa sui giornali anche stranieri, si mostro gravemente offeso ; 
e nei vari consigli di Stato dichiaro che, essendo stata offesa la Real Uni- 
forme, ne voleva la dovuta soddisfazione. Cosi in una nota del 1 5 aprile 



— 16 — 
guerra cominciano, e tutta I'Europa ne e curiosa. Holetta 
la bellissima risposta turca alia dichiarazione della guerra. 
Questa risposta fu composta sicuramente a Versailles (1). 
Ella si conservi in salute, e non si stanchi mai di ono- 
rarmi con la sua grazia, e con la sua protezione ; mentre 
io terro sempre indelebili nellanimo i titoli coi quali mi 
pregio d'essere 
Di V. E. 

Um.'"° DiC"" Obl."'° Servitore 
GiAcoMO Casanova. 



3). Eccellenza mio j^dorahile T^ad.ne. 

Praga 18 Maggio 1788. 

II mal moderno battezzato Grippe, che dopo aver per- 
corso la capitale dell' Austria, non voile risparmiare la ca- 
pitale della Boemia, casco anche sopra di me, obbligan- 



J788, n. 154, del Residente veneto al Senate. II Residente napoletano 
Cav. Micheroux si era rilirato da Venezia, abbandonando lufficio. II mi- 
nistro Caracciolo invano tento piu volte di moderare il Re, che anzi di- 
chiarava che, se non avesse ncevuto soddisfazione, avrebbe licenziato il Re- 
sidente veneto e chiusi i porti a tutte le navi venete. In seguito a nuove 
giustificazioni della Repubblica, e calmato forse I'animo del Re per la nascita 
di un principe reale e per la morte del Re di Spagna suo padre, le cose si 
composero, si che dopo il maggio del 1 788 non si fa piu, nei dispacci del 
Residente Alberti, altra menzione dell'incidente diplomatico. 

( I ) La nuova guerra austro-russa del 1 788 contro la Porta ottomana. I 
Turchi si rivolsero alia Francia, loro antica alleata, la quale non poteva offrire 
che la sua mediazione, giacch^ la neutralita armata le impediva di muoversi 



— 17 — 
domi a far in tale ingrata guisa la mia corte a V. E. ; ma 
ella n'e, grazie a Dio, libero, io no : sono a letto. 

Ho d'innanzi agli occhi due pregiate sue lettere, una 
del 10, e I'altra del 13: nel mio dolor di capo non so 
decidere, se abbia risposto a quella del 1 : per non fal- 
lare rispondo a tutte due. 

Rilevo dalla prima cHe V. E. ha ricevuto la cassetta 
coi libri, e poi leggo, ringraziandola, la nuova del richiamo 
dell'ambasciator francese da Venezia, circa I'lmpiccio con 
Napoli, di cui ignoro affatto il motivo. Dalla seconda ri- 
levo, che, col solito eccesso di bonta che mi confonde, 
V. E. ando in persona a portare i tomi alia contessa Clari-Li- 
gne, da cui non voile ricevere i nove fiorini. V. E. ha 
fatto sapientemente, ma per ischivare i disgusti, ed i pun- 
tigH io scrivo oggi al principe di Lichtenstein (1), che mi 
conosce, e spero che tutto sara nobilmente accomodato. 

Mio fratello mi scrisse, e si lodo della gentilezza con 
cui V. E. ebbe la bonta di mandargli i trenta tomi, e mi 
promise di mandarle il denaro, tosto che I'avra ricevuto dai 
rispeUivi associati. Io le bacio le mani di tutto, essendo 
I'ammiratore di tanti incomodi, e dell'eccellenza del suo 
core. 11 conte di Waldstein Dux e il portatore dei 72 tra 
primi, secondi, e terzi tomi, e non so in qual giorno li fara 
tenere a V. E. Anche questi saranno a disposizione di 24 



( I ) Luigi Giuseppe principe di Liechtenstein, figlio maggioredel principe Fran- 
cesco, nato il 14 maggio 1759. Servi per qualche tempo nell'esercito austriaco, 
amb I'arte e gli studi e accrebbe notevolmente la celebre pinacoteca Vien- 
nese, che prende il nome dai Liechtenstein. Si uni in matrimonio, il 3 no- 
vetnbre 1 783, con la contessa Carolina de Monderscheid e mori il 24 tnarzo 
J 805 senza lasciar discendenti. 

MOLMENTl — Carteggi 2 



— 18 — 
altri associati, che mio fratello mi promette di fare, col patto 
sempre che consegni i contanti a V. E. lo poi la supplico 
di spedirmi nel giorno 27 di questo mese i denari che 
avera, poiche debbo pagar rultimo del mese una cambiale: 
raccomando a mio fratello di affrettarsi. Questo terzo tome 
qui mi attiro applausi, e mi crebbe otto associati di piu. 
II discorso del Re alia pagina 261 piacque molto. Dio vo- 
glia accordare a V. E. una lunga perfetta salute, e voglia 
ella sempre conservarmi la grazia sua essend'io sempre 
di V. E. 

Um.'"° ObL'"° Div.""" servitore 
Casanova. 



4). Eccellenza 'P.rone <^io adorat.""' 

Praga 21 Maggio 1788. 

E cosa sicura che V. E. non potra dare al mio fratello 
altri tomi oltre li dieci, che gli feci passare tra le mani. II 
conte di Waldstein mio signore, giunto in questi giorni 
costi, porto seco un pacchetto con entro 24 esemplari, che 
compongono 72 tomi, e questi secondo il concertato deb- 
bono esser fatti consegnare a V. E., abbenche la man- 
sione li addrizzasse al mio fratello : sta a vedersi, se il conte 
pensera a farle subito rimettere il pacchetto, o se lo di- 
mentichera, poiche quantunque abbia ottimo core, un pen-^ 
siero non puo essere per lui interessantissimo se non ri- 
guarda cavalli. Scrivero oggi al conte per raccomandargli 
la celerita, accio codesti associati non si disgustino per 
troppo aspettare. Ho scritto una rispettosa lettera al prin- 



— 19 — 
cipe Luigi di Lichtenstein, nella quale lo ringrazio deH'onoie 
che mi ha fatto di associaisi, e nel medesimo tempo il prego 
di far passare Tintero valore della sottoscrizione tra le mani 
della contessa Clari-Ligne, o tra le venerate di V. E. 

Cosi spero di ricevere I'ultimo del mese per bonta sua 
una somma competente con cui io possa far faccia ai miei 
impegni. Un terzo del quarto tomo e gia stampato, ed alia 
fine del venturo sara distribuito ; tutti qui ne sono contenti 
e tutti mi fanno complimenti suUa parlata del Re ad Odoardo, 
che si trova nella pagma 261 : ma cio che mi fa un sen- 
sibile piacere e il compatimento con cui V. E. onora que- 
sta mia opera. La supphco di darmi un consiglio ; mi dica 
se farei bene ad invitare ad associarsi il signor ambascia- 
tore di Venezia. A forza di te e di dieta mi sono Uberato 
dall'influenza, ma tossisco ancora. Anche qui ha fatto freddo : 
V. E. abbia cura di se, e mi conservi la preziosa sua salute. 
Vcirie lettere qui giunte danno fieno all'oste parlando di 
pace, che io non ammetto. Credo I'assedio di Belgrado gia 
cominciato (I). Sono con riconoscenza eguale al mio rispetto 
Di V. E. 

Um."'° Div."'° Obi.""' servitore 
GiAcoMo Casanova. 

P. S. Ho scritto al mio fratello, che V. E. mi ha su- 
bito scritto di aver ricevuto da lui 40 fiorini e mezzo. 



( I ) L'assedio di Belgrado fu rultimo episodic della campagna austro-russa 
contio la Porta. II comandante supremo dell'esercito auslriaco, il Laudon, 
comincio I'asi >dio il 1 8 settembre 1 788. II 30 settembre si ebbe il primo 
assalto alle ff rtificazioni estenori ; la sera di quel giorno fu preso un sobborgo. 
II 7 ottobre, il comandante Osman Pascia consegnb la fortezza ; e I'otto fu- 
rono firmate le condizioni della resa. 



— 20 — 
5). Eccellenza adorato T^.rone. 

Praga 28 Maggio 1788. 

Ho passato jeri la giornata con la contessa di Waldstein, 
canonichessa di codesto insigne capitolo di Vienna (1), e 
le ho domandato notizie di codeste adorabili dame con le 
quali ho avuto I'onor di pranzare tante volte alia nobil ta- 
vola di V. E. Seppi con piacere che stanno tutte bene; e 
me ne rallegrai, poiche grandissimi sono i sentimenti di ri- 
spetto che conserve per esse. 

Qui fa un caldo come a Venezia nel mese di Luglio, 
e la Grippe seguita : lo pero ne son libero. 

La ringrazio del biglietto per fiorini 55, e son certo che 
riscuotero domani. V. E. sempre obbligante non dimenti- 
chi, la supplico, di ritenere il fiorino nel futuro conto. Mi 
rallegrai udendo che i 72 tomi sono arrivati, e restai pieno 
di riconoscenza leggendo, che con somma benignita V. E. 
in persona si sia degnata di andarli a rimettere al mio fra- 
tello. Egli adesso potra farmi nuovi associati, e non potra 
allegar scuse che gli manchino esemplari. 

Son certo ancora, che non manchera di rimettere il de- 
naro a V. E., mio buon padrone. Spero, che a quest' ora 
il principe Luigi di Lichtenstein, in conseguenza d' una mia 
lettera, avra fatto rimettere il denaro o alia contessa Clari- 



(1) Forse la contessa Giuseppina di Waldstein (n. 1768). Ma altre con- 
tesse di Waldstein erano alio stesso tempo canonichesse, come Maria Gioseffa 
(dal 1763 al 1818) e Gioseffa nata nel I 767. RAVA-GUGITZ, op., cit. pag. 
189 nota (3). 



— 21 — 
Ligne, o a V. E. Cosi tutto andra bene. Da qui un mesa 
ella ricevera 48 quarti tomi, oltre quelle legato distinta- 
mente per la signora contessa Clari-Osten. 

lo la ringrazio vivamente, eccellentissimo Signore, che 
malgrado le sue occupazioni non perde un momento di tem- 
po ad avvisarmi di ogni cosa. In contracambio di tanta 
bonta io non saprei che essere sempre con lo stesso pro- 
fondo ossequio 

Di V. E. 

Um.'"° Div.""' Ohl.'"° Servitore 
GiACOMO Casanova. 



6). i^ccellenza mio T^.rone ador.'"° 

Praga 7 Giugno 1 788. 

Se io avessi le forze fisiche, e morali, che avevo tren- 
t'anni fa, prenderei la posta mercordi mattina, ed arriverei 
a Vienna nel momento idoneo a complimentare V. E. nella 
sua festa, ed appena compito questo civil dovere, rimon- 
terei a cavallo o in sedia, e ritornerei qui per metter al- 
r ordine le spedizioni del mio quarto tomo, che V. E. avra 
sicuramente prima che il mese corrente finisca. II viaggio 
del principe di Lichtenstein a Napoli fa che dobbiamo aspet- 
tare il page.nento : pazienza, sara sempre buono : questa 
circostanza ^ cagione che la contessa Clan nata Ligne dira 
che ha ragione, e si sara forse un poco risentita del rimando, 
che V. E. le fece del denaro d' essa e del conte marito; 
ma ora con 1' occasione di mandarle i quattro quarti tomi, 
penso di scriverle una ben composta lettera, che accomo- 



— 11 — 

dera tutto : prendero in essa a mio carico !' impegno di 
dimostrare, che V. E. non potea da cavaliere e da uomo 
ragionevole oprar altrimenti. 

Dalla pregiatissima sua del 2 corrente, che ricevei jeri, 
rilevai una nuova, che veramente mi colpi. Siamo in que- 
sto mondo tutti mortali, e la morte di chississia, quantunque 
giovine, non da motive di stupore, o sorpresa a chiunque 
pensa, quando codesta morte avviene per vie ordinarie e na- 
turali; ma quando sopraggiunge ne' modi simili a quelle, di 
cui il giovine Foscarini si servi per uccidersi ha dritto di 
render attonito lo spirito il piu stoico. lo riguardo codesta 
morte come un vero suicidio. Tutto quelle, che avvenne a 
quelle scapestrate e sconsigliato giovine dope la di lui par- 
tenza da Vienna, fu da me predette in una lunga lettera, 
che scrissi al N. H. Zaguri : (I) non predissi le circostanze, 
ma predissi, che si disonerera in varie guise, che si em- 
pira di debiti avende anche le ricchezze di Crese, che sara 
rinchiuso dagli Inquisitori di State ; che fara un vergegnoso 
matrimonio, che se ne fara un cenvenevele, nen avra prole, 
e che terminera uccidendesi. Se il padre non fosse morto 
a Vienna, egli avrebbe ucciso il sue genitere : tutto cio, 
eccellentissimo signore, era scritte nel di lui ferece tempe- 
ramento : egli era un mostro, che trattava di pregiudizio 
religione, onore, e natura, e faceva in cempagnia di quelli 
co' quali confabulava pompa, e sfogio di tutti i piu erribili 
sentimenti, che mente umana pessa escogitare. Egli termino 



(I) II palrizio Pietro Antonio Zaguri (n. 1733, m. 1805) fu uno dei pid 
fidi amici del Casanova. Le importanti e curiose lettere dello Zaguri, formano 
il secondo volume di questi Carleggi Casanovt'ani. 



— 23 — 
miserabilmente la sua breve camera, la sua casa restera 
estinta, ed a zii istessi non dispiacera la di lui morte. La 
figlia del cavalier Nicolo sara ricca; ed il padre cio non 
ostante andra ad annojarsi tre anni per 100" ducati, de' 
quali non ha piu bisogno. Lo compiango. Potrebbe pero 
darsi, che la vedova Cornera fosse gravida : cio sara noto 
a V. E. (1). 



(I) Piu avanti, nella lettera del Casanova in data 1 I luglio 1788, si vedra 
come fosse falsa la notizia della morte di Giacomo Foscarini, figlio di Seba- 
stiano, gia ambasciatore a Vienna. L'ambasciatore Sebastiano giunse nella capi- 
tale austriaca il 20 ottobra 1781 ; fu presentato a Giuseppe II da Niccolo 
Foscarini, fratello di lui e suo predecessore neU'ambasciata; mori in Vienna il 
23 aprile 1 785, e fu sepolto nella chiesa di San Michele, dirimpetto al pa- 
lazzo degl' Imperatori. II 24 aprile il segretario dell'ambasciata veneta, Verdi, 
scriveva al Doge : « leri, tre ore prima della mezzanotte, fini di vivere I'ec- 

« cell. Sig. Sebastiano Foscarini Kav. Ambasciatore di Vostra Serenita 

« Fra le serie ed importanti occupazioni per il pubblico servizio da lui so- 
« stenute in questo suo ragguardevole e arduo ministero, fu essenziale quella 
« di infondere nel nob. Sig. Giacomo, suo unico figlio, le massime che po- 
« tessero renderlo un ottimo cittadino ; il quale con distinti talenti ed affa- 
« bile indole corrispondente alle zelanti paterne cure, or qui si ritrova im- 
« merso nell' afflizione e cordoglio per I'lrreparabile perdita ». Bugiarda era 
la lode al giovane Foscarini e conforme al vero era invece il severo giudizio 
del Casanova. Giacomo Foscarini nacque il 1 8 settembre 1 768, nell' avito 
palazzo di Venezia a Santa Maria del Carmine, da Sebastiano e di Bianca 
Contarini. Fu per alcuni anni allievo del Teresiano, convitto dei nobili austriaci. 
Sposo nel 1787 Andriana Corner, e fini di vivere il 25 marzo 1814. Ebbe 
vita agitata : libertino, vizioso, datosi in balia dei piaceri, diede quasi fondo 
alle sue molte ricchezze, le cui reliquie furono raccolte da un suo figlio illegit- 
timo, di nome Felice. Giacomo Foscarini era chiamato // Zotlo, e a questa 
sua infermita accenna il Casanova nella citata lettera dell'l 1 luglio. Degli ultimi 



— 24 — 

Qui si ebbe una lettera jeri scritta dal campo imperiale, 
che dice fino a che il gran Visir restera nella posizione in 
cui e non si pensera a passar la Sava. Si vuol avanti ve- 
dere cosa fciranno i Russi. I gran fatti arriveranno in Luglio. 

V. E. intanto si conservi sano e lieto, e non si stanchi 
mai di onorarmi con la graziosa sua protezione, e dal canto 



Foscarini dei Carmini tolgo dalla Genealogia ^arbaro (Museo Correr, Cod. 
Cicogna DXII-2500) questo albero genealogico: 

Nicolb Foscarini 



Jihise ^^arco doge 

Sebastiang 
n. 14 Genn. 1717 K.r e Senatore sposo nel 1756 Bianca Contarini. Fu 
ambasciatore in Spagna e a Vienna, dove mori. 

Giacomo 
n. 1 7 sett. 1 768 sposo nel 1 787 Andrianna Corner e nel 1 795 Giovanna M.a 
Memmo. Uno dei pochi rivoluzionari dell' Aristocratico Governo del 1 797. 
Fece dichiarare nullo il suo matrimonio e li 25 marzo 1814 mori a S. Marco, 
lasciando dei figli incapaci all'eredita dai vizi resa profligata. Fece lestamento 
e lascio erede il Sig. Giulio Ceregali da Casal Maggior, Giudice alia Corte 
di Udine, dalla quale alia fine di ottobre 1813 si allontano per la venuta in 
quella citta delle armi austriache e si ritiro a Venezia, dove vi sono i Fran- 
cesi, e avendo incontrato amicizia col Foscarini lo lascio erede con la tacita 
condizione che delta sua Facolta qualunque essa fosse andasse a vantaggio dei 
detti Figli. Morto il Ceregali sudetto nell'anno 1 830 ai 1 5 dicembre, ritorno 
la facolta Foscarini all'unico superstite suo figlio Felice, d' anni 30, nato a 
Lione, ma domiciliato sempre a Venezia e anche a Portogruaro. Mori nel- 
1*8 maggio 1864 d'anni 65, come dall'unito avviso. 

Felice 
Era figlio illegittimo di Giacomo detto il Zotto q. Sebastian, q. Alvise Fo- 
scarini dei Carmini. Fu militare, e lascio vari autografi del celebre Marco 
Foscarini doge e del cav. Sebastian etc. 



— 25 — 

mio non cessero mai di meritarla, nutrendo i piu veri senti- 
menti di ossequio, essendo effettivamente 

Di V. E. 

Um.'"° Obb.'"° 0.""° Seroitore 
GiAcoMO Casanova. 



7). Eccellenza mio Vener.'"" ^.rone. 

Praga li 20 Giugno 1 788. 

Vado immaginandomi per trovar un rimedio alia mia in- 
quietudine che 1* ultima mia, che le scrissi il 7 del corrente, 
sia andata smarrita, poiche sono oggi quindici giorni, che 
non ho piii la Bella sorte di leggere i pregiatissimi suoi 
caratteri. Credo anche possibile che V. E. sia andato in 
campagna, tutto m somma altro fuori che sia ammalato, poi- 
che non mi compiaccio a formare imagini tetre. Se avessi 
avuto la disgrazia di mancar al mio dovere in qualche cosa 
verso di V. E., le domando perdono, e la prego di attri- 
buire tutto a mia inavvertenza, poiche da animo deliberato 
e positivamente impossibile che io la offenda. 

Martedi otto prenderommi la solita liberta di addrizzarle 
i quarti tomi. Per cio che riguarda la signora contessa Clari 
nata Ligne ho pensato di non scrivere, e lasciar correre : 
quando il principe di Lichtenstein tornera pagheranno tutto 
m una volta ; e 30 fiormi saranno sempre buoni. Sono in- 
tanto co' piu sommessi sentimenti di venerazione 

Di V. E. 

Um."'° Die.""' Obl."'° servitore 
GiAcoMO Casanova. 



— 26 — 
7). Eccellenza mio X)ener."'° 'Padrone. 

Praga 1' ultimo di Giugno 1788. (1) 

Sentendomi innocente in coscienza e non sapendo a che 
attribuire l' apparente mia disgrazia mi sembrerebbe di com- 
mettere un fallo non mandandole quarant' otto quarti tomi, 
perche Vostra Eccellenza, con la medesima bonta che ebbe, 
ne faccia la solita distribuzione come vorra, e come le sem- 
brera ben fatto, assicurandola che io trovero tutto ottimo, 
e prudentissimo. II desiderio che ho, di riacquistare la gra- 
zia sua, e di giustificarmi, fa che preghi il mio buon amico 
Signor Capitano De Droghi (2) a rimetterle in persona que- 
sta mia umilissima. Sono col maggior ossequio 
Di V. E. 

Urn.""' ©et).""' Obl."'° servitore 
Casanova. 

9). Eccellenza mio Vener."'° P. rone. 

Praga 11 Luglio 1788. 

Ricevo in questo punto la preg.™^ sua, che mi rassereno 
r animo e di cui la ringrazio, poiche chi ama teme, Sicuro 
della sua salute, e della grazia sua, di piii non dimando. 



( 1 ) Questa lettera fu pubblicata suU' Orlando Furi'oso di Pisa (n. 8, 1 1 
febbrajo 1 886). 

(2) Flavio de Droghy, nato nel 1 728 in Parma, entro nell' esercito au- 
striaco e raggiunse il grado di capitano. Viveva ancora nel 1 798. RAVA-GU- 
GITZ op. cit. pag. 197 nota 2. 



— 11 — 

Spero che V. E. avra avuta la bonta di mandare alia con- 
tessa Clari nata Osten il tomo legato in pelle, che soglio 
mandarle, e che avra fatto avisar mio fratello accio mandi 
a prendere quel tomi, che a lui sono destinati, accio li di- 
spensi agli associati che mi fece : egH poi mandera a V. E. 
il denaro riscosso, ed ella, al solito della sua bonta , mel 
mandera qui accio io seguiti a giungere alia fine di questa 
non leggera intrapresa. Un terzo del quinto ed ultimo tomo 
e gia stampato, ed ai ventidue di Agosto glielo mandero. 
II libretto, che contiene la storia della mia fuga da' Piom- 
bi, si vende dal Hbrajo Gay (I). Quantunque sia una mi- 
seria, io lo offro in done all' abbate D. Venanzio, e se 



( I ) Histoire de ma fuite des 'Prisons de la T^epublique de "Demse qu 'on 
appelle les 'Plomhs, ecrite a Dux en Boheme V annee 1 787, Leipzig, Schon- 
feld, 1788, in 8°. Se ne fece una ristampa col titolo : Relation de ma fuite, 
Halle, Gebauer, 1833, in 8°. L'edizione originale non fu posta in commer- 
cio. La narrazione vi h piu particolareggiata di quella introdotta ne' suoi 
Memoires, pubblicati la prima volta dal Brockhaus di Lipsia nel 1822-28 
(10 vol. in 8.) tradotti da G. de Schiitz. La Histoire de ma fuite, stam- 
pata in piccolo numero di esemplari, ebbe la sorte di altri libri del Casa- 
nova, che sono divenuti rarita bibliografiche ; degli opuscoli di matematica, 
degli Eloges de M. de 'Ooltaire, 6.e\V Icosameron, della Storia delle turho- 
lenze della Polonia, della traduzione dell' ///a Je in ottava rima, sconosciuta 
anche al Foscolo e al Monti, quando pochi anni dopo essi fecero uno studio 
di compareizione Ira le varie traduzioni del poema omerico. Meglio conosciuta 
h la Confutazione della Storia del Qooerno 'Ueneto di Jlmelot de la Hous- 
saye, falsamente datata da Amsterdam, ma invece uscita dai torcKi del- 
r Agnelli a Lugano nel 1 769. La Histoire de ma fuite fu ristampata nel 
1884 (Bordeaux, Moquet) da L. B. de F., il quale vi premise una Notizia 
e un molto incompiuto Saggio di bibliografia casanoviana. Finalmente Sal- 
vatore di Giacomo ne fece una elegante traduzione italiana (Milano, Alfieri 
e Lacroix 191 I). 



— 28 — 
cosi pare a V. E. scrivero al capitano Droghi di presen- 
targlielo. Tutta Venezia credette morto il giovine Foscarini, 
ma non fu vero ; egli si e risanato, ma con la gamba a 
pendolone ridotto a non poter piu servirsi di essa per ca- 
minare, o a dover farla tagliare per sostituire una gamba 
di legno. Miserabile condizione ! 

II N. H. Zaguri mi scrisse avanti di partire per Costan- 
tinopoli una lettera di otto pagine ; egli pensa di fare in 
compagnia del Foscarini tutto il bailato, ma io dico che 
tornera col bailo rilevato dal nuovo (I). Egli si ridusse a 
questo patto per ragioni di economia, e mi scrive che e 
certo di ricuperarsi, avendo anche in mente un vantaggioso 
matrimonio pel figlio, che comparira in piazza nell' anno ven- 
turo. Egli mi scrive, che 1* affar tra la repubbHca e NapoH 
e sul momento di accomodarsi, mentre quest! sciocchi ga- 
zettieri dicono che vi sara tra queste due potenze guerra. 

Le rendo grazie delle novita con le quali ella adorna la 
generosa sua lettera toccante il divertimento alia porta di 
Carintia (2). II poeta da Ponte mi scrisse, che vuol mandarmi 
le sue prove che fa stampare, e delle quali sono curioso (3). 

V. E. si conservi dunque in salute, ed abbia per me 
sempre lo stesso compatimento, e perdoni se io ebbi paura, 
poiche accostumato male da lei, consueto a scrivermi ogni 



( 1 ) Niccolo Foscarini, fu Alvise, fu nominato nel 1 787 Bailo a Costan- 
tinopoli, succedendo a Girolamo Zulian. Lo Zaguri segui a Costantinopoli il 
nuovo Bailo. 

(2) II teatro alia Porta Carintia in Vienna, dove si davano opere in musica. 

(3) II poeta Lorenzo Da Ponte, del quale si pubblicano in questo volume 
parecchie lettere. 



— 29 — 
ordinario, non potei impedirmi di trovar straordinario un 
silenzio di 37 giorni. Sono con profondo ossequio 

Di V. E. 

Um.'"° Die"" Obi.'"'' servitore 
Casanova. 

10). ^ccellenza mio X)ener.'"° Tyrone, 

Praga 12 Agosto 1788. (1). 

Qui cito dat bis dat e il proverbio favorito di V. E. Quan- 
d'ella vuol fare un favore, non soffre mai che chi lo domanda 
lo desideri molto tempo, ed ama piuttosto a far subito che 
aspettare il domani. Ho licevuto il ritiatto di quel povero 
greco , che per salvare la testa non bado ad abbandonare 
I'onore, la moglie, e la famigha. E anche probabile che ab- 
bia salvato danaro. La lettera in versi francesi , di cui co- 
nosco I'autore, fa ridere, cattiva, spropositata ed affato in- 
degna di esser letta (2). lo intanto la ringrazio di tutto. Quel 



( 1 ) Questa lettera si trova in copia fra le carte di Hermann von Lohner 
nella Biblioteca civica di Vienna . Pubblicata da RAVA-GUGITZ, op. 
cit., pag. 200. 

(2) (Spitre en Oers au prince Ypsilanti, hospodar de la IJalachie. Vienne, 
1 788, 8". L'autore di questo libro fu il cavaliere Ophanie Traunpaur, che 
conosceva molto bene il Casanova. (Vedi il libro del Traunpaur 'Drej^ssig 
^riefe iiber Qalizien ecc. Wien u. Leipzig 1 787, p. 42), — Alessandro 
Ypsilantis, nato nel 1725, fu Dragomanno (^ella Porta, e dal 1774 al 1782 
Ospodaro della Valachia e diede alia luce un , libro di leggi. Prima dello 
scoppio della guerra austro-russa-turca, nominate per la seconda volta Ospo- 
daro, si lascio poco dopo far prigioniero e condurre a Briinn, dove resto fino 
alia pace di lassy (1792). Ritornato a Costantmonopoli, venne in sospetto ai 
Turchi, che nel I805lofecero giustiziare. RAVA-GUGITZ, op. cit. pag. 201. 



— 30 — 
pazzo ha preso la meta della mia divisa per adattarla ad 
Ipsilandi ed ha citato Ovidio, che non ha mai letto, poiche 
i due versi che sono sotto il mio ritratto vengono attribuiti 
ad Ovidio, ma nella di lui opera non si trovano(l). Quel 
conte Suzzo ch'e in Vienna (2) e un confidente del Hospo- 
dar, che naturalmente fu con lui d'accordo per salvarsi , e 
per metter in sicuro qualche migliajo di Zecchini. La dura 
catastrofe fu quella del povero Brognard , che non dovea 
fidarsi alia mala fede del Bassa di Scutari, che e il re dei 
bricconi, e che si servi di quel modo per procurarsi ripu- 
tazione di fedelta alia corte di Costantinopoli (3). 

lo torno a ringraziare V. E. pel danaro mandatomi, che 
ricevei subito. In questa settimana tutta la stampa dell'Ico- 
sameron sara finita. E probabile, che I'imperatore [Giusep- 
pe II] non si movera prima di aver notizie certe della presa 
di Oszakoff (4) che sapremo fra poco tempo, allora pren- 
dera Belgrado, e avanti e dope vi sara una battaglia deci- 
siva , e la campagna si terminera , e se non si stipula la 
pace nellinverno, nell'anno venturo si vederanno gran cose. 
Udiremo anche qualche colpo riguardevole del maresciallo 



( 1 ) jlltera nunc rerum fades, me quaero, nee adsum 
^on sum qui fueram non putor esse : fui. 

(2) I Suzzos erano principi valacchi. 

(3) Mahmud, pascia di Scutari, nella guerra austro-lurca, diede prova di 
fellonia, esitando da qual parte schierarsi. Quando poi TAustria gli mando 
come ad amico un corpo d'armati sotto il comando di Vukassovich, I'affrontb 
a tradimento e lo sconfisse. Fra i caduti deve esserci stato il nominato Bro- 
gnard. RAVA-GUGITZ, op. cit. pag. 202. 

(4) L'espugnazione di Olschakows avvenne il 17 dicembre 1788. 



— 31 — 
Laudon (1), ed intanto noi penseremo a mantenerci in buona 
salute. Resto sempre pieno del medesimo rispetto 
di V. E. 

Um."'° Div.""' Servitor e 
GiACOMO Casanova. 



1 1) Eccellenza mio adorato T^adrone. 

Dux 2 Marzo 1789. 

Ho ricevuto con riconoscenza lumanissime lettere di V. E. 
del 14 scorso. II cor suo gentile e generoso e quello che 
detta alia sua felice penna tutto cio che si legge sulle sue 
scritte, onde non e possibile di altro rilevare che sentimenti 
di verita e di virtii. Dio gli rimeriti la bonta ch' ella ha 
per me, e si conservi sano per lungo tempo tanto pel suo 
ben proprio, quanto per il vantaggio della cospicua sua fa- 
miglia, ed anche per darmi all' occorrenza nuovi segni della 
sua grazia e della sua protezione. 

V. E. mi diede una funesta nuova annunziandomi il principe 
Carlo di Lichtenstein a I'estremita, ma pure fu gradita, poiche 
qui si diceva morto, e fino che vi e fiato vi e speranza (2). 



(1) II generale austriaco Gedeone Ernesto barone di Laudon, nato nel 
1716 a Tootzen in Livonia. Nel 1788 avea respinto i Turchi e s'era im- 
padronito di Belgrade, che fu restituita alia Turchia nel 1791. II Laudon 
mori il 14 luglio 1790 a Neutitschein, in Moravia. 

(2) 11 principe Carlo Borromeo I di Liechtenstein (n. 1 730) era gia morto 
il 2 1 febbraio 1 789. Marito a Eleonora contessa Oettinger-Spielberg, che 
divenne 1' intima arnica di Giuseppe II, il principe Carlo combatt^ valoro- 
samente per quarant' anni tutte le guerre d' Austria. Lascio un figlio. Carlo 
Borromeo II (n. 1765) morto in duello col barone Weichs il 9 dicembre 1795. 



— 32 — 
Ora il carnevale e finito , e saranno finiti anche I balli, 
e le belle assemblee di costi, dove V. E. meritamente in- 
tervenne. Mi sciivono da Venezia che il Doge si va incam- 
minando all'altro mondo , e che il corno ducale vien dalla 
voce pubblica destinato all' Ecc.™° Proc . Memmo (1), ma 
I'istesso mi scrive che non ha denaro, e che litiga coi Mar- 
tinenghi, che pretendono da lui ducati 1 4000 per aver fatto 
fabbricare nel palazzo a S. Marcuola, ch' egli avea ceduto 
per dote della figlia. II matrimonio ando a monte. 

Mi dicono che a Vienna il veneto ministro sara un pa- 
trizio col titolo di Nobile ; ma chi sara nol so. La musica 
italiana ebbe, mi dicono, il congedo. Vorrei sapere se I'a- 
bate da Ponte restera. Egli non mi scrive piii. Ando in 
collera perche non lodai le sue poesie. Chi adula non e 
amico. lo le bacio riverentemente la mano, e mi dico 
di V. E. 

Urn.'"'' Div.'"" Obl.'"° Servitore 
GiACOMO Casanova, 



12) ^ccellenza mio T)ener.'"° T^.rone. 

Dux 4 del 1790. 

Trovai la lettera , con cui V. E. mi onoro , tanto gen- 
tile, quanto generosa, e pingue d'interessantissime notizie. E 
le ne rendo umilissime grazie, e mi sento mortificato di non 



(I) 11 doge Paolo Renier, dopo aver retto per dieci anni la Repubblica 
moriva il 1 8 febbraio 1 789. I candidal! al dogato erano parecchi, tra i quali 
il Procuratore di San Marco, Andrea Memmo, a cui accenna il Casanova. 
Vedi, pill oltre, le lettere del Memmo al Casanova. 



— 33 — 
avere in questa solitudine novelle di sorta alcuna degne di 
concambiare le sue. Nella gran corte di questo palazzo si 
ammaestrano nuove reclute negli esercizi militari, il che di- 
mostra la sanguinosa guerra che avremo anche in quest'anno 
contro il turco, che giuochera del suo resto per non cader 
tutto , e per non doversi risolvere ad andar a ritirarsi in 
Asia. Interessantissime, Eccellentissimo Signore, saranno le 
scene che Marte e la Politica ci preparano nell'anno pre- 
sente sul teatro del mondo. Beati i spettatori ! Compiango 
gli attori, ed invidio solamente la gloria immortale che ac- 
quistera il mairesciallo Laudon alia felicita del suo mo- 
narca , che deve oggi sentirsi il core oppresso da tre pas- 
sioni per la sciagurata perdita che fece di quelle ricche pro- 
vincie che pacificamente possedeva, e che ora si vede ob- 
bligato a dover riconquistare con spese immense e con san- 
gue, che si spargera a laghi per la giustizia da un canto, 
e per I'ostincizione dall'altro. Se io fossi re preferirei il per- 
dere Stati ed eserciti prendendo consiglio , a vittorie otte- 
nute senza aver preso consiglio da alcuno. II disastro di Ve- 
nezia mi dispiacque all'eccesso, e I'abbrugiato palazzo del 
circospetto Torniello. Ca Grimani avra avuto paura, e Ca 
Diedo. Un'incendio d'oglio e terribile, Dio guardi tutti gli 
alhi (1). Compiango il destino del mio buon padrone Ec- 



( 1 ) II terribile incendio avvenne in Venezia, il 28 novembre 1 789, presso 
il Campiello del Tagliapietra in contrada dei Santi Ermagora e Fortunato (San 
Marcuola). II (uoco si accese nei magazzini del negoziante Giovanni Hein- 
zelmann, che contenevano dugento e quarantamila libbre d' olio. Andarono 
distrutte sessanta case, e la Gazzetta Urbana "Uenela del 2 dicembre, de- 
scrivendo 1' incendio, dice : « Vi fu maggior difficolta a preservare dal fuoco 

MOLMENTl. - Carteggi. 3 



— 34 — 
cellentissimo signer procurator Memmo, condannato dall'ot- 
timo suo carattere a cagionar a se stesso guai ed inquietu- 
dini ne' vasti suoi disegni. Credo che la mia Patria non 
abbia bisogno di nuovi teatri, e che queste imprese sveglino 
odio, invidia, e persecuzione contro i fautori (1). V. E. vedra 
che il nuovo ministro veneto sara costi col titolo di Nobile, 
e che se gli viene assicurato il Bailato sara il K. Cappello, 
o il Foscari, che partira ben presto da Peterburgo (2). 

Costi per altro , ad onta delle guerre , e delle sedizioni 
si divertono in teatri , in ridotti, in assemblee , ed in lauti 
trattamenti : bravi, Dio voglia solamente conservar sano il Mo- 
narca, che con sommo dolore di tutti di tempo in tempo ricade, 
e Dio voglia consolarlo con la nascita di un maschio, che 
perpetui all' impero Romano I'antichissima casa di Lorena. 



« il palcizzo dei circospetti Tornielli appresso cui ardeva una piccola casa ». 
II Codice Cicogna (Museo Civ. Correr, n. 2459) scrive : « la^casa principale 
« dell'habitatione loro {dei 'Uomielli) ornatamente fabbricata, h posta al di- 
« rimpetto della chiesa di Santa Maria dei Servi ». Parimente , presso la 
demolila chiesa, abitava il ramo dei Grimani, detti appunto dei Servi, e sorge 
ancora il palazzo Diedo. I Tornielli si chiamavano circospetti perch^ una tal 
denominazione si dava alle famiglie dei Segretari dei Dieci e del Senato. Nel 
1 774 un Tornielli era stato Segretario del Senato. 

(1) Si trattava di costruire a Venezia un nuovo teatro, e tra i fautori di 
questa impresa era Andrea Memmo. 

(2) Successore di Sebastiano Foscarini, nell'ambasciata di Vienna, dal 20 
maggio 1 786 al I 792, fu il Kav. Daniele Andrea Dolfin. II Foscari, al quale 
accenna il Casanova, deve essere Ferigo Foscari (n. 1732), che fu Nobile 
veneto a Pietroburgo fino al 1 789, e fu poi sostituito da Gian Pietro Grimani. 
Nel 1 792 il Foscari fu eletto Bailo a Costantinopoli. Sul Foscari e suUa sua 
ambasciata a Pietroburgo cfr. I'opuscolo pubblicato dal MALAGOLA (per 
nozze Lovatelli-Sacripante) : L' islituzione della Rappr. dipl. alia Corte di 
Pietroburgo, e una T^elazione sulla Marina russa, Venezia, tip. Emiliana, 1 906. 



— 35 — 
Qui fa tempo da autunno ; mi scrivono da Dresda che 
I'Elba non e agghiacciata, ma v'e ancora tempo, ed il freddo 
verra, e la neve, che queste donne bramano per andcire co' 
loro galanti in Slita. lo non esco ne pure dalla mia stanza; 
ma forse andro a Dresda a passar tre settimane in fami- 
glia (1). Ho conosciuto il Principe Ruspoli a Trieste, quin- 
dici anni fa , ed un Marchese Sinibaldi in Romagna (2). 
Mi scrivono che il Papa e odiato a segno che il popolo di 
Ancona atterro la di lui statua (3). Ho perduto un padrone 



(!) Nella famiglia del fratello Giovanni Alvise o in quella della sorella 
Maria Maddalena August. 

(2) I Sinibaldi sono oriundi di Sant'Elpidio nelle Marche. — II principe 
Francesco Ruspoli nacque nel 1751 e sposo in seconde nozze nel 1784 Leo- 
poldina , figlia del principe Klevenhiiller-Metsch, dalla quale ebbe selte fi- 
gliuoli. Nel maggio 1789 ando a Vienna e vi rimase sine al maggio 1790, 
in cui fu nominato da Leopoldo II suo ambasciatore a Napoli. Mori in Ro- 
ma rS marzo 1829. 

(3) Questa notizia suH'atterramento della statua di Pio VI (Giovan An- 
gelo Braschi) k strana, come tutto cio che viene dal Casanova. Prima del 
1 797 il popolo anconitano era tutto devoto al Pontefice, e non era disposto 
a ribellioni, e moUo meno a recar sfregio ai simulacri di due pontefici be- 
nemeriti. Lo spirito d'insurrezione fu acceso dai francesi, e infatti nel 1797, 
il popolo d' Ancona minaccio di atterrare le due statue dei pontefici Cle- 
mente XII e Pio VI , 1' una posta sulla piazza Maggiore , oggi del Plebi- 
scito, I'altra sulla piazza Nuova, ora Garibaldi. Negli esfratti del Diario ms. 
di Camillo Albertini (Bibl. Comunale), a me comunicati dalla cortesia del 
prof. Michele Maroni, si legge che la nuova Municipalita dovette difendere 
con steccati le due statue, e che cio nonostante alcuni anconitani fanatici, de 
moliti i ripari, sjpezzarono e deturparono i due simulacri dei pontefici. 11 fatto 
k parlicolareggiatamente descritto anche dall'ab. Antonio Leoni {Ancona II- 
laslrala, Ancona, 1832, vol. II, pag. 341). E molto strano che, sette anni 
prima, il Casanova parlasse dell'atterramento della statua di Pio VI. 



— 36 — 
uomo dotto, ed onorato nel vescovo di Leitmeritz {Boemia) 
che mori (1). Quanta grazie rendo alia nobile sua adunanza 
che si degna ricordarsi di me ! Mi metta la supplico a' 
piedi di quelle indite canonichesse, e di quei Signori. 

Ho riso della Ferrarese , e della solita franchezza del 
poeta (2). Credo ch' egli sia afflittissimo di non poter ei 
medesimo mostrarsi suUa scena. Finisco baciandole divota- 
mente la mano, e mi dico 
Di V. Eccellenza 

Um.""' Ob.""' Servitore 
Casanova, 



13). ^ccellenza mio 'Oener.'"" ^arone. 

Dux II Genn. 1790. 

Tutta gentile, alia guisa di tutte, e la lettera di V. E., 
che ricevo in questo momento , e grate mi sono le notizie 
che mi da , ma interessantissima mi riusci quella dell' ele- 
zione di S. E. il Sig.r Conte Odoardo suo degnissimo fi- 
glio in Consigliere (3), elezione che assicura aU'EcC^o Se- 



(1) Emanuele Ernesto, conte di Waldstein (n. 1716, m. 1789) e dal 1759 
vescovo di Leitmeritz. 

(2) La Ferraresi, ricordata anche nelle lettere del Collalto, era una can- 
tante italiana del teatro della Corte di Vienna, amata dal poeta Da Ponte. 

(3) II N. H. odoardo, figlio del conte Antonio Collalto, fu membro del 
Maggior Consiglio di Venezia dal 1 giugno 1789 al 31 maggio 1790, ed 
in quel tempo trovasi, in vari documenti dello stesso Consiglio, tra i propo- 
nenti le "Parti (Archivio di Stato, M. C. reg. Gabriel, c. 1 1 5). 



- 37 — 
nato un membro tanto nobile quanto saggio. V. E. pensi 
a mantenersi sano , e lieto per esser per lunghi anni testi- 
monio de' fregi e della gloria dell' antichissima e principe- 
sca sua casa. 

E egli possibile, Eccell. Signore, che ramabilissimo si- 
gner principe de Ruspoli si ricordi di me ? lo non ho mai 
dimenticato che nell'anno 1771 godei della spiritosa e ado- 
rabile sua compagnia , e mi ricordo che vidi chiaro sulla 
bella sua fisonomia i segni del di lui felice destine , e di 
tutti i contend che avra nella lunga sua vita. 

La supplico di pormi ai di lui piedi , e dirgli , che se 
moro pria di vederlo almeno un' altra volta , morro afflitto. 
Desidero che la principessa di lui sposa [Leopoldina Kle- 
Venhiiller-Metsch] gli dia un principino nato a Vienna, che 
sia per brillare a Roma all' eta competente, dove avra i' 
sopranome di Principe tedesco, con patto pero ch'egli non 
abbia alcuna delle incHneizioni tedesche, poiche Bacco e Mar- 
ie non furono mai le mie Deita favorite. 

Ricevei oggi la nuova che il bestiale Mirabeau , capo 
dei ribelli assassinij che detronizzarono il Re Christianissi- 
mo, mori per ferite ricevute in duello. Questa morte m'af- 
flisse poiche speravo d' incontrarlo in qualche luogo , e di 
vederlo morto per le mie mani. Scrittor infame che diso- 
noro teste coronate , e letterati insigni , fra quali il nostro 
illustre abbate Boskovich, ch'egli tratta di ignorante (1). 



(I) 11 celebre Onorato Riquetli conte di Mirabeau, nato a Bignon presso 
Nemours, il 9 marzo 1749, mori a Parigi il 2 aprile 1791, non gii per fe- 
rite avute in duello, come scrive il Casanova, ma sfinito da ogni genere di 
eccessi. La morte per duello del Mirabeau, annunziata un anno prima che 



- 38 — 

Mi dispiacque vivamente la morte di quel povero Lo- 
renzo ch'era buon uomo. lo gli dovevo piu di 300 fiorini, 
de' quali ne ho pagato piii di 200 al banchiere Thum (1) 
qui in Praga. Dovevo pagargli il rimanente quest' anno , e 
lo paghero a quelli ch'egli potia aver nominato nel suo te- 
stamento. 

Desidero che S. M. I. R. A. riacquisti la salute per- 
duta (2), e che ne goda a lungo senza procurarsi afflizioni, 
facendosi amare dai fedeli suoi sudditi , maturando i pro- 
prj consigli, ed ascoltando quelli de' saggj che abbondano 
nella sua corte. 

Anche qui I'inverno e placido e tale mi piace, ma que- 
st! Boemi si lagnano dicendo ch' e mal sano , e che non 
promette buona raccolta. Sempre bramoso ed insaziabile 
della pregiat.""^ grazia sua, passo a dirmi col piii ossequioso 
rispetto 

Di V. E. 

Um.'"° Div.""' Obi.""" servitore 
GiACOMO Casanova. 



egli tnorisse davvero, era certamente una delle tante notizie false , che cor- 
revano in quel tempo di grandi agitcizioni. Curioso il giudizio iroso del Ca- 
sanova sul Mirabeau, chiamato dall' audace IJbellisla scritiore infame ! — II 
gesuita Ruggero Boscovich, nato nel 1711 a Ragusa , matematico di gran 
fama, nel 1773 fu chiamato a Parigi come direttore d'ottica della marineria. 
Ignoro a quale offesa, fatta dal Mirabeau alio scienziato dalmata, alluda il Ca- 
sanova. 11 Boscovich mori nel 1 787. Della lettera del Casanova, il GAMBA 
i^iografie del Tipaldo, Venezia, 1835 to. 11, p. 394) riferisce il passo 
che riguarda il Mirabeau. 

(1) II banchiere Matteo Thum di Praga. 

(2) L'imperatore Giuseppe II era gia colto dal male, che lo trasse alia 
tomba il 20 febbraio 1790. Gli successe Leopoldo II. 



— 39 — 

14). ^ccellenza 'Oener."'° Mio T^.rone. 

Dux 10 Aprile 1790. 

Desiderio vero di saper da V. E. stessa notizie del pro- 
spero suo stato mi mette la penna alle mani. Anche quando 
gli affari son terminati, 1' uomo riconoscente dee dar segni 
di riconoscenza ai generosi protettori, che lo hanno spalleg- 
giato, e tale io sono verso V. E., che mi fu sempre co- 
stante, e di cui non debbo mai dimenticcirmi. 

Dopo domani io andero a Dresda , dove staro un mese 
per stampare un picciolo libretto necessario alia verita ed 
al mio onore (1). Da qui a sei settimane V. E. ricevera da 
mano sicura il picciol dono di due esemplari. Ella mi onori a 
Dresda di qualche suo comando. Alia meta di Maggio an- 
dro alia fiera di Lipsia ed in Giugno saro qui di ritorno. 
La mia salute e passabile. Ora ella perdoni, se affamato di 
nuove gliene domando alcune. Io conobbi molto a Bologna 
TEmin.""" Cardinal Buoncompagni , e curiosissimo sono di 
saper cio che di funesto avvenne a Roma a codesto por- 
porato (2). Seconda mia curiosita e quella di sapere se I'au- 



( 1 ) A Dresda, nel 1 790, il Casanova non pubblico che la Solution du 
probleme deliaque e il Corollaire de la duplication de I'exaedre. Non si ca- 
pisce, o si capisce troppo, come il Casanova ritenesse necessaria alia verita 
e al suo onore queste (antasie scientifiche. 

(2) Ignau^io Boncompagni-Ludovisi , nobile romano dei principi di Piom- 
bino e di Sora, nacque a Roma il 18 giugno 1743 ; fu vice-legato di Bo- 
logna. Pio VI lo creo cardinale, il 13 novembre 1775, col titolo di S. Ma- 
ria in via Lata, poi lo mando Legato a Bologna. Mori ai Bagni di Lucca ai 9 



— 40 — 
ditor di Rota Monsignor Flangini sia morto, o sia fatto Car- 
dinale (1), poiche seppi da un viaggiatore , che il N. H. 
Priuli di S. Trovaso e fatto auditore (2). Vorrei anche sa- 
pere, se la Serenissima Repubblica mandera a Vienna un 
ambasciator straordinario per felicitare S. M. Apostolica 
[Leopoldo II] , e chi sara 1' eletto. Cosi bramo di sapere 
per chi il mio fratello [Francesco] costi abbia dipinto una 
battaglia di cui ebbi nuova sulle gazzette : e se sia vero che 
I'opera buffa italiana costi sia dal nuovo monarca congedata. 
Mi dispiacerebbe per I'Abbate da Ponte, quantunque egli 
mi abbia dimenticato. 

Qui non vi sono piii truppe. Si scno tutte accantonate 
vicino alia frontiera della Slesia per esser pronte ad en- 
trarvi al minimo cenno. 

Qui tutti dicono che il ministro di Prussia gia lascio 
Vienna. Mi resta a supplicarla di continuarmi sempre la 
grazia sua, mentr'io saro sempre col maggiore ossequio 
Di V. E. 

Um.'"° Die.""' Obi.""' Servitore 
GiAcoMo Casanova. 

P. S. Ebbi la lettera dal N. H. Zaguri che sta bene. 



agosto 1 799, poco dopo aver lascialo I'ufficio di Segretario di Stato, a cui era 
stato chiamato dal Pontefice. Nessuna notizia ho potuto rintracciare su cib che 
di funesto gli avvenne a Roma, come h scritto nella lettera del Casanova. 

(1) II patrizio Luigi Flangini, figlio di Marco e di Clelia Giovanelli, nato 
a Venezia il 26 luglio 1733. Rimasto vedovo , si fece prete e fu inviato 
dalla Repubblica a Roma, come auditore di Rota per Venezia. 11 30 ago- 
sto 1789 fu creato cardinale, e il 14 novembre patriarca di Venezia. Mori 
in Venezia il 21 febbraio 1804. 

(2) Anton Maria Priuli (n. 1763), auditor di Rota. 



— 41 — 
15). ^ccellenza mio T*.rone 'Oener.""' 

Dresda 2 Luglio 1790. 

Passai tre settimane in Lusazia (1), e molti onori riscossi 
da S. A. R. il duca di Curlandia (2). 

Giunto qui trovai, e baciai la pregiatissima di V. E., ed 
a vista mi mossi per eseguire il suo comando. Un esem- 
plare de VEtat de la Russie (3) trovai qui, I'altro 1' avro 
domani, e sara mia cura il rimetterli tosto a V. E. La rin- 
gfcizio intanto di avermi dato la prima commissione , e la 
supplico di darmene delle altre, essendo questo il solo modo 
in cui io posso darle un saggio del mio fervore , e della 
mia riconoscenza. 

Questa posta ha sicuramente smarrito una mia lettera, che 



(1) La Luscizia e circondario del Regno di Sassonia. In seguito alia pace 
di Praga, I'lmperatore Ferdinando II, re di Boemia, diede nel 1635 1' alta 
e bassa Lusauda , ad eccezione del circondario di Kottbus acquislato dalla 
casa di Brandeburgo, all'Elettor di Sassonia. 

(2) II Duca di Curlandia Pietro, nato a Mittau il 1742, figlio di Erne- 
sto Biren (Biihren), favorito di Anna Ivanowna. Ernesto Biren aveva oltenuto 
dall'Imperatrice, col titolo di duca, il reggimento della Curlandia, che gli fu 
tolto dopo la morte di Anna, e gli fu restituito da Caterina II. Ernesto mori 
nel 1772, ma fin dal 1769 aveva associate al potere suo figlio Pietro, il 
quale dopo pochi anni (u spodestato da Caterina II ; ma provvisto di una 
lauta pensione, si ridusse a godersela all'estero, e specialmente in Germania, 
insieme colla moglie Anna Carlotta Dorotea, dalla quale ebbe due figlie, Pao- 
lina e Giovanna Caterina. II duca mori nel 1800. Per le avventure galanti 
delle due figlie vedi un articolo di Giovanni Sforza pubblicato nella Gaz- 
zttta letterana di Torino ( 1 3 giugno 1 885). 

(3) Etai present de la Russie di Van-Vonzel, Lipsia, 1 783. 



— 42 — 
le scrissi in risposta, in cui la supplicavo di offrire la mia 
servitii in Dresda airEcc.""" Grimani, che andando in Rus- 
sia suppongo che passeia per qui (I). Avrei avuto la Bella 
sodisfazione di presentarlo io medesimo a questo principe 
Beloselski , ministro di Russia , che partira di qui nel cor- 
rente mese (2). Se codesto veneto cavaliere e ancora costi, 
la supplico di pormi a' di lui piedi. Molto parlai di lui col 
ministro Russo , che mi onora del suo favore, e col quale 
passai ora nella bella Lusazia dieci giorni. 

Non passeranno dieci giorni, che il congresso in Slesia 
[di Reichenbach] avra deciso della guerra, o della pace. Se vi 
Scu-a guerra il re di Prussia la paghera a caro prezzo. Tutto 
qui e divenuto tranquillo, e nulla si teme. 

Lessi con piacere 1' elezione deirEcc.""" suo figlio conte 
Odoardo in Rettore di Brescia, ed in General poi a Pal- 
ma. Sono spese grandi , ma sono onori dovuti alia nascita 
ed al merito, e consolazioni ad un egregio padre come V. 



(1) Con ducale 25 luglio 1789 si concedette a Ferigo Foscari , Nobile 
veneto a Pietroburgo, la dispensa dallufficio, e gli fu sostituito Gian Pietro 
Grimcini, nato da Marc 'Antonio e da Marina Pisani, il 13 gennaio 1754. Nel 
1 796 prese in moglie Marina Dona figlia del Kav. Pietro. Alia caduta della 
Repubblica era ambasciatore a Vienna. 

(2) 11 principe Alessandro Mikhailovitch Bieloselsky , letterato e diplo- 
matico , nato nel 1757, morto il 1809. Nella sua giovinezza fu ambascia- 
tore della Corte di Russia a Torino e a Dresda.. Pubblico un libro De la 
musique en Italic (La Haye , 1778), che si crede ispirato e forse anche 
scritto dal Marmontel, col quale, come col Rousseau e col Voltaire, il principe 
russo fu in corrispondenza. II Bieloselsky da giudizi erronei sul Vinci, sul Leo, 
sul Pergolese, sul Jomelli, sul Hasse, ma specialmente sul Cluck. Cfr. CHORON 
et FAYOLLE, Diet. hist, des musiciens 1, 61. Per le relazioni tra il Principe 
Bieloselsky e il Casanova, vedi la lettera di quest 'ultimo pubblicata ne L'Er- 
milage (Paris, 15 octobre 1906, p. 202). 



- 43 — 
E., che avra cio non ostante tutto il tempo di pagare i de- 
biti degli antenati troppo generosi. 

Se V. E, vede il signor Principe Ruspoli, la prego ad 
umiliargli i miei rispetti, e dirgli che mi rallegro che abbia 
avuto nuova successione , e che vada a riveder Roma , e 
che sia egli I'incaricato di una si cospicua commissions 

La supplico di continuarmi la sua grazia, e di credermi 
col maggiore ossequio 

Di V. E. 

Um.'"° Div.'"° ObL'"° Servitore 
GiACOMO Casanova. 

16). Eccellenza mio Venerat.""' l^.rone. 

Dresda 9 Luglio 1790. 

La sua cortesissima del 30 scaduto mi fu mandata qui 
da Dux , dove non tornero che alia fine di questo mese. 

La genlil commissione di cui V. E ■s'incarico mi onora 
infinitamente , e mi rende ammiratore della impareggiabile 
bonta dell'egregio signor principe Ruspoli, che non sdegna 
conservarmi nella sua memoria. La supplico di rmgraziarlo, 
e di domandargli per me la permissione di scrivergli , ed 
offrirmi a' suoi comandi, mentre sara a Napoli, carteggiando 
con esso, ed animando io il mio epistolare commercio con 
quelle novita, che credero degne di essergli riferite. 

Jer r altro parti da qui per via della Diligenza un pac- 
chetto diretto da me a V. E. , che contiene i due libric- 
ciuoli ch'ella mi ordino. 

Qui v' e una insorgenza di paesani, che inquieta il Go- 
vemo, e jeri furono mandate truppe per deprimere il loro 
ardire. Si spera pero che la permissione generale, che il pru- 



— 44 — 
dentissimo Seren.""" Elettore diede di cacciare, calmera tutto. 

Si dice qui che S. A. R. 1' arciduca Francesco abbia 
sofferto uno sputo di sangue (1). I ministri che circondano 
in Slesia il re di Prussia stanno la oziosi , e nulla il Re 
decide. Egli non ha voglia di far guerra , e se non ne ha 
voglia non la fara. Ei vuole pero che la guerra sia temuta (2). 

Ho avuto jeri una lunga lettera dal N. H. Piero Zaguri, 
che a quest'ora sara forse giunto in Lazzaretto di Trieste, 
o di Ancona, o di Venezia. Egli mi scrive, che tutto Co- 
stantinopoli vuol pace, e che divenuto vecchio. La seconda 
di queste nuove mi dispiace. Egli vuole incamminare il fi- 
glio suo unico al veneto Collegio. Se riuscira avro piacere. 

La prego di conservarmi la preziosa sua grazia , e ere- 
dermi quale mi pregio di essere 

Di V. E. 

Um.'"° Div."'° ObI.'"° Servitore 
Casanova. 



(1) L'arciduca Francesco Giuseppe Carlo d' Austria, secondo figlio, prime 
dei maschi, di Leopold© II, era nato nel 1 767 : successe a suo padre nel 
1792 ; regno fino al 1835 col nome di Francesco I. 

(2) Nel luglio 1790 I'Auslria stava sola dinanzi alia minaccia di un attacco 
della Prussia. La probabilita di quest' attacco si fece sempre piii manifesta, 
specialmenle dopo I'arrivo a Vienna di un messaggio di Federico Guglielmo, 
che recava nuove proposte per la cessione della Galizia e chiedeva all'Au- 
stria la sospensione delle ostilita contro la Turchia. Nello stesso tempo co- 
minciarono a raccogliersi le truppe prussiane in Slesia, dove si reco anche 
il re , accompagnato dal ministro Hertzberg. Egli pose il quarliere maggiore 
a Schonv^alde, vicino al confine boemo ; e fece dichiarare dal suo ambascia- 
tore di essere risoluto alia guerra , se Leopoldo non soddisfaceva alle sue 
domande. Leopoldo, anche per la morte del suo generate in capo Laudon, 
avvenuta il 1 4 luglio, comincio le trattative, che condussero all' accordo di 
Reichenbach (1790). WOLF e Z'^IEDINECK, L' Austria ai tempi di Maria 
"Ceresa, Giuseppe II e Leopoldo II (nella storia dell'ONCKEN), p. 442). 



— 45 — 
1 7). (Sccellenza 'Oener.""' Mio Padrone. 

Dresda 23 luglio 1790. 

Qui si dice che la pace e fatta, ma i signori ministri non 
ne san nulla, e nulla si cambia negli ordini militari. 

Ho ricevuto jeri la pregiatissima sua in cui V. E. mi da, 
sempre compitissimo , nuovi segni della grazia sua , di cui 
io temo sempre di abusare. Tanto e vero, che le spedisco 
oggi per via della diligenza dodici esemplari di un' opera 
che mi costa una grandissima fatica, che spero mi fara onore, 
e che probabilmente sara la mia ultima , poiche gU anni 
miei s'incamminano al loro termine. 

Questa e la disposizione de' miei esemplari : 

A Vostra Eccellenza 2 

A Sua Alt. il Signor Pr. di Kaunitz 

A S. E. il S. Amb. di Venezia [Danide Ji. Dolfin] 

A. S. A. il S. Pr. Ruspoli 

Al Signor Abb, Maffei professor di Matematica 

Al Signor Conte Ayala 

Alia Signora Contessa di Bombelles 

Al Signor Abb. Serafini (1) 

Al professore di Geometria 

Ad un Segretario di S. M. Ap.<^ 

Al mio fratello Casanova 



(I) Giuseppe Maffei, sacerdote, insegnante del Collegio Teresiano e quindi 
segretario del conte di Colloredo. — II conte Sebastiano d'Ayala, diploma- 
tico e matematico. — L'abate Giov. Vincenzo Serafini, segretario del ministro 
di Lucca a Vienna. 



— 46 — 
Ho gia spedito questa mia fatica a tutte le universita, a 
tutte le accademie, ed a tutti i giomalisti d'Europa, e Lu- 
nedi venture tornero alia deliziosa solitudine di Dux, dove 
altro non mi manca che un poco di societa ; ma 1' uomo 
deve piegar le ginocchia d'innanzi al suo destino. 

Se codesto Sig.r Abate Manenti e quello che ho I'onor 
di conoscere, e di stimare, la prego di mostrargli la mia du- 
plicazione del cube (1). 

Nel mese venturo dunque vi saranno costi gran feste. 
Corona imperiale, sposalizj, pace, amor de' sudditi, abbon- 
danza di viveri, e tutto a buon mercato, che gioia ! 

Dio conservi V. E. alia nobilissima sua famiglia, a me, 
ed a tutti quelli che la amano. Sono con vero ossequio 
Di V. E. 

Um.""' Ob.'"° Ohl.'"° Servitore 
Casanova. 

Ricevo in questo momento la pregiat.™* di V. E. del 1 9 
corrente, da cui rilevo ch'ella ha ricevuto i due ordinatimi 
esemplari. 

Con dolore rilevai I'esclusione del N. H. Sig.r Proc. 
Morosini (2) in grazia di un concorrente degnissimo, ma non 
in confronto del merito e di quella scienza politica, che 
viene dall'esperienza. L'elezione mi piacque del N. H. Fe- 
rigo Foscari. Prevedo il N. H. Dona escluso anche da 
qua a tre anni nella concorrenza che gli dara il N. H. Kav. 



(1) II Casanova paria in questa lettera de' suoi scritti di matemalica, gijk 
menzionati, che trattano della duplicazione del cubo. 

(2) Francesco II Lorenzo Morosini, nato il 21 giugno 1714, eletto Pro- 
curatore di San Marco il 22 luglio 1755. Fu uno dei piii fidi protettori de 
Casanova. 



— 47 — 
Capello. Mi dispiacque la morte del Loredan, e desidero 
che il Mar. di Cobourg (1) si faccia onore. Auguro buon 
viaggio al Sig.r Principe Ruspoli, e ringrazio V. E. di 
tante specifiche novita coi quali mi onoro, e mi ratifico 
Di V. E. 

Um.'"° Die"" 
Casanova. 

18). Eccellenza mio %)enerat.""' T^.rone. 

Dresda 13 Agosto 1790. 

II N. H. Sig.r Marchese Cavaliere Ippollito Pindemon- 
te (2) mi fa I'onore di rimettere a V. E. quest'umilissima 
mia, in cui io le rinovello gli antichi sentimenti della mia 
sempre recente riconoscenza. Altro io non desidero se non 
ch'ella conosca quest'illustre Signore, e poi son certo che 
nulla fara per lui a riguardo mio, ma tutto pel di lui di- 
stinto merito: egli poi conoscendo V. E. vedra che in 
nulla esagerato e il ritratto che di lei gli feci. 

Io partiro da qui domani per ritornare a* miei soliti do- 
veri a Dux, dove spero di ricevere dalla sua bonta qual- 
che notizia, ed il cortese avviso d'aver ella ricevuto il pac- 
chetto che le indirizzai per la DiHgenza. Sono con vero 
ossequio 

Di V. E. 

Um.""' Div.""" Ohl'"° Servitore 
Casanova di Seingalt. 



(1) II feldmaresclallo Federico di Coburg-Saalfeld (1737-1815). 

(2) Ippolito Pindemonte, il gentile e famoso poeta Veronese (n. 1753, 
m. 1828). 



— 48 — 

19). (Sccellenza ,Mio Vener.'"" "P.rone. 

Dux 6 7.bre 1790. 

Rispondo subito all'interessante lettera e cortesissima, con 
cui V. E. mi onora da Ischerna il 4 7.^'^. Questa lettera 
venne come un augello per aria in men d'un giorno, poi- 
che jeri a mezzogiorno era a Teplitz. Se ella si annojo un 
poco a Ungoschitz ed in Ischerna (1), si divertira a Pir- 
nitz, e il movimento, che si risolse a fare in quest'anno le 
procurera una salute piii ferma ancora di quella che pos- 
sede. 

lo pranzavo jeri col signor Stelzl ispettore del mio si- 
gnore conte di Waldstein, quando ricevei la sua pregia- 
tissima, che subito aprii. Ella si imagini la sorpresa del- 
I'ispettore, quando udi che V. E. bramava notizie della 
signora Bettina. Questa signora Bettina e di lui sorella, ed 
io conosco molto il marito, che e quaranta miglia tedesche 
lontano da qui ; a Sieron come ella dice ; ma domani gli 
scrivero, e lo carichero di portar alia signora Bettina sua 
moglie tutti i suoi affettuosi saluti, ed io poi la vedro nel 
futuro inverno, ed e cosa certissima, che tutto cio che di- 
pende da me per I'influenza che le mie premure possono 



(1) Non mi fu possibile determinare con precisione i nomi di questi due 
paesi, che dal contesto appaiono in Moravia, ma che devono essere scritti 
male. Per Ungoschitz puo intendersi Urtschitz in Moravia. Ma Ischerna ? 
Potrebbe essere Istehna, ma Istebna h in Slesia, eJ confine verso la Galizia. 
Poche righe piu avanti il Casanova nomma un altro paese, Sieron. E 5/e- 
roc, citta della Polonia, o piu probabilmente Sierning, villaggio nell'Alta Au- 
stria al sud della Boemia ? 



— 49 — 
aver col signer conte, lo otterra, poiche nulla mi preme piii 
che cooperare alle raccomandazioni di V. E., della di cui 
bonta ho sempre timor di abusare. II marito per altro della 
signora Bettina non e ne ispettore, ne direttore, ma forse lo 
diverra col tempo, egli e soprastante all'economia, ma subal- 
terno di un direttore; e giovane di grato aspetto e di capacita. 
Questo mio soggiorno a Dresda mi fece molto guada* 
gnare nella salute, e staro sempre meglio, se sapro sempre 
astenermi, come faccio, da ogni diletto carnale. La pace e 
fatta (1); ma non capisco perche le truppe sieno sempre in 
istato di guerra, e per qual cagione il Re abbia ordinate 
che si comprino a forza cavalH. V'e qualche mistero, che 
si sapra col tempo. Vienna e ora brillantissima ; ma il co- 
ronamento in Buda non si fara che nell'anno venturo. La 
supplico di continuarmi la sua grazia, e di permettermi di 
esser sempre 
Di V. E. 

Um."'° Die.""' Ohl.""' Servitore 
Casanova. 



20). Eccellenza mio 'Oener.'"° ^.rone. 

Dux 8 S.bre 1790. 

Ho differito otto giorni a rispondere alia pregiatissima da 
Ischerna per potermi moralmente tener sicuro del suo Felice 
ritorno a Vienna. 



(1) 11 trattato di pace fra I'Austria e la Prussia fu conchiuso a Reichen- 
bach in Slesia. il 27 luglio 1790. 

MOLMENTI. - CarUggi. 4 



— 50 — 

Interessantissimo e il dettaglio che V. E. mi fa delle 
occupazioni, e dei piaceri che si procure in questo suo 
giro in Moravia nelle sue terre, e tra suoi ammirati e ri- 
conoscenti sudditi. 

lo sono persuasissimo che questo moto sia stato di gran 
giovamento al per altro ottimo temperamento di V. E. ; e 
se ella mi permette di dirlo mi sembra che dovrebbe ri- 
solversi a farlo piu spesso. Credo che elia abbia fedeli mi- 
nistri, ma I'occhio del padrone non puo mai che accrescere 
il fervore ai capi di dipartimento. 

Alia fine di questo mese cessa la contribuzione bellica^ 
ond'io guadagno nove fiorini al mese, che fui obbligato di 
pagare anch'io. Da quello che ho pagato io giudico cio 
che ha dovuto pagare V. E. Dio la conservi, e tenga per 
Tavvenire lontana la guerra. 

^ella gerant alii, tu felix Austria nube. Cosi fece il 
monarca Leopoldo, e sotto celesti auspicj comincio con tre 
matrimonj (I), e presto, a cio che si dice, fcu^a il quarto^ 
dando la seconda, o la terza sua figlia al principe Massi- 
miliano di Sassonia (2) che solo da speranza di successione 



(1) "Uu felix JJustria nube ! Dei figliuoli di Leopoldo : — nel 1787, 18 
ottobre, la primogenita Maria Teresa aveva sposato Antonio, principe eredi- 
tario di Sassonia, — nel 1 788, 6 gennaio, I'arciduca ereditario Francesco, 
aveva spo^lo Elisabetta Guglielmina Ludovica di Wiirttemberg, della quale 
rimase vedovo il 15 febbraio 1790, — nel 1790, 19 settembre, passo a se- 
conde nozze, sposando Maria Teresa di Napoli, figlia di Ferdinand© 1, — 
nello stesso giorno, 19 settembre 1790, il suo minor fratello Ferdinando spo- 
sava Ludovica Amalia Teresa, altra figlia di Ferdinando I. Ma i due matrimoni 
erano stati gia precedentemente celebrati per procura a Napoli il I 5 agosto^ 

(2) Massimiliano Maria Giuseppe, duca di Sassonia (n. 1759, m. 1838)„ 
sposato alia principessa Maria Teresa di Parma il 9 maggio 1 792.. 



— 51 — 

a quella gloriosa famiglia, la di cui estinzione sarebbe do- 
lorosa. Passo ora tremante, ma ardito, ad un articolo assai 
delicato. Urgentissimo e il bisogno che ho di una cambiale 
di 80 talleri tirata su qualche banchiere di Dresda. Ho 
contralto la questo debito, e dal pagarlo, o non pagarlo 
dipende il mio onore. Se V. E. si compiace di farmi 
questo grazioso imprestito, ella diverra il mio angelo tute- 
lare, e suH'Aprile dell'anno venturo la mia cambiale in- 
serta sara da me infallibilmente pagata a Praga, qualunque 
sia la persona alia quale V. E. sia per farla passare. Se 
ella per altro non volesse incomodarsi mandando un tal or- 
dine al suo banchiere a Vienna per farle una si picciola 
tratta sopra Dresda, ella abbia la bonta di mandar a chia- 
mare Tonorato Capitano Droghi amico mio, e gli conti la 
somma, ed egli me la mandera subito qui in bancocedole. 

Dopo questa sincera, ed onorata esposizione di questa 
mia urgente necessita al core ed alio spirito di un cava- 
liere, cui debbo molto, e di cui non vorrei mai perdere la 
preziosa grazia per una si breve cagione, mi resta a do- 
mandarle perdono, se per mia mala sorte, non solo mi ri- 
fiutasse, ma disapprovasse il mio passo : ella anzi mi onori 
di un clemente compatimento, e mi lasci sperare che mal- 
grado tutto V. E. non cessera mai di essere mio buon 
padrone, e valido protettore in ogni incontro. 

Ho avvertito il Capitano Droghi, che V. E. il mandera 
forse a chiamare. Sono col piu ossequioso rispetto 
Di V. E. 

Um.'"° DiC"" ObI."'° servitore 
Casanova, 

[Nella lettera e scriito di mono del Collalto che non 
pote accettare la cambiale]. 



— 52 — 

21). ^ccellenza ^Tl^io Vener.""' T^.rone. 

Dux 5 Nov. 1790. 

Mi rallegro del suo ritorno costi in prospera salute, e 
gliene desidero per lunghi anni pel ben suo, per quello 
della cospicua sua famiglia, e per la fortuna anche dei suoi 
sudditi, a cui credo utilissime le visite di V. E. nelle am- 
pie sue giurisdizioni. In questo momento ricevei la corte- 
sissima sua risposta, e gli accuso subito la ricevuta cam- 
biale mia, che vi trovai inclusa contro mia aspettazione, 
poiche non credevo che V. E.. il di cui core generoso 
conosco, fosse ridotto dalle circostanze a non poter tener 
morta per sei mesi la miserabile somma di Lire 600 ve- 
nete. Le ristrettezze ch'ella ha avuto la bonta di confi- 
darmi saranno da me con fedelta tenute occulte a tutto il 
mondo, poiche in questo perverso secolo non si stima che 
i ricchi, Prendero domani il partito d'impegnare il regale 
che ho avuto dal Serenissimo Elettor di Sassonia (1), pa- 
gando al briccone ebreo il dieci per cento al mese. lo 
pero non potevo mancare a V. E. che in caso di morte, 
e son sicuro ch'ella ne sia persuasissimo, e credo che se 
le fosse venuto cio in mente m'avrebbe fatta questa gra- 
zia. Spero ancora di vivere abbastanza non solo per ba- 
ciarle le mani costi, ma per vedere anche I'Ecc.™" suo fi- 
gHo Procuratore di S. Marco. Ho saputo che il N. H. 
Proc. Pisani e libero, ma dee trattenersi a Treviso lino a 



(1) Federico Augusto 111 (1750-1827). 



— 53 — 
nuovo ordine (1). II N. H. Zaguri ha avuto nel Lazzaretto 
di Trieste dieci giorni di grazia. II N. H. G. Pietro Mar- 
cello mori, (2) II N, H. G. Carlo Grimani sposa una princi- 
pessa Chigi romana (3). Brillantissime saranno in questo 
inverno le feste alia corte di Vienna, ma V. E. avra cura 
della sua salute. Le chiedo perdono se per caso la grazia 
che le domandai puo averle recato un solo momento di 
dispiacere, e le giuro che non cadro mai piii in tal fallo, 
e che non vi sarei caduto, se I'eccessiva usura che devo 
pagare ad un ebreo non mi ci avesse costretto. Spero dun- 



( 1 ) Giorgio Pisani, insieme con Carlo Contarini, era il capo di quel par- 
tito, costituito in gran parte di patrizi poveri, chiamati Barnahotti, dalla 
contrada di San Barnaba, dove da principio ebbero case del pubblico i gen- 
tiluomini scaduti. Del Maggior Consiglio formavano essi la parte piu venale 
e tumiiltuosa, proclive ad ogni tentative di ribellione contro gli ordini esi- 
stenti. II Pisani e il Contarini, oratori impetuosi, tramavano contro il Go- 
verno, chiedendo d'innovare le patrie istituzioni. L*8 marzo 1780, il Pisani, 
col favore degli amici, fu eletto Procuratore di San Marco. Dopo tre mesi, 
gl'Inquisitori, avuta certezza che si era formata una Societa Pisanesca, nella 
quale si sparlava del Governo e si agitavano pericolose novita, fece arre- 
stare il Pisani, che fu tradotto nel Castello di San Felice in Verona. Dopo 
dieci anni, la relegacione di Verona fu tramutata al Pisani in quella meno 
aspra della sua villa di Monastier presso Treviso, ma, non avendo egli mu- 
tato animo e propositi, fu nel 1 794 relegato nuovamente nel Castello di 
Brescia, donde fu liberato nell'aprile 1797, quando Brescia si ribello alia 
Repubblica. Mori a Venezia nel 1811, dopo aver scritto le sue Memorie, 
delle quali non fu pubblicato che il primo volume col titolo : Vita, processi 
e pensieri di Giorgio Pisani ex-venelo, Ferrara, 1 798. 

(2) Pietro Marcello fu Pietro, Procuratore di San Marco. 

(3) Gian Carlo Grimani, figlio di Michele e di Pisana Giustinian Lolin, 
sposo in Genova, il 6 luglio 1791, Maria Virginia Chigi del fu principe 
Sigismondo. 



— 54 — 
que ch'ella seguira ad onorarmi della sua grazia, e della 
nobile sua corrispondenza desiderando io di esser sempre 
Di V. E. 

L'Um.'"'' Div.'"° Ohl.""> Servitore 
GiAcoMO Casanova. 



22). ^ccellenza mio T^.rone X)ener.""' 

Dux 18 Dicbre 1790. 

Siamo al solstizio, e dato col numero dell'anno venturo 
che bramo di ammirare per le grandi cose che prevedo ne' 
strani eventi, che debbono renderlo famoso. II Turco dee 
disporsi a comprar ad ogni costo la pace o ad uscir d'Eu- 
ropa. II Re di Francia dee riacquistare le prerogative co- 
stituzionali della sua corona facendo saltare le teste de* ri- 
belli. La nazione Belgica dee ritornare in se, e riflettere 
che si rivolta contro la sacra testa, che non volea che i 
suoi vantaggi. La Polonia ritomera a fare cio che la Rus- 
sia vorra, se pure non voglia che le venga tolto il resto. II 
Re di Svezia restera nelFimbroglio con la Czarina, che 
pretendera a ragione di essere indennizzata, e la protezione 
della Porta gH sara inutile (1). 



(1) E opportuno vedere se corrisponda alia verita il quadro delle condi- 
zioni d'Europa fatto dal Casanova. II fare usa're il TjUtco d'^uwpa, come 
dice il Casanova, era stato il disegno tradizionale degli Tzars, che Caterina 
11 cercava allora di tradurre in realta. Dopo la campagna austro-turca del 
1 789, la Porta fu salva soltanto perch^ nessuna potenza voleva che essa fosse 
preda di un'altra. Col tratlato di Reichenbach, I'Austria si obbligb a resti- 
tuire alia Porta tutte le conquiste fatte nellultima guerra ; e la Prussia di- 



- 55 - 
Tutte queste sono pero bagatelle in confronto del pia- 
cere che avro da qui a sei mesi di farle la tnia riverenza, 
e di Irovar Vostra Eccellenza costi sano e lieto. A tal fine 



chiaro aspettarsi che I'Austria non intervenisse nella continuazione delta guerra 
lurco-russa. II 19 settembre 1790 fu concKiusa la tregua di Giurgewo; e il 25 
dicembre fu aperto a Sistowa in Bulgaria il congresso della pace (WOLF e 
ZWIEDINECK, L' Austria at tempi di Maria Veresa, p. 445 ; SOREL. 
L'^urope e la Revolution Franfaise, 1, 519). Quanto al re di Francia, 
che il Casanova credeva potesse far saltare la testa ai ribelli, si sa invece 
che I'attivo si muto in passive. 11 Belgio, il 18 dicembre, era gia ritornato 
in se, dalla rivoluzione iniziatasi I'anno innanzi (23 ottobre 1769); o al- 
meno I'autorita regia vi si era ristabilita. E del 14 ottobre la dichiarazione 
di Leopoldo ai Belgi con la promessa di mantenere le carte costituzionali e 
colla notifica di un ultimatum, per quelli che non si arrendessero. Poich^ 
il Congresso non rispose a\" ultimatum , il 2 dicembre si svolse la marcia 
-delle truppe austriache (in davanti a Bruxelles. 11 2 dicembre la sottomissione 
era completa : e Leopoldo era di nuovo padrone del Belgio (SOREL, op. 
cit., 11, 153). Per la Polonia la famosa dieta di Grodno (1788), che pa- 
reva destinata a rigenerare la repubblica, ne doveva in realta compiere I'as- 
servimento. 11 re Stanislao non aveva, per regnare, altro titolo che quello 
di esser stato amante di Caterina 11. Poteva dunque dirsi la Polonia in ba- 
lia della Russia , e non era fuor di luogo la minaccia, che h nelle parole 
del Casanova. Gia nel febbraio 1 792 Caterina negoziava con la Prussia la 
seconda spartizione (la prima era avvenuta nel 1772), compiuta poi col 
trattalo del 23 gennaio 1792. La miglior parte della Grande Polonia pas- 
sava alia Prussia, e la Russia si annetteva la piu gran parte della Lituania 
e una parte della Wolhynia e della Podolia. La terza spartizione, di due 
anni dopo (trattato del 3 gennaio 1 795 tra Russia e Austria), compiva 
I'iniqua spogliazione. Circa all' imbroglio, in cui, secondo la frase del Casa- 
nova, si trovava la Svezia, si noti che la pace di V^r^la (14 agosto 1790) 
aveva chmso le ostilita di tre anni tra la Russia e la Svezia, senza quei 
vantaggi che Gustavo 111 di Svezia avrebbe potuto sperare da una guerra 
(inita vittoriosamente [}er lui colla battaglia navale nel GoKo di Swenskssund. 
\J imbroglio veniva dalle difficolta interne della Svezia, per le condizioni dello 



— 56 — 
le scrivo per rimettermi nella sua graziosa memoria, dopo 
alcuni mesi che non ho alcuna delle sue nuove. 

Un musico che si chiama Bellaspica mi scrisse oggi da 
Dresda (I), che un terribile incendio abbrucio alia fine del 
mese passato tutta la contrada di S. Marcuola. Cosa cu- 
riosa ch'io debba ricevere le nuove di Venezia da Dre- 
sda ! Per carita Eccellenza ella mi dica se questo incendio 
e vero, o falso ; e se ella sa qualche cosa del N. H. Za~ 
guri, la supplico di darmene parte. Qui vi furono due in- 
cendi ecclesiastici. Uno nel monaster© di Ossec (2) dove 
i monaci istessi il fecero nascere, I'altro in Mariaschain, 
dove I'incendio fu posto da' ladri che rubarono alia chiesa 
per 4000 fiorini di effetti (3). Venne qui I'ordine impe- 
riale che queste nuove reclute che Cesare avea destinate 
per andare a punire i ribelli stieno disposte ad andar a 
completare i reggimenti austriaci, che questa guerra quan- 
tunque felice diminui. II conte Smecchia passo due setti- 
mane fa per ritornare in Polonia : egli non ebbe da Vene- 



spirito pubblico (persino una parte deU'esercito si era ribellato durante la 
guerra) e per la grave crisi finanziaria, aggravata dalle spese della guerra. 
Quanto all'aiuto della Porta, fin dal 1739 la Svezia e la Turchia erano 
alleate contro la Russia. Ma gia durante la guerra degli anni 1768-1774 a 
Sloccolma avevano considerato come non esistente il trattato (ONCKEN, 
L'epoca della Rivoluzione, I, pp. 507 segg.). 

(1) Vedi pill avanti le lettere di Francesco Bellaspica al Casanova. 

(2) Osseck, villaggio della Boemia, dove eravi un'abbaizia dei Cistercensi 
con una bella chiesa e una considerevole biblioteca. 

(3) Mariaschein, villaggio della Boemia, dove sorge una chiesa con una 
immagine miracolosa, visitata ogni anno da gran numero di pellegrini. 



— 57 — 
zia risposta alcuna, e difficilmente otterra la sua grazia (1). 
Desidero sapere, se pure e cosa che V. E. sappia, chi 
succedera a Vienna aU'Ecc."" Cavalier Dolfino ; ed in qual 
carattere. 

Non parlo d'augurj, poiche so che queste vecchie mode 
sembrano a V. E. vani pregiudizj. So ch'ella sa che io le 
ho infinite obbligazioni, e che tutte le volte che penso a 
lei la desidero fehce e contento. 

Sono intanto, supplicandola di mantenermi sempre nella 
sua grazia, col piii vero ossequio 
Di V. E. 

Um.'"° Div.'"° Obi.""' Servitore 
Casanova. 



23). Eccellenza mio 'Oener.'"° 'P. rone. 

Dux 20 X.bre 1790. 

Ho risposto subito all' ultima pregiat.""* di V. E. e forse 
le capitera da qui a qualche giorno, Le lettere spesso re- 
stano neir uffizio in un cantone del banco; ma non si per- 
dono mai. 

Ero io in pena non vedendo sue lettere. Credevo d'aver 



(I) II conte Vincenzo Venceslao Smecchia di Cattaro, fu nomlnato console 
della Repubblica veneta a Trieste nel 1 782. Si diede agli affari. Non avendo 
avuto la (ortuna propizia, manco ai suoi impegni coi creditori e, abbandonato 
I'ufficio, fugg: in paese straniero. II Senato veneto, nel 1782, afHdo I'affare 
della fuga da TTriesle del fu Console "Oeneto suddito Vincenzo Smecchia 
al Collegio dei Sette alle Pompe. RAVA A., // fallimenio di un cons. ven. 
a "Crieste e una letl. di Casanova (in Ateneo "Oeneto, marzo-apr. 1910). 



— 58 — 
perduto la sua grazia a cagione di quel favore che le do- 
mandai, e se cio fosse stato vero V. E. sarebbe stato troppo 
crudele, Avevo bisogno di ricuperare i miei vestiti da in- 
verno ; ma ho pazienza, e sto in casa. Anche Tinverno pas- 
^era. Si fa di manco di tutto. 

Ho avuto piacere, che 1* eletto Amb. a Vienna sia stato 
il N, H. Garzoni fior di galantuomo (1), e che abbiano 
escluso il N. H. Dona. Mi spiacque la morte del N. H. 
Alvise Emo, e mi spiace che molte mie profezie si veri- 
fichino. lo gli dissi dieci anni fa che I'ostinazione che lo 
dominava in varie sue opinioni gli costerebbe la vita, ed 
€cco ch' egli mori per voler medicarsi a sua fantasia (2). 

II N. H. Zaguri mi scrive che il Sig. Pr.' Zorzi Pisani 
e rilegato a Monastier dove non puo ricevere gentiluomini. 
Jl Pindemonte N. H. e a Palma-Nova rilegato pelfiero schiaffo 



( 1 ) Agostino Garzoni, del ramo di San Samuele, figlio di Piero e Foscarina 
Cappello, nacque I'l 1 agosto 1733 e si ammoglio il 5 maggio 1761 con Pisana 
Querini di Andrea. Fra i componimenti poetici, pubblicati in occasione delle 
-sue nozze, i notevole, per il noma dell" autore, uno di Carlo Goldoni intito- 
lato : Le Tre iorelle, slanze a S. E. il Sig. A. Querini senatore amplissimo 
ecc. Padova, 1 761 . II Garzoni fu eletto Bailo a Costantinopoli il 1 3 agosto I 780, 
e i dispacci delle sue legazioni vanno dal 3 giugno 1781 al 3 luglio 1786. 
II 2 dicembre 1 790 fu eletto ambasciatore alia Corte di Vienna. II primo 
dispaccio di tale missione ^ del 12 giugno 1792, e il Garzoni scriveva an- 
-cora da Vienna il 31 dicembre 1796, sebbene fosse gia arrivato a quella 

Corte il successore di lui Gian Pietro Grimani. 

(2) Alvise Emo, nato nel 1717, uomo di molta dottrina e oratore elo- 
quente, fu Senatore, Savio del Consiglio, Inquisitore di Terraferma, Corret- 
tore alle leggi. Nel 1 784, per gelosia di avversarl, non fu rieletto Senatore, 
ond'egli offeso abbandono i pubblici uffici e si fece prete. Mori il 1 790. 



— 59 — 
dato al Martinengo che gli disse matto (1). Egli mi rac- 
comanda di fare i suoi complimenti a V. E. II matrimonio 
del N. H. G. Carlo Grimani con la principessa Chigi si 
fara a Marzo. 

Ardisco supplicare V. E. di rimettere al Sigr. Abbate 
dalla Lena (2) I' inclusa, e di continuarmi la pregiatissima 
sua grazia ex corde : ma sopra tutto di portarsi bene. L'av- 
verto pero, che in Gennaio il freddo sara terribile, e che 
comincera alia fine di questo mese. Ella rida. Sono dive- 
nuto astrologo, ma piii di tutto col maggior rispetto 
Di V. E. 

Um.'"° Dw."'° Obi.""' Servitore 
GiACOMO Casanova. 



(1) Giovanni Pindemonte, fratello d' Ippolilo, nato a Verona nel 1751, 
e anch' egli buon poeta. II fatto cui allude il Casanova k ricordato dai bio- 
grafi del Pindemonte. Scontratosi egli una volta col conte Giacomo Marti- 
nengo sulla pieizza di San Marco, nacque fra i due un alterco, nel quale 
il Pindemonte lascio andare sul viso del suo avversario un manrovescio. 
L' offeso SI querelo presso il Tribunale degli Inquisitori, i quali, esaminato 
I'affare, fecero chiudere il Pindemonte nella fortezza di Palma, dove rimase 
otto mesi. II BlADEGO, nella prefazione alle Poesie e letlere di Giooanni 
Pindemonte (Bologna, Zanichelli, 1883), pubblica il processo, ma la causa 
vera dell' odio tra il poeta Veronese e il Martinengo e del conseguente li- 
tigio sulla pubblica piazza non risulta dagli atti del processo. II BASEGGIO, 
nelle Biografie del Tipaldo (vol. IX), afferma che la causa deve attribuirsi 
a intrighi amorosi. 

(2) Vedi, pill innanzi le lettere del Casanova all'abate Eusebio Delia Lena. 



- 60 — 
24). ^ccellenza mio 'Oener.'"° ^.rone. 

Dux 3-1791. 

Le rendo umilissime grazie della lettera che consegno al 
Sigr. Abb. della Lena. 

Ella permetta che, malgrado le riforme delle mode, io 
seguiti la vecchia augurando a V. E. in questo nuovo anno 
tutte le grazie che desidera da Dio distributor d' ogni bene. 
Piovino sopra a lei, e sopra tutta 1' inclita sua famiglia tutte 
le benedizioni celesti. 

Sono otto giorni, che qui 1' orrido freddo comincio ; io 
sto nella mia stanza ben calda a conversare co' libri, ed a 
leggere sulle gazzette le nuove correnti. Volevano jer sera 
che andassi per forza ad un ballo pieno di belle ragazze, 
ma resistei a tutte le tentazioni, poiche voglio mantenermi 
in vita piu che posso, e non aver la vergogna morendo di 
sapere che ho fatto Io sproposito di accelerarmi la morte. 
Abbiamo dunque sempre cura, Eccellentissimo signore, di 
conservarci in salute. La mogUe dell* Ecc.""" Zaguri sta in 
una stanza all' oscuro per ricuperare la vista : il rimedio e 
unico. 

Sono quarant' anni che feci la conoscenza a Cremona 
con una cittadina, che ricevette una lettera dal marito che 
stava da due anni assente : la povera donna disperata mi 
confido ch* era gravida : pensai la notte, e le dissi il giorno 
dietro che non potea far altro che fingersi attaccata dalla 
grande Oftalmia, e che cosi stando all' oscuro il marito non 
la vedra, ed aspettera a dire che avra ricuperata la vista 
quando avra partorito. Cio pero non fa al proposito, ed io 



— 6] — 
non ho narrato a V. E. questa istorietta che per farla ri- 
dere. 

E dunque morto I'eloquentissimo Foscari ? Uomo grande 
e profondo (1). II degno figlio, che sara bailo alia sua volta, 
differ! la sua partenza da Pietroburgo a cagione della mo- 
glie pazza furiosa. Che disgrazia per quel degno cavaliere! 
Ora il Serenissimo veneto Collegio (se ardisco dirlo) sta 
male in grandi uomini, Non vi e piu il S. E. Proc. Mo- 



(1) Nei Necrologi della Sanita al ISdicembre 1 790 (vol. 977. pag. 441 ; 
trovasi registrata la morte, avvenuta il giorno precedente, del N. H. France- 
sco Foscari qm Sebastiano, intorno al quale il Litta da le seguenti notizie : 

« Uomo grandemente distinto per amore di patria, per la profonda cogni- 
zione dalle storie e delle leggi e per la nobile e franca eloquenza, che 
sempre spiego nelle arringhe del Maggior Consiglio. Fu Savio agli Ordmi, 
Savio di Terraferma, quindi Savio del Consiglio, e nel 1 745 fu nominate 
Senatore. Nel 1 748 fu spedito a Roma per compoire, coll'assistenza di Be- 
nedetto XIV, le conlese che erano insorte tra la Repubblica e la Corte di 
Vienna intorno al Patriarcato di Aquileia. Nel 1756 fu nominato bailo a Co- 
stantinopoli col carattere di ambasciatore straordinario presso Mustafa 111. Era 
slato nominato ambasciatore a Vienna nel 1 765, e dopo molto tempo anche 
a Pietroburgo ; ma queste missioni per varie ragioni non adempi. In mezzo 
alle sue occupazioni trovo tempo di pubblicare tre opere molto voluminose. 
La prima in 34 volumi commcio a comparire in Venezia nel 1 744 e termino 
nel 1 769, ed k intitolata : Ijbesaurus anliquilatum sacrarum compleclens se- 
leclissima clarissimorum virorum opuscula, in quibus Veterum hebreorum mo- 
res, leges, institula, rilus sacri el chiles illustrantur . — La seconda compari 
nel 1 763 in 4 volumi col titolo : Theopylacli opera omnia sive quae hacle- 
nus edita sunt, sive quae nondum lucem viderunt cum proe\>ia dissertalione 
de ipsius 'Uheop^lacti gestis, scriplis, ac doctrina graeco-lalina. L ultima 
opera che pubblico nel 1765 fu in 14 volumi ed k : ^ibliolheca veterum pa- 
trum antiquorum scriptorum ecclesiaslicorum graeco-latina. Quantunque egli 
avesse molti collaboratori nella pubblicazione di queste opere, h merito suo 
di averle dappertutto con erudite annotazioni illustrate. » 



— 62 — 
rosini, non vi e piii il defunto Foscari. non vi sara piii il 
K^ lustinian. Dio conservi la Repubblica. Vi sono dei gio- 
vani, che promettono, ma ci vogliono anni. 

Le rendo grazie di queste notizie quantunque infauste. 
Pensi sempre a me con indulgenza, e mi conservi la pre- 
ziosa sua grazia. Sono con profondo ossequio 
Di V. E. 

Urn.""' DiC"" Ohl.'"° Servitore 
Casanova. 



25). Eccellenza mio Vener.""' l^.rone. 

Dresda 17 Maggio 1791. 

Avevo r onore di essere a pranzo dal Sig/ Principe Be- 
loselski ministro a questa Corte elettorale di S. M. Imp.'= 
di tutte le Russie, quando mi fu rimessa la pregiatissima 
sua, in cui V. Ecc. mi fa sapere esser costa giunto 1' Ecc."" 
Sig.r Pietro Grimani ( 1 ). Questa notizia fu gratissima al prin- 
cipe Russo, il quale spera di trattare, e di presentare da 
per tutto il nuovo veneto Ministro, perche suppone che cer- 
tamente passera per qui. lo poi risento un vero content© 
che mi si presenti un* occasione opportunissima di dare al 
veneto cavaliere un segno non solo dell' animo mio sempre 
Veneziano , ma della mia riconoscenza verso la nobilis- 
sima di lui famiglia , mentre non si cancellera mai dalla 
mia mente la memoria che ottenni tredici anni (?) fa la 
grazia del mio ritorno a Venezia dalla clemenza deirEcc.™" 



(1) Pietro Grimani, ambasciatore della Repubblica a Pietroburgo, dal 1789 



— 63 — 
Sig.r Francesco di lui zio, allora Inquisitor di Stato ( I ). In- 
tanto io ardisco supplicare V. E. di far sapere all' Ecc. 
Pietro Grimani che se saro avvisato del tempo del di lui 
arrive in questa citta, avro attenzione di far ch' egli sappia 
alia porta V Albergo in cui vorra soggiornau^e in que* gtomi, 
che passera qui. Se lo sapro da V. E., adempiro ad ogni 
mio dovere. 

La morte del povero conte Sumani mi dispiacque assai (2) : 
forse avrebbe vissuto ancora lungo tempo, se fosse andato a 
viver quieto a Padova; ma egli voile imitare Achille, che 
prefer! il viver corto servendo Marte, alia lunga vita negli 
ozii della Tessaglia. 

Cio che rilevo di piu caro nella gentilissima sua lettera 
e il prospero suo stato di salute, che Dio voglia conser- 
varle sempre. Io la spero perfetta non dal magnetismo che 



( 1 ) Francesco Grimani, prima e dopo la sua elezione a Inquisitore di Stato, 
che avvenne il I ottobre I 776, fu tra quelli che protessero il Casanova, age- 
voiandogli il ritorno in patria e 1' esaudimento delle sue domande. II Casa- 
nova, fuggito dai Piombi la notte del 31 ottobre 1736, dopo parecchi anni 
sollecitava di poter ritornare in Venezia, mettendosi a servizio degli Inqui- 
sitor! di Stato; e gia il 3 setlembre 1774 era ri'tnesso in grazia per aver 
bene serviio il 'Cribunale (Arch. Inq. di Stato. Ruhrica 1 746-1 796). E- 
gli continue a prestar la sua ignobile opera, mirando ad ottenere 1* ufficio di 
confidente ordinario degli Inquisitori, che h quanto dire in lingua povera I'uf- 
ficio di spia. Finalmente, il 7 ottobre 1 780 era stabilito in qualita di Con- 
fidenle del Ijribunale con ducati 1 5 al mese sin tanto che conlinuera alle 
disposizioni del "Uribunale medesimo. I benefizi del Grimani furono pii 
tardi ripagati dal Casanova con uno sconcio libello, intitolato ^e amori, ne 
donne owero la Stalla ripulita (Venezia, 1 782). La pubbliceizione dell'opu- 
scolo, che suscito grande scandalo, obbligo il Casanova ad allontanarsi nuo- 
vamenle da Venezia. 

(2) I conti Sumani, famiglia padovana tuttora esistente. 



— 64 — 
qui rende tutti fanatici, ma dai bagni dell' Elba che co- 
mincero quando cessera il freddo. 

La Corte villeggia a Pirnitz, e la Sassonia si mostra lieta 
sperando di tenersi coperta dalla guerra sotto Y ombra della 
neutialita ; ma non si spera pero la pace, poiche troppi sa- 
crifici i! Re di Prussia pretende. II 22 pero del corrente 
si avranno certezze. 

Ora la Corte di Vienna brillantissima rammemorera agli 
austriaci cio ch' era trent' anni fa, e nell' anno venturo si 
celebrera il gran matrimonio. 

Vorrei sapere se S. M. Apostolica andra nel mesa ven- 
turo a Francfort per I'elezione all'impero. 
Di V. E. 

Um.'"° Div.'"° Ohl.'"° 
Casanova. 





«««T^ 



Lettere del Conte Collalto al Casanova. 

1). Sig.' Giacomo T^.ron mio, ea Amico Stimatis."*" 



Vi 



lenna, li 



28 



1792. 



IVli fu <di compiacenza soma il ricevere il suo Foglio, ed 
in presente havendo cognizione dell' indirizzo, che dovero 
usare, perche le mie lettere le possino giungere , piii non 
m* infastidisco per rxercare il Barbero nome , ova ritrovasi 
essere presentemenle il suo soggiorno [OberleulensJorf], 

Trovomi privo di poterle dare notizie di questa Capitale, 
poiche quelle che giungono alle mie orecchie non sono di 
veruna conseguenza. Diro tutto quello che so. Giunta la so- 
rella del nostro sovrano, S. M. volendo sfuogire la curiosita, 
ordino la mattina una caccia e sparse volere prendere que- 

MOLMENTl. - Carleggi. 5 



— 66 — 
sto divertimento unitamente alia sposa Regina ; ma in fatto 
ando a riscontrare questi suoi stretti per parentela ospiti ; 
et entrarono in questa capitale unitamente. Fu rimarcato che 
I'Arciduchessa era grondante di lacrime. Veramente m'in- 
teneri questa sua estrema e ben dovuta sua doglia (1). S. 
M, ha stabilito due giornate alia 7.mana per dare pubblica 
udienza, I'una nel Mcu-tedi, e I'altra nel Venerdi, in ogn'una 
di queste ascoltera cento uomini, e venticinque donne. Ag- 
giungo che vuole essere in compagnia del Coloredo (2) 
quando le donne si ritrovano, cio per altro non mi azzardo 
di rifferirlo, per verita. E passata gia giomi, e si e fermata 
pocche giornate Madama Ferrarese, che si porta a Versa- 
via ove la e fissata per il Teatro. Si e veduto esservi an- 
che I'Ab. da Ponte, ma per quanto si e sparso, il marito 
non le permise che abbia I'accesso in sua Casa. Parimenti 
ciarlano, che fecce istanza a S. M. per molte cose , e fra 
I'altre due non saprei se fossero genuine, Tuna di rimpiaz- 
zare il posto perduto, e I'altra di chiedere denaro dicendo 



(1) Maria Cristina , sorella di Leopoldo II, maritata al principe Alberto 
di Sassonia Teschen, governatrice dei Paesi Bassi. Si comprende il suo do- 
lore: Maria Cristina doveva essere trepidante per la sorte delia sorella Ma- 
ria Antonietta , gia arrestata nella sua fuga a Varennes e ricondotta a Pa- 
rigi col Re e la sua famiglia (giugno 1791). 

(2) Francesco di Paola Carlo conte di Colloredo, nato il 28 maggio 1731, 
fu dapprima Consigliere dell'lmpero, quindi, dal 1 772, governatore del prin- 
cipe ereditario Francesco Giuseppe Carlo, e nel 1 788 vice-ciambellano del- 
r imperatore Leopoldo II. Nel 1 792 fu ministro sotto 1' imperatore France- 
sco I, suo allievo, nel 1796 primo ciambellano e creato principe deU'lmpero. 
Ammogliato sin dal gennaio 1771 con Maria Isabella contessa di Mannsfeld» 
aggiunse al nome del suo casato quello della moglie. II principe Colloredo- 
Mannsfeld mori il 27 ottobre 1807. 



— 67 — 
che dal defonto Imperatore haveva havuto qualche lusinga 
d'essere proveduto , e che fra tanto si trattenesse in Trie- 
ste ; che sopra queste parole , lui non si procuro in altre 
parti impiego , e che e ben giusto che le sij dato risarci- 
mento. Quest'Internunzio Ottomano continua ad havere sem- 
pre affluenza di visite dell'uno e dell'altro sesso. Rappor- 
tano che gia giorni una Compagnia di otto Dame e non so 
quanti CavaUeri si portarono a visitarlo. Accolti questi con 
la maggiore compitezza, con buon garbo europeo, serviti di 
caffe, sorbetto , profumati et aspersi d' acqua , o spirito di 
rosa etc. Uno de' cavalieri della brigata lo fecce ricercare 
per mezzo dell'lnterprete che dicesse quale di quelle Dame 
era la piii bella. Rise , e ponendo la mano in saccoccia 
porto fuori una piena brancata di novissimi zecchini e le 
fecce rispondere che lui il primo decidesse quale di questi 
era il piu bello (1). 

M'informero della Principessa, e della di lei Nipote, che 
mi ricerca, ha tanto sono 

Aff.""" Obbligat.'"° Servitore et Jlmico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 

P. S. Mi dicono ritrovarsi a Vienna anche Bonaldi. 



( 1 ) Dopo la pace di Lisbona Ebu Bekr (Bekir) Ralib Effendi f u nominato 
ambasciatore di Turchia a Vienna (1792). Egli fu ricevuto in udienza al Pa- 
lazzo imperiale il 1 6 giugno 1 792, per confermare la pace , per annunziare 
I'avvento al trono di Selim 111, e porgere le felicitazioni della Sublime Porta 
per I'incoronazione di Leopoldo II. Nelle releizioni di questa ambasciata, cu- 
stodile negli Archivi imperiali, Ratib Effendi k descritto come un uomo di 
larga istruzione , arguto nel conversare , molto gentile colle signore. In un 
suo viaggio a Hermannstadt (Siebenbiirgen) egli ammira i quadri della galleria 
Bruckensthal e si sofferma nella Biblioteca mostrando di conoscere le let- 
terature europee, il che eccita I'ammirazione del suo compagno di viaggio, 
il Turner, segretario della Corte di Vienna. 



— 68 — 
2). Sig/ Giacomo 'P.ron mio, et Jlmico 'Preg.'"" 

Vienna, li 31 marzo 1792. 

L'ordinario di Venezia d'oggi, pur troppo, m'asserisce non 
falsa la notizia del fii mio Cugino Procurator di San Marco, 
Cavalier Emo, in Malta avvenuta, che rincresce con piena 
universale dispiacenza , e m' apporta un eccedente ramma- 
rico (1). lo con mio rincrescimento gle lo partecipo. Ag- 
giungo qualche cosa di piu, che per Venezia si sparge, non 
asseverando, chi gli abbia a succedere. Si dice che per De- 
creto del Senato sara fatt'ordinare una statua in di lui onore, 
da collocarsi nell' Arsenale, e che giunta che sii la cassa, 
contenente quel cadavere , gli verranno eseguite pubbliche 
esequie nella Chiesa de S. S. Giovanni e Paolo, con tutti 
gl'onori Millitari. L' altr' ieri, dopo mesi di malattia, manco 
il Co. Venceslao Zinzindorff, et poche ore dopo, in tre o 
quattro giomate di male , S. E. Kirmajer, il primo, presi- 
dente della Suprema giustizia , il secondo Vice-Presidente 
della medesima. 

Mi viene fatto credere gia partito il Prencipe, ch'haveva 
desiderio di sapere se si trovava a Vienna. Oggi la gior- 
nata , non segue , come le passate brillanti e lucide , et e 



(1) Angelo Emo (n. 1732), 1' ultimo dei grandi capitani di mare della 
Repubblica. Si coperse di gloria nella spedizione contro il Bey di Tunisi. 
Mentre s'accingeva a nuove imprese in Affrica, mori a Malta nel 1 792, ac- 
coltovi da quei Cavalieri. La salma fu trasportata in patria, dove ebbe ese- 
quie solenni , e fu deposta prima nella chiesa dei Servi , e poi nella chiesa 
di San Biagio. II Cemova eresse all'Emo un monumento nell'Arsenale. 



— 69 — 
tottalmente cangiata. In me non si cangiano li sentimenti di 
stima, che le professo, dicendomi con vera Amicizia, quale 
sono 

Dec."'" ObIig.'"° Servitore et Amico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 



3). Sig.' Giacomo T^.Ton mio, et Jimico ^reg.'"° 

Vienna, li 3 Aprile 1792. 

Se non si e ritirato in ieri I' Ambasciatore del Re di 
Francia, per quello fanno Tuniversali voce, si ritlrera a mo- 
menti, non per essere stato congedato da questo nostro Re, 
e ne meno per essere stato richiamato dal suo (I). Dopo 
il ribbasso della meta di quello le veniva passato da quella 
corte, le dillazioni che soffre unitamente al ribasso rifflesi- 
bile che incontrano le Cedule Francesi , determino il suo 
ritiro. Qual luoco abbia fissato non per anche si sa. Vi sono 
quelli che sostengono che poss' essere negli Svizzeri , altri 
dicono a Lucca. Ha ricercato la sua dimisione, ma fino ad 
ora dillaziona a venire. Ha gia cominciato a disfarsi non 
solo de' Famigli, et fa vendita delle mobiglie. Altra nova 
ieri si voccifero, della morte del Re di Svezia tragicamente 
avvenuta. Dicono che in una Danza da un ufficiale della 
medesima Nazione le fu scaricalo un colpo di Fuocco, che 
lo passo da parte a parte. Era carrica quest'arma, oltre di 
palla, con pezzi di smozzati chiodi. Non morse sul punto. 



(1) Emanuele Maria Luigi, marchese di Noailles, fu ambasciatore straor- 
dinario di Francia a Vienna dal 1783 al 23 marzo 1792. II 22 aprile av- 
venne la dichiareizione di guerra tra I'Austria e la Francia. 



— 70 — 
ma dicono altri che gia e morto (1). Bene presto deluci- 
derassi se questa tragica nova sij vera, o menzognera. Oggi 
da Venezia non ancora e giunto Tordinario. Finisco in fretta, 
e sono 

Obligat.'"'' Affe."'° Servitore et Amico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 



4). Sig.' Qiacomo T^.ron mio, et amico T^reg.'"" 

Vienna, li 5 Aprile 1792. 

Le repplico disturbo, riconfermandole la notizia deiravveni- 
mento avvenuto al Re di Svezia, portando la notizia un Corriere 
giunto al ministro suo, chin questa Corte mantiene. Li chi- 
rurgi non possono determinarsi a fare pronostico di sua vita, 
se non compiuti sette giorni, che difficilmente entro questo 
spazio di tempo havera forse piu esistenza. Alii sette del 
caduto marzo, non si sa da chi, riceve un Biglietto che le 
dava avvertenza di guardarsi di non essere al Ballo del Ri- 
dotto, ch'una persona gia sua inimica, ma non amante degli 
eccessi, gle ne dava T avviso. S. M. non curandosene , li 
dieci \il /5] si porto senza procurare di garantirsi. Una Ma- 
schera le tiro il colpo fattale. La Pistola era pocco carica 
di polvere, et il colpo non fecce gran rumore, et il bisbi- 
glio e la contusione occupo ogn' uno. Ebbe campo il sce- 
lerato di fuggire e per strada geto la Pistola ed un pugnale : 



(1) Gustavo HI, re di Svezia (n. 1746), ottimo principe , ferito mortal- 
mente con un colpo di pistola dal barone Ankarstroem, in un ballo in ma- 
schera al teatro di Stoccolma, nella notte dai 15 al 16 marzo 1 792 , spiro 
dopo tredici giorni. 



— 71 — 
dicono che si ritrovi carcerato. In tale forma narrano que- 
sta Barbaric ; come me I'hanno rifferita similmente I'espongo, 
Giuntemi le lettere di Venezia ieri sera bene tardi, mi por- 
tarono che airEcc.™" Proc. Emo, e Cavaliere gia defonto, 
t'Ecc.""" Senato a decretato sij fatto un Busto in sua me- 
moria, da collocarsi nel Palazo Ducale, ad arbitrio di sua 
Serenita. Esecquie nella Basilica di San Marco coll' inter- 
vento deirEcc."'° CoUeggio , e questo nel giorno diecisette 
Aprile, tempo in cui si crede che giunto sara il Cadavere, 
che per ordine espresso del Senato daU'Ecc.™" Condulmer 
Almirante (1) sara stato chiesto aU'Eminent."^" Gran Mastro 
di Malta. Domenica dopo le Funzioni della Chiesa vi sara 
Circolo, anche per le Dame. Me le protesto 

Obi""' ylffe."'° Servitore, e Amico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 

Nulla mi scrivono che sij in nomina per Proc.^ 



5). Sig.' Qiacomo P.ron mio, et Amico ^reg."'° 

Vienna, li II Aprile 1792. 

Non mi sovviene se le abbia annunciato I'ellezione nella 
dignita Procuratoria , caduta nella meritevole persona del- 
rEcc.'"° Albrizzi Alessandro , ritornato dal Regimento di 



(1) Tommaso Condulmer, gia collega dell' Emo, nominato poi luogote- 
nente del Provveditor Generale Giacomo Nani, e comandante della flolti- 
glia della laguna. 



— 11 — 

Brescia (1), quando subentro in quella regenza il mio Fi- 
gliuolo. Colle lettere odierne di Venezia mi dicono correre 
voce che per essere disposto in altra pubblica mansione in 
tempo che fu eletto il defonto Proc.'^ Emo , non havendo 
potuto fare il suo ingresso, hano stabilito li Marcadanti di 
procurarsi permissione di stabilire giornata d' adobare tutta 
in Nero la merceria : per il qual'efletto si sono volontaria- 
mente tassatti , e dicesi che sara superba 1' illuminazione. 
Quest'onorifici Testimonj sempre aumentano la gloria di quel 
benemerito Cittadino. La Domenica scorsa questi Principi 
di Ligne diedero un Pranzo a questlnternunzio Ottomano, 
gl' invitati erano da cento. Questi Principi , per quello di- 
cono, hanno fatto lacquisto di quel convento sopresso de* 
Fratti Certosini posto sopra la non inacessibile Montagnola 
del Calemberg (2) , e nel ritorno havevano destinate Bar- 
che, che con quelle potessero giungere alia Casa, ch'ancor 
denominano verde, benche sij bianca. 

La quantita di gente, che si ritrovava al Proder [7-*ra/er] 
c stata SI numerosa , che e difficile il descriverla. Dicono 



(1) Alessandro Albrizzi, del ramo di Sant'Apoliinare, nacque a Bergamo 
il 20 novembre 1 744 da Giambattista e Teresa Barbarigo. Si uni in matri- 
monio, il 16 giugno 1783, con Alba Maria Zenobio. Ebbe a fratello Giu- 
seppe, senatore , marito alia celebre Isabella Teotochi. II 25 marzo 1792, 
Alessandro fu eletto Procuratore di San Marco. 

(2) II convento dei Camaldolesi a Kahlenberg presso Vienna, fondato nel 
1 628 , e incendiato dai Turchi nel 1 683 , fu rifabbricato , unitamente alia 

chiesa, nel 1750. Soppressa quella confraternita religiosa da Giusepp>e 11 nel 
1 783, il convento fu chiuso e le abitazioni dei frati furono vendute ai pri- 
vati. Una ne acquisto il principe Carlo de Ligne e la trasformo in una pic- 
cola villa, facendo porre sopra una parete I'iscrizione allusiva al suo nome : 
Qfxo res cumque cadant semper stal linea recta. 



— 73 - 
essere dalla Svezia giunto un Corriere il quale porta lu- 
singa, che non abbia a mancare lo sfortunato monarca , e 
che gia li pezzi che conteneva la Pistola a vento sijno stati 
estratti. Perdoni il tedio, e me le protesto sempre con ob- 
bligo 

Dev."'° Obliga."'° Servitore et Amico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 



6). Srg.' Qiacomo 'P.ron mio, et Amico T^reg.'"° 

Vienna, li 23 Maggio 1792. 

Alia lettera colla quale dall'Umanita costante sua vengo 
favorito ammiro sommamente i rifflessi, che contiene, si giu- 
sti e SI addatati alle circostanze , che in presente vertono, 
che nulla piii si puo aggiungere , e pur troppo accadera 
quanto la sua penetrazione predice. Mi ritrovo opportuna- 
raente in tempo di poterle significare cio che un foglio in 
oggi ricevuto da Venezia mi narra. Questa sera li 16 mag- 
gio corrente andera in iscena la nuova opera seria del Conte 
Alessandro Pepoli, nel nuovo Teatro denominato la Fenice. 
Le generali pruove di jeri sera fanno temere che il teatro 
non sia di tutta la ricercata Armonia, poiche viene asserito 
che quantunque le voci de' Cantanti bene si sentono, pocco 
per altro corrisponde all' udito 1' orchestra , benche di cin- 
quanta otto stromenti composta e fortificata. La massima 
presa \di spazio\ di questa rappresentazione dubbitasi aver 
a seppellire alcune Fille de scagni, a questa piu prossime. 
Sarebbe questo per tanto massimo disordine, e forse senza 
rimedio. La musica del Sig.' Paisiello viene stabiHta la piii 



— 74 — 
sorprendente cosa che dar si possa (1), il p.° Ballo, e in- 
titolato Amore e Psciche (sic !). II secondo ha per nome li 
Giochi d' Agrigento. II teatro per altro in se stesso, senza 
pill considerare, fa un mirabile effetto. I Forastieri e molti 
di grande importata sono numerosissimi. Percio tutti li ge- 
neri hano aumentato di prezzo. Per altro non v'e scarsezza, 
e tutt'abbonda, Di Francia nulla so. 

Terminate in questa mattina I'esequie della Vedova De- 
fonta Imp.^ (2) tenute nella Consueta chiesa di questi Frat- 
toni chiamati Agustini, questa sera s'aprira un Teatro. Di- 
mani tutti e due , e fra qualche 7.mana gioccherano anche 
quelli de' Borghi. Di piu non ho, di piu non do. Sono 

Dec.""' Obliga.'"° Servitore et Jlmico 
Antonio Ottaviano Co. de Coll alto. 



(1) 11 teatro della Fenice, sul disegno di Giannantonio Selva, scolare del 
Temanza, fu incominciato nel 1791, compiuto in diciotto mesi e per la 
prima volta aperto il 16 maggio 1792. 11 conte Collallo non ha notizie molto 
precise sui titoli dell'opera e del ballo, che si rappresentarono la prima sera e 
che furono : / giuochi di Agrigento drama per musica in 3 atti — Poesia ; 
conte Alessandro Pepoli — Musica : Giovanni Paisiello — Cantanti: Giacomo 
David (Eraclide re d' Agrigento) , Gaspare Pacchierotti (Alceo) , Brigida 
Banti (Aspasia) , Marianna Sessi (^gesta) , Gerolamo Vedova (Cleone), 
Francesco Gibelli (Filosseno), Giacomo Bobbi (Filipenore) , Teresa Giuriai 
(Tieifile). — Amore e Psiche ballo di Onorato Vigano — Primi ballerini : 
Salvatore Vigano e Maria Medina Vigano. Musica di Giulio Vigano. — Cfr. 
WlEL Catalogo delle opere in musica rappresentate nel secolo XVIII in Ve- 
nezia. Venezia, tip. Visentini, 1897. 

(2) L'imperatore Leopoldo II era morto il I marzo 1 792 ; la vedova, Ma- 
ria Luisa di Parma, il 1 5 maggio dello stesso anno lo segui nel sepolcro. 



— 75 — 
7). Sig/ Qiacomo T^.ron mio et Amico 'Pregia.'"° 

Vienna, 12 luglio 1792. 

Mi ritrovai mal contento havere col pregiato suo Foglio 
la dispiacenza dell' incomodo sofferto, a motivo di indige- 
stione, mentre che qualche debole individuo haverebbe te- 
muto d'essere avvelenato, 

II metodo, che ha scelto nel curarsi, fii certamente il piii 
semplice , et il piu amato dalla maestra Natura , e me ne 
rallegro che ne provi I'ottimo effetto. Non piii adunque ec- 
cedenza nelle cose , giacche oservo in tutto che la mode- 
razione e I'ancora piu sicura. Partira in questa giornata I'ln- 
viato Ottomano , che qui si trattenne lungamente , sempre 
con il titolo d' Interaunzio. AUi cinque corrente S. M. fu 
elletto Re de' Romani, e I'lncoronazione precedera qualche 
giorno di quello s' era concertato. 11 dispendio ribbassera di 
molto della passata. A spron battuto si va demolendo quelle 
casupole, che ingombravano la strada, e toglevano la veduta 
della Piazza di S. Steffano , e ritornando S. M. ritrovera 
addempito questo suo ordine, per il quale gl'esborsi, che 
deve, non sono di picciolo momento. Ordino che fosse so- 
speso il consueto Arco di Trionfo, ed impiegato quel da- 
naro che costerebbe in questa sua benemerita opera. Vi e 
ancor qualche cosa di piu, che paghera totalmente I'opera- 
zione ; dicono che smantellando quelle casette , in una ri- 
trovossi quantita d'argenteria, CandelHeri, Vasi, Baccini ecc. 

Solo da tre giorni si fa sentire un caldo Italiano, io bra- 
mo che persista. Fa bene andare a vedere I'lncoronazione 
a Praga. Si diverta, rinovi le sue amicizie, si sovvenga che 



— 76 — 

le indigestion! generano fastidio, e mi creda che con tutta 
stima mi ridico 

Jlffe.'"° Obliga"'° Servitore, el jimico 

Anionio Ottaviano Co. de Collalto. 



8). Sig. Giacomo ^.ron mio, et Jimico ^regiat."'" 

Vienna, 5 8.bre 1792. 

Non so per qual distrazione che nel Foglio mio ultima- 
mente scrittole mi sia fuggito di mente quello che le do- 
vevo dire per la ricerca riguardante TEcc.™" Alvise Moce- 
nigo de Bastian Kav. Proc' de S. Marco, e della N. D. 
Lucietta Maria nata Memmo sua sposa (I). Intorno al pri- 
mo le diro che gia da qualche tempo egli e Savio di Terra 



(1) Alvise, figlio di Alvise Sebastian© Mocenigo, nacque il 1760. Ottenne 
cospicue magislrature sotto la Repubblica, e dopo il trattato di Campoformio 
enlro nella deputazione detta dei Cinque , che assumeva con suprema auto- 
rita la cura di salvare Venezia da mali peggiori. Entrati, il 1 8 gennaio 1 798, 
gli Austriaci a Venezia , il Mocenigo si ritiro nelle sue terre , e piii tardi 
visse qualche tempo a Vienna, dove fu create membro degli Stati dell'Au- 
stria e magnate d'Ungheria. Nel 1 805 fu creato da Napoleone conte e se- 
natore del Regno. Nel 1800 fondo la borgata di Alvisopoli, presso Porto- 
gruaro , trasformando terreni paludosi e infecondi in un centre nuovo e fio- 
rente di popolazione e d'industria agricola. Mori il 24 dicembre 1815. Nel 
1779, per desiderio dei parenti, che volcano mantenere unito il retaggio degli 
avi, sposo una sua cugina, Pisana Mocenigo, deforme di corpo. Avendo ot- 
tenuto di sciogliere queste nozze , s' uni in matrimonio nel 1 787 con Lucia, 
figlia del Procuratore Andrea Memmo, bella, ingegnosa, amabile, e che ebbe 
luogo primario tra le donne del suo tempo e della sua citta. Cfr. / Moce- 
nigo di F. STEFANI, nelle Famiglie del LlTTA. 



— 11 — 

Ferma, e per la seconda, che non ha ne Figliuoli, ne Fi- 
gliuole. Qui da ieri in qua dicono che le Truppe Francesi 
per cosa certa si sijno impadronite di Chamberij, et un altra 
ancora, quale non ha sicurezza, che li medesimi sono entrati 
nel territorio di Treveri. Pioggia dirrotta ne' giorni passati, e nei 
presenti nebbie dense, perdita di sole, e freddo umido, che 
ben molti feccero accendere le stufe, e gia due notti fuori 
di Citta vi fu un crostino di gello. Questa antecipazione 
d'Inverno ci fa dubbitare, ch'avremo un'Invernata, e lunga 
e molto fastidiosa. Doverebbe essere posto in sue mani il 
Libretto dell* opera , parto della mente deH'Ecc."" Pepoli, 
che con impacienza ne attendero il giudizio , che dal sue 
sagio intendimento sara formato. Non la sturbo maggiormente, 
e me lo protest© 

Devo.'"° Obbliga.'"" Serviwre, et Amico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 



9). Sig.' Qiacomo 'P.ron mio et Jlmico 'Preg.'"° 

Vienna, ultimo 7.bre 1792. 

Sono in dovere di dare risposta a due de grati suoi Fo- 
gli, i quali li ha veduti la N. D. Lucietta Maria Moce- 
nigo, nata Memmo, et ha ricevuto con piacere la sua let- 
tera, con tutto aggradimento. Benche fanciulla, non perse la 
memoria deH'impegno , che lei haveva preso a tavola con 
essa, e haveva cognizione che il libro era gia fatto pallese 
colla stampa. Quando questo capitera , le sara consegnato 
da me, come da lei viene prescritto, e se non ritarda, potro 
farlo, et all'incontro dovero attendere una qualche congiun- 



— 78 — 

tura per fargelo havere. L'acclusa lista potra renderla infor- 

mata de* personaggi di recente elletti del Consiglio di died. 

Me I'hano inviata senza le Palle [voti]. Fra tanto mi ras- 

segno. 

Dev.""' Ohhliga. Servitore el Jlmico 
Antonio Ottaviano Co. de Collalto. 

Alvise Mocenigo K.' 
Zuane Zusto. 
Giacomo Boldii. 
Lorenzo Memmo. 
Lauro Dandolo. 
Jseppo Albrizzi. 
Almerigo Balbi. 
Zuanne Bonfadini. 
Prospero Valmarana. 
Odoardo Collalto. 





PARTE II. 

TRE LETTERE DEL CASANOVA 
ALL'ABATE DELLA LENA. 



L ABATE Eusebio Delia Lena, nato a Lucca nel 1 747, 
fu letterato e bibliofilo, come appare dalle sue lettere, cu- 
stodite nella Biblioteca di Lucca (Raccolta nn. 1 36 e 1 37), 
e dirette al Lucchesini, colto gentiluomo lucchese. La fa- 
miglia Delia Lena e dei Bagni di Lucca, dove esiste tut- 
tora. In una lettera (8 agosto 1804) il Delia Lena scrive 
al proprio fratello Giacomo, medico e poeta, che dimorava 
a Venezia , e frequentava il salotto di Cecilia Tron, dove 
avea conosciuto il Pindemonte, il Cesarotti e Carlo Gozzi. 
Anche I'abate Eusebio soggiorno qualche tempo a Venezia, 
in una casa a San Geremia, dove faceva commercio di libri 
(lett. al Lucchesini 25 settembre 1790), ma piii a lungo 
dimoro a Vienna. Massimo d' Azeglio fanciullo {Ricordi, 



— so- 
lo. I, cap. V) conobbe 1' abate ai Bagni di Lucca. E al 
Bagni di Lucca il Delia Lena mori nel 1818. Ebbe di- 
mestichezza col celebre economista Giammaria Ortes e col 
musicista Francesco Hasse e fu uno degli amici piii intimi 
del Casanova. 

II Gamba (Tipaldo , Biografie , t. II, p. 393) assicura 
che della corrispondenza familiare tra il Casanova e il Delia 
Lena non poche lettere passarono nella Collezione del con- 
sigliere de Roner in Venezia, e una ne riporta lo stesso 
Gamba scritta dal Casanova da Anversa il 6 settembre 1 783. 

Nelle Lettere di Giammaria Ortes e Fr. Algarotli (per noz- 
ze Morosini-Michiel, Venezia, 1840) due sono dall' Ortes 
inviate da Venezia, il 27 febbraio e il T. maggio 1770, al- 
I'abate Della Lena , che allora trovavasi a Vienna. Nella 
raccolta di sonetti intitolata Le venture di X)enezia (Ve- 
nezia, 1798), un sonetto del Della Lena e intitolato Ua- 
quila imperiale a IJenezia. Nelle seguenti tre lettere del 
Casanova dirette a Vienna all' abate Eusebio Della Lena, 
si parla di uomini e di cose gia menzionate nella corri- 
spondenza col Collalto, e specialmente di quell'/cosameron, 
col quale lavventuriero veneziano credeva aver inalzato al 
suo nome un monumento non perituro. Una di queste let- 
tere, quella del 25 febbraio 1791 , e custodita nel Museo 
di Bassano (Veneto), le altre due furono copiate nell' Ar- 
chivio di Dux. 

I) Dux, 4 febbraio 1791. 

Nohil Signor Abhate, 

L'umanissima sua lettera, con cui ella mi onoro un mese 
fa, ed in cui ella con nobil sincerita mi narra la tranquilla 
vita che mena costi, e di qual genere sieno le sue occupa- 



zioni, mi da il coraggio di darle un piccolo ragguaglio dello 
stato rrio con la stessa onesta ed amichevole franchezza. 

In quest'ozio feci un'opera divisa in cinque tomi, che le sara 
forse giunta anche sotto agli occhi. II titolo e Icosameron. 
Questa e bene stampata, su buona carta e con tutte le pre- 
rogative , che un libro non sprczzabile esige , 1' editore del 
quale fu I'autore rnedesimo. 

Per questa stampa ho speso moltissimo, di modo che mi 
sono incomodato ; ma il guadagno mi avrebbe indennizzato 
di tutto, se non fassi positivamente stato assassinato dai perfidi 
librai, a' quali a Lipsia confidai la mia edizione , accio la 
ponessero in vendita mandando qua e la i miei libri come 
sogliono fare. 

Costoro che sono ted::schi s' impegnarono a voce e non 
per iscritto di spacciare i miei libri, ed in vece di oprare 
non si mossero, ed i miei libri sono ancora dopo tre anni 
nel loro magazzino. 

lo non posso loro muover lite, poiche non ho da essi 
alcun scritto. II mio romanzo istorico ed istruttivo e un sog- 
getto inglese, e tutti mi dicono che questa edizione trovan- 
dosi in Londra sarebbe spacciata in men d'un mese ad una 
ghinea almeno per esemplare. Ho avuto bel dire che la 
mandino a Londra a conto mio, parlai in vano : mi rispo- 
sero che la mandassi io stesso. lo non ho aderenze, e non 
ho pill ne f orza, ne ardire , ne poter morale di far un tal 
viaggio. Ella mi dice che va in Inghilterra. Io ho qui due- 
cento esemplari di questa mia opera ed a lei li offro. Mi 
faccia l' onore di rispondermi se vuole che io glieH mandi 
a Vienna e con quali condizioni li vuole. Sottoscrivero a 
tutto se solamente sopra questi duecento esemplari ella voglia 
avanzarmi cento e cinquanta miserabili fiorini di cui ho bi- 

MOLMENTI. — CarUggi. 6 



— 82 — 
sogno. Ella non me li mandera che allora quando i duecento 
esemplari sieno pervenuti a Vienna tra le riverite sue mani> 

Attendo con impazienza una sua amichevole e franca ri- 
sposta ; e le domando scusa se a caso questa mia ricerca 
le giungesse importuna, 

Sono pieno di stima, Nobil Sig.r Abbate, 

Um.""' ObI.'"° DeC"" servitore 
GiACOMO Casanova. 

P. S. II Sig.r Conte [Giuseppe Carlo di IValdstein] non. 
e qui ma si aspetta a momenti. 

A Monsieur 
Monsieur I'ahhe D. ^usehio de la Lena 

Vienna. 

2). Dux, 25 Febbrajo 1791. 

Sig. Abbate padrone mio col.'"" 

Onorandomi ella d'una gentile risposta la prego dirmi se 
il Sig.r Conte CoUalto se la passa bene. E piu di un mese 
che non ricevo di lui lettere. Se ella va a Venezia credo 
di poterle esser utile, procurandole due conoscenze pregie- 
voli, una del N. H. Zaguri, I'altro del Sig.r Procurator 
Memmo (1). Questultimo ha libri taH quali ella li cerca ; 



(1) I patrizi veneti Memmo e Zaguri, come il conte Corti ricordato 
nella seguente lettera del 1 6j maggio, sono conispondenti del Casanova, che 
troveremo piu innanzi. 



— 83 — 
e probabilmente potrebbe vendergliene a buon prezzo, o 
scriverei ad essi in modo che le userebbero le distinzioni 
che ella merita. Desidererei che tanto all'uno che aU'altro 
di questi due soggetti ella portasse un esemplare del mio 
Icosameron. Ella mi dica se potrebbe caricarsene. 

Se la biblioteca del conte mio signore fosse mia, moltis" 
simi libri antichi scarterei, a' quali ella aggiudicherebbe un 
prezzo considerabile, ma sono la sacri. Abbiam saputo che 
il Sig.r Conte e in Spagna. Seppi da Venezia che la Cor- 
nera di S. Polo, moglie del zoppo, fu suo indegno alun- 
no, mori (1). 

La prego conservarmi la pregiatissima sua padronanza, e 
credermi 

di V. S. Pad. mio col.™° 

Um.'"° Obi'"'' servitore 
Casanova. 

3). Dux, 16 Maggio 1796. 

yJmico e padrone vener.""' 

Ho differito otto giorni a rispondere alia sua pregiat.™^ 
del 30 scaduto, perche sperai di poter indicarle da chi ri- 
cevera 27 F. che le debbo. Sono costretto a supplicarla di 
perdonarmi se non potro soddisfare al mio impegno che 
verso la fine dell'autunno. L'usura di questo picciolo capitale 
sara un sentimento di riconoscenza, che rendera fervorosis- 
sima la mia amicizia e la premura con la quale incontrero 



( 1 ) Andriana Corner, moglie del gia menzionato Giacomo Foscarini, detto 
il Zotto (pag. 23). 



— 84 — 
sempre ed In tutto non solo i suoi comandi , ma anche i 
suoi deslderl. La pregheio quand'ella andra a Venezia di 
rimettere una mia tra le care mani del N. H. Zaguri. Ella 
sara ricevuto come il suo merito I'esige e I'amicizia del ca- 
valiere potra all' occasione esserle utilissima. II conte Corti 
mi mando qui un pacchetto per la posta , che mi incarico 
di spedire a lei. Questo pacchetto mi costo caro. Gli ho 
scritto che un altra volta pensi che non sono piii ricco di 
lui, onde abbia la bonta di mandarmi i suoi ordini franchi 
di porto, i quali ordini poi io eseguiro, se saranno a mia 
portata, gratis. 

Cosi io spediro a lei il pacchetto non per la posta ma 
con un'occasione. Vi sono al mondo uomin: che costringono 
i loro corrispondenti a parlar chiaro. 

11 mio buon padrone signor di Dux parte domani per 
costi. Ella Io vedra accompagnato da cinquanta cavalli. Altri 
cinquanta egli lascia a Praga. Dio solo sa quando sara di 
ritorno. 

Non v'e pill questione del mio vlaggio a Vienna. Dica 
alia mia stimatissima madama R. che mi displace assai che 
questo viaggio sia andato in fumo, quando penso che ando 
con esso in fumo anche la bella soddisfazione che avrei avuta 
di abbracciarla ancora una volta prima di passare nel numero 
dei /u. 

11 mio frateilo [Francesco] mi scrive ringraziandomi del- 
I'onore che gli ho procurato della sua visita. Mi dice tutte 
quelle cose, ch'ella puo immaginarsi che un uomo inconse- 
guente inventa quando vuole scusarsi di aver mancato alia 
sua parola. Gli ho gia perdonato. Cio che non gli perdo- 
nerei sarebbe se si trovasse imbarazzato per non poter pagar 
debiti e se potesse dire che io concorsi a fargliene fare. 



— 85 — 

Ho gia saputo dall' inspettrice medesima ch' ella sempre 
onesta regalo alia figlia il fcizzoletto. Tutta la casa si consolo 
del felice suo arrivo costi e mi ordino di farle i piu sinceri 
e teneri complimenti. Avro cura ch' ell' abbia il dizionario 
Rizziano (I), che mi fece molto piacere, ed il libro di De- 
nina (2) ch' e seccatura. // prodigue le litre de savant a 
tout le monde. 

Addio, signor abbate intrepido e valoroso. Mi conservi 
la sua amicizia e stia certo della mia e della riconoscenza 
con cui sono suo fino alia morte 

Sincero amico e servitore 

Casanova. 

P. S. In questo punto ricevo una lettera del conte Corti, 
che mi prega di aprire il pacchetto a lei diretto e di non 
mandarle altro che le due incluse, una al Braun (?) diretta 
e I'altra a lei. Ho lacerata, come esso Corti mi ordina, una 
grossa carta in folio timbre. 

Se ella puo, sia utile a codesto piemontese, che oggi mi 
promette di rimborsemni cio che ho speso per lui in lettere 
per la posta. 

A Monsieur 
Monsieur I' Abbe de la Lena 
sur la Graben, a la Rose blanche, au S""^ etage 

A VIENNE. 



( 1 ) 'Dizionario Ricciano ed Anti-Ricciano compilato dal march. FRAN- 
CESCO EUGENIO GUASCO , patrizio alessandrino. La seconda edizione fu 
pubblicata in Vercelli, presso Giuseppe Pasciolis, nel 1 794, E una delle tante 
opera polemiche contro I'ex vescovo di Pistoia, Scipione de' Ricci. 

(2) il celebre abate Denina, altro corrispondente del Casanova. 



S^ C^/:- Tw^ Is^t 






/ 



;_^'t>-c_('rccw>>!l htlj=;i'3 . /[. /i^w.^ ^-Wa/W*. 9lA-K^.,oi_ yiLft^y.!^ ^ ury^-i,-!^ /la^ct^ Pi^ ^ y^i. .^s-^J-J ■ 
^"-^l' L^ ,^-ytjlr^ ^I«-mo^Va J^ "c/^ ^' Vv._„»v<^" ^VUUU. h^oJUlijL i-O' ■ l-tr>^ ^»iCv A^-^-K (''■ 

><»^J^ . ^«^7^"- oJftr-.^ ^x.-..^ /^r'\,JL^yy^^_^'cJ-'r'lU-^ r.^^^ c/^ ^ ,^~^ c^y.jZU< ^ 
i^?v K /ijw^,' /u,,^,,^, ii*.-^.^ . //^ ^^^j^ wl^^-^'^cil>^^XI^,<<.^'«v>»"c«^^- '■^-vx 



Autografo di Giacomo Casanova. 
Lettera al contc Vinccnzo Smecchia, Console di Vcno^ia a Trieste. 

(Art'hivio <li Siulo ili Vciic/,i;ii 





PARTE III. 

UNA CONTROVERSIA DEL CASANOVA 
COLL' EDITORE DELLA SUA " ISTORIA 
DELLA POLONIA ... 

LJn'OPERA incompiuta del Casanova, divenuta una rarita 
bibliografica, e VIstoria delle turbolenze della T^olonia, dalla 
morte di Elisabetla Petrowna fino alia pace fra la Russia 
e la T^orta Ottomana, in cui si trovano tutti gli avvenimenti, 
cagione della rivoluzione di quel regno, (Gorizia , per Va- 
lerio de' Valerj, 1 774). Di quest'opera, che dovea constare 
di sette volumi, non ne furono pubblicati che tre soltanto 
dall'editore Valerj (I), ed e da credere che piii oltre I'au- 
tore non sia andato. 



(I) Da Cividale del Friuli il Valerj trasportb la sua tipografia a Gorizia 
nel 1 773. Oltre alia stampa di parecchie opere , che giovarono non poco 
air incremento degli «tudi goriziani, si deve al Valerj la pubblicauiione della 
Qazzelta Goriziana, che vide la luce tra il 1 774 e' 1 76. 



— 88 — 

Bartolomeo Gamba nel saggio di bibliografia, cKe fa se- 
guito alia sua "Oita del Casanova ( I ) , scrive , non troppo 
chiaramente, che I'autore « s'era proposto di esporre gli aV- 
« venimenti di quel Regno [di l^olonia], dividendo I'opera 
« in tre Parti, ma areno il lavoro , ne ebbe pubblicazione 
« il volume quarto, essendosi smarrito il manoscritto ». Altri 
copiarono, o nulla aggiunsero al Gamba. Di questa Istoria 
fa menzione anche I'Ottmann, nella bibliografia aggiunta alia 
Uita del Casanova, ma dichiara di non averne mai veduto 
un solo esemplare (2). 

Ci offre pill diffuse notizie il signer Carlo Baerent della 
Biblioteca Imperiale di Pietrogrado (3) , dove si conserva 
soltanto la prima parte di quest' opera divisa in due tomi. 
Noi veneziani non dobbiamo andare cosi lontano per tro- 
varla : al nostro Museo Civico si custodiscono gli stessi due 
volumi, e alia Biblioteca Querini-Stampalia c'e anche la parte 
prima del secondo tomo, ossia il terzo volume, che finisce 
colla pagina 3 1 9 e s'arresta all'anno 1 769. Nella stessa Bi- 
blioteca si trovano pure gli Opu.icoli Miscellanei del Casa- 
nova, pubblicati dal tipografo veneziano Fenzo, 1 779-80, dove 
sono inseriti molti passi della Storia di 7*olonia (4). 



(1) Siografie del Tipaldo, cit. II, 395. 

(2) OTTMANN , Casanova V, Seingalt. Sein Leben und seine Werke 
Stuttgart, 1900. p. 122. 

(3) Baerent, Zur Casanova Bibliograpbi'e (in ZeUscbrift fiir Biicher- 
freunde, Leipzig, 1909. fasc. VII, pp. 256-62). 

(4) Nel quaderno del marzo 1 780 degli Opuscoli miscellanei del Casanova 
k inserito il 'Disc, preliminare alia St. delle turbolenze della Pol.; in quelle di 
aprile e maggio V Jnlroduzione ; in quelle di giugno e luglio il Capitolo I. Cfr. 
il Contributo alia ^ibliogr. di G. C. di ALDO RAVA (in Giom. Stor. 
della left. it. vol. LV, 1910, p. 357 segg). 



— 89 — 

Un giudizio favorevole intomo a quest' opera si legge 
in un libro su Caterina II , di uno scrittore russo , il Bil- 
basoff, il quale non conosce che i due primi volumi , e 
ignora, per giunta, che il Casanova ne sia I'autore (I). II 
Bilbasoff e un autorevole storico, ma non seppe o non ri- 
cordo che all' Istoria della T^olonia V avventuriero vene- 
ziano accenna nelle sue Memorie, come non ricordo che nelle 
stesse Memorie si parla di Caterina II (2). 

Fin dal 1771 , il Casanova, che si trovava allora in Fi- 
renze, stava attendendo alia sua Istoria e , come si vedra 
da alcune lettere a Gian Domenico Stratico , cercava un 
editore in Toscana. Ma I'editore non si trovo , nonostante 
il buon volere dello Stratico, che aveva letto alcuni qua- 
derni manoscritti dell'opera. 

Fra il 1772 e 'I 73, il Casanova va a Trieste, e se ne 
sta rinchiuso in una stanza alcuni giomi , per riordinare il 
manoscritto della sua Istoria. 

Recatosi per qualche tempo a Gorizia, finalmente trova 
nel Valerj I'editore della sua opera. 

Quando, alia fine del 1773, egli partiva nuovamente per 
Trieste, era sotto i torchi il primo volume della prima parte 
dedicala dal Valerj « a sua Eccellenza il Signor Rodolfo 
« Coronini del S. R. I. Conte di Cronberg, Barone di Pre- 
« bacina e Gradiscula, Signore di Ouisca Sarsina ecc. ca- 
* valiere dell' insigne ordine di S. Stefano dell' Ungheria, 
« delle loro Maesta I. I. e R. A., Cameriere della Chiave 



( 1 ) B. von BlLBASOFF, Katharina II Kaistrin von T^uisland im UrtheiU 
Jer IVeltlileratur. Berlin. 1897. I, pag. 231 e segg. 

(2) Su Caterina II e il Casanova vedi uno studio di CH. HENRY nel 
Messaggero storico russo (Isloriceskij vestnil^ ag. e sett. 1885. 



— 90 — 
« d'oro, Consigliere intimo di Stato, e Consigliere presidente 
« nelle unite principali Contee di Gorizia e di Gradisca ecc. » . 

Non pare che 1* edilore e 1' autore andassero d' accordo 
nel giudicare il conte, cosi abbondantemente titolato, e del 
quale il Casanova fa questo poco lusinghiero ritratto : « Le 
« comte Coronini avait un nom dans le Journal des Savants, 
« pour quelques ouvrages latins qui il avait publics sur des 
« matieres diplomatiques. Personne ne lisait ses ouvrages, 
« et on aimait mieux lui accorder gratuitement le litre de 
« savant que de se donner la peine de rechercher s'il le me- 
«ritait». {Mem. VIII. 383) (1). 

II conte Rodolfo Coronini di Gorizia (n. 1731 m. 1791), 
maltrattato dall'ironia casanoviana e non molto piu rispettato 
da monsignor Cobelli (Gli scrittori Friulano-Austriaci, Go- 
rizia, Valerj, 1785, pagg. 72-80), e autore di molti libri 
in versi e in prosa. II primo suo lavoro e intitolato : 7en- 
tamen Qenealogico-chronologicum promovendae seriei Comitum 
et Rerum Qoritiae; poi lo Specimen Genealogico-chronolo- 
gicum ad illustrandam Augustam Hahspurgo-Lotharingicam 
prosapiam, il Bellum 'Petriniense, il Liber I Fastorum Go- 
ritiensium (recato in italiano da Lorenzo da Ponte), ecc. (2). 

Queste e altre opere non devono essere tenute in molto 
conto, ma pur rivelano uno studioso di buona volonta, che 
non meritava i facili dispregi casanoviani. A ogni mode, 
per volere dell'editore, e certo senza opposizione dell'autore. 



(1) Per tutte le citazioni dei Memoires del Casanova mi valgo della edi- 
zioDe parigina del Gamier. 

(2) Veggasi r elenco delle opere del Coronini o Coronini-Cronberg, e 
degli autori che ne trattano, nel ^iographi'sches Lexikon des Kat'serthums 
Oes/erre/c/i von CONSTANT WURZBACH, Wien, 1858, vol. Ill, pp. 11-12, 



— 91 — 
il nome del Coronini era chiamato auspice alia fortuna di 
un libro del Casanova. 

II libro e lo scrittore ebbero un piu caldo patrono nel 
conte Emanuele Antonio de Torres, che Tavventuriero ve- 
neziano aveva conosciuto , insieme col Coronini , a Trieste 
in casa del conte Cobentzl (1). Scrive il Casanova: « Le 
« comte Torres, dont le pere, Espagnol, etait lieutenant ge- 
« neral au service d' Autriche, II s'etait marie a 1' age de 
« soixante ans a une femme prolifique, qui lui donna cinq 
« enfants, tous laids comme lui... Le fils aine, laid et lou- 
« che, etait fou a force d' esprit; mais il etait de plus li- 
« bertin, fanfaron, menteur, effronte, mechant, indiscret. Malgre 
« tous ses vices et ses defauts, on le desirait dans les so- 
« cietes, parce qu' il contait fort bien et qu' il faisait rire. 
« S'il avait etudie, il aurait ete fort lettre, car il avait une 
« memoire prodigieuse. Ce fut lui qui garantit en vain le 
« contrat que je fis avec Timprimeur Valerio Valeri pour 
« publier VHistoire de la Cologne ». (Mem. Vlll, 382). 

Con si larga benevolenza di giudizi era ripagato il Tor- 
res, per la sua cortesia, che gli frutto, come vedremo, molte 
e gravi noie. Come un tratto caratteristico dell' indole del- 
I'avventuriero, e opportuno sapere che quando poteva tor- 
nargli utile, quel conte Torres libertin , fanfaron , menteur 
et caetera, era chiamato dal Casanova // mio adorato conte 
Torres, che amo, stimo e venero... etc. 

Fra le carte dell' Archivio di Dux si trova il racconto 
particolareggiato delle traversie che interruppero la stampa 



(1) 11 conte Guidobaldo Cobentzl, che fondo in Gorizia nel 1780 I'Ar- 
cadia Romano-Sonziaca. Vedi VInlrod. di ATTILIO HORTIS alle Letlere 
Ined. di Melaslasio, Trieste, 1876. 



— 92 — 
della Storia della 'Polonia, arenatasi al terzo tomo. E una 
curiosa pagina sconosciuta della vita deiravventuriero ve- 
neziano. 

Lasciando Gorizia , il Casanova aveva dato incarlco al- 
I'avvocato Antonio Prividali (I) che doveva essere in buone 
relazioni col Valerj , di invigilare e curare la edizione del 
suo libro. II Prividali scrive infatti da Gorizia al Casanova, 
in data 19 ottobre 1773 (2): 

" /Z/.-" Sig.' v."' Col'"'' 

« Ho prolungato di rispondere al gentilissimo foglio di 
« V. S. 111."'^ de' 1 7 corrente sinche il sig. Valerio non ab- 
« bia posto in ordine il suo torchio ; ecco dunque il primo 
« foglio, che unito al manoscritto e ad un suo avvertimento 
« ricevera con la presente per fame le opportune correzioni. 
« lo spero che 1' edizione riuscira a tutta perfezione, e in- 
« contrera in ogni parte il di Lei compiacimento. Giacche 
« si sono ommessi i numeri romani nel discorso preliminare, 
« e si sono posti alle pagine, seguendo il manoscritto, i nu- 
« meri arabici, sembra che non faccian cattiva comparsa que* 
« majuscoli posti alia testa delle medesime. Ella pero di- 
« sponga, che sara ubbidita con dirigere i suoi comandi alio 
« stampatore, mentre a me conviene d'assentarmi per il corse 



(1) Antonio Prividali nacque nel 1722 in Canale , terricciuola deH'alto 
Isonzo. Fu avvocato di molta considercizione e divcnne fiscale. Coltivo anche 
gli studi letterari, raccolse preziosi manoscritti e libri rari. 

(2) II Casanova dice di essersi fermato a Gorizia jusqu' a la fin de 
I'annee 1773 {Mem. VIII, 437). Dalle lettere del Prividali appare come 
giit nell'ottobre del 1773 egli non fosse piil a Gorizia. 



— 93 - 
« di un mese incirca. Ho pertanto fatta alio stesso sig. Va- 
« lerio la consegna della Introduzione da me riveduta, accio 
« abbia materia da proseguire il lavoro. I due epiteti d'/r 
« legittima e scandalosa, co' quali alia pag. 50 si e accom- 
« pagnata la permanenza delle truppe Prussiane nel regno 
« di Polonia, ho creduto di dover levare, perche potrebbero 
« dispiacere alle teste coronate ; e meglio che il lettor ne 
« formi da se stesso il giudizio. In quest'oggi ho ricevuto 
« avviso da Venezia che le di lei fatiche veramente eccel- 
« lenti sieno sommamente desiderate , mentre tempo fa mi 
« presi la liberta di lare in una mia lettera qualche cenno 
« e dell'opera e dell'autore. 

« Non mancheranno gli elogi che le sono meritamente 
« dovuti, ed io hattanto passo a confermarmi 
" Di V. S. Ill- 

Gorizia 19 Otlobrc 1773. 

Dev.'"" Affetl.""' e Obbl.'"° sercitore 
Antonio Prividali. „ 

Irxomincia qualche indugio da parte dello stampatore, e 
il Prividali scnve al Casanova : 

" III.'"' Sig.' "P."' Col.'"° 

« Da me solo m' attrovo inabile affatto di far accellerare 
« I'impressione deil'opera di VS. 111. ma dal pubblico tanto 
« desiderata ; io ed Ella formiamo due caratteri, che de- 
« vono esser accoppiati per infiuire con eflicacia sulla buona 
« volonta dello stampatore per farlo operare. E ben vero 



— 94 — 

« che neir intervallo del tempo scorso dopo la di lei par- 
« tenza da Gorizia abbia dovuto egli imprimere per comando 
« del Govemo con celerita un libercolo in 8/° , di cinque 
« o sei fogli contenenli un catalogo di vari collegi di go- 
« verno, e delle persone dalle quali sono occupati ; ma cio 
« non pertanto si poteva non poco avvanzare col lavoro i 
« tre fogli qui acchiusi, che dalla stamperia mi furono con- 
« segnati. 

« Oggi ho riveduto il foglio P. composto assente il Va- 
« lerio, che dopo dieciotto giorni e sospirato dalla sua fa- 
« miglia. Egli non so se sia a Cividale o a Udine, proba- 
« bilmente trattenuto da affari che per lui decidono molto. 
« Al suo ritorno, che a momenti s'attende, se non bastera 
« altro, adoprero tutti i cannoni per fare che in questo mese 
« si dia il compimento al primo tomo, che dovra essere 
« subito seguitato dal secondo. II di lei stato di buona sa- 
« lute mi ha riempiuto di giubilo, e Le auguro di cuore la 
« conservazione, e tutto cio che puo contribuire alia di Lei 
« felicita, bramoso di poter metter I'opera mia ovunque fosse 
« possibile di promuoverla, mentre io sono 
" Di VS. Ill.ma 

Gorizia 15 Febbraio 1774. 

Aff.""" ed ObbL"'° servitore 

ANTONIO PRIVIDALI. 

Finalmente escono il tomo I e il II, ma poco dopo, nel 
luglio 1 774, scoppiano fieri litigi fra autore ed editore. Di 
questi suoi contrasti il Casanova non fa nelle sue Memorie 
che questo cenno : « Je n'ai public que le trois premiers 
« volumes, a cause de la coquinerie de I'imprimeur qui ne 



— 95 — 
« tint pas les conditions que nous avions stipulees. On trou- 
« vera les quatre derniers volumes manuscrits apres ma mort, 
« et celui qui s'emparera de mes papiers pourra les publier, 
« si r envie lui en prend ». {Mem. VIII, 375, 376). 

L'aspra controversia e invece narrata con copia di parti- 
colari in queste lettere. 

II Casanova, pieno d'ira e di dispetto, ha bisogno che 
autorevoli goriziani difendano le sue ragioni , e si rivolge 
dapprima al conte Francesco Carlo Coronini, un parente del 
conte Rodolfo. Francesco Carlo, nato a Gorizia il 1 736, si 
era maritato a Bruxelles con Anna Claudia di Montmorency, 
vedova del marchese di Carcado. Di Francesco Carlo Coro- 
nini, spirito colto e amabilmente scettico, cosi parla il Ca- 
sanova : « Je con^us une grande amitie pour le comte F. C. 
« Coronini, qui etait rempli de talents. II avait epouse une 
« femme beige ; mais, ne pouvant vivre avec elle, il Tavait 
« laissee dans sa famille et s' etait retire chez lui, passant 
« son temps a cultiver de petites amourettes , a chasser et 
« a lire une foule de journaux tant politiques que litteraires » . 
(Mem. VIII, 383). 

Al Coronini, perche s'intrometta nella questione col Va- 
lerj, il Casanova scrive cosi : 

" Signor Conte mio Ven.'"° P."^ 

Trieste 5 Luglio 1774. 

« A norma de* patti contratti fra Valerio e me, e sot- 
« toscritti, e garantiti dal generoso mio padrone conte Ema- 
« nuel Torres, Valerio dee darmi cento esemplari di ogni 



— 96 — 
« tomo della mia opera subito che sia uscita dal torchio, e 
« tre mesi dopo ch'io abbia ricevuti i cento esemplari io 
« debbo fornirgli il manoscritto d' un nuovo tomo , Rno al 
« termine della materia annunziata nel frontispizio dell'opera. 

« L'opera e ora stampata, e Valerio non vuol darmi gli 
« esemplari miei, se prima io non gli do il tomo, che non 
« sono tenuto a dargli che tre mesi dopo ch'egli mi abbia 
« dati i miei esemplari. Questa pretensione essendo violenta, 
« insolente, ed ingiuriosa al mio garante, ed a me, mi sforza 
« a negarglielo. Vengo invitato da nobili mediatori per sedar 
« le risse a depositarlo in terze mani , ma lo dopo avergli 
« ringraziati debbo dispensarmi dal seguire il loro consiglio, 
« perche il depositarlo fa ingiuria al mio garante ed a me. 
« II garante medesimo m'invita a farlo depositario del mio 
« manoscritto, ma io non posso ubbidirlo, poiche cio farebbe, 
« ch'io dessi a Valerio la soddisfazione, ch'egli pretende, 
« e che il mio onore non vuoie ch'io gli dia, poiche farei 
« ingiuria a me stesso. 

« II mio rispettabile garante e un signore dotto, e che ha 
« fino criterio, ma per una fatalita, che non comprendo, non 
« sente l' ingiuria che Valeiio gli fa, esigendo il deposito 
« del tomo, onde, non sentendola, Valerio diviene in faccia 
« a lui assolto dall' errore , ed io trovandomi abbandonato 
« dal garante mi vedo in rischio di esser defraudato del mio, 
« poiche avendo io lasciata la scrittura del contratto in mani 
« d'un uomo, che credetti e credo ancora illibato, non posso 
« obbligare ne garante, ne contraente al loro dovere. 

« II depositario della scrittura e il signor de Prividali, sa 
« il fatto e non I'espone, e mi abbandona anch'esso ; sicche 
« io vedo, che puo avvenire che i miei 200 volumi mi ven- 
« gano usurpati dall' odiosa prepotenza d'uno stampatore 



— 97 - 
« conosciuto dal signor conte mio garante per un uomo <di 
« rea natura, come disse a me, e disse a lui in mia pre- 
« senza. 

« Se dunque il mio mi verra usurpato, dovro soffrirlo in 
« pace, ma questo fatto facendo onore ad una dote dell'a- 
« nimo mio, ch'e la buona fede, io non posso dispensarmi 
« dal farlo nolo a tutta i'Europa, accio tutta I'Europa veda, 
« che le disgrazie non hanno fatto cangiar sistema di morale 
« al povero Casanova, ma ch'egli seguita ad adorar la virtii, 
« e ad esser vittima e martire della sua buona fede, della 
« quale 1' Europa tutta , saputo ch' abbia questo fatto, non 
« dubitera piii. 

« In termini poco dis^imili da questi , signor conte, mio 
« venera^o padrone, e coicepito il manifesto, ma mi avviene 
« cosa, che m'impedisce di pubblicarlo. 

« Tutti i consiglieri dell' intendenza di Trieste mi com- 
« piangono, e mi danno ragione, ma mi dicono, che i lettori 
« del mio fatto, ad onta dell'economia della mia penna, che 
« non vuol lagnarsi del signor conte Torres , diranno che 
« toccava a lui ad obbligar Valerio a far il suo dovere, e 
« ch'io anzi non ho nulla a fare con Valerio, onde dedur- 
« ranno che I'attuale diflidente non sia Valerio, ma il conte ; 
« ed io non posso determmarmi a far cosa , che possa at- 
« taccare in nulla il mio adorato conte Torres , che amo, 
« stimo e venero, prescindendo anche da titoli d'obbligazione, 
« che ho seco lui per le gentilezze, che mi uso costante- 
« mente. 

« II mio manifesto sara dunque abbrugiato, e converra che 
« ne faccia un altro, e percio a lei ricorro. 

« Ella, che sa I'arte di scrivere, abbia la gentile compia- 
« cenza di suggerirmi il modo in cui, soffrendo il latrocinio 

MOLMENTl. - Carleggi. 7 



— 98 — 
« di Valerio, io possa palesar al pubblico i diritti miei vio- 
« lati, senza far fare indecente figura a due persone , che 
« entrambi amiamo , e che sono il Conte e il fiscale. La 
« mia penna e imbarazzata in si crudele assunto, e mi con- 
« fesso inetto ; ella mi ajuti , poiche non so come parlare, 
« e non debbo, ne posso tacere. 

« A questo imbroglio pero vi sarebbe un facile rimedio. 
« Eccolo : la prego di leggerlo con attenzione, e di proporlo 
« al suo amico mio rispettabile garante. 

« II signor conte Torres dee con faccia tosta dire a 
« Valerio : 

« Conte : — Perche non date a Casanova i suoi 200 
esemplari ? 

« Valerio : — Perche voglio , che avanti egli mi dia il 
« terzo tomo. 

« Conte : — Egli non ve lo dee che tre mesi dopo che 
« gli avrete dati i suoi 200 esemplari. 

« Valerio : — Mi fu detto, che non mi dara nulla. 

« Conte: — Siete un co..., se vi fa specie questa di- 
« ceria, poiche son io il fideijussore, il pieggio, I'assicura- 
« tore deU'impegno di Casanova. 

« Valerio : — Ma .... 

« Conte : — Ma, andatevi a far bug . . . , e dategli i suoi 
« esemplari per amore, se no, la giustizia ve li fara dare per 
« forza. Io poi vi dico, che, a riguardo mio, Casanova vi daia 
« per le mani mie il manoscritto, subito che avra ricevuti 
« ed esaminati gli esemplari, obbligandovi voi meco di stam- 
« pare due fogli per settimana consecutivamente e contan- 
« domi, nel momento che ve lo do, 25 fiorini per di lui 
« conto. 



— 99 — 
« "Oalerio : — Quando V. S. III. ma mi assicura che avro 
« il manoscritto, vado subito ad ubbidirla. 

« Questo dialogo accomodera il fatto, ed io celebrero 
« Gorizia, se no le faro la stessa imprecazione che Omero 
« fece a Cuma. 

« Sono intanto con vero ossequio, e singolarissima stima 
« Signor Conte etc. 

All' 111.'"° Sig.' Conte Francesco Carlo Coronini ». 

Prima ancora che il Coronini gli rispondesse, il Casanova 
scriveva a un altro goriziano, il barone Soardi (1): 

111'"° Sig.' P."' Col.'"° 

9 Luglio 1774. 

« Cio che puo autorizzare I'ingiuria, che Valerio mi fa, 
« e il dubbio dell'esistenza del mio secondo tomo, dubbio 
« pero, che non doveva turbarlo, se si fosse ricordato, che 
« il conte Emanuel rispose per iscritto all'immancabilita del 
« mio impegno. 11 conte Torres non si euro di fare ch'egli 
« se ne ricordi, e per eccesso di bonta invito me a distrug- 
« gere questo dubbio, depositando il tomo. 

« Se il mio sistema non fosse quello di far dipendere il 
« mio potere dal mio dovere, io I'avrei depositato, ma non 
« volendo io fare quello che debbo non fare, non Io depo- 



(I) II barone Carlo Ludovico Soardi fu consigliere del Ciudizio civico 
provinciale di Trieste e presidente del Tribunale mercantile. Fu create conte 
da Maria Teresa. 



— 100 — 
« sitai. Potrei di jus aver la crudelta di esiger i mlei 200 
« volumi , senza togllergli il dubbio che ha di questa esi- 
« stenza, e punirlo cosi dell'ingluria che mi fece scrivendomi 
« quell'insolente lettera, che mi lego le mani, e che mandai 
« in natura al Signer Prividali , ma non voglio essere cosi 
« severo, e cio per riguardi che ho col mio venerato garante 
« conte Torres. V. S. III. ma e percio supplicata di far che 
« si sappia che il tomo esiste, e ch'esiste fra le riverite sue 
« mani, non pero in quaHta di deposito, ma come cosa mia, 
« che nella stessa guisa che io lasciai a lei a foi"za, posso 
« riprendere a mio beneplacito. Non si tratta di altro, se 
« non dl fare che non si dubiti piii dell'esistenza di questo 
« manoscritto. 

« Io poi do parola d'onore al conte Torres e a lei, che 
« una volta ch'io abbia qui in Trieste i miei esemplari, io 
« perdonero al Valerio , e permettero che stampi il tomo, 
« previo pero una scrittura fatta per man di Notajo, in cui 
« si obbiighi di darmene cento esemplari stampati su carta 
« eguale a quella de' primi, dieci settimane dopo che io gli 
« avro dato il manoscritto, e che all'esibitore del manoscritto 
« conti 25 fiorini. Io poi m' impegnero egualmente di pro- 
« seguire a dargli i tomi fino al termine promesso nel fron- 
« tespizio, sempre pero col tempo di tre mesi fra la pub- 
« blicazione d'un tomo, e la mia esibizione del susseguente, 
« e daro un buon garante del mio impegno, se Valerio mi 
« dara il signor de Prividali garante del suo. 

« V. S. 111. ma faccia, per carita, che questo affare si fi- 
« nisca in bene, e che io non sia defraudato del frutto delle 
« mie povere fatiche dalla prepotenza, prepotenza che potrei 
« abbattere, se avessi la scrittura obbligatoria delle parti ; ma 
« non la ho, perche non volli averla, parendomi che il pre- 



— 101 — 
« tenderla fosse un offendere la onoratezza del sig. Fiscale, 
« il quale la tiene, e non le fa aver forza non so perche, 
« come pure non so per qual ragione egli non rispose alia 
« lettera, che gli scrissi. 

« S. E. Lipomano (1) mi disse jeri sera, dopo che abbiamo 
« cenato, che essendo V. S. III. ma Goriziana, e impossibile, 
« che se ella si interessa non trovi il modo di fare, che mi 
« venga resa giustizia dalla pura amicizia, senza obbligarmi 
« a spese forensi : io gli risposi che cosi speravo. Questo 
« cavaliere consider© , che sono due puntigli ; uno dello 
« stampatore in non volermi dare i 200 esemplari, se pri- 
« ma io non depositavo il tomo ; 1' altro mio in non voler 
« dare il tomo, se prima non avevo gli esemplari, ma che 
« il puntigHo dello stampatore essendo ingiurioso e reo, poi- 
« che contrariamente a patti contratti e scritti, e da riget- 
<= tarsi, ed il mio e degno d' applauso, poiche tende alia 
« convenienza, all' onoratezza , all' osservanza delle stipulate 
« condiziom, ed al sostenimento dell'onore del mio rispet- 
« tabiie garante, ed al mio medesimo, che macchierei dando 
« una soddisfazione ad uno sfacciato affrontatore, che mi 
« scrisse I'insolente lettera, che mandai al venerato Prividali, 
« divenuto , non so come, sordo e muto. Che questa let- 
« tera il Prividali I'abbia avuta non v'e dubbio, poiche la 
« raccomandai al conte Torres, incapace certamente di aver- 
« la ritenuta presso di se. 

« L'avverto poi, che contro i patti si dispensa la mia 
« storia presentemente, poiche sta scritto che non possa Va- 



(1)11 patrizio venelo Gaspare Lipomano, senatore , nato il 1 707 , morto 
il 1778. 



— 102 — 
« lerio distribuirla che dopo avermi dati i miei esemplari. 
« S. E. Coronini, che e ora la principal persona di Gori- 
« zia, fu da me avvertito, che mi si usa questa prepotenza, 
« e non so come possa essere ch'egH non mi abbia rispo- 
« sto, ma cio non ostante la cosa e. Gorizia e divenuta per 
« me una citta che mi fa tremare, e nella quale non oserei 
« piu metter piede, e credermi sicuro che alia testa di trenta 
« mille uomini, tali sono gli effetti del timor panico. 

« Bisogna compatire gli oppressi. 

« Sono etc. 

A I Sig.r ^aron Soardi Consigliere deU'Intendenza ». 

II Coronini, invitato anche dal conte Torres e dal barone 
Soardi , parla al Valerj e cerca di persuaderlo ad accor- 
darsi col Casanova, ma senza buon esito. Cosi il Coronini 
scrive al Casanova : 

« Torres et Soardi m'ont charge de parler a Valerio, et 
« je I'ai fait. Mais je suis fache de vous dire que rien ne peut 
« vaincre son entetement. II m'a ennuye par des longues ge- 
« remiades, et a fini par me declarer qu' il ne veut abso- 
« lument pas vous envoyer les 100 exemplaires, qu'il re- 
« connoit vous etre dus, jusqu'a ce que la matiere du troisieme 
« volume ne soit entre les mains de Mr Prividali. II pretend 
« que la deuxieme partie du premier Tome etant moindre 
« que la premiere, cela s'appelle un crime de consequence, 
« et qu'il essayera des reproches qui ne devraient tomber 
« que sur vous. Je ne connois pas les loix typographiques, 
« ainsi je n'ai rien replique a ce raisonnement. Mon avis 
« et celui de Soardi est que vous envoy ez a Torres ou a 
« moi votre manuscript, et je me charge du soin de vous 



-103 — 
« faire passer par un expres vos 100 exemplaires, sitot que 
« le censeur aura rassure rimprimeur trop inquiet et mefiant » . 

Ma cio non place al Casanova, il quale s'ostina a non 
voler consegnare ad alcuno il manoscritto del terzo volume, 
e s'adombra anche dello stesso Coronini, il quale con molta 
schiettezza gli scrive : 

« Pourquoi me soupgonnes vous d'avoir de I'humeur contre 
« vous ? J'ai pris votre parti lorsqu' il m'a paru qu'on vouloit 
« vous tromper, mais je dois vous avouer que les armes me 
« sont tombees des mains, lorsque j'ai appris que vous re- 
« fuses de suivre les conseils de vos amis. Qu'est-ce que 
« c'est que cet entetement, ce point d'honneur de ne pas 
« vouloir deposer ie manuscript du 3""^ volume ? 

CORONINI. » 



II Casanova si lascio alia fine convincere, e consegno il 
manoscritto del terzo volume, come appare da questa lettera 
del Prividali : 

« ///.'"'' Sig/ P."^ Col.""' 

« Ho tardato sin' ad ora di dar risposta ai fogli di V. S. 111.'"', 
« perche non v'era materia di novita in proposito della im- 
« pressione del manoscritto lasciato nelle mie mani. Per non 
« defraudare il pubblico intorno al proseguimento di si bella 
« opera, la scarsezza del di cui esito mi fa stare attonito, 
« risolsi d'lmpiegare un mio capitale, e con queito soccor- 
« rere lo stampatore. Ora si e ripigliato il lavoro, e con 
« soUecitudine si va proseguendo talmente c'ne poco tardera 
« ad uscire questo teizo volume. 



-104 — 
« Sarebbe bene, che la di lui pubblicazione invogliasse 
in maggior numero gli amatori del bello e del buono, ed 
a tale oggetto pare che potrebbe giovare un brevissimo 
programma, che qualora ella si degnasse di compilarlo co' 
suoi sentimenti , si farebbe pervenire alle Citta , che ab- 
bondano di letterati e di curiosi. Almeno con questo mezzo 
rendendosi piii abbondante lo spaccio, avesse da facilitarsi 
I'impressione de' rimanenti volumi, senza bisogno di porre 
mano ad altro capitale ! 

« Ella acquisterebbe gloria ed io piacere. Presentemente 
ricevera inchiusi i sette fogli stampati, e prossimamente 
altro numero, perche, seguendo I'ofdine intrapreso, possa 
formare I'epitome. Non dubito ch'ella sara arrivata al fine 
dell'opera, che non puo che immortalizzare il suo degno 
autore ne' tratti politici e filosofici punto discosto da Ta- 
cito, il quale dopo tanti secoli rimane pure in bocca di 
tutti. E peccato che non s'abbia pubblicato il di lei chiaro 
nome, a cui spero si lasciera luogo nell' ultimo volume, 
quando tutta 1' opera avra riscosso le laudi ben meritate. 
Sto dunque con impazienza attendendo il quarto volume, 
che prontamente seguira ad uscire, e per fame la spedi- 
zione la piu comoda e meno dispendiosa, sara bene di 
addirizzarlo al Signor Giambattista Damiani librajo a Udine, 
« col cui mezzo le pervenira anche la presente. 

« Non posso dispensarmi di darle notizia che li 4 del 
« corrente mese, nel terzo giorno di malattia, cesso di vivere 
« il Signor Conte Francesco Carlo Coronini (1), che pochi 



(1) II Casanova (Mem. VIII, 437), certo per difetto di memoria, dice il 
Coronini morto piii tardi : « Durant mon s^jour (a Goritz) le comle Charles 
« Coronini... fit mes delices. Cet homme aimabie mourut quatre ans apr^s. 



— 105 — 
« giorni prima essendo ritornato a Gorizia da costi me ne 
« parlo della di lei persona, e mi diede segni non equivoci 
« della stima ed amicizia, che le professava, con la quale 
« io chiudo altresi la presente, e sono inalterabilmente 
« Di V. S. 111.- 

Gorizia 1 7 Maggio 1775. 

*Dev.'"° ed aff."'" serv/' 
Antonio Prividali ». 

Ma, dopo la pubblicazione del terzo tomo, 1' opera non 
prosegue, e questa voka non per colpa dello stampatore. 
Dopo pill dun anno, il Prividali scrive al Casanova : 

« 111.'"° Sig.' "P."' Col.""' 

« Credea gia, che la stimatiss.'"' e amatiss.""^ sua persona 
« non fosse piu in questo mondo dopo il costante silenzio dun 
« anno, che a dispetto delle mie ricerche mi facea ignorare la 
« di lei esistenza. I di lei caratteri mi hanno riempiuto di giu- 
« bilo, e mi fanno vivere contento, quanto la grazia della 
« amicizia , di cui sono onorato. Da canto mio non posso 
« altrimenti attestarla che con le povere mie opere sempre 
« disposte ai suoi comandi .... 

« Per conto dell'lstoria delle turbolenze Polacche io pure 



« Un mois avant sa fin il m'envoya son testament en vers italiens de huit 
« syllabes ». 11 COBELLl (Scriitori Friulano-jJusln'aci cit. pagg. 65, 66) scrive 
del Coronini : « Lascib vart manoscritti in stile bernesco, fra' quali ha merito ii 
« sue testamento, date alia luce 1' anno 1 783 da un sue ammiratore : altre 
« operette fatte per suo diporto hanno meritato il comune applause ». 



— 106 — 
« mi attrovo incantato, dopo uscito il terzo volume ogni cosa 
« si e fermata, composizione, stampa, esito, e non vuole che 
« io m'incanti quando tutto altro mi prometteva 1' aspetto ? 
« Devo chiederle un benigno perdono per essere costretto 
« di farle un giusto rimprovero della poca cura che se ne 
« prende della gloria, la quale avrebbe acquistata col dare 
« I'ultima mano a quest'opera tanto applaudita da elevati ta- 
« lenti, per dire che abbia incontrato il genio universale. II 
« quarto volume, otto mesi prima che fosse uscito il tei^zo, 
« era pronto per la stampa ; tanto mi ricordo che ella mi 
« scrisse, ed ora non essendo punto avvanzata I'opera devo 
« dire che pel corso d'anni due sia stata da lei affatto ab- 
« bandonata. Quando questa noncuranza non mi dasse I'ar- 
« gomento di disperare il finimento, mi accignerei con tutto 
« il fervore a procurare il proseguimento della impressione, 
« e questa libera da quegli errori, de' quali da lei merita- 
« mente bensi e stata accusata, ma non gia dall'autore del 
« Giornale Enciclopedico, che con sua vergogna, e di que- 
« ste stampe lo fa uscire pieno zeppo di errori i piii ma- 
« dornali, che fanno inorridire. 

« Ella dunque si compiaccia di mandarmi il manoscritto 
« di tutto il restante dell' opera, ed io a spese mie m'im- 
« pegno di farla sollecitamente uscire dalle stampe. 

« II secondo tomo della IHade (1) non mi e giunto an- 



(I) lUade di Omero, tradotta in oitava rima, da Giacomo Casanova vi- 
niziano. Venezia, presso Modesto Fenzo, 1775-78, voll. 3, in 4*^. S'era pro- 
messo un quarto volume, ma la stampa non progredi oltre il terzo e ter- 
mino col canto XVII. 11 primo volume k dedicato al marchese Carlo Spi- 
nola, il secondo a Lord Tilney, pari d' Irlanda , il terzo a Monsignor Gian 
Domenico Stratico, vescovo di Capodistria. Nel Catalog© dei manoscritti con- 



— 107 — 
« cora, e quando mi arrivera, godero le di lei grazie, e la 
« meravigliosa e Bella struttura, quanto i di lei comandi, che 
« prego di continuarmi, mentre con la maggior propensione 
« io sono 



Di V S. 111.-- 



Gorlzia, 14 ottobre 1776. 

Aff.'"°ohblig.'"°Dev."'°serV.'^ 

ANTONIO PRIVIDALI » . 



Ma il manoscritto non compariva , nonostante che « pa- 
« recchi non vedendo la continuazione deW Istoria di ^olo- 
« nia, non il IV volume dell' Iliade, lo accusassero , nelle 
« cose letterarie, di mancar di parola ». Cosi con rude fran- 
chezza gli scrive il barone Pittoni, il 9 marzo 1 780. Final- 
mente il tipografo Valerj, stanco di essere tenuto a piuolo 
per oltre otto anni, si decide di adire i tribunali e di chia- 
mare in causa il mallevadore conte Torres. Siamo al 1 784, 
e il Casanova aveva dovuto per una delle sue solite ribal- 
derie, abbandonare un'altra volta e per sempre la patria, 
per ricominciare la sua vita randagia a traverso 1* Europa. 
Era a Vienna, quando gli giungeva la notizia della lite in- 



servati a Dux, compilato dal prof. A. MaHLER CT^sy. des Bihl. Paris, 
1905, XV, 50) la traduzione inedita del canto XVllI si troverebbe nsU'ar- 
chivio dei conti Waldstein. Anche per Vlliade, come per la Storia di Po- 
lonia, I'OTTMANN (op. cit. pag. 122) dice che non gli riusci mai di ve- 
derne un esemplare. Ora, un esemplare di questo libro k a Venezia nella 
Marciana, un altro a Padova nella Biblioleca deH'Universita, un terzo, pure 
a Padova, apparteneva al defunto prof. Emilio Teza. Cfr. TEZA, G. Casanova 
trad, deiriliade (in Alti e Mem. della R. Accademia di Padova, vol. XXVI, 
pag. 45-62. a. 1910). 



— 108 — 
tentata dal Valerj al Torres. Per il Casanova, tutti i torti 
sono, ben inteso, dello stampatore disonesto , che non gli 
aveva pagato il pattuito compenso, e con molta vivacita egU 
espone le sue ragioni in una specie di defensorio, di cui 
s'e trovata la brutta copia nell'Archivio di Dux : 

« 23 Giugno 1 784 — Vienna. 

« Dichiarazione di Giacomo Casanova, scritta da lui me- 
« desimo undici anni dopo un contralto fatto tra lui e Va- 
« lerio de' Valeri, stampatore domiciliato nella citta di Go- 
« rizia, come apparisce da scrittura da ambedue i contra- 
« enti sottoscritta, e della quale garenti i reciproci patti il 
« Nobile Sig.' Conte Emanuel de' Torres, sottoscrivendovi 
« il venerato suo nome. 

« Trovandomi io Giacomo Casanova viniziano in Gorizia 
« nell'autunno dell'anno 1 773, munito di tutti i dottrinali per 
« metter insieme la storia delle turbolenze della Polonia, 
« che furono cagione del memorabile smembramento di quel 
« regno, mi lasciai persuadere dal signor de Prividali di af- 
« fidarne la stampa a Valerio de Valeri, calcografo da lui 
« protetto, e di estenderne i patti che esigevo sopra parti- 
« colare scrittura, la quale dovesse aver la forza stessa come 
« se fosse stata scritta e stipulata da pubblico notajo , la 
« quale dovesse poi essere sottoscritta dal Nob. S. C. Tor- 
« res in qualita di garante, il che questo cavaliere fece nei 
« modi i pill generosi. Estesi dunque la scrittura, della quale, 
« pieno di buona fede , non mi curai di tener copia, ma 
« nella quale mi ricordo di aver detto , che lo stampatore 
« Valeri sara tenuto a stampar a sue spese lutta la storia, 
« dandogli io la materia da me scritta per stamparne un 



— 109 — 

« tomo alia volta, ad ogni tomo stampato obbligandosi egli 
« di darmi in pagamento della mia fatica dugento esem- 
« plari, e zeccKini sei. lo poi mi obbligavo, tre mesi dopo 
« la consegna dei 200 esemplari e dei sei zecchini, di dargli 
« il manoscritto del tomo susseguente, dopo la stampa del 
« quale consegnandomi i nuovi 200 esemplari, ed i sei zec- 
« chini, sarei obbhgato tre mesi dopo a consegnare il terzo, 
« e poi il quarto, il quinto , ed il sesto, e tutta, insomma, 
« la storia, dovendo egii ad ogni tomo mantenermi le stesse 
« condizioni proposte per il primo. 

« Con sommo stancheggio, con incredibile dapocaggine e 
« negiigenza mi diede egli il primo tomo , diviso in due 
« parti, e mi mantenne i patti contratti ; mi diede poi, dopo 
« che I'ebbi molto aspettato, anche la prima parte del se- 
« condo, dandomi i dugento pattuiti esemplari, ma non i sei 
« zecchini. Cio avvenne , non mi ricordo bene, se nell'an- 
« no 1775 o nel 1776. lo scrissi al signor Prividali, ch'era 
« piu di un anno che il manoscritto mio pel quarto volume 
« era pronto , ma che io non mi sentivo disposto a darlo, 
« se in conformita del patto , non mi venissero dati i sei 
« zecchini. 

« II Prividali mi scrisse varie lettere, che non conservo, 
« nelle quali mi eccitava a donare i sei zecchini al suo 
« miserabile protetto, eccitamento a cui io non badai, a co- 
« sto di veder arenata sul piu bello la mia storia, che m'ero 
« impegnato di non stampar altrove , quantunque la viola- 
« zione dei patti mi rendino Hbero. Dopo che rifiutai di 
« donare i sei zecchini a Valerio il Prividali non mi scrisse 
« piu, ed io mi tenni alio sprezzo del vile stampatore , e 
« non mi avvisai di esigere dai conte Tones, in conseguenza 
« del mio diritto, che mi facesse mantenere i miei patti, 



— no — 

« perche non volli esser importune ad un signore , che mi 
« uso ad ogni occasione cortesie in propria casa, ed a cui 
« non volevo esser cagione d'importunita. Volesse Dio che 
« non avessi avuto questo nobile riguardo, ch' egli non si 
« troverebbe ora sorpreso della sentenza , che , per via di 
« cabala, Valerio seppe ottenere contro il conte Torres dalla 
« sovrana Giustizia. lo ho poi testimoni molti in Venezia ed 
« a Trieste, che il quarto tomo era pronto un anno avanti 
« che uscisse alia stampa il terzo , e posso impegnarmi di 
« dare in sei mesi di tempo tutta la storia , la quale sara, 
« al conto che faccio, divisa in otto volumi. Ma prima di 
« fare questa fatica, che non e indlfferente, vorrei nuove e 
« piu solide cauzioni per la sicurezza della stampa , e per 
« i miei doverosi vantaggi. 

« Ott'anni dopo questi incontrastabili fatti, giungo oggi a 
« sapere che I'audace, temerario e bugiardo Valerio attacco 
« per le vie forensi il conte Torres, e che gli riusci di ot- 
« tenere sentenze che costituirono questo signore debitore a 
« lui di fiorini 3000 in circa, per danni cagionati a lui dal 
« non avermi egli astretto a continuare la mia storia. Un 
« tal giudizio emanato da giustissimi tribunali non si sarebbe 
« verificato, se il conte avesse avuto cura di bene informcirli 
« del vero, ma egli trascuro I'affare. 

« Parmi che debbasi ricominciare il processo con quella 
« scrittura alia mano, ch' egli medesimo garanti. Apparira 
« che, non avendomi Valerio mantenuto il patto contratto, 
« io con ragione non seguii a dargli i manoscritti ; il torto 
« di Valerio sara patente. Facile e poi il convincer colui, 
« che io non ebbi i sei zecchini , poiche non puo certa- 
« mente mostrare una mia ricevuta. 

« Questa che asserisco e una verita, che son sicuro, che 



— Ill — 

« il medesinio signer ex-fidele Prividali non potra negare. 

« Qual probabilita v'e, che io non avessi voluto dare il 
« manoscritto per il quarto volume, se fossi stato soddisfatto 
« di cio che mi dovea, mentre per cortesia li depositai in 
« mano del N. H. Zaguri a Venezia ? Se fossi stato io il 
« mancatore , avrei potuto essere giuridicamente citato di- 
« nanzi a magistrati veneti in ott' anni di tempo , poiche 
« dall'anno ]774 fino al mese di Gennaro dell'anno 1783, 
« che fu I'anno passato, dimorai sempre in Venezia domi- 
« ciliato, prima in Frezzeria, poi da quattr'anni in qua nella 
« mia casa in Barbaria delle Tole , che esiste ancora per 
« conto mio con la mia servitu, che vi abita (1). 

« Ora mi sembra che non vi sia quistione d'altro, che di 
« dimostrare, con la scrittura del 3 7mbre 1 773 alia mano, 
« il torto di Valerio , e per conseguenza 1' innocenza del 
« conte Torres. Dopo cio, il conte Torres non si offendera 
« che io proceda contro di lui, per le vie della giustizia, 
« Io incarichero d'indennizzar me della mancanza di Valerio, 
« ed egli poi avendo giusta ragione contro Valerio, Io in- 
« cenerira se vuole, che a me non importa un fico, che sia 
« da Temi esterminato un audace imbrogliatore , che oso 
« carpire con le menzogme a tribunali giustissimi sentenze a 
« se favorevoli. 

« Se gli avversari del conte Torres non fanno giocare 
« carte false, il conte vincera, se poi presenteranno scrittura 



(I) Non dunque nel settembre 1782, come generalmente si crede, ma nel 
gennaio del 1782 (m. v.) cio^ 1783, fu costretfo ad abbandonare la patria 
una seconda volta e per sempre. Che poi il Casanova tenesse ancora a Ve- 
pezia, in Barbaria delle Tole, la casa e i servitori per suo conto , e una 
vanteria da non prendersi sul serio. 



— 112 — 
« falsificate, se ne conoscera forse la falsita , ed una forca 
« sara il luogo dove i lei pagheranno la pena del loro de- 
« litto, o la galera che la sovrana clemenza sostitui all'ul- 
<^ timo supplizio ». 

Le grosse parole del Casanova non valevano a mular la 
sentenza del Tribunale, ma un avversario del Valerj, Giu- 
seppe de Coletti , che dimorava a Gorizia (1), rinfocolava 
i fieri propositi del Casanova. 

« Sig.' e 'P."' Slimatissimo 

Trieste 28 Giugno 1 784. 

« La sua lettera piena di sincerita ml onora e m istrui- 
« see. lo la conservero p. la p.ma ragione, ne faro uso col 
« comune amico sig. conte Torres per la seconda. lo ra- 
« gicnai col linguaggio della sentenza deU'Appellatoiio, che 
« da il regresso contro di lei al conte Torres in condan- 



(1) G-.useppe de Coletti, nato a Roma nel 1774 di famiglia spagnuola 
(Coleta de las Cohetas) , fu allevato dai Gesuiti , e, dopo la soppressione 
deirOrdine, si arrolo in un reggimento di fanti residente in Gorizia. 11 Co- 
letti, un po' avventuriero, ma uomo d'ingegno e di dottrina, che apparteneva 
agli Arcadi di Roma sotto il nome di Coribante Tebanico, fu il consigliere 
pill efficace del conte Guidobaldo Cobentzl nella istituzione dell'Arcadia Ro- 
mano-Sonziaca di Gorizia. Nel 1 782, il' Coletti si trasferi a Trieste , fondo 
una tipografia e pubblico il giornale VOsserVaiore Triestino. Nel 1796 funo- 
minato bibliotecario civico di Trieste, e quivi mori il 1815. (CAPRIN, Pianure 
Friulane. Trieste 1892, pagg. 431, 433). II Da Ponte, che era stato a Go- 
rizia nel 1777, parla delle fiere inimicizie tra il Valerj e il Coletti, il quale, a 
detta del Da Ponte, ersibugiardo, adulalore, simulalore, invidioso. DA PONTE, 
Memorie, v. 1, P. II, pagg. 12, 13. Nuova-Jorka. 1829. Cfr. anche sul Co- 
letti : WURZBACH, ^iographisches Lexikon, vol. II cit., pp. 406-07. 



— 113 — 
« narlo, quando scrissi, che finalmente sopra di lei ad iscop- 
« piar verrebbe questo turbine. Chi avrebbe mai creduto 
« che il conte Torres, quanto pronto ad impiegarsi per gli 
« amici, altrettanto tardo potess' essere in difendere la sua 
« ragione ? Egli si e malamente, o per dir meglio, e stato 
« sceleratamente difeso. Una testaccia di Avvocato che ha 
« del limo per cervello , e che per conseguenza nulla per- 
« cepisce che non lo imbratti, ha sporcato lino alia nausea 
« la chiara ragione di questo Cav. licenziato percio con 
« due sentenze uniformi dalle eccezionali prodotte contro la 
« Valeriana sudicissima istanza. Ma il nodo e presso a giun- 
« gere alio stretto del pettine. Ecco la copia della scrittura, 
« sorgente della lite, come Ella mi comanda. Se io potro 
« dimostrarlo pro viribus , che ambisco di darle veri saggi 
« di amicizia, ella mi credera per un altro titolo, quale ho 
« I'onore di dirmi con p.fetta stima e rispetto 



Suo Um.'"° Serv/' 
Giuseppe de Coletti. 



« Sis.' P."' RiC"" 



« La Procura, che ha lei intestata al B."^ Pittoni, sa- 
« rebbe meglio che Ella la rinnovasse in bianco, spiegando 
« che impartisce facolta p. agire in q.a causa, affinche poi 
« se ne possa investire un Avvocato di qui. II Barone Pit- 
« toni e comparso in giudizio come testimonio a favore del 
« Conte Torres; sicche non puol fare un'altra figura. 

« Io non tralascero cong(iuntura) da provarle coi fatti che 
« la venero, e che sono nuovamente uno dei suoi Um.' fi- 
« del."" Servi 

G. DE COLETTI. » 
MOLMENTI. - Carleggl. 8 



— 114 



* 



Come sla andata a finire la imbrogliata faccenda non mi 
fu dato trovare. Con ogni probabilita chi avra pagato le 
spese sara stato il Torres. Certo e che la stampa della Storia 
di Colonic si arresto al terzo volume, e non e da credere 
che il Casanova I'abbia continuata sino alia fine. Nonostante 
I'asserzione dell'autore, il seguito dell'opera fu cercato in- 
vano tra i manoscritti da lui lasciati. (1) 






m 




(I) U Mahler, nd cit. Calahgo (pag. 50), nota che nell'Archivio di 
Dux si conserva soltanto il lomo II, parte II (pag. 1 - 1 54) deWa^Istoria delle^ 
lurholenze della Polonia dalla morte di ^lisahella PetroiOna. 




1^-Bergv'^ 



I>:i1 ritratto posto uvauti alle sue * 0/ ere 




PARTE IV. 



LETTERE DI VARII AL CASANOVA. 

r\ queste lettere dirette al Casanova, ho cercato dare un 
ordine cronologico , perche potessero profittarne i biografi 
casanoviani. Ma non sempre mi fu possibile seguire que- 
st' ordine, giacche uno stesso corrispondente scrive interrot- 
tamente, a molta distanza d'anni. Ne qui, nei commenti e 
nelle note, ho creduto dilungarmi in troppi particolari di 
persone e di cose, limitandomi a chiau"ire cio che piu spe- 
cialmente conceme la vita del celebre avventuriero. 

Di Francesco Albergati 

(Anno 1771). 

L'ottimo libro di Ernesto Masi illustra con ogni partico- 
lare la vita e le opere dell' Albergati (1). Nato in Bologna 



(1) Laj Vila, I tempi, gli amici di F. jUbergati commediografo del se- 
colo XVIII, Bologna, Zanichelli, 1888. 



— 116 — 
dal marchese Luigi Albergati Capacelli e da Eleonora Ben- 
tivoglio d'Aragona, il 19 aprile 1728, a Bologna mori il 
16 marzo del 1804. 

II Casanova, nelle sue Memorie, parla dell'Albergati due 
volte : una, quando nel 1 760 visito il Voltaire a Ginevra; 
Taltra, allorche nel 1773 si fermo qualche tempo a Bolo- 
gna, e questa volta morde e canzona spietatamente TAlber- 
gati. Cio non toglie che, in apparenza, Timpenitente male- 
dico abbia conservate sempre buone relazioni col nobile bo- 
lognese, come appare anche da questa lettera dell'Albergati, 
piena di benevolenza cortese verso il Casanova. 

Monsieur, 

Ella non poteva impiegare il suo raro talento in opera 
piu erudita che nella Confutazione d'Amelot (1). Ma non 
poteva poi fare uso men buono de' frutti di esso, che nel 
porgere un dono a me. lo il pregio grandemente ; grande- 
mente pregio la mano che me lo invia ; e mi professo co- 
stantemente obbligato alia gentilezza che mi procaccia un si 
be! dono. Desidero anzi di poterne coi fatti, li quali deb- 
bono essere promossi da qualche suo comando, attestar me- 
glio la mia vivissima riconoscenza. 



( 1 ) Confutazione delta Storta del QoOerno Venelo di AMELOT DE LA 
HOUSSAYE. divisa in tre parti, Amsterdam (Venezia). 1 769. Nel 1 768 a 
Barcellona, il conte di Ricla, capitano generale di Catalogna , per gelosia 
della danzatrice veneziana Nina Bergonzi, fece rinchiudere il Casanova nella 
cittadella di Barcellona per quarantatr^ giorni, durante i quali I'avventuriero, 
per rientrare nelle grazie del Governo veneto , compose la confutazione al 
libro, scritto in odio della Repubblica da Abramo Nicola Amelot de la 
Houssaye, d'Orleans (n. 1634). 



— 117 — 

Non e che pochi mesi ch'io lessi 1* Amelot, onde tanlo 
piu dilettevole mi riescera di leggerne si di fresco una saggia 
confutazione. 

Attribuisco io a mala sorte il non avere avuto incontro 
di conoscere personalmente il veneratissimo Signor Conte 
Mirszinsky e mi reputero ben fortunato, se al suo ritomo 
potro conseguire un si onorevole piacere. 

Intanto colla piu perfetta stima mi dichiaro 

Monsieur 

24 Luglio 1771. 

Obb.""' Serv." 
Francesco Albergati. 

Di Giandomenico Stratico. 

(1770-71). 

Fra i tipi di chierici dotti, arguti, galanti, che abbondano 
nel Settecento , Giandomenico Stratico e dei piii sin- 
golari. Un suo biografo, diligente e acuto, il prof. Vitaliano 
Brunelli, ne fa questo efficace ritratto morale : 

« Mezzo frate e mezzo libertino , arcade come il padre 
« Bertola e licenzioso alle volte come 1' abate Casti, rifor- 
« matore come Scipione Ricci e paneginsta dei gesuiti sotto 
« Pio VI, scienziato e religioso a suo modo, maestro di 
« esegesi biblica ed ammiratore degli enciclopedisti, infari- 
« nato di tutte le lingue e di tutte le letterature europee, 
« epicureo come Trimalcione e generoso come il samaritano 
« della parabola » (1). 



( I ) Brunelli, 'OUa ed opere di Giandomenico Stratico , Prefazione. 
Zara, 1886. Sullo Stratico scrissero anche il p. Fabianich, il prof. Ljubic, 
il Ferrari-Cupilli, mons. Bianchi e rAdemollo. 



— 118 — 

Nato a Zara il 19 marzo del 1732, fu nel 1746 con- 
dotto a Roma dallo zio materno, monsignor Castelli, vescovo 
di Cattaro, vesti I'abito di domenicano e fece gli studi nel 
Collegio della Minerva. Nel 1755 pubblico la prima sua 
opera Disputaliones tres de scientia, voluntate et gratia 'Dei, 
a cui fece seguire scritti vivaci di critica letteraria, e fu 
eletto fra gli arcadi col nome di '^essalo Cefallenio. 

Mischiatosi con ardore poco rispettoso in question! di 
gerarchia fratesca, fu confinato nel convento di Santa Maria 
Novella in Firenze , dove seppe acquistarsi la benevolenza 
del canonico Bandini, bibliotecario della Laurenziana, e di 
altri valentuomini. 

Nel 1 763 ottenne la cattedra di scrittura sacra all' Uni- 
versita di Siena ; nel 1 769 fu trasferito a quella di Pisa e 
nel 1 772 di nuovo a Siena, dove gli venne affidato anche 
Tinsegnamento di lettere greche. Nel 1 776 fu inalzato alia 
sede vescovile di Cittanova nell'Istria, da cui nel 1 784 pas- 
s6 a quella di Lesina in Dalmazia, Quivi mori il 24 no- 
vembre 1 799 , lasciando molte opere italiane e latine, 
in versi e in prosa. 

Egli che, come vescovo , si addimostro compreso della 
dignita del suo ministero, obbedendo insieme alle esigenze 
dei tempi nuovi; che riformo i costumi e combatte i pregiudizi 
dei preti, che agevolo il risorgimento dell'agricoltura in Dalma- 
zia e fu del suo largamente benefico, ebbe una giovinezza li- 
cenziosa, dedita agli amori e ai piaceri. 

La vita galante, ch'egli condusse nel suo soggiorno in To- 
scana, e rivelata dalle lettere scritte a parecchi amici, tra 
i quali 1' abate Ciaccheri. Giuseppe Ciaccheri nato a Li- 
vorno circa il 1723, mori a Siena il 1 804, bibliotecario di 
queirUniversita, di cui si rese benemerito, adoperandosi per- 



— 119 — 
che I'arcidiacono Sallustio Bandini e altri ranicchissero di 
libri, di autografi e d' oggetti d' arte. II Ciaccheri stesso 
dono air Universita la sua biblioteca privata , composta di 
cinquemila volumi, e una ricca collezione di quadri di 
scuola senese. Con quest'uomo illustre , ma anch'egli figho 
del suo secolo e facile a sdrucciolare egli pure negli in- 
trighi amorosi, lo Stratico entro in dimestichezza, e nelle 
confidenze epistolari con lui e con altri amici, parla, oltre 
che dei suoi studi e delle sue cure ecclesiastiche , anche 
delle donne, che gli accendevano il cuore e i sensi, Tunc 
e gli altri facilmente infiammabili. 

Nel 1 769 il galante domenicano conobbe a Pisa quella 
buona lana del Casanova; glielo fece conoscere con una com- 
mendatizia suo fratello Simeone Stratico, allora professore a 
Padova. « Qe moine — scrive il Casanova — me fit jouir 
a Pise des charmes de la societe qui faisait ses delices ». 
E non erano delizie spirituali, Non seguiro lo Stratico nelle 
sue avventure galanti, descritte con cruda severita dall'Ade- 
mollo (I) e con piu circospezione dal Brunelli, limitandomi 
a qualche notizia intorno alle donne amate o corteggiate 
dair allegro domenicano e da lui ricordate nelle lettere al 
Casanova, qui pubblicate. 

Nella lettera del 16 aprile 1770 lo Stratico parla della 
marchesa Chigi, il suo amore piu vivo. II Casanova , che, 
recandosi a Siena, aveva avuto dallo Stratico commendati- 
zie per Y abate Ciaccheri e per la Chigi , cosi descrive la 



(I) Fanfulla della Ttomenica, n. 51 del 1882, nn. 8, 16 e 40 del 1883.-- 
ylrch. star, per tjrieste, I'lstria e il Trentino, Roma, 1883, vol. II, fasc. 
4, p. 346 e sgg. 



— 120 — 
Bella, quantunque matura , marchesa, che contava gia qua- 
rantasette anni ed era vedova con dieci figliuoH : 

« Cette marquise etait encore belle , quoique sur le re- 
« tour, et elle devait compter sur ses moyens de plaire, car 
« elle savait suppleer au defaut de jeunesse par les ma- 
tt nieres les plus obligeantes , par les graces les plus natu- 
« relies, par un air affable et aise, par un esprit eclaire et 
« agreable, par la tournure qu'elle savait donner a ses mom- 
« dres propos, par la purete et la grace de son elocution, 
« et surtout par I'absence totale de toute affectation, de toute 
« pretention » (J^e'm., VIII, 56). 

La marchesa Violante Gori-Pannilini vide la luce il 1 723 
a Siena e sposo a quindici anni il marchese Flavio Chigi- 
Zondadari, che ne aveva ventiquattro e che mori nel 1 769. 
La sua bellezza notevole ella conservo sine agli anni ma- 
turi, e sembra continuasse la sua galanteria sino alia vec- 
chiaia. Mori il 3 gennaio 1792 (1). 

Lo Stratico , nella stessa lettera al Casanova , s' occupa 
anche maliziosamente della Gorilla. La vita dell' improvvi- 
satrice Maddalena Morelli Fernandez , celebrata col nome 
di Gorilla Olimpica , e nota. Nacque a Pistoia il 17 
marzo 1727 e sali in tanta rmomanza, che il 31 asosto 
1776 fu solennemente incoronata in Campidoglio. Mori 
in Firenze 1*8 novembre 1800 (2). 

II Casanova era a Pisa sul finire dell' anno 1 760 e fu 
presentato a Corilla, celebre poeiesse que j'avais grange envie 



(1) ADEMOLLO, in Fanfulla della T>omenica, n. 40 del 1883; BRU- 
NELLI, op. cit., P. I, pp. 38 e 39. 

(2) ADEMOLLO, Corilla Olimpica, Firenze 1887. 



{B^i^tt% 







Y^^<3 



Pji£-..y..w:^;>ja_j:-. 



„3^- 



c-JJ^ec S/ia ift^doctapicta Con {{a nnifmi 
i'xi.L-fkni naiH: aiaui' afmni rcbur, si 



r: dctuijxic J 



iii;|iii«miaimiinmimiiiiniiii 




GORILLA OLIMPICA. 



— 121 - 
Je connaitre — egli dice — e aggiunge : « Elle m'enchanta, 
« moins par sa grace et sa beaute que par les jolies choses, 
« qu' elle debita dans un langage parfait . . . Gorilla etait 
« straba (sic), comme les anciens peignirent Venus... (1). » 

Nella lettera dello Stratico al Casanova , del 1 6 apri- 
le 1 770, s' insinua il sospetto che 1' avventuriero veneziano 
alia lista dongiovannesca delle sue conquiste abbia aggiunto 
anche la Gorilla. Ma nel 1 770 la celebre poetessa era a 
Firenze , dove il Gasanova non ando se non dopo il car- 
nevale del 1771, che fini il 13 febbraio. E dopo il suo in- 
contro a Pisa ( 1 760-6 1 ) non appare dalle sue Memorie che 
egli rivedesse altre volte la Gorilla. Se fosse stata sua amante, 
non egli avrebbe taciuto una tale conquista. 

In un'altra lettera, in data 30 aprile 1 770, dello Stratico 
al Gasanova, il frate licenzioso pensa con lubrico compiaci- 
mento alle coscie baldanzose di una Teresina Fortuna. Gon 
uguale concupiscenza, ma con meno ignobili parole lo Stra- 
tico ricorda Isidea, sorella di Teresina. Gol nome arcadico 
di Isidea ^girena si designava la poetessa Maria Fortuna , 
nata prima del 1750, o a Firenze, o a Pisa, o altrove, lungo 
I'Arno. Maria, fiamma di frati e di abati, pare dividesse le 
sue ispirazioni poetiche e i suoi favori tra il Giaccheri e lo 
Stratico. Gostui , scrivendo al Giaccheri nell' ottobre del 
1 769, gli da questa curiosa commissione : Da un hacio ad 
Isidea se lo vuole (2). Delle due sorelle parla anche il Ga- 
sanova {Mem., V, 59). 



(1) Mem., V. 168. 

(2) BRUNELU, op. cit., par. 1, p. 36. 



— 122 — 

Gent.""' Sig.r 'P."^ ed Amico Carissimo, 

Mi sono oltiemodo grate le gentili significazioni d'amici- 
zia, delle quali le piace onorarmi nella sua favoritissima. 
Ella seguita il suo obligante costume nel dichiararsi sodi- 
sfatta della mia compagnia : io ne' momenti che ho avuto 
il piacere di trattarla ho avuto luogo d'ammirare il suo molto 
spiiito e I'estensione delle sue cognizioni. 

Anche i dotti Amici , che la trattennero nella Libreria 
Pissorno, sono restati pieni di desiderio, e Thanno fatto na- 
scere negli altri. Perche mai sono cosi rapide le contentezze 
nella vita ? Mi duole, ch'ella mercoledi non possa partirsi. 
Io non potrei dispensarmi dal rendez-vous di quel giorno in 
Empoli. Ne le mie obbligazioni all'impiego mi lasciano li- 
berta di absentarmi molti giorni da Pisa , ove devo essere 
oggi a otto alia Scuola. Per non confondersi faremo cosi. 
Forse io verro Mercoledi a sera in Firenze, ed Ella dovra 
mandare in Via larga in Casa Medici a sapere se io sono 
venuto. Forse giovedi sera ella mi trovera a Poggibonsi. In 
ogni modo , io vedro se mi potra riescire d' esser seco al- 
meno un giorno. Ma tutto questo non dovra spostare veruna 
delle sue deliberaizioni : e ci riporteremo al caso, operatore 
delle cose migliori : ma faro io la strada alia Fortuna. 

Oggi scrivo a mio Fratello rendendogli grazie della sua 
gratissima conoscenza procuratami. 

Le accludo altra lettera per Mad.^ Chigi, che sara forse 
meno utile perche ho riscontri esser la Dama in Villa, ma 
assai vicino alia Citta. In Siena fara ricerca del Sig.r Bi- 



— 123 — 
bliotecano Ciaccheri, cui scrlvo per la Posta. Ella trovera 
un Filosofo non affettato, ed un uomo nostri gregis. 

Egli le fara conoscere il buono del Paese ed un numero 
di rispettabili amici. V. S. non ischerzi cosi francamente su 
i pericoli, che va ad incontrare in Siena. Se ella ha il petto 
Oraziano , sappia che tutte le Donzelle Sanesi fanno I'ef- 
fetto di Glicera, in esse « Urit grata protervitas, Et vultus 
nimium lubricus adspici » (1). Monsieur: ne attendero le 
nuove. 

La prego de' miei ossequij alia Sig/^ Gorilla. Quanto 
io ho stimata questa Saffo del secolo, senza aver coraggio 
di amarla , avvilito dalla mia uniforme , e da una erronea 
opinione delle cagioni de' di lei genij ! La intende molto 
male il Cavaliere, che giudica felici gli uomini obligati alle 
lettere. Egli non dee sapere che le cognizioni empiono lo 
spirito, e vuotano il cuore, ne deve aver mai pensato, che 
la somma di tutte le notti felici compone la meta della vita 
bene spesa. Io pero non invidio le belle donne a veruno. 
Poco basta, per la bellezza. Invidio le spiritose e leggiadre 
ai loro possessori. In una parola : le Corille ai Sengalt.... 

Faro i suoi saluti al Cap."° Angeli (?) subito ch'io potro 
vederlo. La piego scrivermi da Siena e da Roma, ed au- 
gurandole, « mille puellarum, puerorum mille furores » (2), 
resto in fretta, ma col piii sincero rispetto 

Pisa. 16 aprile 1770 

Dev."'" ObbI."'° Sew/" ed Amico 

G. STRATICO. 



(1) ORAZIO, Odi, lib. 1, ode XIX, vv. 7-8. 

(2) Id., 5a/fVe. lib. 11, sat. Ill, v. 325. 



— 124 — 
2). Jlmico Carissimo, 

Ella incominci dal lasciar meco gli inutili titoli e i vani 
complimenti , poiche le piace onorarmi della sua amicizia. 
Ho gradita la sua censura alia traduzione del Sig.' dal 
Turco (1). lo le ho dato questa fatica come nuova nella 
nostra lingua. Sulle note, io sarei facilmente convenuto della 
loro inutilita. La traduzione a me pare in assai luoghi buona, 
forte, ed Ariostesca, consideratosi il pregio della lettera, ch'e- 
gli siegue. Se si e tanto commendato il Salvini, il cui Omero 
e, a mio credere, la piu pedantesca grammaticale fatica che 
abbia mai sofferta sferza di pedagogo (2) , non e disprez- 
zabile il nuovo lavoro , che finche Saingalt non publichi il 
suo, resta in Italiano il migliore. 

Non converrei che fosse verso sbagliato quello cui manca 
la cesura nel quinto piede. Ella sa le licenze de' lunghi 
poemi. Anche la settima e obbligata ; eppure pote messer 
Petrarca dire il suo « Amico naturalmente di pace » . Io 
non ho presente alcun pezzo del Dante , poiche le scrivo 
in gran fretta, tomato poc'anzi di Pontedera , ne ho tempo 
di ricercarne de' copiosi esempi. Ma egli dice nel Sonetto 
l^anlo gentile : al settimo verso : « e sembra appunto una 
cosa venuta » . 

Cosi r aura trisillaba parmi graziosa in quel luogo , ove 
si vuole, alia Virgiliana, che anche il verso indichi la blanda 
soavita del soggfetto. I dittongi italiani hanno ben questo 



(1) Omero tradolto in ottava rima da GIOVANNI DAL TURCO, Fi- 
renze, 1767. 

(2) Omero opera tradotla da ANTON MARIA SALVINI, Firenze, Tar- 
lini e Franchi, 1 723. 



— 125 — 
privilegio tolto dai Latini, onde derivano. Certamente Vir- 
gilio gli scioglie e lega a suo senno , per non parlare de* 
Greci. Ma io a piii agio le diro le mie tenui considera- 
zioni su tal proposito, come anche sugli occhi neri di Qiove, etc. 

La March. Chigi mi ha scritta una assai puHta lettera 
sul suo proposito. Se questa Dama avesse avuti venti anni 
meno, era spedita per il Sig.*^ di Saingalt (1). Lo spirito, ed 
il talento aggiustato di lei sono non ordinarie cose , ma il 
atto sta, che « gratior est pulchro veniens e corpore virtus » 
ed io scommetterei che le imaginate cosce di Teresina For- 
tuna le hanno ricordata la leggiadra Ebe colle gonne ri- 
volte, con piii forza di quello che la March.* le abbia ri- 
chiamata la maestosa Giunone. Ella non mi dice nulla di 
Isidea sorella di Teresina. Quella fanciulla ha il cuore piii 
vezzoso e ben fatto del leggiadro volto della minore. Ma 
V. S. ha avuto poco tempo di esaminarlo. II mio Ciac- 
cheri e un uomo che ha I'ingegno pari all'animo, ed e filo- 
sofo grande senza ostentarlo. In somma V. S. ha fuggiti i 
cimenti. Ma io le so dire che Siena tende insidie ai sa- 
pienti, e quelle Donne hanno la doppia prosa degli occhi, 
e degli orecchi. Che importa ? 

Un uomo innamorato altamente e un bello spettacolo. 

Omnia vincit Amor, et nos cedamus amori (2). 

Non mi fu possibile combinarmi con V. S. attesa I'an- 
gustia del tempo, che a me rimaneva libero. Ma non ripas- 
sera ella piii di Toscana ? Non avremo un ritrovo comune 



(1) Vedi due lettere (maggio 1770) della march. Chigi al Casanova nelle 
cit. Lell. di donne al Casanova race, dal RAVA pag. I 1 7. 

(2) V'ERGILIO, Eclogae (^ucolica), X, v. 69. 



— 126 — 
in Siena ? Non la invila il delizioso viso, e la piu deliziosa 
Padrona? lo le accludo la lettera scrittami da Madama» 
che la deve interessare di troppo. Ella ne fara discrete uso, 
Aspetto sue lettere di Roma e le scrivero con piu tran- 
quillita d'ozio e di mente. 



Sono di cuore 

Pisa, 30 aprile 1770 



Aff.'"" Jlmico 

G. STRATICO. 



3). ///.""' Sigr. Sigr. P."' Col."'° 

Risposi subito alia sua favoritissima inclusami dal Conte 
Simone mio Fratello, ed essendo io certo , che il dotto e 
spiritoso Monsieur di Saingalt non puo scrivere che da suo 
pari, le confessai che mi sarei fatto un piacere di dar mano 
alia publicazione del suo bel libro, sulle Historic della Po- 
Ionia, facendolo stampare o in Toscana o a Lucca, quando 
fosse tomato meglio ivi intraprenderne I'Edizione (1). Quella 
mia lettera forse ha ritardato per difetto di posta. Io spero, 
che ella Tabbia a quest' ora ricevuta. Comunque sia, io le 
ratifico questo stesso , assicurandola, che subito ch' ella mi 
mandera I'opera, io daro di mano a tutto cio, che sara ne- 
cessario, per una facile, bella e non dispendiosa Edizione. 

Scrivo in fretta, rimettendomi all'altra mia, che nel mese 
scorso ebbi I'onore di scriverle, e col piu vero rispetto mi 
confermo 

Pisa, 16 Febbraro 1771 

IJmo £)mo Obb.'"° 5/^ 
GIOV. DOMENICO STRATICO. 



(1) Vedi la pag. 89 di questo volume. 



— 127 — 
4). Amico Carissimo, 

L' ordinario scorso fu per me cosi pieno d' occupazioni, 
che non mi fu possibile scrivervi piii , che il pregarvi di 
risparmiare a vol, ed a me I'indiscreta Posta, consegnando 
i pieghi a qualche fidato Procaccia , poiche ne parte di 
costa per la Toscana almeno uno la settimana. Ma voi 
avete voluto coll' ultimo Corriere indennizzarmi della spesa 
del primo, cosa che, non dovendo durare, importava vera- 
mente poco. Nulla di meno lascero , cosi piacendovi , di 
farvene un complimento. 

Venendo a cio che importa ho letto i Quaderni manda- 
timi, e gli ho letti con quell'avido piacere, don cui le spi- 
ritbse e belle cose si gustano. 

Vi piace ch' io ve ne dica la mia opinione , con quella 
liberta, che ha per base la molta stima, ch'io fo del vostro 
talento ed ingegno, e molto piu della vostra filosofia ? Trovo 
le note lunghissime, e talvolta occupate in digressioni non 
appartenenti al soggetto. Tale e per esempio quella in cui 
dapprincipio disputate sull'opportunita dell'Epigrafi ne' libri. 
Anche le altre che corredano la Prefazione sono piu lunghe 
del Testo, e spesso piene di cose, che importano poco al 
proposito e che con un colpo di penna maestro si direb- 
bero meglio. Non ve ne reco altri esempj perche scrivo 
fuori di casa mia, e non ho sotto gli occhi il Quaderno. 

Nella Prefazione mi pare che « bellum gemino Troia- 
num ordiaris ab ovo » ( 1 ). Tutta quella diceria sulle vicende 
de* Regni e sulla necessitaT del cattivo medicamento del- 
I'arbitrio de' Regi, credo che sia di piu in una prefazione, 



( 1 ) « Nee gemino bellum Troianum orditur ob ovo > . ORAZIO, Epislole, 
lib. II, ep. Ill {Arte poelica), v. 147. 



— 128 — 
in cui si ha bisogno anche troppo d'esser prolissi, per met- 
tere al fatto il Lettore della costituzione politica Pollaca e 
Russa. 

Oltre di che I'lstorico nana i fatti, tocca con penna vi- 
brata le riflessioni , e fugge le dispute razionali. A tutto 
cio aggiungesi che non si sa se nella parte ragionata di 
quella Prefazione voi burUale , o vogliate dar come vostro 
sul serio queU'empio sistema di dispotismo. II prime e pe- 
ricoloso , il second© da pessima idea d' un filosofo amico 
degli uomini. Perche non isfuggir questo scoglio accennando 
in due parole tutto quel sentiment© ? 

Non mi piace il principiar una cosi interessante Narrazione 
dal Libro cattivo veduto in una holtega di Libraio etc. E 
basso e non ha dignita pel pensiero. Non dovevate aver 
bisogno del cattivo Libro per sapere che i grandi avveni- 
menti hanno piccole cagioni, irsegnandolo Tacito assai meglio. 
Ho anche difficolta su molte giaciture di parole, meno To- 
scane, ma queste sono bagattelle. 

lo ridurrei quella Prefazione ad un terzo, imitando cosi 
i grandi Istorici tanto piii avidamente letti , e leggiadri, e 
maestosi quanto meno parolaj fuori di bisogno. Tacito, Fra 
Paolo, il Voltaire ne recano esempio. 

Aspettero a dirvi il mio parere sul Libro, poiche lo avro 
letto, essendo troppo picciolo il saggio del quarto quaderno, 
per poterne dir nulla. Non trovate male, ch'io vi dica con 
liberta cio che ne penso. Cosi tratto cogli Amici, ch'io 
stimo. Ma non ardirei mutar sillaba se non quanto a voi 
piacesse. 

Parliamo ora dell' Edizione. Trattandosi di materia cosi 
delicata, quanto e il parlarsi del vostro Libro delle vie de' 
Regi, io non tenterei mai di stamparlo alia macchia, senza 



— 129 — 
licenza. Voi non vedete quali tristi conseguenze potrebbe 
procurarvi si fatto metodo. Ma usandosi in Toscana sotto- 
porre i libri ad una segreta revisione , e molto discreta , e 
poi stamparsi senza data , come si e ultimamente fatto di 
tutte le opere del Machiavello, per lasciar molti esempj, io 
lo soggettero alia medesima , e poi trattero della stampa. 
Tutto questo sara fatto colla possibile sollecitudine. 

Riguardo poi agli interessi , io non mi lusingo di trovar 
stampatore che assuma tutta sopra di se questa impresa 
lunga e dispendiosa. V'e il partito di entrare con qualche 
librajo in societa, e sentiro ciocche piii vi piacera di dirmi. 

Intanto vi awiso, come alia fine di Aprile, o ai principj 
di Maggio verro in Roma, ma questo non fara tardare af- 
fatto la stampa, quando altre cagioni non la ritardino, avendo 
io assai culta e discreta persona da incaricarne. 

Vi prego rispondermi a tutti questi Articoli. Del libro 
siate sicuro che si stampera , come voi vorrete , senza al- 
cuna detrazione, fuor che quelle che piacciano al Ministero, 
se sarete cosi di esse contento. 

Intanto amatemi e crediatemi di cuore e senza compli- 
menti 

Pisa, 10 marzo 1771 

y."> aff.'"° amico 
GlO: D. STRATICO. 

A Monsieur Mons.r Casanova di Saingalt 

Roma. 



MOLMENTI. - CaHeggi. 



— 130 



5). Amico carissimo, 

Non vorrei che mi prendeste per un intemperante Cen- 
sore. Animate dalla sincerita dei vostri desiderj, vi ho detto 
la mia opinione sul vostro spiritoso libro. Del resto ne io 
amo molto i miei giudizij , ne sono molto tenace in soste- 
nerli a fronte dell' Autorita , che da alle cose il merito ed 
il valore di scrittori. Laonde , se a voi paiono opportune 
le Note tutte, e non lunghe, sia pur cosi. Speriamo che tali 
appariscano anche ai sig." lettori, Non converrei nel prin- 
cipio , che cio che e bello non e mai lungo : ma anzi, 
attesa la naturale volubilita, e mobilita del cervello degli 
uomini , sarei di parere , che fosse piii vero il converso di 
quella proposizione, cioe che quello che e lungo cessi di 
esser bello. 

Ma io non ho dritto di fare a mio modo il naso ai fi- 
gliuoli altrui. Subito ch'io avro avuto tutto il libro, trattero 
della stampa e della necessaria revisione per evitare i po- 
litici incommodi. Torna malissimo ch'io non Io abbia avuto 
prima della partenza della Corte , quando era qui il Mi- 
nistro Revisore. Ma nondimeno si fara nel miglior modo 
possibile. Dipendera dal soggiomo di mio fratello la mia 
venuta o no a Roma, non avendo io altro oggetto ch'esser 
seco qualche tempo in codesta Capitale. Io gli ho scritto a 
Napoli. Vi prego se e costa riverirlo , e confortarlo a ri- 
spondermi. 

I miei umilissimi ossequij al Sig/ Principe di Santa 
Croce cui potete dire che Io sdegno del mio S. Rev."" 
non e mai fiinito, ma che io sono ormai in grado di prez- 



— 131 - 
zare assai poco quell'ira, onde potro, anche colla disgrazia 
Domenicana, fare all'Ecc.* sua la mia corte (1). 
Amatemi e crediatemi 

Pisa. 25 Marzo 1771 

Vostro Jiff.""' Jimico 
STRATICO. 

6) Amico carissimo, 

Ho ricevuto ieri solamente tutto il piego del vostro libro, 
che percio non ho ancora scorso. Non dubito che sara bel- 
lissimo, ed al sommo interessante. Giovedi andro a Lucca 
a trattarne la Stampa, parendomi cosi convenire, tanto alia 
pulizia deir Edizione , che alia liberta e sollecitudine. Die 
voglia che que' Republicani non temano di lasciar dire de' 
Principi vivi, sapendo bene con Giovenale esser piii sicura 
cosa scrivere di quelli 

Qyorum Flaminia tegitur cinis, atque Latina (2). 

In Pisa sono cattivi e lentissimi stampatori. In Firenze 
non e da ripromettersi di sollecitudine ne' Revisori, ne di 
buona e corretta Edizione , senza la presenza deH'Autore. 
Lunedi futuro potro dirvi piu dettagliatamente quanto oc- 



( 1 ) Del principe e della principessa di Santa Croce parla diffusamente il 
Casanova (Memoires , VllI , 1 87). Don Antonio Santacroce , duca 
di Santo Gemini, si sposo, nel 1761, con donna Giuliana Falconieri, una 
delle piu eleganti dame romane della sua eta. (Cfr. ADEMOLLO, La 
pn'nci'pessa Santa Croce. Fanfulla della 'Domenica, 24 febbr. 1884). 

(2) GIOVENALE. Sal. 1. v. 171. 



— 132 — 
conrera al bisogno. Faro le correzioni da voi trasmes- 
semi. 

Vorrei venire a Roma al principio di Maggio per com- 
binarmi con mio fratello. Dimorero nella Minerva, duro e 
molesto albergo de' galantuomini , che hanno rinfortunio 
d'esser frati. 

Vi godro dove sarete , ed il Palazzo del Principe di 
Santa Croce sara il nostro asilo. Qui rideremo a larghe 
fauci dell'idolo della vanita, cui daremo gl' incensi : poiche 
questa molla guida gli uomini loro malgrado a Roma. Ri- 
veritemi S. Ecc." e ricordategli il mio ossequio. Prevenite 
anche cogli atti della mia riverenza I'Ecc.™* sua Dama. Un 
tempo ero io noto alia Duchessa di Poli. Ma dopo dieci 
anni in un cervello di donna bella e nobile deve essere 
spenta la memoria dun Frate. Amatemi. Io sono 



Pisa, 8 aprile 1771. 



Aff.""' Amico 

STRATICO. 



7). Amico Carissimo, 

Sono costretto sempre a scrivervi in frelta , cosi mi si 
affollano le brighe nel tempo di dover scrivere. Sono stato 
a Lucca, ed ho parlato della vostra Opera. Questa sara 
riveduta dai Revisori , e sara senza dubbio approvata per 
istamparsi , o senza data , o con quella di Lucca. Essa e 
raccomandata al Cavaliere Bernardino Baroni, uno dei piu 
scienziati , ed onesti uomini di quella Republica , ed egli 
stesso si prendera la briga delle correzioni : che percio sa- 



— 133 — 
ranno esattissime ( 1 ). 11 sesto sara in ottavo grande , carat- 
tere testo d'Aldo e le note in garamoncino. Rimane ora a 
parlare degli interessi. lo credo, che dobbiate farla a vostro 
conto. Oltrecche e difficile trovar Librajo per 1' impresa, e 
impossibile far buona Edizione, ove I'avarizia del Mercante 
vi sia interessata. A vostro conto potete guadagnarvi assai, 
ed il Sig/ Baroni impegnata la sua parola, non sara tirata 
neppure una copia piii di quelle che voi ordinerete, 

Fissato il numero degli esemplari parlerassi del prezzo, 
che sara assai onesto. Scrivete subito affinche io prima di 
partirmi abbia tirata la Scritta, e vi si metta mano, e da- 
temi con precisione i vostri ordini. Air.atemi. Sono di cuore 



Pisa, 14 aprile 1771 



Vaff.'"° Amico 
G. D. STRATICO. 



p. S. ^4el caso che risolviate, vi vorra qualche somma 
alia mano , di cui io non faro pagamento che con idonea 
sicurta. 

M'accorgo d'aver scritto in un foglio macchiato di grasso. 
Perdonatemi. Non ho tempo di riscrivere. 



(1)11 lucchese Bernardino Baroni, bibliofilo di molto valore, nulla diede 
alle stampe, tna scrisse molto intorno agli uomini e alle cose della sua patria, e 
le sue opere si conservano manoscritte nella Biblioteca di Lucca. Visse fine 
•gli ottant' anni ed ebbe molti figli dalla moglie Anna Livia Orsucci. Cfr. 
LUCCHESINI, Storia Letteraria, 111, 284-286. 



— 134 — 

Dell'abate Giacinto Ceruti e di fra Pietro 
degli Scalzi. 

(1773-177i), 

Le lettere seguenti si riferiscono tutte ad awenimenti 
della vita romana. La lettera in francese e sottoscritta dal- 
Tabate Ceruti, ma dello stesso abate e probabile sia anche 
quella in italiano, senza sottoscrizione del 25 settembre 1 773. 
Dell'altro epistolografo , fra Pietro priore degli Scalzi, il 
quale scrive da Forli, non mi fu dato trovare notizie. 

Si conosce invece con molti particolari la vita delKabate 
Ceruti. II Casanova strinse amicizia col tristo abate a Roma 
sul finire del 1 770, e cosi ne parla nei Memoires (VIII, 191) : 

« Cet abbe etait beau , savant , plein d' esprit ; mais il 
« etait pauvre, charge de dettes , et perdu de reputation 
« dans Rome..,. Ceruti etait un de ceux que Bianconi em- 
« ployait a ecrire les Ephemerides romaines qui paraissaient 
« toutes ies semaines » . 

Intorno al Ceruti e alle sue poco pulite imprese scrissero 
recentemente il Piccioni {Qiornalismo letterario in Italia, 
Torino, Loescher, 1894), Vittorio Cian {Italia e Spagna 
nel sec. XVIII, Torino, Lattes , 1896, P. II, cap. V), 
I'Ademollo (Corilla Olimpica cit.), e Antonio Valeri (Ca- 
sanova a Roma in Riv. d' Italia, a. II, 2, 1899). 



— 135 — 

1) Roma, 25 7bre 1773 (1). 

Per diminuire la spesa di soldatesca fu fatto passare il 
P. Generale in castel S. Angelo unito ad altri tre che sono 
il P. Assistente di Germania, il P. Sottoministro deH'Apollina- 
re, e il P. Secretario della Cifra, dove saranno custoditi non 
pill come in arresto , ma con le leggi della prigione (2). 

II P. Stefanuzzi sta forte ne' suoi costituti, ne v'e mode 



(1) Questa lettera si riferisce all'eseguimento del famoso Breve ©omi- 
nus ac RedemptoT per la soppressione dell' ordine dei Gesuiti. Intorno a 
questo argomento c'^ una copiosa letteratura , ma piii particolarmente se ne 
occupa il THEINER. Sloria del Tontificato di Ckmente XIV, trad, itai,, 
Milano, 1855, III, p. 230 e sgg. 

(2) « D'ordine della Sacra Congregazione deputata dalla S. di N. S. 

« sopra gli affari dell'abolita Compagnia di Gesii h stato Irasportato, con 

« carrozza deirE.™° Corsini, il Sig. Ab. D. Ignazio Rhomberg, gia assistente 
« di Germania dell' estinta Compagnia , dal Collegio Romano a quello de- 
« gl'Inglesi. Inoltre il Sig. Ab. G. B. Favre, gia Leltore di Sagra Scrittura 
« nel sud. Collegio Romano, ed il Sig. Ab. Giuseppe Romano, stato Ministro 
« del Collegio Germanico Ungarico , sono stati trasportati nella fortezza 
« di Caistel S. Angelo ». Diario Ordt'nan'o, in Roma, nella stamperia Cracas, 
« MDCCLXXin, n. 8512 (25 settembre). 

« Per ordine della Sacra Particolare Congregatzione , coll' approvazione di 
« S. S., Giovedi della passata dopo un* ora di notte, il Sig. Abate D. Lo- 
« renzo Ricci , stato gia Preposito Generale dell' estinta Compagnia , con il 
« suo Segretario e I'Assistente di Germania che erano nel Collegio Inglese, 
« con il comodo delle carrozze , sono stati trasportati nella fortezza di 
« Castel S. Angelo.... La notte del seguente venerdi, con le carrozze custo- 
« dite da soldati, dalla Casa del Gesu e dal Collegio Romano furono tra- 
« sportati alia sopradetta Fortezza gli altri quattro gia assistenti dell'abolita 
« Compagnia... ». Diario ord., n. 8514, (2 ottobre) , pp. 10-11. — Per 
I'arresto del padre generale Ricci, che aveva fatto grande impressione, si 
veda anche ROUSSEAU, /Regne de Charles III d'Espagne (1759-1788). 
Paris, Plon, 1907, I, 399. — E per tutti questi nuovi e inconsueti oapiti 
del Castello, ved. RODOCANACHI , Le Chateau Saint- Jlrxge, Paris. Ha- 
chetle, 1909, p. 235. 



— 136- 
di convincerlo (1). Le sue risposte a costituto sono con 
astuzie che non possono matter niente in carta, e tanto questi 
come il Generale non rispondono subito a quesiti, adducendo 
che secondo le loro regole debbono prender tempo tre o 
quattro giorni : venne loro ristretta la tavola, e tolto il co- 
modo del lume. 

Tutti quelli che stanno ceircerati non vedranno piii aria, 
per essere la maggior parte settuagenarj. 

Ogni giorno si vanno scoprendo copiose ricchezze (2), e 
di tratto in tratto si vedono nuovi carcerati. 

N. S. ha aumentate le guardie tanto de' corsi come de* 
granatieri dappertutto, ma specialmente ne' presidi del Ca- 
stello. Si vede che prende tutte le precauzioni necessarie 
per garantirsi da insidie. 

Si prepara in Castel S. Angelo un magnifico apparta- 
mento, ma non si sa per chi. 

Furono condotti in Castel S. Angelo quattro P. Graduati 
venuti da Napoli per esser giudicati ad istanza della Casa 



(1) « 11 Sig. Ab. Stefanucci, che dimorava nel CoUegio Germanico Un- 
« garico, viene tuttavia detenuto nella Fortezza di Castel S. Angelo:... ancor 
« egli sogiace ai costituti del sopradetto Sig. Aw. Andreetti, per dilucidare 
« alcune cose appartenenti alle soppresse Compagnie, coU'incendio di cairte » . 
TXario oTdinario, n. 8506 (4 settembre 1773), pp. 6-7; dove si dice pure 
che col 27 agosto erano cominciati i costituti di esame stragiudiziale anche 
in confronto dell'abate D. Lorenzo Ricci. 

(2) « Sino da Sabato sera della scorsa settimana [28 agosto] sono stati 
« portati a custodirsi in questo Sagro Monte di Pieta tutti li preziosi argenti, 
« che erano in uso dalle Chiese di S. Andrea a Montecavallo , ed in ap- 
« presso molti altri, ritrovati nelle Case e Collegi delle soppresse Compagnie ». 
Diario ord., n. 8506 (4 settembre 1 773) , pp. 5-6 ; e cfr. per altri se- 
questri di valori il n. 8058 (11 settembre), p. 13. e il n. 8510 (18 set- 
tembre), p. 22. 



— 137 — 
Borbonica (1), per indi essere rispediti in Ispagna a rice- 
vere I'esecuzione della sentenza. 

II Sig. principe Ruspoli fu chiamato da S. S. che gli 
ordin6 di aprire il suo appartamento , onde possa aver ef- 
fetto il perquiratur ordinate, volendosi che tra esso principe 
ed i gesuiti sieno de' secreti negozi. 

II cardinal de Bernis e stato incaricato da S. S. di far 
istanze al re di Francia sopra alcune pensioni appartenenti 
alia Compagnia cola esistenti per la somma di 400.000 
scudi (2). 

II ministro di Spagna ha partecipato al S. P. le grandi 
feste che si son fatte in Madrid per I'abolizione della Com- 
pagnia (3). 

S. S. ha ingiunto al nipote del suo cuoco prete di man- 
gicire con lui ed aver cura di tutto (4). 

I Gesuiti son rei convinti quantunque non confessi. 

Nessun castigo, prigione, fame, puo farli risolvere a vio- 
lare il secret© al quale si credono obbligati. 



(1) Per r atteggiamento del re di Napoli nella questione , cfr. RiNlERI, 
Della rovina di una monarchia, Torino, Un. tip. ed., 1901, pp. XLVII-VIII. 

(2) Simili pratiche diplomatiche il Papa inizio in favore degli interessi 
materiali dei Gesuiti presso tutti gli Stati; e anzi lo stesso cardinale di Bernis 
si dov^ adoperare per indurre all' assegnazione della pensione quelli che, 
come il Portogallo, accennavano a non volar pagare; cfr. THEINER, 111, p. 232. 

(3) Per queste ed altre testimonianze, cfr. THEINER, 111, p. 242; ROUS- 
SEAU. I. p. 403. 

(4) E una notizia che si coUega col timore che si tentasse di avvelenare 
il Ponteflce ; cio che aveva rese necessarie grandi precauzioni : cfr. ROUS- 
SEAU, 1, p. 406, e particolarmente la nota a p. 408. La voce fu ripetuta, 
come si sa, e con piii forza dopo la morte di Clemente : cfr. DUHR, / 
Gesuiti , favole e leggende , trad. Bruscoli, Firenze, Libr. ed. fior., 1908, 
1, p. 62 e sgg. 



— 138 — 

II Santo padre e si inquieto che temesi qualche brutta 
festa pel p. Gen. e pel p. Stefanuzzi. 

L'arciprete di S. Eustachio e dichiarato autore delle ri- 
flessioni simoniache, e dicesi che il re di Spagna lo dimandi 
e I'accusi per autore della sedizione del Giovedi santo col 
padre Farina, autore delle scritture malediche contro Pala- 
fox (1). 

N. S. e partito martedi per Castel Gandolfo : non a ca- 
vallo ma in cocchio, attorniato da 24 soldati oltre la guardia 
solita, e paolotti lungo il cammino. 

Ha raddoppiato le guardie in faccia il palazzo, e le an- 
ticamere, che pria stavano aperte, ora stan chiuse. 

[Ceruti ?] 



(I) Dell" arreslo dell' abate Cat rani , arciprete della Chiesa CoUegiata di 
Sant 'Eustachio, dava notizia il D/ario ord. del 188ettembre(n. 8510, pp. 21 -22); 
e successivamente (25 settembre, n. 85 i 2, p. 23) informava : 

« Portatosi la passata settimana Mons. Alfani nell' Archivio della Colle- 
« giata di S. Eustachio, di cui riteneva le chiavi presso di s^ , vi ha ritro- 
« vate delle stampe ripostevi dall* altre volte nominato Sig. Arciprete Ca- 
« Irani, le quali credonsi d'importanza , per venire piii in chiaro sulle man- 
« canze degli arrestati soggetti ». Si trattava evident emente di un deposito 
di libelli e opuscoli polemici, come ne uscivano molti in quei giorni, irritando 
ancor piu il papa contro le compagnie di Gesii. « On repandait dans le public — 
« scrive il ROUSSEAU (op. cit., I p. 395) — le bruit de sa mort prochaine, 
« on propageait des pamphlets contra Palafox... ». Come si vede, la lettera 
concorda con gli altri documenti, anche quanto all'argomento di quei libelli; 
e si sa come la causa della canonizzazione del pio vescovo Palafox y Men- 
doza, vittima dei gesuiti, si coUegasse nei propositi di Carlo 111 e in tutta la 
lotta diplomatica, con la questione della soppressione della Compagnia (cfr. 
Rousseau, 1, p. 166). — Quanto alle riflessioni simoniache, i da ricordare 
che uno di quei libelli, era intitolato DeU'elezione simoniaca del papa : ed 
era stato attribuito al p. Stefanucci (ROUSSEAU , I, pp. 400-1): cio che 
spiega I'indignazione del Pontefice verso quel gesuita. 



— 139 — 

2) k Rome le 18 9bre 74. 

Monsieur, 

Ne soyez point surpris , si j' ai differe si long temps a 
vous repondre. J'ai passe plus de deux mois a Florence, 
et j'ai trouve chez moi a mon retour vos deux lettres, que 
notre hotesse n'a pas eu 1* esprit de me faire adresser a 
Florence. Je vous fais mille complimens de felicitation sur 
votre heureux retour dans votre patrie (1). Cet evenement 
m'a cause un plaisir inHni, et je vous proteste, que j'en suis 
enchante. Tout s' accomode a la fin et il ne faut jamais 
desesperer. J' ai recu les deux premiers volumes de votre 
histoire [della 'Polonia] et je les ai parcourus avec avi- 
dite ; j' en suis content , mais il sera tres difficile que 
je puisse en parler librement dans les ephemerides : j'en 
parlerai auparavant au maitre du sacre palais , et je 
tacherai de vous servir, et de vous rendre justice. Ecrivez 
moi quelquefois , donnez moi de vos nouvelles, et chargez 
moi de vos commissions. Je parlerai de I'affaire des pisto- 
lets , et je vous en rendrai compte au premier courier, 

Pourriez vous me faire une grace ? il me faudroit un 
bulletin manuscrit, chaque semaine, de tout ce qu' on peut 
inserer dans une gazette, sur I'article de Venise (2) , sans 
blesser en aucune fagon le gouvernement; et surtout il fau- 
droit avoir le precis des lois, des ordonnances, et des edits, 



(1) Diciotto anni dopo la sua fuga dai Piombi, (la nolle del 31 ol- 
lobre 1756), il Casanova, ottenuta la grazia dagli Inquisitori, era rilornalo 
a Venezia nel setlembre 1774. 

(2) II Ceruli, che era uno dei collaboratori dalle E/emeridi romane, cer- 
cava un corrispondente da Venezia. 



— 140 — 
au moins de ceux, qu'on permet de rendre publics. Com- 
ment pourrai-je faire pour I'avoir, et a qui dois-je m'adres- 
ser ? je vous prie de m'eclairer la dessus, et de m'aider ; je 
souhaiterais une relation sure, et bien faite ; j 'attends une 
reponse, et je Vous offre tout ce qui pourra dependre de 
moi, pour voire service. Aimez moi toujours, et croyez moi 
de tout mon coeur et avec tout le respect 
Monsieur 

Voire tres humble et tres obeissant Serviteur 

CERUTI. 
3) Forli. 5 7bre 1774. 

Valorosiss." jimico e Padrone Pregiatissimo, 

Sensibilissimo s'e dimostrato il M.'* Torelli (1) , che or 
ha in pregio, ed affetto peu^ialissimo, all'accennatogli onore 
che siete per fargli nella plausibile vostra storia {della Co- 
lonial. Egli dissemi, che in tal caso gli parrebbe bene man- 
darvi prima qualche succinta memoria di Persone decorose 
sui suoi ascendenti per fame opportunamente un cenno. 



( 1 ) Probabilmente il Marchese Silvio Salinguerra , ultimo discendente del 
ramo di Forli della famiglia Torelli, nato nel 1745 e morto nel 1795. Si 
veda il LlTTA (t. Vlll , 'Corelli , tav. V) dove h detto che salito al 
trono di Polonia, nel 1 790, Stanislao Poniatov^rski, il marchese Silvio fu rico- 
nosciuto nell agnazione del nuovo sovrano, e decorato di ordini cavallereschi. 
Per il ramo polacco della Famiglia , si veda SCHAN, Genealogie de la 
branche polonaise de la famille italienne Torelli, in Giomale araldico. Pisa, 
t. XVI (1889); e DAUGNON, Gli lialiani in Polonia dal IX sec. al 
XVIII. Crema, 1905, I. p. 281. 



— 141 — 
Soggiunsemi appresso : ma e come potro io riconoscente 
addimostrarmi d* un cosi segnalato favore, con orologio , o 
tabacchiera d'oro, o che altro ? Cosi avesse liberta di dare, 
com'egli ha I'animo grande. Prima di spedirgli il \° tomo, 
converra intenderci del come , perche poi a ricever libri 
nuovi vi sono degl' intoppi gagliardi dalla parte dell'Inqui- 
sizione. 

Venerdi probabilmente io mi rechero a Bologna , donde 
ritornato dopo circa otto di, vi daro di questo e dell'altro 
occorrente il ragguaglio. Domani, avverandosi la comun voce, 
dovrebbe il Papa solennemente pubblicare i cardinali nel 
secreto del cuor serbati e la restituzion di Benevento ed 
Avignone, di cui in vece miglior pro farebbergli i due mi- 
lioni esibiti. 

Bontempi suo frate confidente e gran turcimano sara certo 
promosso, e qualch'altro cappuccio (1). 

II Granduca vicino ha pubblicato « invitis superis » la 
piu ristretta riforma de' giorni festivi , e s'e appropriato la 
nomina assoluta del Vescovo di Arezzo (2). 



(1) Aggravatesi le condizioni del Papa, e presentendosi, dai piii, prossima 
la sua fine, era un grande agitarsi di prelati e diplomatici per le nomine dei car- 
dinali, che il Pontefice aveva riserbato in petto. II THEINER (op. cit.. Ill, 
pp. 38-85) descrive questo veramente « tristo spettacolo » di volgari passioni 
intorno al letto di un morente ; e mostra come quelle passioni fossero rmfoco- 
late dal timore per alcuni, e dalla speranza per altri , che nella lista fosse 
compreso appunto il Bontempi. Per la secolare questione della restituzione 
di Benevento ed Avignone, tante volte annunziata e disdetta, si|veda THEI- 
NER, op. cit.. Ill, p. 27! e sgg. e 321 e sgg. 

(2) Sara il Motuproprio del 27 novembre 1773. Cfr. SCADUTO, Slato 
e Chiesa sotlo Leopoldo I, granduca di Toscana, Firenze, I885,|pp.5294, 376, 



— 142 — 
Qui abbiam due teatri in casi particolari aperti.... 
V'unisco i miei rispetti offerendomi. 

// vostro ohh.'"° 

D. PlETRO 

di Giambattista (T^riore degli Scalzi). 



AlVIllmo Sig.r Sig.r Padrone Col. mo 
II Sig.r Cavaliere Casanova Sdngalt 
"Oenezia per 

Trieste. 

4) Forli 7 9bre 1774. 

VaIorosiss.'"° e ^regiatiss.'"° Jimico, 

Non ha ordinario, in che non ricevansi qui delle nuove 
satire contro Papa Ganganelli (1), ma principalmente contro 
il Padre Bontempi, e la favorita Bischi, e qui ven mando 
un assaggio (2). 



(1) . Nessun papa— dice il THEINER (III, p. 392) — fu dopo morto 
ingiuriato in maniera si Barbara, come Clemente XIV »; e riferisce alcune di 
quelle fiere satire « il cui numero giunge a parecchie centinaia » . Si veda 
anche, per i dileggi al Bontempi e al Bischi e a sua moglie Vittoria , SlL- 
VAGNI, La Corte e la socieia romana net secc. XVIII e XIX, Firenze, 
1881, I, pp. 195, 212 e sgg., e per un curioso ritratto dell' equivoca cop- 
pia Bischi, ROUSSEAU, I, p. 348. 

(2) L'cissaggio, che occupa le tre prime pagine della lettera del frate, porta la 
dedica al R. P. Bontempi e Vittoria Bischi, che religiosamente entrambi si 



— 143 — 

Converrebbesi trovar costi un cappuccino amico a cui in- 
dirizzarle per la posta; giacche i Teresiani non godono esen- 
zioni della posta. 

S' aspettano di passaggio gli Em.' Mengazzi e Visconti. 
L'Em. Negroni fu il piii vicino alia gran sorte (1). L'ama- 
bile Virginia [^onaccorsi] vi scrivera in quest'ordinario sic- 
come a me ha promesso e col M.se Torelli io vi abbraccio 
carissimamente. Addid. 

// vostro devot.""' 

PlETRO. 

AW III.""' Sigr. Vadrone Col.'"'' 
II Sigr. Jacopo Casanova Seingalt 
yllle Casenove 
S. Luca 

VENEZIA. 



godevano in legittimo adulteno, sotto I'ombra e la protezione del Pontefice Cle 
mente XIV : 

ANACREONTICA. 

II pannuccio dalla chioma 

SI levo la Tivolese 

da quel di, che giunse in Roma 

nel vestirsi alia Francese 

opra sol di quella rapa 

del defonto stolto Papa, ecc. 

(1) Andavano al Conclave, che fu, come si sa, molto laborioso, essendo 
stalo Papa Braschi eletto soltanto il 15 febbraio 1725. Per il Mengazzi deve 
intendersi il cardinale Cristoforo de Migazzi, arcivescovo di Vienna; I'altro h il 
cardinale Antonio Eugenio Visconti. 11 terzo, il cardinale Andrea Negroni, fu 
veramente vicino al triregno, protetto com'era dalla Francia e dalla Spagna. Cfr. 
SlLVAGNI. op. cit., I, p. 243. 



— 144 — 
Del Conte Giovanni Martinengo. 

(1774). 

Nelle carte veneziane si trova ricordato un abate Zuanne 
Martinengo da Barco, patrizio veneto, nato 1*8 gennaio 1 722 
da Zuan Francesco e da Flaminia Rodengo o Rotingo, 
vivente ancora nel 1797 a Venezia, nel qual anno viveva 
pure a Venezia un altro abate Zuan Francesco Martinengo, 
nipote del precedente , nato il 29 dicembre 1755 {Proto- 
giomale, 1797, pag. 139). 



,Mio Sig/' 

Non lascio a seconda del mio impegno d' avvisarle il 
mio buon arrivo a questa parte. Le aggiungo ancora , che 
per le notizie ritratte credesi che Ottavio un mio parente 
sia morto a Pietroburgo, ma in Varsavia devo avere notizie 
pill fondate, e cio verificandosi , io non passero altrimenti 
cola, ma me ne ritornero sollecito per la via della Prussia 
airittallia {sic /). 

Se nella mia breve dimora in Vienna posso essere idoneo 
air incontro dei suoi comandi , Le offro tutto quello che 
posso e valgo senza riserve, e s'ella ha qualche cognizione 
d'addittarmi in Varsavia, pregola a volermi favorire, nel mentre 
augurandole a S. V. vera felicita ch'ella si degnamente me- 
rita di conoscere rimango. 

Di V. S. 

Vienna, 18 marzo 1774 

©ev.""' Serv. 
Co. Zuanne Martinengo. 



— 145 — 
Del conte Tomaso Medin. 

(1774). 

Questo strano tipo d' avventuriero, che col Casanova ha 
molte rassomiglianze nella vita dissipata « randagia, richiede 
qualche notizia biografica particolareggiata (1). 

II conte Tomaso discendeva da un'antica famiglia di sol- 
dati slavi della Serbia ; ed egli, nato circa il 1 725, a dif- 
ferenza de' suoi antenati , alle armi preferi lo studio delle 
leggi e delle lettere. Probabilmente nel 1 746, il Medin co- 
nobbe a Padova il Casanova e fra i due si strinse presto 
un'amicizia, alternata a fiere discordie. II conte, joueur de- 
termine, presento il Casanova, a una sua arnica, una celebre 
cortigiana veneziana di nome Ancilla, nella cui casa i pia- 
ceri dell'alcova si avvicendavano alle emozioni del giuoco. 
Non e facile indovinare quale dei due avventurieri meglio 
nel giuoco aiutasse la fortuna ; probabilmente tutti e due, 
quantunque il Casanova, protesti d'esser stato lui I'ingannato. 

Dopo una diecina d' anni troviamo il Medin alle prese 
colla Giustizia. Avendo insultato e minacciato di morte un 
suo creditore, il patrizio Gregorio Barbarigo, gl'Inquisitori di 
Stato fanno arrestare il conte violento e lo spediscono so- 
pra una galera in Dalmazia « con divieto di ritornare 
« a Venezia senza precisa permissione del Tribunale, sotto 
« pena della sua indignazione » (2). 



(1) MOLMENTI. // conte Tomaso JiCedin (in Marzocco, 10 luglio 1910); 
Medin Ant. Ancora il conte Casanoviano, (ivi, 28 agosto 1910). 

(2) Arch, di Stato, Inquisitor! di St., Annotazioni, B. 535. 

MOLMENTI. - Carleggi. 10 



— 146 — 

Ma il conte, non badando alia indignazione del Tribu- 
nale, ruppe il bando, onde fu chiuso nella fortezza di Sebe- 
nico. Tomato a liberta, trovo protezione alia corte di Maria 
Teresa, e nel 1 765 fu eletto capitano di Giustizia a Man- 
tova. Abbandono presto 1' ufficio e la moglie, ch'era di nobile 
famiglia mantovana, per darsi senza ritegno a quello spirito 
inquieto di awenture , che lo travolse nella rovina e nel 
disonore. 

Ritornato a Venezia, trascorse nuovamente in minacce ed 
offese contro un altro patrizio suo creditore, il conte Mario 
Savorgnan, e gl'Inquisitori gli intimarono lo sfratto entro il 
termine di ventiquattro ore. 

II Medin ritorno a Vienna, ma anche qui gl'Inquisitori 
dovettero occuparsi di lui. Infatti il Renier, ambasciatore 
della Serenissima a Vienna , spediva due dispacci « sul 
« proposito dellallontanamento da questa Capitale del Conte 
« Tomaso Medin... per aver promossi torbidi a Corte Fo- 
« restiera » (1). 

Continue la vita errabonda del Medin. Nel 1 770 era a 
Napoli e ritrovava il Casanova in casa di quell'altro famige- 
rato cavaliere d'industria, il francese Angelo Goudar , che 
menava vita splendida, insieme colla bellissima moglie Sara, 
la quale entro poi nelle intime grazie di Ferdinando IV. 
Nel salotto del Goudar si giocava alia disperata, e, natu- 
ralmente, sempre con profitto dei padroni di casa. 

Nel 1 771 , i due furfanti s'incontrarono di nuovo a Firenze. 
11 Medin, che cercava anch' egli di coprire le sue birban- 
terie colla veste inorpellata del letterato, si reco tutto umilta 
dal Casanova, chiedendogli quattrini e offrendogli in pegno 



(1) Arch, di Slato, Inq. di St. Jinnot., B. 537. 24 marzo 1768. 



147 — 
una traduzione in versi italiani della Henriade del Voltaire. 

« Je declarai a Medini — continua il Casanova — que 
« sa traduction lui ferait honneur , et pourrait lui devenir 
« lucrative ; mais qu' il m' etait impossibile de la prendre en 
« garantie de 1' argent dont il avait besoin. A ces mots, il 
« me saisit au collet ; moi je lui saute au cou, je le terrasse 
« et le jette a la porte ». 

II Medin pote trarsi d'impaccio coU'aiuto di un altro lesto 
sicofante, giocatore di vantaggio, certo conte Zanovs^itsch^ 
il quale pago i debiti al conte spiantato e lo associo alle 
sue trufferie. Presso il sedicente conte Zanowitsch, dimen- 
ticando le violenti contese, si ritrovavano il Casanova, il 
Medin, e un gaglioffo della stessa nsma , il patrizio vene- 
ziano Alvise Zen , tutti uniti nell' intento di spogliare al 
giuoco un giovine lord Lincoln , quando all' improvviso un 
ordine di sfratto del Granduca (28 die. 1771) getto lo 
scompiglio in quella societa di furfanti. II Casanova dovette 
far fagotto, e se ne ando a Bologna, prendendo alloggio al- 
I'albergo di San Marco, dove, dopo qualche giorno, lo rag- 
giunse il Medin, accompagnato dalla sua amante, e al solito 
senza il becco di un quattrino. 

« Je n' ai jamais vu — cosi il Casanova — cet aventurier 
« que desespere par manque d' argent , et cependant il ne 
« pouvait ou ne savait jamais se resoudre amoderer sa depense, 
« se tirant toujours d'affaue par fas et nefas. II eut a Bo- 
« logne le bonheur de trouver un cordelier esclavon, nomme 
« de Dominis, qui allait a Rome pour y solliciter du pape 
« un bref de secularisation. Ce mome devint amoureux de 
« sa maitresse, qui, comme de raison, lui fit cherement pa- 
«. yer ses faveurs. Medini partit au bout de trois semaines '>. 
(Mem. VllI, 304). 



— 148 — 
« Apres cela — continua il Casanova — il erra une dou- 
« zaine d' annees dans toutes les contrees de 1' Europe, et 
« finit en 1 788 , par aller mourir dans les prisons de Lon- 

« dres ». 

Ma questa deve essere un' invenzione del Casanova. Negli 
archivi carcerarii di Londra non si trova traccia di un pri- 
gioniero chiamato Medin, il cui nome non comparisce nep- 
pure fra i condannati dalla Corte centrale criminale, dal 1 784 
a tutto il 1788. 

II Medin, che, come poeta , fu a' suoi giorni pregiato, 
tradusse oltre la Henriade anche il Ratto di ^Proserpina di 
Claudio Claudiano, il quale ebbe moltissimi traduttori ita- 
liani. Fra tutti riporto maggior lode il Medin, ricordato an- 
che da Giannantonio Moschini nella Letteratura Veneziana 
(Venezia, 1806, to. IV, p. 33). La traduzione del Ratto 
di 'Proserpina fu pubblicata, con il testo a fronte e con una 
prefazione di Gaetano Borselli, nel 1 804 a Brescia dalla ti- 
pografia Bettoni. 

Monaco, li 18 giugno 1774. 

Sig/ Casanova amico stimat.'"° 

Come ? Ella sapeva, ch'io sono in Monaco, e non m'ha 
fatto prima partecipe, ch'Ella era in Trieste ? Avrei qualche 
ragione di dolermi, ma taccio, perche sono compensato dalla 
sua graziosa lettera in data 20 decorso. 

E obbligante la premura , ch'Ella si prese di sapere le 
mie avventure, le quali finora non furono certamente relici. 
Mi convenne fare una lunga penitenza di tanti falli com- 
messi o per inavvertenza, o per passione. 

L' Enriade e terminata , non gia 1' Enrico : riflettendo 



— 149 — 
meglio sullo scrupolo de' Cruscanti Fiorentini , non ho vo- 
lute in grcizia loro mutare un nome , che si puo dire con- 
sacrato daH'applauso di tutte le nazioni. 

L'Elettor Palatino (1) mi ha subito ricevuto. ed egli stesso 
venuto qui in persona pochi giorni dopo, mi diede i piu 
cortesi contrassegni del suo gradimento. Ma il regalo ? II 
regalo e stato una collezione di medaglie in argento de' 
Conti Palatini , cominciando dal 1 200 sino all' anno pre- 
sente. II valore intrinseco e di dodici zecchini circa, il la- 
voro, ch'e bello, a prezzo d'affetto. 

Che le pare, amabiliss." Sig/ Casanova ? Ella dira, che 
sono stato trattato da uomo di lettere. Non e al caso pre- 
sente. Povere mie speranze nutrite per il corso di due anni ! 
Bisognera che studj di trarne profitto per altra via. L'Elet- 
tore e ancora qui : penso di seguitarlo a Manheim, e la 
giuocar di testa per migliorare la mia condizione. 

Godo ch' Ella viva in somma tranquillita , moderando i 
suoi desider] , e tenendo in freno le sue passioni. lo non 
posso dir cosi : il mio ardito sistema m' ha posto in nuovi 
imbarazzi, ma la mia Stella m'ha assistito per uscirne. Ho 
pagato tre mila fiorini di debiti e sono alia vigilia di par- 
tire con tutte le onorificenze. 

Questo Elettore di Baviera m'ha sempre riguardato con 
bonta. M'ha dato cento zecchini per quell'ode che ho fatto in 
onore dell'Elettrice. 

Ecco in breve la mia storia : quanto alia signorina e ri- 



(1) L'Elettore di Baviera Massimiliano Giuseppe, nato nel 1727, morto 
nel 1777. Figlio deU'Elettore Carlo Alberto, che divenne piu tardi I'impera- 
tore Carlo VII, sali al trono nel 1745. Nel 1747 si ammoglio con Maria 
Anna Sofia, figlia di Augusto III, re di Polonia (nata nel 1728, morta 
nel 1797). 



— 150 — 
passata in Italia, ne so dove sia. Ho dovuto liberarmi da 
una lagazza, ch'era divenuta un demonio. Non so come s'e 
guastata, ne v'e stato piu rimedio di rimetterla a dovere. 

Dov' e il famoso Zanovich ? Mi scriva se sa qualche 
cosa di lui. Con la morte di suo fratello poeta , Parnaso 
non ha perduto molto. 

Ella continui ad amarmi : udro con piacere le sue noti- 
zie. Quasi mi scordavo di scriverle , che il sig.r Conte di 
Lamberg e qui, che ho parlato con lui, il quale mi parve 
uomo dotto. Tutti e due abbiamo fatto menzione di lei co* 
termini dovuti al suo merito (1). 

Sono pieno di vera stima 

Dev. ObI.'"° Serv.'^ ed Amico 
C. Medin. 

Del conte Richa. 

(1775). 

I Ricca o Richa (forma di cognome usata nel sec. XVIII) 
erano di Bricherasio e formavano due linee : la prima dei 
conti di Castelvecchio, tuttora esistente, I'altra dei conti di 
Olcenengo, estinta. 



(1) II conte Massimiliano Giuseppe di Lamberg, autore del <^emorial 
d'un mondain, nacque il 22 novembre 1 729 a Briinn, da antica famiglia 
della Sliria. Venne in Italia nel 1 774. Fu uno dei piii affezionati amici del 
Casanova, e diede nel suo Memorial un giudizio lusinghiero, e, per quanto ri- 
guarda I' ingegno, verace sull' avventuriero veneziano, al quale consiglio di 
scrivere le memorie della sua vita. II conte di Lamberg mori il 21 giugno 
1 792 a Kremsier, citta della Moravia. Gli sopravvisse lungamente la se- 
conda moglie Maria Giuseppa, nata von Dachsberg, donna di spirito vivace 
e di varia cultura. Cfr. CASANOVA, Erinnemngen, Miinchen und Leipzig, 
1907-1909, XIII. 




IL CONTE DI LAMBERG. 



— 151 — 
Chi fosse il corrispondente del Casanova , che si sotto- 
scrive col solo cognome, non mi fu dato indovinare, perche 
nel 1775 parecchi conti di Richa erano a Torino. Ma pcirla 
certamente di lui il Casanova nei ^JHCimoires (VIII, 45) : 
« Je passai mon temps a Turin de la fagon la plus 
« agreable, et d'une maniere fort paisible, avec une aimable 
« societe d'epicuriens : c'etait le vieux chevalier Raiberti, le 
« comte de la Perouse, un charmant abbe de Roubian, un 
« voluptueux comte de Riva [T^/ca], et le ministre d'An- 
« gleterre ». 

Car.'"° yJmico Sig.' Qiacomo Stim.""' 

Per aderire all'istanza fattami nel suo graziosissimo foglio, 
eccolo servito dell'informativa della nostra second'opera andata 
in scena la sera degli 21 corr. in cui la Sig.ra Buonafi- 
ni (1) fa bella pompa della sua bellissima persona, ed ap- 
punto avendo io commessa ad un amico che tratta cotesta 
amabile Donna la sua lettera, accio gliene leggesse il Ca- 
pitolo che la risguardava, n'ebbi in risposta I'incombenza di 
vivamente ringraziarlo della sua cara memoria, e di farli sa- 
pere che probabilmente non passa piii in Francia, ma che 
caso venendo si sarebbe approfittato della offertali raccoman- 
dazione a cui certamente non manchero. Sig.r Giacomo si 
stupira che tali commissioni io faccia per terza mano, ma 
eccone li motivi. La Buonafini e bella, ed il bello ha il pri- 

(I) Non h la celebre cantatrice Emilia Bonafini, della quale parla il Ca- 
sanova in una lett. del 6 sett. 1 783 all'ab. Della Lena (Tipaldo, Btografie 
cit. to. 11, pag. 393). Qui il Ricca parla di un' altra cantante Bonafini, di 
nome Caterina, che nel 1 765 era a Venezia al teatro di San Moise can- 
tante d'opere buffe, e nel 1775 alio stesso teatro cantava nella parte di 
'Didone. WlEL, Catalogo cit. 



— 152 — 
vilegio di piacermi, e di indurmi alia volonta di possederlo, 
e questo bello a! certo non si possiede co' vezzi, quando 
questi escano da un organo quinquagenario, onde vogliono 
essere Zecchini, e questa signorina si e dichiarata che vo- 
gliono essere molti per indurla ad una coglioneria ; di que- 
sti ne ho pochetti e questi necessariissimi per il mio mode- 
sto mantenimento, onde non posso tanti emere poenitentiam, 
e sono ridotto alia semplice fornicazione visiva. Ritornando 
pero a bomba nella descrizione dell' opera le diro essere 
questa intitolata Alcina e Ruggero, fatto a Lei ben cognito 
6e\Y Innamorato. Ella e fattura del signor Cigna Santi nostro 
patriota, e, senza volere farla da critico, il merito dell* au- 
tore vale pochi soldoni, e se non fosse il pensiero di eco- 
nomia per non esporla alia spesa della posta, glie ne man- 
derei una copia, quale pero se desiderasse in altro tempo 
la rendero servita. Lo scenario e al non plus ultra del bello 
possibile, e gli abiti corrispondono per eccellenza, e la mu- 
sica, che e del maestro Alessandri, e riconosciuta dagli in- 
telligenti per buona, ma dagli stessi tacciato di plagiato. Ma 
che serve ? Sono tanto sguajati li attori, che non vi si bada, 
di maniera che I'Opera non riesce piu un divertimento per 
I'udito, ma qui solo per I'occhio ; le ariette pero della Buo- 
nafini con un altissimo silenzio poco si sentono, avendo essa 
un organo di voce troppo delicato per il nostro Teatro. (1) 
II tema del primo ballo e la Sposa Persiana , eseguito 



(I) « 1775 — Alcina e Ruggero, Poesia di Vittorio Cigna-Santi, Musica 
« del m.° Felice Alessandri. — Attrici : Caterina Bonafini, Monaca Bonanni, 
« Paola Borelli-Davide. Attori : Giuseppe Campagnini , Giacomo Davide, 
« Pietro Santi »,SACERD0TE, Teatro Regio di Torino dal 1662 al 1890, 
Torino, 1892, p. 75. 



— 153 — 
dalla Giustina Campioni e suo fratello , e dalla moglie di 
questi la Cavazzina, miserabili ballerine, ma due bellissime 
arcibellissime fatture della natura. Questo e una Pantomima 
continua che dura quaiantacinque minuti, senza che da al- 
cun soggetto che la compone si diverta il pubblico con 
passi, salti, capriole ; la Coreografia non c'entra per nulla, 
ed il Sig.r Gambuzzi che ne e il compositore si e fatto po- 
chissimo onore, ne meglio ha riuscito nel secondo ballo, il 
di cui soggetto e una festa militare, in un quartiere di sol- 
dati, in cui la seconda coppia cioe il Sig.r Riccardo Blache, 
e la Sig.ra Fantini eseguiscono un ballo da Pulcinella, ma 
oh Dio ! quando questo viene paragonato a quello che vid- 
dimo negli anni addietro eseguito dal famoso, ed unico Gen- 
nariello ! II tei^zo poi e la grande giaccona, che riesce catti- 
vissimo attesa la debolezza de' nervi degli Operatori, che 
non hanno forze bastanti per ballare questa specie di 
ballo. (1). 

Eccovi in poco I'analisi della nostra Opera, e ad un in- 
telligente provetto basta. Non saro degli ultimi a sottoscri- 
vermi nella proposta sottoscrizione per la stampa del suo 



(1) « 1775 — Balli : 1° La Sposa persiana ; 2" Fesia militare in un 
quartiere di soldati ; 3,^ G^o^ Giacona d' amanti disincantati >> (SACER- 
DOTE, op. e loc. cit.). — Dei ballerini Campioni parlano piu volte i Me- 
moires : Giustina Bianchi Campioni, danseuse parmesane d'une ravissante beauti 
(Vlll, 32). 11 fratello di lei Vincenzo sposo Ancilla, la plus celebre courtisane 
de 'Uenise (11, 287-288), la quale , non mutata nel costume, fu divorziata 
dal marito. ^TliCadama Ancilla Campioni danzo nel teatro San Mois^ nel 
1755. Nel 1764 il Casanova ritrovo il Campioni a Riga, rimaritato con una 
inglese fort-aimable, che doveva essere la Cavazzina menzionata dal Rica 
(Memoires, Vll , 1 34). Gambuzzi (o Gambucci) Innocenzio si trova ricor- 
dato qual ballerino e poi coreografo, come Riccardo Blache (o Bleck). Crr. 
WlEL, Catalogo cit. 



— 154 — 
Italiano Omero, e gia sento che lo stuolo de' letterati an- 
dra dicendo : « Caelo ne peractum fluxit opus ? » ( 1 ) ne 
sia per caderli in pensiero , che per parte mia questa sia 
adulazione , che quelle che penso schiettamente lo dico, e 
deve conoscermi per leale nel mio trattare, Animo dunque, 
e coraggio, e quantunque iniqua sia la tipografica gerarchia 
dapertutto, colla sua giornaliera attenzione assistendo aU'im- 
pressione e revisione, potra averne una finita consolazione. 
Li amici suoi Piemontesi si lusingano di rivederlo, come c' 
ha fatto sperare, ed io in particolare lo desidero per seco 
mangiare un buono Cappone ; Messer Santo Cappone Re 
del Pollame. Agli amabili Cavaglieri Morosini e da Lezze 
li miei saluti ed a lei signer Giacomo mi permetta che ab- 
bracciatolo le significhi il gran piacere che ho di protestar- 
meli Servitore ed amico vero 



Torino addi 25 gennaio 1775 



A Monsieur 
Monsieur laques Casanova 
A lie Casenove. 



RICHA. 



Venise 



( I ) Quae superimposito moles geminata colosso 

Stat Latium complexa forum ? caelone peractum 
Fluxit opus ? . . . 

STAZIO. Selv. I. 



— 155 — 
Dal marchese Luigi Andreasi. 

(1775). 

II marchese mantovano Luigi o Ludovico degli Andreasi 
(n. 1727) fu r ultimo di sua stirpe , che si vuol oggi rap- 
presentata dagli Andrassy ungheresi. Gentiluomo di amabili 
costumi e d'ingegno coltissimo , viaggio molto ed ebbe re- 
lazioni coi maggiori letterati del suo tempo. Lascio parecchi 
scritti, tra i quali notevoli le Memorie sui quattro ullimi 
duchi di ^^antova e i Ritratti di mantovani del secolo 
XVIII. Mori nel 1793. 



Mantova li 26 aprile 1775. 



Mi 



onsieur, 



Je suis tres sensible, Monsieur, a I'honneur que vous me 
fait de m'envoier votre projet d' Association de Homere (1). 
C'est envoier a un amant le Portrait de sa maitresse. Ma 
siccome sono poco in caso di corrispondere alli fisici biso- 
gni di una donna, cosi poco posso fare per soddisfare alle 
sue brame. L'ex-gesuita Ab.e Bozzoli Mantovano (2) ha in- 



(1) La traduzione deW'Iliade del Casanova. 

(2) U gesuita doftissimo Giuseppe Bozoli , nato il 1 724 a San Martino 
dall'Argine, morto nel 1811. Professo lingua greca ed ebraica e leologia nel 
Collegio Romano, e poi, soppressa la Compagnia , si stabili a Mantova. Di 
lui sono a stampa : I' Iliade tradotta in ottava rima (Roma, 1 769-70) e 
VOdisaea, pure in ottava rima (Mantova, 1778-79). 



— 156 — 
trapreso una simile opera, ed ha prevenuti i suoi Concitta 
dini onde non ho fatto per Lei che 4 associati. 

Dopo il mio ritorno da Venezia sono stato incomodato 
da una grave affezione nervosa ipocondriaca , ora sto me- 
glio. Avrei avuto bisogno di quel rimedio , che un abile 
medico esibi al Card.e Mazzarini, che fu preso da un te- 
tro umor morboso , e melanconico, per cui scrisse in una 
Ricetta un peu de Boisrobert, che era un uomo di sommo 
talento, che soleva spiritosamente sollevarlo (1); per me una 
drama di Casanova. La lettera politica fu scritta al fuoco 
del Pad. Romelli (?), correnti calamo ; fra tutti gli amici, 
che venivano nominati avrei avuto piacere , che non fosse 
spiacciuta a S. E. Dandolo, che veramente credo bene ca- 
ratterizzata coll' epiteto di Seducente. Se il mondo dovesse 
aver nuovi principj, e che si dovesse non Eva, ma il nuovo 
Adamo sedurre, mi pare che essa sarebbe la piii a propo- 
sito. Ma miei verdi anni e fervidi dove siete andati ! 

Su due spalle larghe assai 
Ahi che porto bipartiti 
Otto lustri gia compiti, 
Otto lustri, e diciotto anni 
Non confansi e non fan patti. 
Son fra lor quai cam e gatti. 

Adesso faccio come le Carte cronologiche, che segnano 
gli avvenimenti passati, e non ponno figurare i presenti. 



(1 ) L'abate Francesco de Boisrobert, nato a Caen nel I 592, morto nel 1662. 
Scrittore di versi e di prose, di tragedie e di commedie, ma sopra tutto ar- 
gutissimo e piacevolissimo nella conversazione. 



— 157 — 

Vice Cotis, acutum 

Reddere quae ferrum valet, expers ipsa secandi (1). 

Faccia i miei cordiali saluti a Bernardo Memmo e lo as- 
sicuri del mio geniale attaccamento, Lei mi comandi, e si 
assicuri, che sono 

Obb.""" devof"" S. Jlmico 

LOD. ANDREASl. 

Del patrizio veneto Morosini. 

(1775). 

Le tre lettere seguenti sono sottoscritte da un Leopoldo 
Morosini. Ma, per quante ricerche abbia fatte nell' Archivio 
di Stato, nessun Leopoldo Morosini si trova ricordato a 
questo tempo nei Protogiornali, nelle Genealogie Barbaro, 
nei testamenti, nelle Prove di nobilta , ne' Savi sopra le 
Decime, nei Magistrato ai feudi ecc. 

Forse il nome fu mal letto, o mal copiato, da chi tra- 
scrisse, non senza errori, queste carte dell' archivio di Dux. 
Forse si tratta di un Lorenzo o di un Ludovico. Per esem- 
pio, di un Ludovico Morosmi , processato nei 1 762 per 
corruzione alia Giustizia, si trovano notizie nelle Annota- 
zioni degli Inquisitori di Stato (Busta 1076). 

Ma poco importa sapere chi sia lo scrittore di queste 



(I) Ergo fungar vice cotis, acutum 

Reddere quae ferrum valet, exsois ipsa secandi. 

ORAZIO, Ep. L. II, op. Ill, vv. 304-5. 



— 158 — 
lettere, le quali sono curiose, perche vi si parla di un mar- 
chese Spinola, tipo singolare di nobile prodigo e scialac- 
quatore. 

II patrizio veneziano, che non doveva essere una coscienza 
rigida, vorrebbe appunto appiofittare della pazzesca prodi- 
gabilita del patrizio genovese, per fargli acquistare una sua 
villa sulla Brenta. E nessuno piii adatto del Casanova, al 
quale il Morosini si rivolge, per trovare il modo piu efiicace 
di raggirare e d'imbrogliare gl'ingenui. 

Certo un po' matto , ma anche un po' ingenuo doveva 
essere lo Spinola. Delia sua vita e delle sue consuetudini 
parla nelle sue Memorie queH'emerito parassita che fu An- 
tonio Longo (1). 

Piu curiosi particolari ci rivelano le carte degii archivi. 

Non molto felice la vita coniugale dello Spinola, che si 
era separato dalla moglie, una contessa Ernestina Stharen- 
berg, la quale aveva preferito alio sposo il giovane segre- 
tario di lui, Vincenzo Carli. II marchese intento processo 
contro il Carli, e parendogli che i Magistrati andassero troppo 
lenti, voile farsi giustizia da se ; onde ne segui un altro pro- 
cesso contro lo stesso marchese per violenze da lui esercitate 
in T^adova al segretario seduttore (2). 

Le sventure domestiche contribuirono a far perdere quel 
po di cervello che rimaneva ancora alio scapato marchese, 
come ci apprende questo Biglietto di Calice dell' Archivio 
di State di Genova: 



(1) Longo, Memorie, Este, 1842. t. Ill, p. 90. 

(2) Arch, di StAto. Inquisitori di Stale, B.^ 1127. n. 805. 



— 159 — 



« Ser.'"' Signori, 

11 Mag.'^" Carlo Spinola quondam Johannis Baptlste e ora- 
mai divenuto non solo uno spettacolo ridicolo a tutta 1' Italia, 
ma anche all'Europa tutta per le sue stranezze e dissipazioni. 

Egli, ricco dun vastissimo patrimonio riunito da' suoi an- 
tenati m questa nostra citta, lo diftonde in strane guise negli 
esteri paesi, di modo che ognuno lo crede pazzo e prodigo e 
dicesi che fra pochi anni avra consumato ogni cosa , ma cia- 
scuno pero gode dell'altrui prodigalita, non dovendo le Nazioni 
estere pensare e provvedere alle stravaganze e dissipazioni di 
un cittadmo Genovese. 

Tocca bensl a VV. SS. Serm.™^, come padre di lui appor- 
tarvi li necessari rimedi, i quali benche troppo ritardati , pure 
sarebbero sufficienti ad impedire la totale rovina del suddetto 
Mag.<=° Carlo. 

I 780, I I gennaio. 

Se ne rimette copia all'Ecc.mo di Palazzo, perche nel con- 
tenuto di detto Biglietto nferisca. — Per Serenissimum Senatum 
ad calculos (I). » 

Contro la deliberazione di disabilitarlo e d' interdirgli la 
libera jimministrazione dei suoi ^eni , ricorse il marchese 
Carlo, protestando, per sua scusa, che le soverchie sue libera- 
lita non erano state fatte « per vizio di giuoco, ne per il- 
« leciti altri modi , ma per mantenersi in quel decoro che 



(1) Arch, di Stato di Geneva, Residenti di Palazzo, filza n. 169. 



— 160 — 
« la di lui nascita, i ragguardevoli parentadi, ed il suo grado 
« esigevano » (1). 

Difatti era in considerazione di questo decoro che il Mo- 
rosini, mediatore il Casanova, cercava con delicato maneg- 
gio, come scrive il patrizio veneziano , di appioppare alio 
Spinola la villa sulla Brenta. 



1). Padova, 13 luglio 1775. 

Signor Giacomo Stim.'"° 

II grazioso suo foglio mi divert! e mi compiacque nel- 
r iscorgere aver ella ritrovata una assai utile , sebbene al- 
quanto pesante conoscenza. 

Gli rispedisco I'acclusa intorno alia quale lascio a lei il 
pensiere, e la scelta sul Religioso per 1' Isola, non abbiso- 
gnandomene che un solo. 

L'affare seguente e il principale motivo di questa lettera. 

lo ho sopra la Brenta una deliziosa Casa nuovamente edi- 
ficata, e mobigliata a detto universale con molta morbidezza, 
e delicatezza, ne faccio pochissimo uso, in conseguenza me 
ne disfarei volentieri. 

Ad un signore che vuole stabilirsi in Venezia riesce in- 
dispensabile una Casa sopra la Brenta, ed un M.se Spinola 
deve assolutamente averla ; ella dunque intende il resto. Sin 
qui niente piu facile, il difficile si e il modo con cui con- 
dur appresso di lui questo negozio ; guai se si accorge che 
si medita di dargliela , bisognerebbe che se ne invogliasse 



(I) Arch, di St. di Gen., Jllli Dioersorum Collegi, filza 338. 



— 161 — 
da se ; bisognerebbe che credesse ch'io gli sono attaccato, 
e che vi vorrebbe un delicato maneggio per persuadermi ; 
sa ch'ella e mio amico, onde caderebbe in sospetto ; ma si 
suppone che ascolta molto un certo Romanino che sta ap- 
presso di lui ; persona non difficile a guadagnarsi, com'ella 
vede. Lunedl mi porto a villeggiare cola ; verra meco a 
pranzo nel corso della settimana da Venezia, Chiaretta Dolfin, 
mia nipote, e forse qualche altra ; egli sa che puo favorirmi 
sempre che voglia sicuro di farmi onore. lo per altro alia 
sua presenza non direi mai parola di cio, tutto questo mio 
pensiere comunico a Lei perspicace di mente, e di buon 
animo verso di me, ne faccia quel uso che reputa, dandogli 
ogni arbitrio nella duezione e mi protest© 
Signer Giacomo Stim.""" 

ObbL""> 

MOROSINI. 
2). Padova, 16 luglio 1775. 

Signor Qiacomo Stim.""' 

Mi consolo intender ultimata la benemerita opera sua, e 
mi compiaccio assai nlevare essersi trovato contento della 
medesima, come pure della di lei attenzione. II Sigr. M.se 
Spinola, al qual passo, giacche intendo che egli si trattiene 
a Venezia sino ai primi del venturo, e passando io dimani 
per qualche soggiorno al Dolo, mi sarebbe assai grata la di 
lui compagnia a quella parte, ove probabilmente potendo 
avere qualche dama a pranzo mi sarebbe di onore s'egli si 
unisse alia partita. 

Ella dunque puo procurarmi questo vantaggio, per il che 

MOLMENTI - Carteggi. 11 



— 162 — 
pu6 stabilire il giorno prendendo lingua con mia nipote che 
sara dopo dimani a Venezia ; ed in quel caso esser seco 
ella medesimo. 

Nella speranza dunque di riverirla mi raffermo 

Ohhl."'° Servitore 

MOROSINI. 



3). Padova, 20 luglio 1775. 

Signor Giacomo Stim.'"° 

In risposta al di lei foglio diro ch'ella puo intendersi col 
mio Agente riguardo al Religioso, mentre egli spieghera il 
mode con cui dirigersi per condurlo alia deliciosa Pieve, 
giacche non hoi obietto alia persona , essendo da Lei pro- 
posta. 

Sul punto di Spinola non so se abbia a congratularmi 
seco Lei, o a confortarla col desiderargli pazienza ; so bene 
che la sua lettera in sostanza mi fece ridere, e mi porge 
nello stesso tempo per lei favorevoli lusinghe. Pregola rive- 
rire Zaguri , e la sua compagnia , cioe la visibile, e mi 
protesto 

Ohhl.'"° Ser.'^ 
MOROSINI (1). 



(1) Non trovandosi, come si h detto, alcuna Iraccia nei document! di un 
Leopoldo Morosini, queste lettere possono essere del procuratore Lorenzo 
Francesco Morosini. 11 nome di Leopoldo puo essere un errore del copista. 



— 163 — 
Del conte Giorgio di Polcenigo. 

(1776). 

Da un illustre famiglia friulana, i Polcenigo , del ramo 
dei conti di Polcenigo e Fanna, nacque Giorgio , il 3 di- 
cembre 1715, in Cavasso, dal conte Girolamo e da Maria 
Dandolo , patrizia veneta. Coltivo con plauso gli studi 
classici e storici, e pregevoli sono i suoi Saggi de' No- 
hili, de Parlamenti e de feudi del Friuli (Venezia, P'en- 
zo, 1761). Molta fama ebbe, a' suoi tempi e nella sua 
regione, dalle poesie satiriche, talune alquanto licenziose, le 
quali, pur tra le frivolezze e le volgarita, rivelano un ingegno 
atto a cose maggiori (1). 



111'"° S.' 'Padrone Col.""' 



Ho tardato la mia risposta alia gentilissima sua , perche 
volli prima esplorare la qualita del dono impartitomi. Que- 
ste indagazioni aumentarono sempre piii in me i sentimenti 
del piacere e della riconoscenza. Credo pero di poter con 
ragione asserire ch' ella finalmente fa risplendere sul Par- 



(I) F. DI MANZANO, Cenni biogr. dei led. ed art. fnulani . Udine, 
Doretti, 1884. 



— 164 — 
nasso italiano nel suo vero lume Omero in Omero (1). In 
questo lavoro prodigioso e divino non ho io sino a questo 
di vedute ne tante ne maggiori bellezze. Le Muse, che da 
per tutto r anno ispirata , anno in certo modo riservate al- 
cune occasioni d' impegno aU'organo della propria loro ar- 
monica voce. Quanto ella debbe alia loro intrinsichezza e 
favore, altrettanto io devo al di Lei animo e al di Lei ge- 
nio sublime. Per dir tutto, con ischiettezza degna della piii 
Candida amista , vi sono de' versi nella di lei produzione, 
che potrebbero con picciolissimi soccorsi divenir piii grandi, 
e pill sonori, ma con buona pace de' troppo delicati e scru- 
polosi questi medesimi versi dimostrano I'arte, poiche fanno 
risaltare le gradazioni del concento poetico , e formano le 
di lui proporzioni, I'equilibrio, e il complesso, come gli ac- 
cidenti del b-molle, del b-quadro, del diesis Io formano del 
concento musicale. 

Utilita e diletto emana dalle annotazioni, ch'ella aggiugne 
del proprio dovizioso fondo, e comodita somma da quelle, 
che sugli altrui lavori e meditazioni ricavo e uni coU'indu- 
stria pill giudiziosa e piii fina. 

Di nuovo la ringrazio dell' onore fatto a me, ed al mio 
nome, ed aspetto con pazienza il compimento di si bell'O- 
pera, e di si benemerita politezza colla giusta e precisa in- 
tenzione di sapere, e di eseguire i doveri dell'associazione. 

Bacio le mani a S. E. il Signor Zio Marco Dandolo (2) 



(1) Vedi pagg. 106 e 155. 

(2) 11 patrizio Marco Dandolo (n. 1704 m. 1779), uno dei protettori 
del Casanova. 




SIMEON STRATICO 

DE . RE .PIIY5IC A .VNIVERSA 

13 E N E M E II E JN TI S S IM VS 



— 165 — 

aureo vincolo del cuore altrui, e a lei con viva e vera con- 
siderazione e premura, mi scrivo 

Fanna, 12 luglio 1776. 

Di V. S. III.'"'' 

Div.""' obb.'"° Ser.' 
Giorgio di Polcenigo e Fanna. 

Di Simeone Stratico. 

(1777-1789). 

II conte Simeone Stratico, fratello maggiore del vescovo 
Giandomenico, fu uno dei piii dotti scienziati del tempo suo. 
Nacque in Zara, il 10 ottobre 1730, mori in Milano, in 
tardissiraa eta, nel luglio del 1824. Dottissimo di arte na- 
vale e autore di un dizionario di marina in tre lingue, ita- 
liana, francese, inglese, erudito indagatore ed esperimenta- 
tore in alcune scienze , specialmente nell' ottica , fu anche 
intendente di belle arti e di archeologia. A venticinque anni 
fu nominato professore di medicina teorica nell' Universita 
di Padova, dove poi insegno anche matematica, nautica e 
fisica sperimentale. La Repubblica veneta gli affido moiti 
onorevoli e importanti uffici. Caduta Venezia e venuta Pa- 
dova in potere dell'Austria fu deposto dal suo ufficio e ando 
a vivere a Vicenza, finche nel 1801 fu richiamato alia cat- 
tedra di Padova e quindi nominato professore di nautica 
air Universita di Pavia (1). Sotto il Regno italico fu creato 



(1) ROSSETTI, Delia Vila e delle opere di S. Stratico {in Atti del %. 
Istituto Veneto, ser. V, tomo II, 1875). 



Senatore e decorate degli ordini della Corona di ferro e 
della Legion d'onore. 



Napoli, 9 aprile 1777. 



1) J. c, 



L' Abb. Bettoni (1) fece dimora in Napoli ne' due 
mesi di Genaro e Febraro. lo lo conosco molto , ed ho 
imparato a fame conto per la di lui onesta, buon senso, ed 
uso di mondo. Non sapevo il di Lei legame con lui d'a- 
micizia , ma coU' occasione che andero a Sorrento a ritro- 
varlo faremo piacevole ed arnica menzione della di Lei per- 
sona. 

La S.""^ Sera Capriola e ritornata dalla villeggiatura di 
Sorrento. Essa e bella in verita, e mi piacerebbe la di Lei 
compagnia , perche amo il piemontese in donna , e molto 



(1) 11 Casanova conobbe I'abate conte Giuseppe Bettoni a Sorrento. « 11 
avait — cosi nei Memoires — trois mille ecus de revenu et vivait en ce lieux 
« dans I'opulence, jouissant de tous les dons de Bacchus, de Ceres, et meme 
« de Venus, qui etait la divinite de sa predilection » (VIII, 1 34). II Betto- 
ni vide la luce in Bogliaco, suUa Riviera di Salo, il 6 settembre 1 722, e, 
compiuti gli studi in famiglia, nel 1738 (u laureato in Bologna e passb quin- 
di neH'ordine dei preti Somaschi in Roma. Nominato Consultore dei Riti 
e Auditore di Rota, ebbe in Roma e a Napoli cospicue aderenze. Cfr. 
BRUNATI, Dizionariello degli uomint ill. della Riviera di Salb , Milano, 
1837, e Bettoni FR. ^^emone sulla famiglia Bettoni da Brescia, 
Brescia, 1872, p. 21 . 



— 167 — 
pill degli altri in uomo (I). Ma io sono un pigrone di pri- 
mo rango, ed un libro e capace a distrarmi dalla coltura 
d'una bellezza. Un libro poi pasce I'ozio che si chiama let- 
terario, cioe la pigrizia. 

La ringrazio molto per avermi sbarazzato civilmente dalle 
dimande di M.^ Penna. A considerarla bene io non dovrei, 
ancorche sapessi a chi, farla raccomandata in Venezia, dove 
essa spieghera il sue modesto carattere , e si sapra che il 
Papa, che e infallibile, gli fece prendere un mese di le- 
zione di modestia in un ritiro. Ma alia povera Penna io 
non posso scriver queste ragioni. Ho bensi saputo da certo 
fonte che il S. Padre ebbe riguardo al mio Morosini, per 
aspettar di casrigarlo dopo la nostra partenza (2). 



(1) Maria Adelaide del Carretto, figliuola del piemontese Carlo Ottavio 
del Carretto, marchese di Camerano, la quale andb sposa al napoletano An- 
tonino Maresca duca di Serracapriola. II Casanova park di questa « dame pie- 
montaise, belle alors comme un astre, et amoureuse de son mari » (VllI, 134). 
II duca di Serracapriola ando nel 1782 ambasciatore del re di Napoli 
alia Corte di Russia, e nel 1 788 sposo in seconde nozze una figlia del prin- 
cipe Wramzemski. Resto in Russia sino alia morle (27 nov. 1822). Nel 
1770, il Casanova, insieme col Hamilton e colla duchessa di Kingston, 
si reco a visitare il duca di Serracapriola nella sua villa di Sorrento, dove 
era stato relegato dal Re, a richiesta del Tanucci , per essersi mostrato al 
passeggio in una carrozza e con una livrea troppo ricche, contro le leggi 
suntuarie. 

(2) Qui probabilmente Io Stratico allude a qualche intrigo scandaloso di 
un giovane patrizio Morosini, del quale era stato governatore. Nel 1771 Io 
Stratico era giunto col suo allievo a Firenze e vi avea incontrato il Casa- 
nova. Lo Stratico era caduto di carrozza, s' era rotta una gamba e aveva con 
poca avvedutezza affidato il giovane patrizio al Casanova, il quale cosi scrive 
nelle sue Memorie : « Le pauvre comte s'etoit casse la cuisse , et craignant 



— 168 — 

Mi piace assai che il P. Stratico attenda con impegno 
al di lei libro [Istoria della Polonia] (1). lo gli ho scritto 
con diligenza rispondendo alle di lui lettere. Se viene in 
Roma nel corso del mesa venturo noi ci saremo. II Gioia (2) 
mi favoii del biglietto del Tesorieie, quando arrivammo in 
Roma, e debbo valermi di Lei per non marcare un disgusto 
che non ho. Sono peio molto sensibile alia gentile di Lei 
offerta. 

La pace si opera efficacemente , e direttamente tra Pe- 
tersburg e Costantinopoli. II Turco non vuole mediatori, che 
teme piii del suo potente nemico ; e se la guerra sussiste, 
questo sara perche 1' Imperatore ed il Re di Prussia vor- 
ranno per forza far da mediatori, Questo metodo d'attaccar 
una guerra e quello che tenne la presente Czarina in Po- 
lonia, dove per protezione gli porto la rovina. 

Ho scorso in questi giorni una dissertazione dun Diodati 
Napolitano , de Christo Grece loquente. Sono gia tre anni 
che e alle stampe e dedicata alia Czarina , che regalo e 
benefico e distinse questo sacro pedante , il quale non sa- 
peva poi che la liturgia Russa e Illirica , non greca. Che 
strepito fa costui per sciogliersi dall' obietto delle parole : 



« d'abbandoner le jeune homme a lui-m6me, il me pria de le suppleer et de 
« partager, s' il ^loit possible, ses plaisirs, afin d'empecher que 1' etourdi ne 
« tombat en trop mauvaise compagnie ». Peggior compagnia non si poteva 
scegliere; lo stesso Casanova aggiunge con cinica schiettezza : « Par pure 
« amitie pour le comte, je me fis pendant quelque temps le compagnon de 
«d^bauche de son ^l^ve » (VllI, 281). 

(1) Vedi pag. 126 e segg. 

(2) Forse qui si parla di un Gaetano Gioia ballerino, che faceva parte del 
corpo di ballo del teatro San Carlo di Napoli. 



— 169- 
Eli Eli lama sahactlani ! (1). II Goudart stampo ultimamente 
una lettera diretta alia Czarina,' dove la felicita in francese 
della prosperita di sue armi, e biasima I'lmperatrice Regina, 
e li Veneziani perche ad essa non s'uniscono per eliminare 
dall'Europa il Turco (2). Scommetto che non sara premiato 
come il Diodati. Eppur sara vero che non lo meritano ne 
I'uno ne I'altro. 

Vorrei che uscisse presto il di Lei libro , perche se la 
guerra finisce ne scema molto la curiosita. Mi dica quanti 
fogh ve n'ha di stampati. 



(1) Domenico Diodati, napoletano (nato nel 1736, morta nel 1801), 
scrittore ed erudito. Fece, a* suoi tempi, gran romore una sua dissertazione, 
T>e Christo greet loquenle, con la quale , raggricchiando 1' ingegno alle an- 
gustie piu che meschine di una strana congettura, voile, dimostrare che Gesu 
Cristo, la Vergine e gli apostoli altra lingua non parlavano fuor che la greca, 
come quella che, fin da tre secoli avanti alia fondazione del Cristianesimo, 
era usata in Egitto , in Siria , in Palestina e in Giudea. Ma non erano in 
lingua greca le parole ricordate dallo Stratico, pronunciate da Gesii agoniz- 
zante sulla Croce e che in ebraico suonano propriamente cosi : (Sli , &i. 
Lama Gnazavtani ? (Dio mi'o, perche rr\i abbandonasli ?). 

(2) Angelo Goudar (vedi pag. 146), nato a Montpellier nel 1 720 circa, 
mori nel 1791. Lascio la Francia per I'lnghilterra nel 1 760. Intorno a que- 
sto tempo sposo la bellissima Sara, tolta da una taverna di Londra e tras- 
formata in dama di squisita eleganza. Un libro, ch'egli scrisse sui vizi della 
amministrazione napoletana, gli frutto I'esilio dal reame. Torno in inghilterra, 
dove nel 1779 pubblico il suo (Sspion francais a Londres, Le sue opere di 
genere svariato sono numerosissime, ma la lettera del Goudar alia Czarina, 
ricordata dallo Stratico, mi h ignota. Non la conosceva neppur I'ADEMOLLO 
nella Bibli'ografia da lui data in fine del suo volumetto Un aoventurt'ere 
francese (Bergamo, 1891). 



— 170 — 

Margherita (?) e una cattivella. Con me far patti ? Se si 
rendeia a discrezione, io gli accordero li onoii della gueira. 
Me la saluti pero, e se la coltivi, e la formi per la societa : 
cioe si diverta con quelle belle lezioni di morale , che gli 
da giornalmente. 

Abbiamo qui mold Russi , ed ultimamente arrive il ge- 
nerale Schuwalow (1). Sono stato ne' passati giorni a Pesto, 
citta nella quale non restano che tre templi di grandezza e 
maesta singolare (2). Io non vidi ne ho letto che altrove in 
Europa si trovino antichita cosi rispettabili come que' tre 
templi. 

S'attende qui con impazienza il nuovo ministro sardo. 
Mi dica come fa parlare di lui il Coadiutore Ministro dato 
al Rivera. Spero che se ne parli bene perche certamente 
Io merita (3). 

Mi continui la sua buona amicizia e mi creda 

Suo aff.""" Jlmico e ©.""' 
SlMEONE STRATICO. 



( 1 ) Mi avverte Salvatore di Giacomo che il generale Schuwalow deve esser 
andato a Napoli per suo piacere e non per affari politici, giacch^ di lui non 
si trova menzione nella Cronaca del Dal Pozzo, n^ in quella manoscntta del 
Florio. Ivan Schuwalow, ciambellano dell' imperatrice Elisabetta, che Io 
incarico di sovrinlendere alle belle arti in Russia, viaggio per tutta Europa 
e si fermo lungamente a Parigi. PubbUcb in francese diverse opere e fu pro- 
tetto anche da Caterina 11. Nacque nel 1727, mori nel 1798. 

(2) I due templi di Neltuno e di Cerere e la Basilica. 

(3) L'inviato straordinario della Corte di Torino era il commendatore In- 
cisa di Camerano. 



— 171 — 
2) A. C, 

Ricevo il paro di calzette ch'EUa mi fece lavoiare e ne 
sono contentissimo , anzi la prego di procurarmi dalla per- 
sona che fece questo primo pajo il lavoro degli altri cin- 
que paja, anche in cinque mesi se tanto tempo fa bisogno. 
II Zanetti (?) e dispostissimo per Lei. lo gli ho parlato 
e scritto. Egli vuol dirigere le cose in modo prudente, cauto, 
efficace per I'interesse d'amendue. Verra qui tra pochi giorni 
e r accerto che avro presenti le di Lei premure. Intanto 
Ella s' abitui alio stile di gazzetta , il quale e pur uno e 
di verso dagli altri. 

Buon viaggio per la Romagna. Si diverta e stia bene. lo 
sono con buona amicizia 



Padova, 7 giugno 1 779. 



3) J C, 



Suo aff.""" 

SIMEONE STRATICO. 



Ho ricevuto il pacchetto ed oggi ho spedito i quattro 
agli associati da lei indicatimi. Questo numero riesce vago 
e mi pare che riuscira interessante. 

Non si tratta di comparire, ma d'essere coraggioso. Per 
i guai della salute veramente la filosofia e la ragione non 
anno compensi ; ma bensi per quelli della fortuna, i quali 
flnalmente possono tutt'al piii diminuire la somma dei piaceri 
e de' comodi. 

Dunque Ella per ora deve farsi il suo principal affare, 
quello di rimettersi bene e tranquillizzare e riordinare il fi- 



— 172 — 
sico, perche , se e vero il di lei apologo dell' augello am- 
malato , e ancor piu usuale quelle indicate dal proverbio 
veneziano : La naranza marza se huta in scoazzera. 

lo tengo presso di me il danaro ricavato dai di lei libretti ( 1 ), 
ed aggiungero quelle che mi verra in appresso per conse- 
gnarglielo , quando passera di qui per andarsene all' acque 
d'Abano, dove mi lusingo ch'EUa ricuperera col buono della 
salute quello dell' animo a Lei proprio. Sono con buona 
amicizia 



Padova, 21 Maggio 1780 



4). A. C, 



Suo aff.""" Jlmico 
SlMEONE STRATICtO. 



Spediro a tutti i nomi gli esemplari trasmessimi. Quattro 
degli associati, cioe, il P. Innocenzio Massimo, P. Cristo- 
foro Massimo, P. Mantovani e P. Borromeo desiderano 
di non continuare I'associazione, e di godere della permis- 
sione del Manifesto , ond' Ella puo cancellarli dal Cata- 
logo. 

Generalmente non si prende qui interesse nella materia 
di questi giornali. lo ho dunque appresso di me il valore 
delli miei sei Associati per il prossimo mese, e degli altri 5 
del primo mese : ed ho ancora il valore di 5 di febbrajo, 
e di tre de' miei in tutto della di Lei ragione L. 36. — 

Desidererei di fame, ma in questa citta lo veggo impos- 



(I) Gli OpuscoU Miscellanei ricordati a pag. 88. 



— 173 — 
sibile. Ella puo credere che e in me vivo il desiderio di 
giovargli, ma non mi si presentano opportuni incontri quali 
veramente vorrei. 

La prego di presentare i miei ossequii all' Ecc,'"° Giro- 
lamo Diedo (j) all'occasione di vederlo e sono in buona ami- 
cizia 



18 aprile 1780. 



5). A. C, 



Suo off.""' 

SIMEONE STRATICO. 



Non ho per anche ricuperato il pacchetto dalla posta. Lo 
ricuperero, e ne faro il solito spaccio dandone uno anche 
a P... che e qui, e va meglio mediante I'uso de' bagni. 

Mi e gratissima la notizia qK Ella mi da delle dispute 
seguite jeri I'altro. lo gia avevo saputo con quanta energia 
e facilita 1' Ecc.""" Diedo avesse difesa la sua opinione e 
come fosse riuscito vittorioso nella ballottazione. Attend© le 
notizie del risultato del Pregadi d' oggi sullo stesso argo- 
mento, per scrivere all' Ecc.""" sig. Girolamo, e significargli 
la mia vera compiacenza nell'aver inteso a celebrare senza 
equivoco la di lui azione. 

Ella vedra rEcc""" Pro/ Morosini, il quale sostenne due 
accessi di terzana , che pareva ed era doppia, frenata con 
la China. Venne costa questa mattina, e ritornera a Padova 
domani. 



(I) II Senatore Gerolamo Diedo nato il 1731, ammogliato nel 1765 con 
Alba Priuli. 



— 174 — 
II Pittoni, col quale abbiamo passate qui molte buone 
ore, fu ad Abano , assai sorpreso di non ritrovarla. Sup- 
pongo ch'Ella lo avra veduto costi. Sono desideroso di no- 
velle di Venezia per ora : me ne fornisca per farmi grazia. 
Sono 

Padova, 5 agosto 1 780. 

Suo af.'^" 

SlMEONE STRATICO. 

6). A. C, 

Sento ch' Ella va ad intraprendere un viaggio sollecito 
per Parigi, di breve dimora e di pronto ritorno (1). Desidero 
di tutto il mio cuore che ogni suo passo e maneggio sia 
secondato dalla fortuna , ne dubito punto che sara diretto 
con ottimo consiglio ed avvedutezza. L'impresa ad ogni modo 
e ardua ed esige tutto I'uomo. Piacemi che per questa via 
le risplenda un raggio di buona speranza. lo non dubito che 
Ella vorra vedere e profittare de' consigli del buon vecchio 
Goldoni , il quale per la lunga dimora in Parigi ha cono- 
scenza non meno di quella Capitale che di Venezia ; rela- 
tivamente al Teatro potra esserle utile co' suoi lumi (2). 

Ella puo essendo in Parigi farmi il favore di ricercare 
quali libri recenti , ordinanze , istruzioni vi fossero intorno 



(1) II Casanova non ando allora a Parigi; vi ando soltanto nel settembre 
del 1783, dopo aver lasciato per sempre Venezia. 

(2) Gia nel 1 760, nella sua visita al Voltaire a Ginevra, il Casanova si 
vantava d'essere amico del Goldoni, del quale lodava « I'extr^me douceur 
de caract^re ». {Memoires, IV, 462). 



— 175 — 
alia costruzione delle Strade Regie , e di questi farmene 
provvista , avvertendola che amo piu in questo articolo I'i- 
struzione che il lusso tipografico. Se inoltre vi fosse qual- 
che recentissimo libro e coUezione d'esperienze Elettriche 
me la procuri, anche in questo procurandomi piuttosto qual- 
che novita che cosa di antico credito. 

Le trasmetto due copie de* programmi della nostra Ac- 
cademia (1), anzi quattro per tutto I'uso che potesse fame. 
Si conservi , faccia buon viaggio malgrado al doverlo fare 
in compagnia, e mi creda con vera amicizia 



Padova, II 7bre 1780. 



7). Sig.' Padrone 'Preg. 



Suo affez.° 
SIMEONE STRATICO. 



Due di Lei lettere mi sono pervenute nel corso di que- 
sto mese ; anzi nel momento in cui ero per rispondere 
alia prima mi giunse la seconda. Prima di tutto Le rendo 
grazie della memoria cortese che di me conserva, e d'aver 



( 1 ) L'Accademia di Padova, tra le piu antiche d'ltalia, ebbe la sua prima 
origine nel 1 540 con 1' Accademia degli Infiammati , che poi , mutando il 
nome, ma non I'essenza, si chiamo degli Elevati, degli Eterei, degli Animosi 
e dei Ricoverati (1600). Nel l779ilSenafo veneto approvo la unione del- 
r Accademia dei Ricoverati con quella di Arte agraria , istituita nel 1 769, 
e la nuova Accademia venne divisa in 4 classi : filosofia sperimentale , filo- 
sofia speculativa, matematiche , belle lettere. Caduta la Repubblica veneta, 
TAccademia ebbe dall'Austria il titolo di locale, e il Governo Italiano, con 
decreto 5 novembre 1867, ne approvo il nuovo Statute. 



— 176 — 
voluto dopo molti anni darmi delle sue nuove, che mi sono 
sempre gratissime. Tanto piu me ne sono rallegrato, quanto 
ho compreso I'ottima di Lei situazione appresso codesto ri- 
spettabilissimo personaggio il S.' Co. di Waldenstein, che 
la mette a! caso di passare lietamente e tranquillamente I'eta 
che s' avanza , senza bisogni pressanti , in mezzo a buona 
compagnia e all'abbondanza di buoni libri. 

Indi quanto al problema della duplicazione del cubo (1), 
che impegna tanto le di Lei applicazioni, Ella osservi, che 
la difficolta di scioglierlo non ista nel dare il lato d'un cubo, 
il quale sia in solidita doppio dun altro lato, giacche molti 
si antichi che moderni geometri ne anno dati metodi accu- 
ratissimi : ma sta nel scioglierlo con i mezzi della geome- 
tria , che sono il cerchio e la linea retta, e di far cio per 
modo, che senza bisogno di prova materiale, ogni Geome- 
tra possa esserne convinto. Questa e la condizione, che in- 
dusse Platone a rimettere questo problema ad Eudossio (2) : 
e questa condizione medesima e quella che rende la ricerca 
impossibile. Per altro Ella puo vedere nell'Euclide del Tac- 
quet (3) tre metodi ingegnosi, meccanici, certissimi per du- 
plicare il cubo : molti altri ne trovera in Eutocio commen- 



(1) Vedi pagg. 2, 3, 39. 46. 

(2) Eudossio di Gnido , astronomo , amico di Platone , morto 352 anni 
a. G. C. 

(3) Andrea Tacquet, gesuita, nalo ad Anversa, visse dal 1612 al 1660. 
Professore di matematica per quindici anni in patria, pubblico piii opere in 
latino riguardanti le matematiche ed altre scienze. 



— 177 — 
tatore d' Archimede ( 1 ) : ne' moderni trovera che questo 
problema si scioglie egregiamente coll' intersezione di due 
curve coniche : non trovera mai che si sciolga aritroetica- 
mente, perche s'avrebbe la radice cubica del 2 la quale e 
sorda, ne risponde giammai. Quindi il di Lei metodo, che 
e certamente meccanico, puo aver un merito per esser nuovo, 
e per avventura dissimile da que' molti che si conoscono, 
ma non ha carattere alcuno per essere annunziato ad Ac- 
cademie e Geometri con alcuna lusinga di distinzione, lode 
e profitto. 

11 Proc.' Morosini soffre da due anni una debolezza degli 
arti inferiori, per cui gh si rende impossibile di camminare. 
Si fa portare da due uomini, e non ostante e e fa il Savio 
di Consiglio e gli altri suoi magistrati con mente aggiusta- 
tissima. Quando lo vedro gli diro i di Lei saluti. 

II Cesarotti ha gia pubblicato sei volumi in ottavo della 
traduzione in verso sciolto d'Omero, I'lliade (2) : la corredo 
di copiose ed esquisite Annotazioni. La traduzione d' Os- 
sian dello stesso Professore e da parecchi anni pubblicata 
e lodata. 

Se io avessi qualche buon catalog© de' libri che s' ac- 
quistano a Lipsia con i prezzi notati , probabilmente avrei 
qualche curiosita da soddisfare all acquisto di qualche vo- 
lume. Se le e facile, mi faccia avere un tale catalogo. 



(1) Eutocio di Ascalona , geometra greco, che visse verso I' anno 540 
di G. C. 

(2) Iliade trad, in verso ed illustrata da MELCHIORRE CESAROTTI, Pa- 
dova, Penada, 1 786. 

MOLMENTl — Carteggi. 12 



— 178 — 

Si govemi, c viva lietamente come Ella sa fare : io sono 
sempre con i medesimi sentimenti di stima e di amicizia 

Padova, 30 8bre 1789. 

Suo aff,'"° amico 

SIMEONE STRATICO. 

A Monsieur 
Monsieur Casanova Bibliothecaire 
de M.' le Comte de Waldenstein 

a ©ux in Boheme. 

Di Andrea Memmo. 

(1779-1788). 

Alcune lettere del patrizio Andrea Memmo al Casa- 
nova, mi diedero argomento a un breve scritto, che forma 
parte di un volume di questa Collezione Settecentesca (I). 
Taluni passi di quelle lettere , che ora pubblico integral- 
mente , riportai in quel bozzetto biografico, al quale po- 
trei rimandare il lettore, se non stimassi opportuno di dare 
qui sul Memmo alcune notizie, che a me paiono impor- 
tanti. 

Andrea Memmo fu, negli ultimi tempi della Repubblica, 
uno degli uomini di maggiore autorita, e in quella miseria 
di tempi e in quell'angustia d'idee uno dei pochi liberi e 



(1) Un Nobil Huomo venez. del stc. XIJIII in Epistolarii Men. del 
jec. XVIII. Palermo, Sandron. 1914, pag. 125. 



— 179 — 
forti spiriti. Assunto ai piii aiti uffici dello Stato, mostro 
con le opere di aver merltato gli onori. 

Le cure pubbliche non grimpedirono i nobili studi del- 
I'arte, specialmente dell'architettura, nella quale ebbe a mae- 
stro il celebre padre Carlo Lodoli. Ma, piii che agli scritti 
d'arte, il noma del Memmo e raccomandato ad uno dei piii 
magnifici ornamenti di Padova, il Prato della Valle, ch'egli 
fece con ricca eleganza riordinare sui disegni dell'abate Ce- 
rate e nobilmente decorare con opere di scultura, 

Nelle consuetudini della vita privata anche il Memmo 
conveniva col suo secolo di galantena e di sensualita. Ne 
sono una prova queste lettere dirette al Casanova , nelle 
quali I'altero patrizio s'abbandona a certe lubriche confi- 
denze e talvolta con un linguaggio, che la decenza per 
quanto immune da ipocrite affettazioni, non permette di riferire. 

Andrea nacque il 29 marzo 1 729 da Pietro Memmo del 
ramo di San Marcuola e da Lucia Pisani. Nel 1769 si 
ammoglio con Elisabelta P^ovene, dalla quale ebbe due 
figlie, Lucia, sposa il 7 aprile 1 787 ad Alvise Sebastiano 
Mocenigo, e Paola, maritata il 1 5 ottobre 1 789 con Alvise 
Martinengo. Andrea Memmo mori nel 1793 (1). 



(1) GAMBA, Andrea Memmo (in Qalleria dei letter, e art. Veneziani, 
Venezia, Alvisopoli, 1824, t. 11). 



- 180 — 

I) Bujucdere 3 9bre 1179 (I). 

« 

Casanova Cariss.'"° 

Finalmente ho ricevuta dal pacatlssimo Vassallo 1' infor- 
mazione suU'affaie del Cap. Giolma che vi preme, e posso 
oia rispondervi che faro ogni cosa per giovargli al mio ri- 
torno in Pera, che sara poi quando piacera all' Ecc.™" Se- 
nato d'esser giusto, ed umano meco, concedendomi il per- 
messo giacche non devo rischiar d' essere schiacciato nel 
Bailaggio, ne morir di freddo, o dal mal di petto nella stessa 
caverna dei venti piii penetrant! alle foci del mar Nero, di 
prendere una casa ad affitto. Dal nostro Procuratore [Mo- 
rosini] non vorrei forse piii che questo cioe che mi pres- 
servasse il piacere di rivederlo. In lui piu che d'ogni altro 
m'affido , perche alfine e tra i pochi, e forse 1' unico cui 
possa la causa giusta d'un povero sfortunato , e la sappia 
sostenere. 

Vi ringrazio delle nuove che m' avete date. Vorrei sa- 
perne della sig."^* Chiaretta [Dolfin ?] che sempre m'interesso. 

Giacche potete voi veder il Proc.^ Morosini , riveritelo 
da mia parte , e ditegli che mi (ido di lui senz' altro sec- 
carlo con lettere inutili. Riverite ancora, ma in lui presenza 



(1) 11 Memmo, eletto Bailo alia Corte ottomana il 9 marzo 1777, scrive 
da Buiuk-Dere, un villaggio presso Costantinopoli, con belle case di cam- 
pagna, dove gli ambasciatori passavano una parte dell'anno. 



I'amabile sig/^ Paolina (1), e dittele ch'io ho reso celebre il 
di lei nome fra queste Donne, e Ministri Forastieri descri- 
vendola fra le primarie bellezze di quel Paese, nel quale qui 
si crede che naschino a migliaja , ed aggiungetele ancora 
che c'e qui una certa bella, che ha qualche cosa di bello, 
che ad una bella di lei parte somiglia , e che quando ho 
il piacere di scherzar gentilmente sopra di quella ch' e fra 
le visibili , mi sembra d' essere quel gentiluomo veneziano 
che aveva sposata una Cornera, e del quale il nostro La- 
doloni (?) diceva che quando era in letto seco avea due gusti 
uno di starsene con Lei e I'altro colla Regina (2). Addio. 
State bene : 

Vostro aff.""' 

ANDREA MEMMO. 
2) Venezia, 1° marzo 1783. 

Jlmatiss. ""'• 

Eccovi servito benche circondato da infinite noje, avvi- 
cinandosi nella quadragesima il momento del mio distacco da 
un paese, in cui per anche non potei riaquistar il mio buon 
u more (3). 

Vi sono obbligato delle vostre notizie, che diffusi e che 
diffondero a tempo, e vi desidero buona fortuna, assicuran- 



(1) Paolina Stratico moglie del n. h. Matteo Pizzamano e amante del 
Procuratore Francesco II Lorenzo Morosini. 

(2) E un'allusione poco fina a Caterina Coraaro regina di Cipro. 

(3) Nel 1781 il Memmo era stato eletto ambasciatore a Roma. 



— 182 — 
dovi che mi compiacero assai quando cominciassi a vederne 
per voi un qualche raggio, 

Non posso darvi nuove di Venezia, se non che la mu- 
sica del Bianchi in S. Benedetto ( ! ) vi porta tutta la No- 
bilta, ed e forse la sola cosa che diletti il mio cuore, an- 
cor pill di quelle Donne, per le quali non voglio impegnar- 
mi e che m' avrebbero assai tentato in altri tempi. Parlai 
di voi col Procurator Morosini, che continua ad esservi amico, 
e vi desidera, pur con la sua Carognetta (2), del bene. 
Le mie FigHe, Mad.* Dupon, e Radicchio (3) vi ringrazia- 
no per i vostri cortesi saluti. Sono di queste quattro per- 
sone contento sempre piii ; e spero che mi renderanno piii 
lieto che quella folia di Donne, che vogliono troppo spesso 
gustare del mio Ufficial di cucina, sei o sette delle quali, 
benche siano incassate tutte le mie cose, si sono gia invitate 
per la Santa Quadragesima. Addio. 

// vostro 

A. MEMMO. 



( 1 ) Al teatro di San Benedetto si rappresentava il melodramma Piramo 
e Tjisbe, poesia dell' abate Gaetano Sertor, musica del maestro Francesco 
Bianchi. WiEL, Cat. delle opere in mus. cit. 

(2) Carognetta significa persona magra, venuta su a stento, e si dice an- 
cne in senso scherzoso. Vuol forse alludere a un' amante del Morosini, la 
quale, unitamente al suo protettore, manda auguri di prosperita al Casa- 
nova ? Era forse la Nobil Donna Paolina Stratico Pizzamano ? 

(3) Le due figlie di Andrea Memmo, Lucia e Paola, rimaste in tenera 
eta orfane della madre. Madama Dupont doveva essere la loro istitutrice. 
L' abate Vincenzo Radicchio era il segretario del Memmo. 



— 183 — 

3) Venezia li 28 marzo 1783. 

Jlmatiss.'"'' 

Mi consolano le vostre buone nuove, e desidero che la 
foituna vi stabilisca dove si trova molto buona gente (1). 
La protezione del Thught (2) puo valervi assai, e questa 
a voi basta, cioe potrebbe, volendo egli, bastarvi. 

Vedro volentieri il vostro prospetto prima che il tradut- 

tor di Luciano no prima che un altro be! genio, di cui 

ora non mi ricordo, giunga forse da Milano a presentarne 
un altro. 

II Thught non mi trovera in maggio in Venezia , il che 
assai mi dispiacerebbe se non mi lusingassi che passera a 
Roma. Lo conoscevo prima di vederlo, lo conobbi veden- 
dolo, e piu lo conobbi ancor dopo per uomo di sommo 
merito. S.' Priest (3) mi disse piii volte che saressimo stati 
assai bene insieme. Non siamo ancor morti ; chi sa ? Forse 
dopo Roma andero a S' Petersburg e dopo questa Corte 
verro a Vienna. Meglio venir fuori, che fra tanti Ecc."" 
Sig." , che non possono piacermi. Vedremo a tempo, perche 
i matrimonj appunto delle mie figliuole potrebbero met- 



(1) Da Venezia, nel gennaio 1873, il Casanova si reco a Vienna. 

(2) II barone Francesco Thugut, nato a Linz nel 1 736 , fu ambascia- 
tore auslriaco a Costantinopoli; nel 1754 ministro d' Austria a Varsavia, e 
nel 1788 amministratore generaledeila Moldavia e Valacchia. Mori a Presbur- 
go nel 1818. 

(3) U conte Francesco di Saint-Priest (n. 1735, m. 1821), soldato e 
uomo politico, fu ambasciatore di Francia a Costantinopoli nel 1 767. 



— 184 — 
tere degl'ostacoli a queste ancor non digerite idee cosi nel 
tempo, che nel modo.... 

Sto male al solito in danari, ma non me ne manche- 
ranno mai se il Casanova divien ricco, Ve lo desidero per 
molte ragioni, e perche tutti qui s'abbiano a lodare di Voi. 

Vostro aff.'"° 

Andrea Memmo. 

4) Venezia, li 26 aprile 1 783 

jimatis.'"°- 

Non ho risposto alia vostra lettera nell' ordinario scorso 
perche la ricevei dopo partita la posta. Ho avuto piacer 
neir intendere che il nostro Ambasciatore \Sehastiano Fosca- 
rini] continui a proteggervi. M'e piacciuto molto il mani- 
festo, e I'ho fatto vedere a piii, che il lodarono, e lo la- 
sciai poi a Bernardo mio fratello (1). Se potete far costi 
picciola ma sicura fortuna non la rischiate nell' incertezza 
di coglierne una maggiore altrove. 

Desidero assai di vedere per un altro momento il B. men- 
tre appena che sara qui giunto io me ne andero al mi') 
destino, Oggi erasi sparsa una voce che il Procurator Zorzi 
Pisani era morto a Verona, percio molti vennero alia mia 
casa, per quanto credo fuor di proposito. Se fosse vera la 
nuova, il Zulian morirebbe di rabbia mentre verrei in luo- 



(1) II fratello di Andrea Memmo, Bernardo, anch'egli uomo d' ingegno 
e di cultura. Ad Andrea e Bernardo Memmo il Goldoni dedico L' uomo 
di mondo. 



- 185 — 
go di quelle (1), ma se giungo a Roma non chiedo piii 
una veste che mi toglierebbe 1' addito a sperare di venir 
un giorno Ambasciatore a Vienna. 

Mi divert! la scenetta della Storace (2), che comunicai 
a molti che vi lodarono. Le mie ragazze e M.* Dupont vi 
ringraziano, ed io in fretta vi ringrazio delle nuove. Addio. 

Ji. M. 

M. Casanova 

VIENNA. 

5) Venezia, li 29 marzo 1 787. 

t^io Caro Casanova, . 

Benche discrete come siete, e conoscitore della vita d'un 
senator veneziano, che voglia combinar Patria, Famiglia, ap- 
pHcazioni geniali, societa, assistenza agl'amici vicini e lon- 
tani, ed una galanteria quasi universale con le belle ragazze, 
senza distaccarsi dalle vecchie conoscenze piii grate, onde 



(1) II Procuratore Giorgio Pisani, che, come si e detto, era prigioniero 
nel Caslello di San Felice in Verona. II Zulian era forse il patrizio Girola- 
mo, che avea preceduto il Memmo nell' ambasceria di Roma, dove protesse 
il Casanova. Egli probabilmente aspirava alia dignita procuraloria, alia quale 
era designate il Memmo. 

(2) La canlante Storace, sorella del compositore di musica. Nelle Memorie 
di Lorenzo Da Ponte h chiamata virtuosa di merito e favorita di Giuseppe II. 



— 186 — 
senza impegni posltivi ne pubblici ne privati resti sostan- 
zialmente a vostra disposizione alcune <di quelle, mi scriviate 
che non esiggete risposta alia gratissima che mi giunse sab- 
bato scorso, io voglio ringraziarvi che continuate ad avere 
buona memoria di me, che certamente v' avrei fatto del bene 
se avessi potuto, e che fui sempre in ogni tempo vostro 
buon amico. 

Venendo alia vostra lettera vi diro che avevo tre secre- 
tarj a Roma, che non facevo mai scrivere, benche scrivessi 
dei volumi ogni settimana, e che V Ab/^ Radicchio, che 
ha pur anche qualche grazia nello scrivere, m' ajuta, ozio- 
sissimo qual e, per rispondere ed a far gl' adrizzi, ma non 
puo scrivere ai Casanova sopratutto perche io provo un pia- 
cere nel trattenermi scrivendo a chi amo e trovasi da lun- 
ge. Mi risarcisco col conversare in tal modo, e detto quel 
che mi viene dal cuore o dalla mente, che non saprei co- 
me esprimere, se avessi ad ordinare ad altri che scrivessero 
per me. 

Troppo pero e 1' epistolar commercio che mi convien 
trattenere, a segno che qualche volta ne sono oppresso. 
Procuro ogni giorno di sminuirlo, ma mi sembra che sem- 
pre piu s' aumenti. 

Quanto feci per tagliare un inutile corrispondenza con 
venti donne di paesi diversi, che tutte vogliono farmi cre- 
dere d' esser di me incessantemente innamorate, e non c'e 
rimedio per quanto ne dica. II bello si e, che il mio Agente 
mi minaccia di non soddisfare piu alia posta, che in verita 
nelle circostanze mie non e cosa indifferente. Non manco 
pero ne di creanza ne di amicizia verso i lontani, e se 
questi si contentino d' attender le risposte, che dava il fa- 



— 187 — 

moso pazzo Duca Grillo (1), qualche volta in voce, cioe 
nel giorno dietro delle domande, nessun si puo lagnare delli 
miracoli finalmente ch' io faccio in tal proposito, tanto piii 
che cogl' amici non ho mai saputo scriver breve. 

Come poi, amico qual mi siete, conoscitor del mio modo 
di pensare e filosofo quale vi vantate, potete mai consigliar- 
mi ad aspirare alia miserabil, inetta vita d' un Doge vene- 
ziano (2), e specialmente con degli spiriti animali in moto, 
che precipitosamente percorrono nelle parti cavernose del... 
e non si stanno mai quieti nel pensare a quelle macchi- 
nette semoventi e per 1' ordinario d' avorio caldo, che mi 
fanno sentir piii dolcemente la vita ? Voi sapete che non 
ho mai speso un zecchino in donne per Irar da quelle il 



(1) II marchese, chiamato anche duca del Grillo, fu uno di quegli origi- 
nali tipi di stravagante, di cui neppur oggidi e perduto, specialmente a Ro- 
ma, io stampo. II bizzarro buonfempone, che si chiamava Onofrio, nacque 
in Fabriano nel 1717, si sposo nel 1750 a Roma coUa marchesa Faustina 
Capranica e mori nel sue paese natale 1' I 1 gennaio 1 787. Sulle geste e le 
arguzie di questo bello spirito, che dalla tradizione della vita romana ^ pas- 
sato anche sul teatro, si veda il volume di R. GlOVAGNOLI, {Leggende ro- 
mane — // marchese del Qrillo, Roma 1887), dove ^ descritto I'ultimo e il 
pill stravagante dei feudatari romani. 

(2) Del doge Paolo Renier, il quale toccava i settantatre anni, si preve- 
deva non lontana la fine. E probabile che il Casanova consigliasse al Memmo 
di preparare la sua candidatura alia suprema dignita dello Stato. II Memmo, 
quantunque non lontano dalla sessantina, amava ancora il viver libero e lieto, 
e non mtendeva rinunziarvi per 1' onore di diventar Doge, al quale si con- 
cedeva 1' apparenza, non il potere e I'autorita necessaria al capo dello Stato; 
ma pill che tutto non aspirava all' alto ufHcio, giacche, per ottenerlo, occorre- 
vano molti denari, e quanto a quattrini le cose non procedevano prospere 
al nostro patrizio. 



— 188 — 
piacere , che per un altro zecchino fanno ad un altro. 
Volli sempre che il mio amor proprio godesse del piacer 
del trionfo, e se giungo ad aver tutto da alcuna ch'io 
creda non aver mai data parte di se stessa ad altri, 
godo doppiamente del suo possesso. Or, Doge divenuto, ve- 
dendo in un teatro la Sig/^ Contessa, o Marchesa, o N. D,, 
o N. N. con de' begli occhi, con delle belle tettine, leggia- 
dra e vivace, come vorreste che I'avessi, senza sedurla con que* 
modi da prima esterni, poi d' intrinsichezza, che come Pro- 
curatore posso impiegare ? Per carita non mi togliete il pia- 
cer delle Donne, che anche a cent' anni alleggerira il pe- 
sante spirito, o moriehte dalla vecchiezza, se non il mio 
corpo, sicuro che ne sedurro sempre in liberta una o sei 
delle cento che mi converra tentare.... I Dogi non possono 
goder di si divini trattenimenti. 

I Dogi non possono poi gustare d' altro delicatissimo pia- 
cere, se non in qualche estraordinario caso, e guai se lo 
tentassero, ch' e quello di procurar il ben della Patria. Co- 
me Procuratore pur troppo otterro i primi magistrati, mentre 
mi diffendero sempre con tutte le mie forze e davvero, di 
non esser eletto tra Savj, mentre non ho vocazione a tal 
mestiere, e potro tentar d' esser utile. 

Perche poi la mia Famiglia s' estinguera , non volendo 
pill condur moglie, dopo che piii giovane tanto m' incomodo 
la miglior di tutte, appunto per questo io non devo mirar 
ad un tal fregio, che a nessuno de miei porterebbe o un 
maggior lustro, od altri aristocratici vantaggi, quando por- 
terebbe un sommo danno alle figlie ch' io amo, mentre, tanto 
pratico della Veneziana Istoria come siete, saravvi noto che 
non si possono come 1' altre riffiutar dagl' eredi i debiti de 



— 1 89 - 
Serenissimi Principi ; il che da' nostri vecchi si voile con 
ottime viste. 

lo poi non ho bisogno di dichiararmi perche contr' ogni 
esempio, giacche s'odiail presente [c/o^e] da ogn'ordine di per- 
sona, io sono acclamato, e non solo con voci innutili, ma 
con le offerte sino di 30 m. ducati contanti al caso. Con- 
venne dunque, pressato da Parenti e da tanti amici miei, 
che mi mettessi all' esame di questa faccenda, per non la- 
sciarmi sedurre al momento che potrebbe anche giunger im- 
provviso e soUecito, e viddi che si esiggono 80 m. ducati 
non pagabili assolutamente col resto delle rendite ducali se 
vivessi gl' anni de' Patriarchi. 

Sono certo che nella risoluzione generale della Nobilta 
nessuno oserebbe, al caso, di darmi concorrenza, percio vi 
confido che se da una non difficile correzione, appunto per 
quanto si disapprova nel presente Dogado , vi vedessi un 
nobile compenso, e che nel pessimo stato economico nel 
quale mi trovo vi fosse un sollievo, per ragion d' interesse 
potrei sacrificare il restante. II di piii ad un altro giorno.... 

6) 3 maggio 1788. 

Questo giorno e ben stato tardo. E da piu d' un anno 
che ritenni questo foglio con volonta decisa di riempirlo, e 
non lo potei giammai. Giudicate se abbia momenti lieti, 
tranquiUi, e liberi quali hanno da esser quelli che si pas- 
sano cogl' amici indulgenti. 

Riprendo dunque la vostra lettera, ma non m' impegno 
a terminar la risposta, perche mi toccate troppi punti, e so 
che vi compiacerete di sapere i fatti miei. II segretario, che 
fungeva le veci di quello di Stato poco dopo la morte del 



— 190- 
Card. Pallavicini, stava appunto al mio tavolino a concer- 
tare, per ordine del mio buon amico Pio , un viglietto da 
scrivermi in cui voleva che fossi dispensato dell' Ingresso 
senza pregiudizio dell' avvenire, e si pensava di prender la 
scusa della Parentella spirituale meco contratta per la cre- 
sima delle mie figHe, che fu cerimonia cospicua, e singo- 
larissima, onorata dal Re di Svezia, e di tutto quel piu di 
nobile che v' era in Roma de Forastieri, e de Paesani nella 
Capella di Sisto V, e nella quale comparve un treno di 
12 canozze (non tutte mie come potete credere) ma ornate 
con cinquanta mie livree ornate d' argento, ecc. ecc, quando 
appunto venne 1' annunzio della morte del Tron (1). Voi 
vedete dunque quanto mi fu grave che tra feste e ingresso 
senza necessita mi facessero spendere 28 m. ducati tutti vivi. 
Quella spesa gettata, perche io non desideravo prima la 
veste Procuratoria, che per ispender meno dell' Ingresso di 
Roma, facendo il solo ingresso in Venezia, fu la mia rovina 
in aggiunta ai 1 7 m. scudi di debiti, che tradindomi bar- 
baramente il mio maestro di Casa per sola boria mi fece, 
senz' avvertirmene che per forza 1' ultimo mese che cola mi 
trattenni, mentre mi convenne vender I' argenteria per sod- 



(1) Andrea Memmo era ambasciatore a Roma quando il 25 giugno 
1 785 moriva il Procuratore di San Marco, Andrea Tron. II 24 lu- 
glio 1 785, in Maggior Consiglio, il Memmo fu eletlo Procurator de Citra 
con voti 52 1 contro I 1 8 (Arch, di Stato, Seer, alle Cod, M. C. Ele- 
zioni. Reg. XXX, c. 9). II suo ingresso in Procuratia avvenne nel 1 787, 
finita la sua ambasciata di Roma. In luogo del cardinale Lazzaro Opizio 
Pallavicino di Geneva, morlo il 23 febbraio 1 785, era Segretario di Stato 
il cardinale Ignazio Boncompagni Ludovisi, romano. II buon amico Pio era il 
pontefice Pio VI, Giovanni Angelo Braschi, eletto il 15 febbraio 1775. 



— 191 — 
disfare, e dovei poi trovar 23 m. ducati a livello per la 
dotte, tra mobili e contanti di Luciettina, oltre 660 ducati 
air anno, raentre m' ero impegnato a tanto, contando appunto 
sul superfluo della mia argenteria. 

11 mio ingresso fu certamente de' piu biillanti, e due cose 
singolari piacquero sopra tutte, 1' una ch' io avevo accanto 
che m' accompagnavano le mie due figlie, 1' altra che in 
luogo di far a spese mie stampar le mie lodi, prefferii, pur 
per donar qualche cosa al mio accompagnamento, di dettar 
quegli Jjpologhi Lodoliani, che tanto piaquero da lui espo- 
sti, e che potevano espormi a gravissima critica messi in 
carta (1). Furono cio nonostante compatiti e voi li vedrete, 
anzi se ve ne risovvenisse degl' altri amerei che me li ri- 
cordaste per una nuova edizione. 

La Principessa di.... fu tra le molte amabili colle quali 
tentai di far fortuna ; ne feci per quanto poteva comportare 
un incomodissimo marito, che me la rapi a Napoli sul piii 
bello, partendo poi da Roma nella mattina del giorno che 
sapeva ch'io dovevo pervenirvi. Curiosa, gentilissima pazza! 
Conoscendola cominciai dal farle amichevolmente il ruffiano 
coir Abbe di Bourbon, nel quale m' avea confidato d' es- 
sere innamorata , e credo che lo fosse in qualche giorno. 
Amen. Amen, dunque su d' essa benche mi faccia sperare 
di tornar presto in Italia. Altri interrompimenti, mai quiete. 
Addio per ora.... 



(1) L' ingresso alia dignita procuraforia del Memmo avvenne nel 1787. 
In tale occasione il Memmo stesso pubblico cmquantotto jipologhi del suo 
maestro Carlo Lodoli (Bassano, Remondini). 



— 192 — 

7) 9 luglio 1788. 

Ritornato da Padova, e dalla Brenta dove feci delle nuove, 
assai care ed assai amabili conoscenze, nelle quali studiero 
d' approfittarmi al possibile, benche di mala voglia, perche 
temo che saro astretto al scioglimento del matrimonio, che 
doveasi effettuare in ottobre tra la Paolina ed il Martinengo, 
per la cattiva condotta dello sposo, che non puo starsi 
quieto sino al giorno delle nozze e ha preso al suo ser- 
vigio una.... Romana, quando si mostra innamoratissimo 
della sposa (1), riprendo il foglio cominciato sin dall' anno 
scorso. 

In proposito dunque di quella che m' onorate di chia- 
mar Piazza Memmia (2) vi diro che avendo trovati sommi 
disordini in tutto, dopo il mio ritorno da Roma, e special- 
mente 9 m. ducati di debiti nuovi, resa stabile la sola meta 
delle botteghe in conseguenza ora abbrustolite e fradice, 
benche da Roma avessi mandato piu di 2 m. zecchini per 
elevar sLatue, studiai d' apporvi convenienti rimedi a tutto, 
avendo diminuita per Ire quarte parti la summa dei debiti. 
Quando poi credevo di poter dar termine a tutta 1' impresa 
col mezzo de' nuovi e sorprendenti spettacoli, con 1' erezione 
del pill grande degl' Anfiteatri che sieno stati al mondo, 



(1) Alvise Martinengo, figlio di Venceslao e di Caterina Martinengo, 
fidanzato a Paola Memmo, in causa della sua vita licenziosa, fu, il 1 4 agosto 
1 788, relegalo dagli Inquisitori nel suo palazzo di Viliaverla presso Vicenza 
(Arch, di Stato, Inquisitori di Stato. Annotazioni, busta 540). Nonostante 
cio, Paola sposo, il 1 5 ottobre 1 789, lo scapestrato Martinengo (Avogaria 
di Comun. Libra d' oro. ^M^atricola, reg. IX, p, 194 /.). 

(2) La gran Piazza delle Statue o Prato della Valle in Padova. 



— 193- 
con soli cinque gradini peio e due ordini di grandiosi pal- 
chi fra belle colonne che niente avrebbero costato alia Pre- 
sidenza, mentre m' ero convenuto con I' Arte dei Falegna- 
mi che lo faceva a spese propne dietro le condizioni fissate, 
e contentandosi d' esser soddislatta con due sole tei-ze parti 
del ricavato dai gradini e dai palchi sino al saldo, onde 
poi potessero passare tutte tali rendite alia Presidenza me- 
desima, benche questa si fosse impegnata con editti a stam- 
pa, mi corrispose si male che io dichiarai e lo mantenni 
sin ora di non pensar piu al nuovo Prato sinche i mede- 
simi Soggetti restassero in officio. In conseguenza niente fu 
fatto per tutto il corso dell' anno. Frattanto per mostrar verso 
di me (dissero eghno) quella riverenza che mi si dovea (sen- 
dosi nel frattempo anche ascritta al ConsigHo Padovano la 
mia famiglia come originaria di Padova, ed essendo ancora 
Protettor della Citta), presentarono supplica al Senate per 
essere dispensati. Io lor m' opposi presso i Savj, dicendo 
che volevo prima che mi rendessero conto della Cassa Sta- 
tue (1), della quale ero responsabile, e che sapevo di altre 
casse della Presidenza tutte fallite, intaccate. 

In fatti si sospese di secondarli, ed io chiesi i conti. Non 
fu possibile che li avessi. Finalmente porcatomi io stesso in 
Padova feci in modo che gli ebbi, ed in grazia d' alcuni 
che morirono prima di far elevar le statue, non volendo gli 



(1) II Prato della Valle, secondo 1' idea del Memmo, fu adornato coUe 
statue dei Padovani piii illustri e di coloro che avevano avuto con Padova le 
piu onorevoli relazioni. E curioso qui ricordare le pratiche tra il Memmo e 
il lelterato svedese Gudmund Goran Adlberth per la statua di Gustavo 
Adolfo re di Svezia. Vedi Memorie e monumenli svedesi in Italia del ba- 
rone DE BlLDT ministro di Svezia a Roma (Stoccolma, 1900, cap. VIII). 

MOLMENTI - Carleggi. 13 



— 194 — 
eredi entrar in tale spesa, quasi quasi si pareggio il dar 
coir avere, ed ora faro dispensarli senza parteciparlo lore e 
si fara poi nuovi e certamente migliori Presidenti. Frattanto 
col Kav. Zoi-zi Contarini mio amico ( 1 ) ho preparate molte 
cose, e m' affido che fra un anno sara avvanzata l' opera 
ad un termine assai lodevole. Vado a pranzo. 

8) 26 luglio 1788. 

Se non scrivero molto in oggi per la moltiplicita delle 
mie troppo serie faccende, avendo dovuto sin ora scrivere 
ai Martinenghi, perche risolvino qualche cosa rispetto all'ir- 
regolar condotta dello sposo, che non ha gia la maggior 
fortuna colla futura sua meta, scrivero poco, ma qualche 
cosa pur scrivero. 

Voi m' indicate la magnificenza, la richezza, ed il buon 
genio del vostro Conte, o Principe di Waldstein, che fece 
molto bene a darvi uno stato, che sarebbe eccellente per 
ogn' un altro, cui premesse piu 1' avvenire sicuro che il non 
starsi mai fermo. Non sareste Voi atto ad inspirargli la vo- 
lonta di lasciar un monumento solenne in Padova, Citta di 
Forastieri, e da Veneziani frequentata quanto la Capitale, 
di sua munificenza innalzando col suo nome, e tutti i suoi 
titoli signorili una statua a qualche Boemo, che trovero su- 
bito fuori, come sarebbe per esempio un Giovanni Dubra- 
vio Skala nato in Pilsen (2), che fu il primo scolaro Ale- 



(1) II Senatore Alvise Zorzi Contarini nato nel 1745, ammogliato nel 
1775 con Caterina Civran. 

(2) Giovanni Skala Dubraw (m. 1 553) vescovo di Olmiitz, il quale scrissei 
Historia regni Bohemiae ab initio ^ohemorum. 




IL PRATO DELLA VALLE ] 

Prospctto dclla nuova piazza dictro la generate ic'ea jia conccpita ed in gran pa 
per la scrcnissima repubblica di Venezia provtd estraoic. di quella citta , negli anni ] 
mctrici chiamato percib il prato delta valle isola dcstinato al pubblico passeggio pinaco( 
strade, ponti ed altri m Iti ornamenti che si possono rilcvare senza spiegazione. 



1" — (.'liiesa (letta del]' Alicorno, per la quale cadu dalla Hronta quel piccolo rarao d' 
qua, di cui solid nttMiti i I'lidroui dci niollMi iiit.iioii al piato. e die per canali sottei 
noi or gira I'lsolae licndn. iiel vecrliio imr coihtio aho > II»— Strada clie. sarebbe 1' 
iianijiito dirimpetto allaltia die st.a pr<'ss(t la niuia.iilia del <',i;iv.lino de Monaci Cassin& 
Sareblie iiece.^saiio ({uaiido aiiiiientandosi le istitmti', iiieicaiitili Kiere diiamatesi di Veue 
in I'adova, credessero i possessor! di quel torrerio jter il l>ro siiiesevole protitto di proi 
rare per qiialdie via leiozipiie di aleuiii buoni. Ill" — ^^^ga7,<ino da ninrol volumin( 
j)r<)venieiiti dai;li orijiinari porti di Levaiite, e del roiioiite c.Diiie soiio balle di cottone, 
lana, di pesci secdii, di barili di pesci in ciuicia, di forjii iggi silati, oltrecbe di lialle 
seta, raccolte iiel territoiio, ed altre cose, ed \n oltie iin sraii irianaio sopra que' luagazzi 
pcrdi^ se mai s'iiitrutlucesse una ]Hir utile Kiera di T.iade in Padova iion inaiicasse il luG 
per ciimodanicnte riporle IV" — •ran taUbrica tiitta di un sol pn spetto nia divisibile n 
I'interiio in jiiii parti ed a raaggior genio del fabricatori die desidera eseguire senza 
feiidere Tassoluto diritto, e rispettabiliasiino de' projirietari del terrene anzi con lore r 
inilillereiit > vanlaggio salvi tiitti i giusti rigiiaidi ; fabtuica die contluirebbe al maggior • 
'oio della Citta e airoruainento del Prato niaii iiiano die ad assicurar colle molte bottej- 
falibrica'e di )>ietra s( tto il b^l poitico, e dove noii giuugerelibe mai sole per essere rive 
a tranioiitana le due niercantili Fiere di • st-bbeiie abbaiidonate, o contrastate dagli ste 
I'adovBiii. lion lasciano di portar alia jxipolazione in geiierale grandissinii anni, e leydic 
I'lotitti. \''' — Parte del Monaslcro e ginrdino de Mdiiaci della fongregazioue di S. Giusti 
y I" — Vidazv.o detto di Casa Grimani ai Sorvi Patrizi Veueti, ora apiiartenente airKec. 
Sig. Cavaliera ],oietana Morosini Nala Griniani. VII" — Palazzo de Veiioti Patrizi Zac 
VlII" — Strada die dal a Piazza t dal catiale delle Torreselle entra in Prato. IX<" — Palai 
de Veneti Patrizi Meiiinio fabbricato daH'illiistre (^ard. He.ssarione. X" — Palazzo de Patiii 
Veueti Vendraiiin Calergi XI" — Lago iieces.sario per abbeverare i t-nti aniinali che veng(;j 
a vendersi in Fif ra. XII" — Foutaua biissa in mezzo alTLsola oiide non sia interrottai 
visita delle quattr. principali vie die la divido.ii, in quattro ])arti uguali. XIII" — Set 
di bianca i ietra Istrinna, con .sederi di pelle jier iiso della iiobiltft, e persone civili. XIV» — 
diglioiie di grossi jiezzi di tavola frasportabili »1 coperto deiriiiverno siil gusto Cinese 
iiso di botlegbo, da cntie c da rinfresilii _ XV" — Simili iiailiglioiii jiur eleganteniei 
e yrossaiiiente dipinti ad olio per allogare i sedill. Tiitti quattro poi jioss'ino essere com 







OVA ilncisionc di G. B. Piranesi). 

jata dall'Ecc.mo Sig. Andrea Memrr.o Cavaliere e Procuratore di S. Marco qu^ndo era 
<XV e VI. Sopra paludoso terreno contenente lo spazio di 974012 piedi quadrati geo- 
'idario che Tadornano fiera di merci e di animali indicazione dei spettacoli bosco, lago. 



iciclit- iiiolti si iiossoiio niftteie in salvo da mm piii.ijiia, o da iin veiito iiii])i-i)vvis(> ma spc- 
ialiiiente iiiiiun>>:inaM p'-r i>iiaini<liiie iiel luezz/.o ;;randi()san]ente la vista rd in jji-oporzione 
rl latto iiisienit!. XVI"— Uo])]ii (•ana|>e copeiti di erba a coniodo del ])0|)(>lo. X\'II» — 
■riiHd i;i''> 'l" Statue clio Imtna in paitc la •;iande solenne ed a ([iiesfora la gia faniosa 

"i oteca al iiiiinero di 41. (^ncste non jmssuno rappieseiitare clie nobili e illiistri Ptrso- 

• aiijii. cinali alibiano in iinablii* n orlo <ol jroverno po Isaiiare coll'opeie piibblicate contiibuito 

iiia^K'oinifnte illnstraiu qne la Citti'i nella i|iialf la st'ssa Pinacotera s'innalza. Clii i" r 
iialiiniiiiK cansa fosse ben disposlo a far innal/.aic una Statna e non sapesse quale inij;lior 
oysetto seie^liere non ha elie a far ebiedere o al I'residente Cassiere in Padova o all'an- 
<v deU'opeia in Venezia per niialnniiue persma iUh facilniente sarebbe d'opjiortMni lutni 
'Tvito. liattanto giova die sia piii nniversalinente noto she essendosi studiato di conibi- 
are la minor spesa aH'inalznmenlo di una statua niezzofjiirantesca d'un gran piedestallo 

riato d'un gran fondamento eonveiine stabiliro clie dovendo essere la pietra delle Statue 
itla la stessa tiovossi e!ie ap)uinto (|nella ))iii faeile a trasportarsi in Padova dal vioino 
i-nitorio Vicentino e ebiamasi della Valle dnl Sole elio ha la pro]>rieta di indurirsi aH'in- 

nijierie e la piii ojipoituna. In jjrazia di ipiesta spendensi in tulto, se il Xobile Presiileute 
assiere per mezzo di negozianti Veneziani o Padovani ne riceve il danaro per far futto 
*e;;uire dietro 1 migliori ordini, ila Ki'), sino ]'>0 zeecliini Veneziani da paoli o lire 22. 

VIII"— Secondo giro di altie 44 Statue pur <iuasi terminato. XIX" — Terzo giro di altre 
; Statue che mm ebbe aurora i! siui ]>rinei|iio. XX". — Olleggio Emulo perche fondafo 
il fainoso Canl. Da Mula Patiizio \'eneto elie jiotrebbe aucor ritornare o un utile eolleg- 
o o )iiu bellissui a I,i Cauda per Korestieri ed Ostarie. 

N. li. Neirisola (he sol dee .serviie a iihbblico passeggio, e cbe (|uando sara terurnata 

III tiitti gli oriuimenti clie veggonsi s(;gnati. e si potiii res])iraie meglio sedendo nella 

ilic stagione si lre(|uentei;'i Ciuue gia si fie(|ueiita auche senza Fiera, non devono eiili-are 

Carroz/e ne animali. la stiaila d'intoi no I' Isola, tia il secondo e il terzo giio delle Statue 

lya per piii di cento piedi geonu'tiiei seivira alldrdinario eorso delln Cairozze. i.lle corse 

i liariieii. e ad altri i-pettae(di. che provvidauunte sinveutHSsero. e i)romovessero il co ii 

1 -o. 11 restiinte Piato che si voiiebbe .senipre leantenuto verde di\iso in (piattro ]iBi t 

iiihe iri-egolari potrii siivire alia couuda divis(,ne dei tanti animali .be (|ua!(lie volta' 

I'piiino il prato. 



— i95 — 
mano che venisse in Padova a studiare dopo la lega di 
Cambrai, e che lascio delle opere varie e spezialmente la 
storia della Boemia ? Od un Giovanni Adalberto Veith, 
che nel 1709 fu Prosindico di qualche riputazione ? (1). 

Vi mandero alia prima occasione ch' io possa una De- 
scrizione della mia impresa uscita in Roma col nome del- 
r Ab. ^ Radicchio, e da essa saprete tutto (2). Basta che 
in or sappiate che convien farmi pagare da un banchiere 
in Venezia 1 50 zecchini veneziani, se vogliasi una bella e 
buona statua, e che in questo caso io assisterei a tutto, e 
che si farebbe un piacere al Promoter del Museo, e che 
si potrebbe far innalzare la statua di qualunque altro gran- 
d' uomo di qualunque Paese, purche o come Professore, e 
come Alunno avesse contribuito colla sua fama a render 
maggiormente illustre 1' Universita di Padova, o la citta in 
qualche modo. II Ouca di Curlandia fece innalzar quella 
di Gio. Maria Memmo D. " e Cavalier.e, gran Letterato del 



(1) Nello Studio di Padova Giovanni Adalberto Veith di Praga fu Con- 
sigliere della Nazione Germanica Artista, e nel 1710 ne pubblico gli Sta- 
tuti e i Privilegi. FAVARO, Atti della Naz. Qerm. nello Studio di Pad. 
(in Jltt del R. hi. Ven.. tomo LXX, parte II. 1910-11). 

(2) 'Descrizione della general idea concepita, ed in gran parte effettuata 
doll' eccellentissimo Signore Andrea Memmo Cao. e Proc. di S. ^TliCarco, 
quando fu per la Ser. Rep. di Ven. nel MDCCLXXV e VI Provveditor 
straordinario della Citta di 'Padooa sul materiale del 'Prato, che denomi- 
navasi della 'Ualle, onde renderlo utile ancbe per la potentissima via del 
Dilelto a quel Popolo, ed a maggior decora della slessa Citta, a maggior 
intelligtnza delle due grandi Incisioni , che stanno per uscire dalla Calco- 
grafia Piranesi ; e slesa da Don Vincenzo T^adicch io veneziano Jibate di 
S. Lorenzo in Zumel Ed or Segretario de' Memoriali di S. (?. medesima, 
attuale jimbasciatore alia Santa Sede. In Roma, MDCCLXXXVI, per 
Antonio Fulgoni. 



— 196 — 
secolo XVI (1), e 1' Amb. ' d' Inghilterra a Costantinopoli 
quella di Andrea Memmo mio Zio, fu pur Alunno Pata- 
vino (2). Da bravo che si sappia dalle nostre parti che Ca- 
sanova e atto a persuadere gran Signori, a mandar in Pa- 
dova dei danari, ed a contribuire alia gloria ancora d' un 
suo amico. Basta trovar chi, avendo o non avendo, spenda, 
ed abbia dell' onesta ambizione che muova i passi suoi. 
Trattandosi in qualche modo di me, io dovevo aver una 
maggior difficolta a parlare. A voi non verrebbe un soldo 
in saccoccia, e non potreste meglio di me persuadere o con 
minor obbietto ? Siete in mezzo a ricchi, tanti ne conoscete.. 
Animo Casanova, a Voi, fattevi onor coUa Patria, senza 
spender altro che qualche pensiero e qualche chiaccoletta. 
Vi faro avere, perche possiate aver 1' occasione piu pronta 
e naturale, una prospettiva della Piazza presso a poco qual 
io la disegnai e sara. Mostrandola a proposito, cioe al vo- 
stro Padrone, od a qualch' altro bel genio, ed a cui poco 
costino i 1 50 zecchini, come una cosa nuova, e spiegandola, 
invittar e poi spinger potete ad una spesa che finalmente 



(1) Giammaria Memmo nacque circa il 1 502, mori nel 1579. Lascio pa- 
recchie opere, tra le quali un trattato su L'Oratore (Venetia, Favri, 1545). 
Nel Prato della Valle il duca Pietro di Curlandia gli fece inalzare una sta- 
tua scolpita da Giovanni Ferrari detto Torretti. 

(2) Lo zio omonimo di Andrea, nacque il 20 ottobre 1670 da Costan- 
tino Memmo e da Marina Zeno. Fra altri uffici fu eletto Bailo a Costan- 
tinopoli, e durante la sua ambasceria presso il Sultano, quando nel 1714 i 
Turchi si preparavano a invadere la Morea, fu ritenuto in ostaggio e chiuso 
prima al Topana e poi nel Castello di Abido. Fu acuto uomo di Stato, 
oratore felice e valente scrittore. Senatore di squisite lettere lo chiama il Fo- 
scarini nella Letteratura Veneziana. 



— 197 — 
non e che da Principi, e gran Signori. M' avete promesso 
che avro le statue del Principe di Waldeck (1), che viaggiava, 
che conosco assai di riputazione, che non ha danari in 
proporzione all'animo e che non ebbi la fortuna di vedere 
in tempo della nostra fiera [di ^adova], del Principe di 
Furstemberg (2), rArcivescovo di Praga, il Conte di Wald- 
stein ed avete poi fatto come moiti altri, che ebbero la 
buona intenzione di fare e poi se ne dimenticarono , per 
non dire come fece qui quell' otre di vento M. le Blond, 
che mi promise la statua del tale e del tall'altro Principe colla 
maggior sicurezza, e scrivendo poi non ebbe risposta da 
alcuno, ben diver samente da quanto io mi compiaccio di 
fare quando possa il bene agli amici e poi di lor pa- 
lesarlo. Tutto questo vi dico per invittarvi a fatti. Nes- 
sun potrebbe poi sospettarvi nemmeno ingiustamente, allor- 
che gli diceste che basta mandar 1' ordine di consegnar la 
richiesta summa al Proc/ Memmo per via d' una cambiale 
in Venezia. Animo dunque, ch' io possa dire finalmente : 
trovai un amico che mi presto assistenza. E chi fu ? Casa- 
nova. Or vedete che n' e interessata ancora la gloria vostra. 
La mia Lucietta forma la felicita del suo sposo (3), e 
questi la sua. Sono innamorati 1' uno dell' altro per le loro 
qualita essenziali, e si stimano quanto s' adorano, e sono 
divenuti 1' esempio del matrimonio invidiabile. Non vi sono 



(1) Crisliano Augusto principe di Waldeck (n. 1742 m. 1798) milito 
valorosamente nell'esercito austriaco confro i Turchi e contro la Francia. 

(2) Si traftava probabilmente di erigere una statua a qualche illustre 
antenafo dei Fiirstenberg ; a Francesco vescovo di Strasburgo (n. 1625 
m. 1685) o a Guglielmo cardinale (n. 1629 m. 1704). 

(3) Vedi pag. 76. 



— 198 — 
gelosie ne da una parte ne dall' altra, ma non v' e nemmeno 
la minima apparenza d' infedelta. Lucietta e ammirata real- 
mente da tutti, e tiatta con attenzione, e con isplendidezza 
Moceniga i Forastieri, dando pranzi, e nella gran festivita 
del Lido fu la sola ha tutte che abbia avuto una peotta 
magnifica e galante. Ella e la Padrona, e puo viver molto 
agiatamente avendo dal Kav.' Sebastiano \Mocenigo\, ch'or e 
Podesta, e Capitano a Verona con somma lode, 9 m. ducati 
d'assegnamento annuo, oltre 660 che io do con esatezza al sig/ 
Alvise, in luogo delle case che gli avevo assegnato in dotte, 
ed altri 400 che dono alia sposa il Kav. ' Giovanni prima 
di morire. Or vedete che senza tempeste, e senza fattore 
possono passarsela assai bene in Venezia. Ebbe la disgra- 
zia d' abortire una volta ed or e gravida di nuovo. 

Dopo 25 anni di galantena, d' amori, d' amicizia, per 
una cosa da niente, e dopo aver quasi stabilito, fatto ch'Ella 
avesse il nuovo viaggio che inlraprese, il nostro matrimonio, 
ogni legame si sciolse tra la sig. ''^ Contarina e me a segno 
di non riannodarlo mai piii (1). V ingannate poi se credete 
ch' Ella avesse potuto assistermi per il Dogado, mentre ora 
non e ricca, e tutto quel che fa per viaggiare deriva da 
risparmj quasi su tutto il resto, e forse da qualche livelluccio, 
che va facendo sopra quanto deve derivarle dal Zio. Io 



( I ) Chi era questa antica fiamma del Memmo ? Apparteneva al casato 
aei Contarini, oppure Contarina era noma di batlesimo ? Una Contarina Bar- 
barigo fu celebre nei fasti galanti ed eleganti della vita veneziana del sette- 
cento, ed ebbe anche molto amore pei viaggi. Nel 1 783 fu dagli Inquisitori 
richiamata in patria da Parigi. 



— 199 — 
r isposavo per amicizia, e non per interesse, nel tempo stesso 
ch' ella non m'avrebbe incomodato in conto alcuno, e nem- 
meno a letto , mentre avrebbe avuto appartamento sepa- 
rate, ed io poi non amavo ne quella troppa carnaccia che 
ha, e molto meno quella che avra. Buona compagnia, reci- 
proca assistenza nella vicina vecchiaja da una parte e dal- 
1' altra, e niente piu. Col tempo un qualche maggior comodo, 
buoni, o migliori bocconi a tavola, de' quali, giacche volete 
saperlo, son ghiottissimo ancora, mangiando molto meno del 
passato, ma mangiando ancor molto con quasi tutti i miei 
denti sani. 

Cercai gia, e cerchero qualche Tedesco che vi porti la 
detta prospettiva, la descrizione, gl' Apologhi, il Hbro del- 
r Architettura Lodoliana, le riflessioni sulle poche parole 
lanciate dal nostro amabiHssimo Zaguri ( I ) ed un bel Apo- 
logo del Cesarotti, niente sapendo se tre orazioni che mi 
furono fatte, e tante poesie, che stamparonsi a spese altrui, 
air occasione del mio ingresso, sieno buone, o no, perche 
vi giuro che non ebbi mai il tempo e la voglia di leggerne 
una (2). 

9) Ven.a , 22 7bre 1 788. 

Due mesi fa se non m' inganno ricevei col mezzo del- 
I'amatiss. '"° Nostro C. "= Cav. ' CoUalto 1' ultimo libretto 



(1) Gli Apologhi lodoliani citati e gli EUmenli dell' Architeitura lodoliana, 
ossia I arte di fabbricare con solidila scientifica e con eleganza non capric- 
ciosa, Roma, 1 786. Per le Riflessioni sulle parole dello Zaguri vedi piii 
avanti. 

(2) Pei libri ed opuscoli in verso e in prosa pubblicati in onore del 
Memmo vedi la ^ibliografia del CiCOGNA pag. 449 e quella del SORANZO 
pagg. 451, 452. 



— 200 — 
che avete mandato fuoii sul vostro scampo dalle prigioni 
ecc. (1). Lo lessi con piacere, se non che mi parve che 
siate stato piii prolisso che non era necessario all' intelligenza, 
od al divertimento de' leggitori nelle diverse istorie de vo- 
stri compagni, che potevansi soltanto accennare, 

Sarebbe forse utile che gl' Inquisitori lo leggessero per 
considerarvi sopra le inumanita, diro cosi d'ordine, che sono 
forse ancora in verde osservanza, Non sono necessarie alia 
purgazione de' peccati commessi dai rei, giacche 1' inferno 
di quella rilegazione basta per purgar tutto. S' io avessi avuto 
il delirio di essere fra que' signori non avrei voluto di certo, 
per esempio, che la prima notte dormissero sul terreno od 
avessero da starvi tutto il giorno senz' alcuna assistenza, e 
tanto piu che facile sarebbe un altro ingresso ben custodito, 
posto che necessario fosse di farli cuocere 1' estate, ed im- 



(I) Hisloire de ma fuite etc. (Lipsia, 1788). Molto importante per la 
biografia del Casanova e questa lettera del Memmo, che in parte conferma 
quanto rivelarono i documenti, inconfutabili secondo il D'Ancona, ma che 
invece lasciano incredulo il dottor Gu^de, diligente studioso del Casanova 
e critico avveduto, il quale torna a negare la veridicita del racconto della 
celebre fuga, che, secondo lui, sarebbe avvenuta merce patrizie complicita, 
specialmente del Bragadin, il gran protettore deU'avventuriero. (D.r GU£DE, 
Casanova el son e\>asion des Plombs, Mercure de France, 1 et 16 Janvier 
1912; J. F. H. ADNESSE, Casanova et son evasion des Plombs, Reponse 
a M. le D.r Gu^de ibid, ler sept. 1912, p. 89-99; D.r Gu£DE. Casa- 
nova, Reponse a M. Adnesse ibid,, let janv. 1913). Si pub anche cre- 
dere che la fuga sia stata meno romanzesca di quella narrata dal fuggitivo, 
il quale del resto confessa di aver talvolta brodi sul suo racconto, ma non 
si pub negare interamente fede ai documenti, che portano, fra altro, il 
conto delle spese occorse per risarcire i guasti fatti dall'audace prigioniero 
per uscir di carcere. 



— 201 — 
pietrire nel verno. Ma voi poi tutto volendo dire, avete 
forse corso troppo, per lusingarvi di poter riveder la cara 
Patria un giorno, se mai vi si presentasse 1' occasione invit- 
tante, o ve ne spingesse il capriccio. Potevate forse esser 
ancor piu cauto, posto che avete trovato necessario di stam- 
pare una simile istoria, e quasi farvi lodar dal Tribunale, 
che come spero non ne avra notizia al tempo in cui qui 
poteste pervenire. lo frattanto, benche siami ricercata, non 
daro da leggere 1* operetta vostra a tutti. Mi dispiaque che 
non abbiate fatta memoria del moment© in cui io vi con- 
dussi ad osservare, dopo 20 anni, il vostro pericolo che 
sul fatto non avete potuto per intiero conoscere come dap- 
poi. 

Mi compiaqui della lettera coUa quale CoUalto m' accom- 
pagno il libretto, e ne lo ringraziai subito, anzi prevenen- 
dolo gU spedii poi col mezzo del giovane Principe di Li- 
chtenstein, Canonico di Colonia, e la prospettiva e i libri 
qui dietro promessivi, ed altre copie di questi per lui. Cosi 
dietro a quanto m' accennate, potra egli senza spesa farmeli 
tenere, ma avendolo invittato a far eriggere una statua, penso 
forse a non accusarmene fino ad ora la ricevuta, per non 
dirmi un no forse mortificante per il suo generoso cuore, od 
un SI che lo impegnasse ad una spesa straordinaria, dicen- 
domisi che con tutta la sua eredita non e in denari. II tutto 
sia a vostro cuore, e discrezione. A lui rimettero pur questa. 

Vedrete con qual moderazione risposi a quel Zaguri, che 
veniva da me a cercar lumi per la sua orazione, e ch'ebbe 
r imprudenza, o per dir meglio la leggerezza d' invitarmi 
ad andar in veste procuratoria ad ascoltarla presso i Riffor- 
matori. S' io avessi inteso che metteva il sale in saccoccia 



-202 — 
al poveio Lodoli, per voler farlo condannare da' non ben 
informati, abbenche avesse finito, io non avrei certamente 
lasciato di pregar gl' uditoii ad alta voce a non prestar fede 
air oratore su tutto quel Iratto, che non intese per non aver 
letta r opera che critica, ne inteso nemmeno il frontispizio 
di quella. Comunque sia, io non repplicai le mie riflessioni 
perche ne restassi piccato, ma sol perche molto desideravo 
che prima ch' uscisse la mia seconda parte, gia terminata 
in Roma, si dasse luogo a parlare sopra un simile argomento. 
Speravo che ajutato da altri tornasse in campo, ed allora 
rispondendo di nuovo, e tanto meglio che in vece di quat- 
tro parole ne avrebbe dette cento in materia, dopo di che 
avrei fatta imprimere con maggior piacere la detta 2* parte. 
Per quanto pero cercasse assistenza da Professori e da Di- 
lettanti, nessuno seppe come rispondere a' miei ragionamenti. 
Io che tutto sapevo di questo non feci mai parola con Za- 
guri, com' egH non ne aveva fatta meco, innanzi di dir su 
la sua orazione. Ben fu curioso, che portandosi un giorno 
da me coUa solita sua confidenza, seguendo il cameriere che 
me Io annunzio, toccasse a lui stesso d' intendermi ad or- 
dinare : dittegli che non sono in casa ; il che 1' offese, e gli 
fece credere ch' io fossi offeso da lui e se ne querelo at- 
taccandosi agh specchi. Io stavo appunto in quel momento 
a scrivere contro di lui, ed avevo sul mio tavolino quelle 
carte e quei hbri, che, sol guardandoli con la coda dell'oc- 
chio, avrebbero potuto fargli indovinar facilmente il mio se- 
creto. Se fossi state in un' altra stanza, 1' avrei ricevuto, e 
non sarei stato seco lui che passivo. Basta, ci vedemmo 
poi, e ci trattammo amorevolmente , e parti senz' altro do- 
lersi di me, benche con creanza, come vedrete, abbia pro- 



— 203 — 
vato ad evidenza che non ha logica nell' Aichitettura ne 
sufficiente erudizione ecc. ecc. ecc. (1). Ci siamo ancora 
prima della sua partenza reciprocamente regalati. La mia 
salute non puo essere migliore, ma lo sconcerto della mia 
economia grandissimo, causato da altri che m' hanno per pro- 
pria ambizione tradito, le litti tutte passive dalle quali sono 
vessato, le tempeste, le siccita e piii di tutto la questione 
che sono per incontrare coi Martinenghi in luogo del ma- 
trimonio, che consumar doveasi ai 2 dell' imminente 8bre, 
mi dan gran noja alio spirito, necessariamente, ne v' e fi- 
losofia che basti a reggere alle necessita non di mangiar 
meno, ma di pagare i creditori che pressano, le spese che 
convenne di fare e come Padre e come Procuratore ecc. 
Se si trattasse di me solo, riderei degli scherzi impertinenti 
della fortuna, ma trattandosi di chi amo, lo confesso, e lo 
confesso con piacere, ne sono sensibile. Vedremo. 

Frattanto io m' occupo tutto il giorno, senza che m' av- 
vanzi tempo giammai, e nelle ore della sera, che non posso 
e non amo di riscaldarmi la testa e gli occhi applicando, 
me la passo con le vecchie amabili amiche, e colle giovani 
ancor piii amabih, belle pazze, che pur se tutto non mi 
concedono ancor mi danno molto. Ho dovuto dir jeri ad 
un mio amico certa verita che mi scappo, jeri vedete a 



(1) Pietro Zaguri lesse all' Accademia di piuura, scultura e architettura 
un' Orazione intorno all' architettura, nella quale sono alcune critiche al fa- 
moso padre Lodoli. II Memmo, gran lodoliano, voile rimbeccare lo Zaguri 
e pubblico le Rifleisioni sopra alcuni equivoci segni (sic) espressi nella Ora- 
zione recitata nell' Accademia di "Oenezia, ml 28 aeltembre 1787, in di- 
fesa del fu 'P. Carlo Lodoli (Padova. 1 788). 



— 204 - 
questi 60 anni, e che mi chiese come avevo passate le pri- 
me ore della sera !... Fui prima da una bella per far la 
pace, e come sembrommi ben avviata, corsi dopo da un'al- 
tra che mi vedeva alia stessa ora a far baruffa, mentre non 
potrei se non cambiar ore per divertirmi con due. 

M' e necessario il soUievo, e come non gioco, non com- 
pro piu alcuna cosa che mi diletti, non posso soffrire il ra- 
gionar co' nostri politici, e niente potendo piu studiare, con- 
viver con gli uomini di lettere, secondo 1' istinto, la con- 
suetudine e la stessa mia innattendibile fortuna, me la passo 
col bel sesso. Se vedeste Casanova quali belle ragazze sor- 
tirono in questo Mondetto dopo che ne siete partito ! Mi 
compatireste se a poco a poco le tento tutte per riuscir con 
alcuna, senza pero mai perder ne il mio sonno, ne il mio 
appetito. 

Bernardo mio fratello, buono a llorche non si tratti d' in- 
teressi reciproci, nel qual caso la filosofia sua se ne svani- 
sce, con la sua signora Teresa sta in Procuratia, e sebben 
occupi 18 luoghi non e ancor contento, sembrandogli che 
la terza parte della casa Dominicale, che mi dono, sarebbe 
stata piu adattata per esso. 

Lorenzo tiene nella stessa Procuratia la di lui Famiglia 
in altre cinque stanze, ed ha un appartamento, ch' e il no- 
bile, fornito assai convenientemente sempre in pronto quando 
volesse lasciar la sua Cavaliera, il che sin che vive non sara 
piii (1). 



(1) Bernardo (nato nel 1 730) e Lorenzo (nato nel 1733), fratelli di An- 
drea Memmo, rimasero sempre celibi. Quindi la signora Teresa non era mo- 
glie legittima di Bernardo, come la ignota Cavaliera di Lorenzo. 



— 205 — 

La mia Lucietta che sebben espressamente fatta per fi- 
gliare sconcio due mesi fa per la seconda volta , rende 
sempre piii felice come sembra lo sposo suo , divenuto 
r esempio de' saggi ed amabili Mariti. Egli 1' adora, ed 
Ella r ama. E gia non solo Savio di Terraferma , ma 
Savio alia Settimana, lodato, pel suo talento, pel suo zelo, 
per le sue applicazioni, per le varie sue dispute politiche 
da tutti. I dissapori pero col singolarissimo Padre suo sono 
tornati in campo. L' uno e dichiarato in conconenza col suo 
cugino Niccolo Venier all' Ambasciata di Spagna, 1' altro 
Nobile a S. Petersburg, in concorrenza di Franco Dona, e 
forse con Pietro Pesaro, che vorrebb' esser eletto sopra i 
due senza pero dichiararlo. Forse tra padre e figlio si ac- 
comoderano ed allora saro piii contento. lo non vorrei as- 
solutamente esser Doge (ridendo de' Proc. " Giovanelli e 
Manin, che non si eleggerebbero che al caso dell' estrema 
necessita) se non ci guadagnassi, come mi sembra d' avervi 
detto (1). 

Eccovi detto tutto in una parola. Vi ringrazio delle nuove. 
Temo che la Contessa Bassani dalla Porta abbia fatta, ben- 
che air eta di 35 in 36 anni, una gran coglioneria ad ispo- 
sare quel Barone ecc. Forse non si chiamerebbe de' Quincy 



(1) Nonostante i dubbi e i disdegni, il soglio dogale aveva pure le sue 
attrattive anche pel Memmo. Furono veramente le difficolta pecuniarie che 
lo obbligarono a rinunziarvi. Infatti non si Irova il nome del Memmo fra 
gli aspiranli al Dogato, i quali, dopo la morte del Renier (18 febbr, 1788 
m. V.) furono i seguenti : Lodovico Manin, Benedetto Giovanelli, Niccolo 
Erizzo, Francesco Pesaro, Pietro Vettor Pisani, Alvise Tiepolo, Niccolo 
Contarini, Pietro Gradenigo, Girolamo Ascanio Giustinian, Pietro Zeno e Se- 
bastiano Mocenigo. Cfr. ROMANIN. Vlll, 300-301. 



— 206 — 

senza I'industria sua (1). Spiegatemi questo enigma. lo li co- 
nosco tutti e due per mia disgrazia, perche quando la si- 
gnora era una bellezza vi diedi del naso dentro a Verona. 
Vi fu questione con chi 1' aveva presa col titolo di figlia 
d'anima, ma che voleva fame un uso diverso dal titolo. 
Con mille zecchini la signora vi rinuncio. A proposito, di- 
ceva Quincy, ch' or viaggia, che voi gli avete fatto perdere 
altrettanta somma prestata per consiglio vostro al giovane 



( I ) La contessa Teresa Bassani della Porta sposo a Venezia, il 1 " mag- 
gio 1 788, il francese Luigi Boisson de Quincy, uno dei fanti avventurieri di 
questo tempo, che dopo aver corso le principali citta dell'Europa, trovavano 
gradevole il soggiorno dalle Lagune. Per le nozze fu pubblicata una Rac- 
colta di Componimsnli poetici in occasione delle felichsime tNiozzt del 
^obil Signor Cavaliere Luigi Boisson de Quency, Conte Palaiino, Mag- 
gior onorario dell' Ariiglieria Polonese, Cavalier di piii Ordini, Membro di 
oarie Accademie, Consigliere Qentiluomo di Corte di Sua Altezza, il fu 
Principe Alessandro Duca di Bilietz ec. Con la Nohil Signora Contessa 
Teresa Bassani Dalla Porta Veronese ecc. In Venezia, 1 788. Con Hcenza 
de' Superiori. — Fra le carte degli Inquisitori di Stato {T^iferte Confi- 
denti, busta 576) h una lettera del 23 luglio 1788 del Notaio Apostolico 
Francesco Gorzgowski da Varsavia al seguente indirizzo : yl M.' le C.te 
Louis ^s.on de Quency, ancien Major d' Jlrtillerie, conseiller-gentilhomme 
de CouT, Memhre de plusieurs Academies et chevalier de plusieurs ordres. 
A 'Oenise. Nelle stesse carte degli Inquisitori {Dispacci di Roma, busta 
482) si trova del Quincy questa poco onorevole menzione : II 19 settembre 
1 788 certo Giuseppe dall' Oglio, agente a Roma del Re di Polonia, per 
mezzo dell'ambasciatore veneto alia Corte Pontificia, Pietro Dona, supplica 
gl'lnquisitori di Stato per ottenere un atto legale di sequestro verso Luigi 
Boisson de Quency, francese, che gli truffo 28 ongari. II 10 gennaio 1792 
(m. V.) gl'lnquisitori scrivono al podesta di Verona per informazioni intorno 
a Teresa Bassani Dalla Porta, moglie del barone Boisson de Quency. 
Una bella lettera della contessa Teresa al Casanova e pubblicata nelle 
Lett, di donne (pag. 241) raccolte dal RAVA. 



— 207 — 
Foscarini [Qiacomo] in Vienna. E vero ? Egli non e ancor 
ricuperato dallo spezzamento della sua gamba, e restera zoppo. 
Non vogHo voltar carta, avendo dieci persone in antica- 
mera, ma spero che sarete contento di quanto vi scrissi. Vi 
raccomando la mia Piazza, e che dandomi almeno una volta 
air anno le vostre nuove, quando non abbiate cose che pos- 
sano interessarmi, mi continuiate I'amicizia Vostra. Addio. 



// vostro 

Memmo. 



j4 Monsieur 
M. ' Jaques de Casanova 
Prague pour 



Dux. 



Dell'abate Severini. 

(1780). 

Con pochi tocchi efficaci quell'abile pittore che e il Ca- 
sanova ci presenta il ritratto di questo strano abate, liber- 
tino e indebitato. II Casanova conosce a Bologna il Severini, 
e fra i due sorge una familiarita grande, favorita da certe 
rassomiglianze d'indole. E il Severini che procura alloggio 
all'avventuriero veneziano presso una virtuosa di canto, riti- 
rata da! teatro e vedova del tenore Carloni. E il Severini 
che lo distoglie dagli studi suH7/fWe, mettendolo in relazione 
con quanto // j; avail de mieux en danseuses et cantatrices. A 
titolo di compenso il Casanova diventa il favorito della so- 
rella dell' abate, plutot laide que jolie , agee de trente ans, 



— 208 — 
mais fille d' esprit , au point que , se voyant reduite a se 
passer de mart , elle se mont rait fiere de fronder le mariage. 
(Mem., VIII, 306-7). 

Maggiori particolari sulla vita del Severini si possono tro- 
vare tra le carte dell' Archivio Albergati , acquistato per 
I'Archivio di Stato di Bologna dal cav. G. Livi. 

Dalle lettere scritte al marchese Albergati si apprende 
che nel 1775 I'abate era a Roma in qualita di aio e se- 
gretario del figlio del principe di Torella, napoletano. L'anno 
appresso e a Napoli, col seguito della duchessa di Lavello, ma- 
dre del principe di Torella , e finalmente , il 22 aprile 
1777, scrive da Bologna all' Albergati : « Dopo una vita 
« errante ed infelice , ormai da cinque anni mi trovo alia 
« fine nel seno della mia patria e nel pacifico asilo della 
« casa mia.... Ho lasciato per sempre Napoli, che e la vera 
« sede dell'empieta e della perversa educazione » . 

Ma sembra che anche il pacifico asilo della patria fosse 
turbato da cure inquiete, non ultime le esigenze dei credi- 
tori ; e 1' abate spiantato va a cercare nella solitudine della 
campagna un nido piu tranquillo. La lettera seguente del 
Severini e una curiosa pagina autobiografica. 



Bologna, 24 giug.o 1 780 
yJmico mio Cariss.° 

lo scrivo in data di Bologna, ma da Bologna mi trovo 
distante quindici miglia in un villaggio denominato S. Pie- 
tro in Casale, ove mi trovo da molti mesi in compagnia di 
mia sorella Maria, e qualche volta dell' altra sorella Cristi- 



— 209 — 
na. lo intrapresi la vita rurale per iscampar dalle minac- 
cie del terremoto ; e in appresso le mie calamitose circo- 
stanze me 1' hanno renduta una vita presso che necessaria. 
Qui mi vedo fuori da quegl' impegni dispendiosi, che sono 
inevitabili alia vita civile, che si conduce alia citta; ed ag- 
giugnete ancora che qui non posso si facilmente incontrar- 
mi a veder le brutte faccie dei creditori, che pur troppo 
in Bologna per me sono molti. Qualche volta vado alia Citta, 
e ivi mi lascio vedere agli amici nel miglior aspetto che 
mi e possibile, e in tal modo conduco i miei giorni senza 
sapere quando la Provvidenza abbia a somministrarmi i mezzi 
onde cambiare in meglio 1' attuale mio sistema. 

Qui giorni sono ebbi la vostra ultima carissima delH 10 
corrente, e un' altra ne ebbi sino dal passato autunno in data 
delli 2 ottobre. Parmi impossibile di non avervi mai rispo- 
sto, come dite nella breve ultima vostra ; che anzi giurerei 
di avervi scritto poco prima del decorso Natale. Tuttavia 
posso ora ingannarmi ; ma il fatto sta che dopo quella let- 
tera io sempre ne ho aspettata un' altra, che voi in quella 
mi facevate sperare. In essa eranvi queste parole : « Mon 
« parti est pris, si je ne suis pas employe cet hyver , je 
« pars d' ici a careme. 

« Che dove non han pasco ne ricetto 
« Anche le fere abbandonano i lochi. 

« J' irai quelque part ; Dieu sait ou. Quand ]' aurai de 
« liberie, je vous dirai tout etc. » 

Io dunque attendeva nuovi vostri riscontri, ed aspettan- 
doli da ordinario a ordinario io differiva lo scrivervi, al che 
per confessarvi il vero, avea luogo anche la pigrizia, nella 

MOLMENTI. — Carleggi. 14 



— 210 — 
quale sono entrato da qualche tempo, quando si tratta di 
scrivere. Altre volte lo scrivere era la mia piii lieta occu- 
pazione ; ed ora vedo quanto puo in noi il cambiamento 
degli anni, che giugne a togliere da noi quelle inclinazioni, 
che ci erano le piu deliziose. Posso pero giurarvi per quanto 
v' ha di piu vero, che non mai ho potuto obliare la vostra 
persona, ne 1' amicizia che mi tiene a voi legato. Che se 
ho potuto per si lungo tempo astenermi dallo scrivervi, sem- 
pre pero ne ho avuta la volonta, che poi non ho eseguita, 
come avviene quando le cose non si fan subito. La vostra 
carissima ultima lettera mi ha scosso dalla vergognosa mia 
pigrizia, ed anche mi ha fatto sommamente arrossire, al tem- 
po istesso che a mia confusione ho dovuto teneramente am- 
mirare la costanza del vostro affetto e della memoria, e del- 
I'interesse, che ancor per me conservate. Da questo villag- 
gio parte e ritorna una volta la settimana un villano, che 
chiamasi qui il corriero, e per tal mezzo ricevo sempre, e 
spedisco lettere, ed ho le notizie della citta, e quelle piu 
clamorose che accadono nel mondo. Voi dunque vedete che 
scrivendomi a Bologna, sara lo stesso, che mi scriviate a 
S. Pietro in Casale, ove avro sicuramente le vostre lettere, 
che attendero con vera impazienza. Anche di qui ho inteso 
le cose di cotesta Dominante, e le ho intese segnatamente 
dal nostro cardinale arcivescovo (1), che da un mese e in 
giro per la visita delle chiese di campagna, e che e stato 
due notti in questo villaggio, e due giorni, ne' quali io sono 
sempre stato della sua conversazione. Si sono dette gran 
cose, e tutte degne d' esser compiante ; ne mai voglia Dio 



(I) II cardinale arcivescovo Andrea Gioannetti (1777-1800). 



— 211 — 
che sieno in esse mischiate quelle persone che costi ho co- 
nosciuto, e per le quali sento della stima e dell' amore. Spero 
che voi in singolar modo ne sarete pienamente esente, ne 
che le vostre luminose aderenze v'abbiano immerso mai nei 
pubblici intrichi, che hanno prodotti tanti guai a tante per- 
sone d' ogni rango. Mi ricordo ancora degli esemplari, che 
mi spediste o per dir meglio che spediste al Calegari. In- 
tesi tempo fa ch' egli ne avea fatta vendita d' alcuni pochi, 
ne pill ho saputo cio che abbia fatto del resto. Lo sapro 
in breve, e faro ch' Egli vi rimborsi delle poche lire che 
ne avra ricavato. Troppo e vero cio che Voi dite in quella 
penultima vostra lettera del passato ottobre, che ora ho ri- 
letta con vero mio piacere, quando dite che la vita e assai 
dura e nojosa qualor si manchi di danaro. Questa dolorosa 
mancanza mi ha ridotto a una vita, che ha del vile e an- 
che dello stentato. Per non sapermi accomodare alia societa 
di villani preti, di viH bottegari, e di rustici bifolchi, spendo 
il mio tempo alia caccia, m' alzo di buon' ora, vado a pranzo 
(e qual pranzo !) prima del mezzo giorno, e la sera in letto 
air ora di notte. Vedete voi, amico mio, qual sistema me- 
schino ed infeHce, da cui non so se invece di passare a 
stato migliore, abbia piuttosto ad entrare in maggiori disgra- 
zie, giacche vedo che esse sono per fatal destino il parta- 
gio unico della mia vita. Addio, perdonate al passato mio 
silenzio, e vogliatemi sempre bene. Addio. 

Sono tutto quanto V.'° 

Severini. 

a Monsieur 

Monsieur Jacques Casanova 
a Venise. 



— 212 — 
Di Niccolo Foscarini. 

(1780). 

Da Vienna scrive a Venezia al Casanova I'ambasciatore 
della Repubblica Niccolo Foscarini. Figlio di Alvise e di 
Chiara Nani, Niccolo vide la luce nell' avito palazzo dei 
Caimini il 23 agosto 1 732. Nel 1 766 si ammoglio con 
Adriana Barbaro, dalla quale ebbe una figlia, che ando 
sposa nel 1791 a Lodovico Widmann. II 6 marzo 1777 fu 
nominato ambasciatore deila Repubblica presso la Corte 
imperiale d' Austria, e nel 1781 ebbe a successore il fra- 
tello Sebastian©, che nel 1 783 accolse benignamente a 
Vienna e aiuto il Casanova (vedi pag. 23 n. 1). Niccolo 
fu nel 1 788 eletto Bailo a Costantinopoli, e il 29 luglio 
1789 si ammoglio segretamente per procura con Lucia 
Fantinati, che gli diede un'altra figlia, Adelaide, sposa nel 
1801 a Carlo marchese Bentivoglio d' Aragona. II 12 mag- 
gio 1 796, quando s'addensava su Venezia terribiie la pro- 
cella, Nicolo Foscarini fu nominato Provveditore generale 
straordinario in Terraferma, ma non ebbe I'animo pari al 
grande uificio. Mori a Venezia il 10 febbraio 1806. 



1) Vienna, 23 Xbre 1780. 

Monsieur 

Neir adempiere la gradevole commissione di cui sono stato 
incaricato dal Sigr. Conte di Larnberg, di farie tenere cioe 
con prontezza il Diploma, con cui la Societa Patriotica e 



— 213 — 
Letteraria d' Hassia-Homburgo I'ha spontaneamente aggre- 
gata nel numero de' suoi membri Onorarj, io provo una 
doppia compiacenza, si per vedere conosciuto ed ammirato 
anche in Esteri Stati le Letterarie sue cognizioni, che per 
la grata circostanza, che proccura a me in prevenzione il 
piacere di dargliene parte, trasmettendole, come faccio, qui 
inserto il Diploma, e la lettera del conte Lamberg, ed av- 
vanzandogliene il primo le mie sincere congratulazioni. Con- 
tento di poter dimostrarle anche in questa piacevole com- 
binazione la parte ch' io prendo a quanto La concerne, 
passo poi a dichiararmi con la maggiore sincerita 

Suo amico 
FOSCARINI. 

2) Vienna, 23 Xbre 1780. 

Monsieur 

Le spedisco anche la copia della lettera da me scritta al 
C.e di Lamberg credendo di fargli piacere. 

Devo dirle con questa occasione ch' ella si e affatto di- 
menticato di me, essendo da lunghi mesi che non vedo sue 
lettere, tanto piii ch* ella mi aveva promesso di tenermi ra- 
guagliato di cose che ancor m' interessa. 

S'.amo in giorni di penitenza, onde pensi ad approfittarne 
da buon cristiano. 

Suo amico 
FOSCARINI. 

Mons. Jacques Casanova 

a VENISE. 



— 214 — 
Del conte Alemanno Gambara. 

(1780-1783). 

II conte Alemanno, dell'antico e insigne casato bresciano 
dei Gambara, fu uno di quei signorotti prepotent! e riottosi, 
che il Manzoni incarno nel tipo immortale di Don Rodrigo. 

Figliuolo postumo di un aitro Alemanno Gambara e della 
contessa Clarina Allegri, Veronese, nacque, il 2 marzo 1734, 
nel castello di Pralboino, feudo di casa Gambara. Fin dalla 
giovinezza si mostro voglioso di garbugli e di risse al punto 
che, non riuscendo a correggerlo gli ammonimenti della 
madre, sposata in seconde nozze a un Martinengo, dovettero 
occuparsene gl' Inquisitori di Stato, i quali, nel 1 749, lo 
fecero rinchiudere nelle carceri di Brescia, poi nei Piombi 
di Venezia, quindi nel castello di San Felice di Verona 
e finalmente nella fortezza di Palmanova. Fuggito da Pal- 
manova, ma subito ripreso dai birri, fu confinato a Zara 
in Dalmazia. Rilasciato in liberta nel settembre del 1756, 
ritorno alia vita di prima nel castello di Pralboino, circon- 
dato da numerosa « truppa di sgherri, banditi e contrab- 
« bandieri , parte dei quali serventi e domes tici suoi, gli 
« altri di lui dipendenti » ( 1 ). 

Per far conoscere i delitti e le turpitudini in che si av- 
voltolo quest'uomo bastera il fatto seguente. 

Un di , verso il tramonto, alcuni birri della Repubblica 
inseguendo a Pralboino un contrabbandiere , varcarono il 



(I) Arch, di Stato, Cons. X. Criminal, filza n. 149. 23 genn." 1759. 



— 215 — 
confine del feudo del conte Alemanno , il quale dis- 
simulando lo sdegno, ando loro incontro , li accolse corte- 
semente e voile anzi ospiteirli per quella notte nel suo ca- 
stello. II di seguente, un pesante carro, ricolmo di verzura, 
entrava in Brescia, ed era abbandonato nel mezzo del Bro- 
letto , di contro la residenza del Capitano Veneto. Nes- 
suno vi bado, ma il giorno dopo, scoperchiato il carro, ap- 
parvero i cadaveri sanguinosi dei birri infelici, ospitati due 
giorni prima dal conte Alemanno. Tutta la citta richiese 
esemplare gastigo, e subito una squadra di corazzieri e di 
birri corse al castello di Pralboino, aperse a forza le porte, 
ma il conte s'era ormai fatto uccel di bosco. Fu bandito, ma 
dopo alcuni anni, il 26 settembre 1778, fu reso libero e 
alterno il suo soggiorno tra Venezia e il castello di Pral- 
boino. 

11 Gambara deve aver conosciuto il Casanova in quel 
tempo appunto che 1' uno e 1' altro erano stati liberati dal 
bando. I due uomini, ai quali doveva riuscir agevole di vi- 
cendevolmente apprezzarsi, si conobbero abbastanza intima- 
mente cosi che il Casanova rappresento il Gambara in un 
suo romanzo allegorico. Era quegli ritornato in patria ed 
aveva ottenuto nel 1 780 I'ufficio di confidente ordinario 
degli Inquisitori di Stato (vedi pag. 63), quando trovandosi 
un giorno nel casino del patnzio Francesco Grimani, uno dei 
suoi protettori, sorse un alterco tra lui e certo Carletti, cavaliere 
di Santo Stefano e addetto alia Corte di Torino. II Gri- 
mani, presente alia disputa ingiuriosa, diede torto al Ca- 
sanova, il quale, a sfogo d'lra e di vendetta, si valse del- 
la favola d' una delle fatiche d' Ercole per comporre un 
atroce libello col titolo. La stalla d^Aagia ripulita. ^cconeone 



— 216 — 
e il Casanova stesso; jilcide e il Grimani ; il Cane latrante 
il Carletti e via dicendo. Sotto le vesti di ^uristeo re di 
Micene e rappresentato il conte Alemanno Gambara, e non 
vi fa brutta figura. 

Alcune lettere di Alemanno Gambara e della contessa 
sua moglie al Casanova sono veramente curiose. 

Siamo nel luglio del 1 780. Da due anni il Gambara, 
liberate dall' esilio e dalla relegazione , era ritornato al 
suo castello di Pralboino e avea ricominciato a tribolare i 
suoi simili. Qualche tribolazione non mancava neppure al 
conte protervo, la cui moglie non pare avesse molta virtii 
di sacrifizio per loUerare pazientemente la rea vita del ma- 
rito. La marchesa Marianna Carbonara , di famiglia geno- 
vese, era stata sposata dal conte Alemanno durante il suo 
esilio. Ma il connubio non era stato avventurato , giacche 
agli scandali amorosi del marito, la marchesa rendeva il con- 
traccambio con un conte Miniscalchi di Verona. 

Dopo violenti diverbi i coniugi si separarono. Ma, fosse 
affetto, orgoglio offeso, o capriccio, pare che la separazione 
dispiacesse al conte Alemanno, il che si rileva dalle lettere 
da lui dirette al Casanova. 



1 ). Monsieur, 

Ella pensa che possa essere di gia stabile la salute della 
contessa Marianna ed io sono di diversa opinione ; poiche 
or ora, che scrivo, la credo tutta sossopra, ed in isconcerto. 
La sanita delle Persone provviene, com' Ella megHo di me 
puo sapere, dall'essere in pace, e dal vivere tranquillamen 



— 217 — 
e pregata dunque di volere coll'energica sua facondia per- 
suadere la mia contessa e desistere dall'alterarsi, ed essere 
susciitibile per cose di picciolissimo momento. Pochi gioini 
sono si e disturbata al maggior segno per un insorto pette- 
golezzo (1),che propriamente non meritava la sua inquietu- 
tudine, e pero lascio a lei il considerare se si puo riavere 
interamente in tali contingenze di cose. Ella piu volentieri 
avrei veduto di sua lettera, che pure mi e stata gratissima, 
ed avrebbe in me ritrovato un cinico filosofo, barbuto, avente 
un cappellino tirato sul ciglio, e tutto concentrate , e pen- 
sante. Desidero vivamente che i bagm d'Abano confluiscano 
alia di lei salute , pregandola di fare compagnia alia con- 
tessa Marianna, di tenerla per quanto si puo viva, e di sol- 
levarla, ch'io moltissimo gliene sapro grado. 

Intanto si conservi , e mi creda sempre pieno di quella 
sincera stima ed attaccamento, che mi fa essere 



Pralboino, il 4 Lugllo 1780. 



De Vous Monsieur 
Obhl."'° Jiff.""" Serv. 

ALEMANO GAMBARA. 



2). Monsieur, 



Dalla di lei gratissima lettera rilevo quant'Ella si e studiato 
di fare per ricomporre, e riunire nella sospirata armonia I'a- 
nimo della Contessa Marianna, dal mio separate, edisgiunto 
per cose di picciolissimo momento , e di pochissima consi- 



( 1 ) Si allude probabilmente a una tresca che il conte Alemanno aveva con 
una contessa di San Secondo 



— 218 — 
derazione, per cui ne le rendo tutte quelle grazie, che per 
me si possono mai rendere maggiori. II fare miracoli, come 
Ella mi dice , egli e solo riservato al principale Motore 
delle create cose ; il vivere poi con tranquillita , e pace e 
tutto della Dama prudente, e dell'onorato cavaliere. E in- 
negabile , che la Contessa Marianna, quando il voglia , sa 
essere Dama , ed e pure innegabile ch' il Co. Alemano 
ha saputo , sa e sapra rendere ragione al Mondo tutto del 
suo procedere : questo e quanto le posso dire sopra il punto 
che ci vuole un miracolo per ritrovare pace. 

Pronto io sono a tutti quei passi , che convengonsi fare, 
ben inteso pero, che sieno di que' che non abbia un giorno 
a pentirmene. Venga una volta in se la Contessa Marianna, 
e consideri in me un marito che la stima, e che la stima 
che ho avuto per lei ha prodotto I'amore, e che le sole ve- 
leita sono dal mio animo bandite : deve pure pensare che 
la mia famiglia ha avuto per costume di rispettare sempre, 
e religiosamente le sue Dame ; ma ancor esse hanno avuto 
il costume, di non pensare, di non profferire cose sdicevoli 
al loro carattere , ed essere questo il primo caso , che la 
Famiglia nostra ha queste dispiacenze. Ho piacere di avere 
rilevato essere felicemente arrivata la mia contessa in Abano, 
e che cola ritrovisi in ottima compagnia : Dio voglia una 
volta che le bagnature confluiscano al perfelto di lei rista- 
bilimento. Non ommetta, com' Ella mi scrive, di andarla a 
ritrovare suU' incominciar di Agosto, e di tentare novella- 
mente coH'energico suo sapere ogni mezzo per porla a gior- 
no, e ridurla a vivere concordemente nella sospirata tran- 
quillita e pace. 

La priego , la scongiuro a venire qui ; e cio potra fare 



— 219 — 
quando viene la mia Contessa : cosi passerei i giorni sereni 
e meno torbidi di quello che presentemente mi sono. 

Intanto Ella si conservi, mi apra dell'occasioni, onde te- 
stimoniarle il riconoscente animo mio, e quella sincera sti- 
ma, che costantemente mi fa essere. 



Pralboino, il 18 Luglio 1780. 



De %)ous Monsieur 

Ohl.'"- Jiff. Ser.^ ^.o 

Alemano Gambara. 



3). Monsieur, 



Pralboino li 4 otlobre 1780. 



M'e parsa veramente stravagante cosa 1' essere stato per 
SI lungo tempo digiuno di sue nove ; e quasi quasi credeva 
che si fosse dimenticata di me ; ma giacche nella di lei 
grata lettera ne rilevo i motivi, vivo quieto neiranimo mio. 

Per i primi del vegnente mese io saro costi ed avro il 
Bene di vederla e di ragionar con lei. 

Mia moglie da leggiera febbre viene obbligata a guardar 
il letto ; e pero ella puo pensare se posso aver pace e go- 
dere di quella felicita , che con tanta bonta mi desidera. 
Ella intanto si conservi e mi consideri sempre pieno di quel- 
I'affettuosa sincera stima, ch ' immutabilmente mi fa essere 

De vous Monsieur 

Obbl.""' Aff.""" servo 

Alemano Gambara. 



— 220 — 
Delia Contessa Gambara. 

I ), Monsieur, 

Abano 21 luglio 1780. 

Non ho risposto prontamente al gentile di Lei foglio per 
essere stata con la mente molto distratta. 

Veiamente, la sua lettera mi ha fatto fare non pochi lu- 
nar) non gia perche tema della di Lei prudenza nello scri- 
vere che ha fatto a mio Marito, ma perche non conoscendo 
bene il di Lui temperamento si crede di far un bene , e 
ne puo derivare un male. 

Giacche Ella bramava di farmi leggere quanto gl'ha scritto, 
spero, che mi dara il piacere di leggere la risposta. lo non 
so qual passo mi debba fare per ind urre mio marito a fame 
due, a me sembra d' averne fatti anche troppi per lo pas- 
sato, ed ho risoluto costantemente di non fame altri, poiche 
ogni piccolo passo sarebbe cosa per me molto umiliante. 
Sono dalla parte della ragione volere o non volere, ne altrui 
prepotenza mi rendera schiava de' suoi capricci. 

La mia salute va di giorno in giorno migliorando, e ieri 
sono stata a Padova a far una gita, e questo picciolo viag- 
gio non mi ha dato nessun incomodo. Ogni qualvolta ella 
fara sollecito ritorno a questa parte mi fara piacere, mentre 
la graziosa e vivace di Lei compagnia tiene gli animi sol- 
levati, ed illari. Sono intanto con la solita verace stima 

T)e Vous Monsieur 
Obbl.'"" Jiff.""' serva 
Marianna Gambara nata Carbonara. 



— 221 
2). Monsieur, 



Venezia 8 marzo 1783. 



Me le protesto senza fine obbligata per la memoria ch'EUa 
conserva di me, anche cosi lontana ; e la prego ove si ri- 
trovera di darmi tratto tratlo contezza dello stato suo di sa- 
lute, come delle circostanze favorevoli , che voglio speiare 
I'accompagneranno ; poiche io merita per i suoi talenti ; ed 
ogni altro, che si compete a persona ben nata. La fortuna 
si prende giuoco degli uomini di spirito, ma comunque mi 
sia me le offero m cio che posso e dove mi credesse buona. 

Di mio marito non le dico nulla, perche ignore il di lui 
pensare a mio riguardo, onde su questo mi permetta, m'im- 
pongo silenzio. L' amicizia ch' io ho colla nota rispettabile 
Famiglia (1), che crede essere offesa, non toglie in me la sti- 
ma, che ho del suo merito, perche veggo un libro anonimo, 
cui gli viene dato un titolo di satira dalle male lingue, io 
debbo tale giudicarlo ? Non la voglio suppoire di si 
poco giudizio a volere porre in ridicolo un personaggio tanto 
rispettabile, per aggravare se stessa d'una cosa che in fac- 
cia a tutte le persone saggie le farebbe poco onore. Sono 
dunque persuasa , che i suoi inimici le abbiano fatto dire 
quello ch'ella non si era mai sognata. 

Non le scrivo novita , perche non ne ho, e mi restringo 
sokanto a protestarmi colla solita stima 

©e "Oous Monsieur 
Obbl.""' aff.""' serva 

MARIANNA GAMBARA nata CARBONARA. 



( I ) Certamente la famiglia di Francesco Grimani, che il Casanova fece 
bersaglio agli strali del suo libello SV^e amori, ne donne. 



— 222 — 
Del capitano Filippini. 

(1780). 

Giambattista Filippini ebbe i natali in Venezia nel 1 730, 
e a ventisette anni entro nell' esercito austriaco, da cui fu 
piu tardi espulso, con sentenza di un Consiglio di Guerra, per 
offese verbali e materiali a un collega. Nel 1 762 pote 
riprender servizio nelle milizie austriache, prima nel reggi- 
mento di fanteria n. 44, poi in quello n. 56, e nel 1 796 ot- 
tenne la pensione col grado di capitano. Nel dicembre 1 797 
entro nella casa degli invalidi in Tyrnau, dove mori il 3 1 iu- 
glio 1807. 



I ). t^onsieur, 

M.' le comte Max. de Lanberg , de qui je fis la 
connoissance il y a quelques semaines, m'a beaucoup vante 
votre amitie, a ete fort charme d'entendre de vos novelles, 
et m'a charge de la lettre que voici. Si vous voules m'envojer 
sa reponse , j'aurai soin de la lui fair tenir a Briine ou il 
demeure avec sa famille. Cela me procurera I'honneur d'une 
de vos lettres, qui me faira d'autant plus de plaisir que 
vous n'oublieres pas san-doute de m'y mander de novelles 
de L.L. Ex.'^'' Zaguri et Marcello, auxquels je vous prie 
tres instament de faire mes tres-humbles respects. En bon 
patriote j'ai pris toutte la pars a I'heureux accomodement 
del Mazor Consegio ; ah ! mon cher ami, si vous auriez pu 



— 223 — 
etre ici pour entendre les discours qu'on tenoit a tort at a 
travers sur cet affaire! (1) On ne parloit que revokes, con- 
spirations, congiurations etc: et moi, quoique Venitien, et 
venant du lieu, je ne pouvois pas parvenir a persuader les 
esprits, deja prevenus et echaufes par le faux debits de 
Gazetes, que touts les debats de Venise n'eurent jamais 
de teles funestes influences ; c' est le cours ordinaire du 
monde, chacun ajoute en chemin faisant de son gre aux 
novelles et on n'en recoit guere que de fausses ; une que 
je puis vous donner pour vraie c'est 10,000 Prussiens en- 
tres en Saxe pour exiger (dit-on) le paijement de ce que 
ce pajs est reste redevable au Roi de Prusse a la fin de 
la derniere guerre, campagne, ou diference comm'il vous 
plait de la nomer; il ne semble pas perdre la memoire de 
viellesse comm'on a dit ci devant. Je sais que vous pre- 
nes pars dans I'entreprise d'une comedie Francoise (2) : je 
vous souhaite mon cher ami qu'ell'ait autant de suces qu'en 
a une Allemande que nous avons ici depuis dix jours. Le 



( 1 ) Le riforme politiche e sociali proposte nel Maggior Consiglio da Carlo 
Contarini e da Giorgio Pisani. Alle ardite proposte, che parevano perico- 
lose alia costituzione della Repubblica, si oppose il doge Paolo Renier, e 
alle sue ragioni fu, con grandissima maggioranza, consenziente il Maggior Con- 
siglio, il 9 maggio 1 780. 

(2) Nell'autunno del 1 780 una compagnia di comici francesi recitava al 
tealro Sant'Angelo di Venezia, e il Casanova aveva una partecipazione nei 
guadagni di tale impresa. Per renderla piii utile pubblico allora un giorna- 
letto in francese, Le Messager de Thalie, che usciva settimanalmente e 
conteneva la critica delle recite gia fatfe e I'annuncio delle future. RAVA, 
Contnbuto alia ^ibliografia di Q. Casanova{\n Giom. Stor. della Lett. It., 
vol. LV. 1910. pag. 357 e segg.). 



— 224 — 
Theatre est toujouis rempli (1), et nous avons I'air de nous 
amuser assez bien le carneval prochain; quant a moi je le 
changeiois volontier avec le votre, mais cella ne se pouvant 
pas, il ne me reste qu'a former des souhaits pour I'avenir. 
Adieu, cher ami Casanova, metes moi, je vous pris, au 
nombre de votres, et si vous me trouves bon a quelques 
chose ne m'epargnez pas, etant avec toute I'estime et la 
consideration 

Olmutz, le g.-^e 9bre 1780 

Votre tres-humhle et tres-obbeissant serviteur 
PHILIPPINI Cap." 

2). cM^onsieur, 

La reponse de M.' le Comte Lanberg , avec I'aucluse 
pour vous, m'etant arive fort tard, je n'ai pas pu repondre 
plustot a la chere votre, qui m'a fait bien du plaisir, et 
ma fait bien rire au sujet de celui qui a vendii son corps pour 
etre maistre de son ame ; mais quels sont les noirs soucis 
qui vous font souhaiter pouvoir fair le contraire? Le depit 
qui vous cause la suspension de votre Thalie pourroit-il 
vous avoir arrache ce sentiment? (2). Je I'ai lue avec toute 



(1) Per gli spettacoli del teatro di Olmutz, cfr. CHR. D'ELVERT, Qesch. 
des Theaters in ^Kdhren ecc, Brunn, 1825. 

(2) Le ^KCessager de "Uhalie, che s'arresta alia sua decima puntata, il 
3 1 dicembre 1 780, deve essere stato sospeso per ordine della censura, 
giacche le recite della compagnia francese continuarono anche nei primi 
mesi del 1781. II Rava trovo la undicesima puntata del giornaletto teatrale, 
scritta in italiano, nell'archivio di Dux (vedi Marzocco, 9 ottobre 1910). 



— 225 — 

I'attention quelle merite, j'y ai cherche, mais inutilement, la 
cause de cette suspension; puis cependant qu'il faut qu'il y 
en ait une, tachons de la detterer. II y avoit un terns oil 
Ton n'ausoit a Venise parler ni en bien ni en mal des sou- 
verains ; peut'etre se trouve-t-il actuelement dans le magistrat 
relatif quelque membre du vieux terns qui pense que vous en 
paries trop au commencement de votie ^)iCessager. 

Le preambule qui precede le portrait de votre homme 
d'esprit pourroit aussi avoir mis a quelque murtel en tette 
(sic). Vous dites — je m' en vais tracer un portrait dans 
le quel personne a coup sur n'ausera se trouver — et vous 
saves qu'a Venise on a lieu de pretendre a I'esprit ; si je 
ne devine pas juste vous me feres un veritable plaisir de 
m'aprendre la veritable cause, je m'y interesse pour le tort 
qu'on vous fait, et qu'on se fait en se privant par la dun 
aliment a I'esprit aussi amusant qu'instructif. 

Je n'ai pas pense vous dire qu' il y ait a Olmiitz, une come- 
die francoise lorsqu'en parlant de la votre, je souhaitois qu'elle 
ait autant de suces qu'en a une que nous avons ici depuis 
peu; j'ai seulement oublie, pent etre, de dire une comedie 
allemande. Une comedie francoise ici feroit fort mal ses 
affaires ; tout spectacle est actuelement suspendu partout 
dans nos etats, on espere cependant qu'ils recommenceron 
le 1 5""' du mois prochain. Puisque vous me paries d'ame 
dans quelques endroits de votre lettre, je vous envoje sur 
ce grand sujet quelque chose de la fasson du Comte Lan- 
berg, qui vous amusera san doute, si ceci, peut etre, n'est 
deja a votre connoissence. 

Je suis fort sensible au souvenir de S. E. Zaguri — 
aimer comme si un jour nous devrions hair — est le pre- 
cet que son cas conflrme aussi bien que I'esperience jour- 

MOLMENTl. - Carleggi. 15 



— 226 — 
naliere du monde. Savez vous qu'on met en doute a cette 
heure I'affaire de 1 0.000 Prussiens en Saxe ? Mais il est 
vrai cependant que quelque chose de pareil il y a. 

Adieu, mon cher Casanova, portes vous bien, continues 
moi voire chere amitie, comptes sur la mienne etant avec 
toutte I'extime possible 

Olmutz, le 26"^« Xbre 1780 

Votre tres-humble et tres-obbeissant serviteur 
Philippini. 



Le Comte Lanberg m'a envoje un petit ouvrage qu'il 
vient d'achever: Lettre de Vauteur du ^^emorial d'un 
mondain sur une nouvelle methode d' apprendre a parler. 
Je viens de la lire, elle est trop volumineuse pour vous 
I'envojer. 

Di Pietro Antonio Pittoni. 

(1780-94). 

II barone Pietro Antonio Pittoni, nobile aquileiese, nato 
a Gradisca il 25 agosto 1730, ebbe nel 1769 I'ufficio di 
commissario esecutivo ed assessore di polizia a Trieste, e 
negli anni successivi fu nominato direttore di polizia e ca- 
pitano circolare. Mori in Trieste nel 1807. 

11 Pittoni ci vien descritto affabile, giocondo, acuto nel 
considerare uomini e cose, motteggevole nelle conversa- 
zioni, con una certa infarinatura letteraria, propenso alia 



— 227 — 
facili avventure amorose e, nello stesso tempo, non msen- 
sibile aU'amor nobile e verecondo, ma sopra tutto deside- 
roso di vivere senza dolore ne disagio. 

Quando, il 1 5 novembre 1 772, giusto sedici anni dalla 
fuga dei Piombi , il Casanova recossi per la seconda volta 
a Trieste (1), colla speranza di poter ritornare in patria, 
si present© al Pittoni con una commendatizia del patrizio 
Marco Dona (2). L' accoglienza non fu molto espansiva, e 
il Casanova se ne lagna ne' suoi ^TUCemoires (VIll, 374-75), 
ma pur non se ne vendica con le sue solite malignita. Anzi 
si sente attratto da ce grand protedeur de tous les libertins, 
che avrebbe potuto divenir tale anche per lui, come di- 
venne infatti. Nous, aggiunge il Casanova, ne tarddmes pas 
a devenir hons amis et nous le sommes encore. Una prova 
di questa cordiale intimita sono le lettere seguenti. 



Trieste, a 9 marzo 1 780. 



C J., 

In onta del mio silenzio vi ho pero sempre amato, e 
v'avrei anco servito se abitassi un paese che ama la lette- 
ratura. L'istessa difficolta incontro adesso, nullameno spero 



(1) II Casanova era stato a Trieste la prima volta nel 1757 di ritorno 
da Vienna. Sul secondo soggiorno del Casanova in Trieste nel I 772, sul Pit- 
toni e su aitri personaggi menzionati nei t^emoires, vedi gl'importanti articoli 
di Sar [Giulio Cesari] pubblicati nel 'Piccolo di Trieste (14, 30 giugno e 
27 luglio 1910 e 4 nov. 191 I). 

(2) Marco Dona q.m Antonio nato il I 3 luglio 1 709. 



— 228 — 
di farvi qualclie associate (1). Vi si obbietta che nelle cose 
letterarie mancate di parola: non si vede (dicon parecchi) 
la continuazione deWIstoria di 'Polonia, non il 4*° volume 
d'On7ero (2), di piii conosciamo i falli di Voltaire, ma pure 
ci diverte e ci rapisce (3); ma il vero motivo e che in 
Trieste c'e piii commercio che denaro; e questo vale cor- 
rentemente il nove per cento. 

Fattemi presente al Ecc^^o P/^ \Morosini\ che tanto ve- 
nero, all'amabil Dama [Paolina Pizzamano], ch'ei accosta, 
a Zaguri a cui scrivo, al S/ Marco [Dona]. 

Pregate Iddio ch'io divenga ricco. Addio. 

'^utto vostro 

PlTTONI. 

A ^M^onsieur 
^M^onsieur Jacques Casanova 
de St. Gall 

Venise. 

2). Trieste, a 1 2 aprile 1 780. 

Car."'° Jlmico, 

6 furono quelli che mi promisero associarsi ai vostri Fo- 
gli periodici, ma in onta delle promesse non mi danno 
I'antecipazione ; io che conosco li Triestini non mi fido di 



(1) II Casanova doveva aver raccomandato al Pittoni di procurargli ab- 
bonati alia pubblicazione periodica degli Opuscoli miscellanei. 

(2) Vedi pagg. 87 e segg. e 106-107. 

(3) 11 libro del Casanova, a cui il Pittoni allude, deve essere: ^loges de 
Mons. de Voltaire par differens auleurs, Venezia, presso Modesto Fenzo, 



— 229 - 
dar i tomi se non verso lo sborso del denaro ; per ora man- 
date adunque due esemplari cioe uno per me ed uno per 
Gabiatti (1), se volete arrischiar altri quattro, o che ve li 
paghero io o che ve li restituiro : puo esser che col sentir a 
leggerli e lodarli s'invoglino. Questo e un paese di ferri e 
d'oglio, ma non di letteratura. Compatitemi, amatemi e 
credetemi 

'^utto vostro 

PlTTONl. 
3). Trieste, li 31 agosto 1789. 

Car.""" Amico, 

La vostra gent.""^, in data Toplitz 21 corr.'' agosto, ri- 
cevo in questo momento, ed appena letta m'accingo alia 
risposta. 

M'avete cagionato uno de' piaceri H piii sensibili, col 
rendermi conto del vostro esser morale e fisico. Lo trovo 
felice ed analogo a quella tranquillita, della quale dobbiamo 
andar in traccia tosto che cessan gli urti violenti delle pas- 



1779. II libro, dedicate al doge Paolo Renier, vuol provare eccessive ed 
esagerate le lodi al Voltaire. Nelle Memorie poi il Casanova si pente del 
giudizio severe, dato molt'anni prima, su quel grand'uomo. 

(I) Giacomo de Gabbiati patrizio triestino (1744-1795) giurisperito, al- 
tuario di borsa, lascio inedito un Progetto di legislazione circa le Assicura- 
zioni maritlime. Fu anche cultore di studi letterari e censore degli Arcadi 
di Gorizia col nome di ^erillo Jllantico. BASILIO, Le Assicurazioni 
marittime a Trieste. Trieste, tip. Lloyd, 191 I, pag. 56 e segg. 



— 230 — 
sioni, ed in questa guisa mens est sana in corpore sano. 
Vorrei io pure abbracciar un tal sistema di vita, ma pur 
troppo li affari mi s'affoUan, e mi tolgono il bel piano della 
pace della quale vado in traccia. 

Io ho conosciuto un C.^ Walenstein-Dux [^manuele Fi- 
lippo] in Trieste, conviene che fosse il Padre del vostro 
Mecenate ; era pieno di talento , ma cattivo calcolatore. 
Questo [Giuseppe Carlo] ha ereditato il buono del Padre, 
ed e ammirabile e straordinario che un Feudatario tedesco 
coltivi le scienze, e faccia qualche bene a' letterati ; percio 
Io amo, Io stimo, e li dedico la mia servitu. 

La perdita della sig.'^ Zanetta fu ed e per me fatale (I). 
Questa beU'anima e virtuosa e partita, e lascio me debole 
e crucioso, non posso parlare d'essa senza sparger lagrime, 
sento tutto cio che espresse Petrarca, e per non incrudelir 
il mio dolore finisco di parlarne. Se per voi la memoria e 
un bene per me e il somo de' mali. 

L'amabilissima Contessa di Lamberg si ricorda dunque 
di me? Ringraziatela ed io la ringrazio con I'achiusa. Che 
amabilita, che bonta; che talento a inspirar poesia ed ale- 



(1) Zanetta, la donna amata dal Pittoni, della quale cosi parla il Casa- 
nova: « J'y vis (1773) la maitresse de Pittoni, V<^nitienne protestante, fiUe 
« d'un marchand allemand et femme de David Pichelin, negociant de Souabe. 
« Pittoni ^tait amoureux d'elle et le f ut jusqu'a son dernier soupir ; il I'ainia. 
« pendant treize ans, de cet amour qui embrasait P^trarque pour Laure, 
« soupirant et esperant comme iui, mais sans succes. Cette femme extraordi- 
« naire, plus connue sous le nom de Zanetta, et dont le mari etait la con- 
« fiance meme, me parut fort jolie » (J^em. VI, 361-62). Una canzone 
intitolata L'Armonia, fu pubblicata (s. a.) dal Casanova e dedicata alia si- 
gnora Zanetta Pichelin. 



— 231 — 
grezza. Se potessi sarei gia stato a Vienna, ma come com- 
binar cio co' miei affari , tanto piu nelle present! circostanze 
di guerra? (1) 

Queste non sono fatali al porto di Trieste anzi vantag- 
giose, poiche tutto il commercio del Danubio si e rivolto 
per Trieste, ed in Trieste salvan li ricchi Moldavi, Va- 
lachi ed altri suditi turchi le loro proprieta : quindi questa 
coUonia orientale si e moltiplicata in numero ed in potere 
infinitamente, e Trieste e divenuto un vero emporio di 
commercio di Levante, abbellita con nuove fabbriche. (2) 

Se lusso vi regna, le p fanno soldi, e quest'arte si e si- 

stemata. Molti abitatori si sono arricchiti e molti falliron: 
fra' ultimi e Strolendorf Platner che voi conoscerete. (3) 



(1) Giuseppe II s'apparecchiava alia guerra contro la Turchia. Nel porto 
di Trieste si armavano navi e si disponevano batterie. 

(2) II commercio di Trieste, dopo il grave colpo avuto dalla rovina della 
Compagnia Orientale (1741), non si lascio abbattere, ma cerco pronti ri- 
pari, trovb nuovi compensi, e gia, a mezzo il secolo XVIll, la Repubblica 
di Venezia guardava con occhio geloso la rapida prosperita dei traffici della 
citta rivale. Si ando formando il borgo Teresiano per opera specialmente di 
alcuni ricchi greci, si costruirono cantieri, si fece attivo il commercio con la 
China e con le Indie, e la citta crebbe in ricchezza e in popolazione, 
mentre la fortuna di Venezia declinava precipitosamente. 

(3) L'Osservatore Ijriestino del 1 8 luglio 1 789 reca I'Editto, col quale 
il profugo assenle Ambrogio de Strohlendorf, negoziante della piazza mer- 
cantile di Trieste, h citato a « comparire nel termine di giorni 60 appresso 
« questo Ces. Reg. Giudizio Civico-Criminale, per essere sentito sopra li fatti 
«e circostanze, che aggravano I'imputatogli delitto di doloso fallimento». 
Lo stesso Osservatore (Nolizie del mare) del 29 luglio 1 789 pubblica I'E- 
ditto, che notifica « a tutti quelli, li quali aver vi possono interesse , qual- 

mente sia stata accordata I'apertura di un concorso sopra tutta la (acolta 



— 232 — 

Abbiamo fatto aquisto d'un ricco abitatore arabo che 
e il C/ Cassis, questo compro gia un milione di beni. (1) 

II governo consiste in molti, che scrivon molto, e che 
fanno poco, tal'e la confusione delle nostre leggi, tutte 
dannose, ma in Trieste la Natura attiva e piii forte della 
legislazione distributtiva ; mi pare avervi detto assai, sol mi 
manca dirvi che v'amo teneramente, e che teneramente 
v'abbraccio. 

Tutto vostro 

PiTTONI. 

4). "^res cher ami, 

II faut des ordres des belles femmes pour vous faire 
souvenir des vos amis ; ]e leur dois une reconoissance tres 
respectuese du plaisir vraiment sensible qu'elles m'ont pro- 
cure en recevant votre chere lettre du 20 aout de Toplitz, 
a la quelle je ne tarde pas de repondre. 



« mobile e stabile di Giuseppe Plainer, proprietario della Ditta Giorgio 
« Plainer esislenle in Triesle e sue dipendenze » , 

(1) La famiG;lia Cassis dimorb per mollo tempo a Damasco, dove era ricca 
e polenle. Nel secolo diciollesimo si Irovava in Egitlo, e di la, in causa di 
lorbidi polilici, venne in Europa. Erano due fratelli , dei quali Giuseppe, il 
primogenilo, fece breve dimora in Livorno e in Venezia, e inline raggiunse 
il fratello Antonio, gia slabilito a Trieste. Ambedue ebbero onori e tiloli 
nobiliari in Austria e in Italia. Antonio, ricchissimo proprietario di molte 
case in Triesle e di molti beni in Friuli e nell'llliria, rifece il Teatro nuovo 
di Trieste e spese ingenti somme negli scavi di Aquilea. Poi perdette gran 
parte delle sue ricchezze. Giuseppe mori giovane e diede origine alia fa- 
miglia, che ando poi a dimorare a Padova. 



— 233 — 

L'abbe Da Ponte se trouvait a Triest pendant que S. 
M. [Leopoldo II] de retour de 1' Italic est arive, il remarqua 
le dit abbe au theatre avec etonement , et avec douleui , il 
m'adressa la parole, en me disant qu'il ne fallait pas le to- 
lerer, qu'il etait un coquin et que par son ordre il a ete 
chasse de Vienne. 

Le gouverneur C.*^ de Brigido (1) remontra a S. M. 
qu'il etoit venu expressement a Trieste pour avoir audience 
de S. M., pour remontrer sur differents griefs, qu'on le lui 
avait impute. S. M. refusa tout net de le voir, il repliqua 
et confirma son premier ordre. 

Le lendemain S. M. m'ordone de faire venir l'abbe Da 
Ponte chez lui a II heures du matin, il y fiit et il resta 
pendant une heure et demi (2). Du discours je ne suis pas 
informe, mais le resultat fut une suspension d'user des ri- 
gueurs de la Police contre lui. II se peut fort bien qu'il 
ait parle des maquinations, car c'est un affair de l'abbe. J'ai 
lieu de croire, qu'il s'agissoit de decouvrir des fripons. Voila 



(1) II conte Pompeo Benvenuto Brigido, signore di Mahrenfels e di Bre- 
sovizza, nato a Trieste il 1 7 luglio 1 729, compi gli studi nel Collegio di 
Modena e si diede poi ai pubblici uffici. Fu successivamente capitano cir- 
colare di Adelberga, consigliere di Governo a Leopoli, capo deirammini- 
strazione montanistica della Transilvania, governatore della Slesia, e final- 
mente, per oltre un ventennio (1782-1803), governatore di Trieste. Fu ele- 
vate da Maria Teresa nel 1777 al grado di Conte del Sacro RomatK) Im- 
pero. Mori a Trieste il 20 agosto 1811. Cfr. DE FRANCESCHI, / ca- 
stelli delta Val d'Arsa. Parenzo, 1900, p. 59. 

(2) Cfr. pagg. 262. 



— 234 — 
tout ce que vous pourez dire aux belles dames qui vous 
ont charge, en leurs presentant mes humbles respects. 

J'ai ete a Vienne il y a un an, j'ai connu M.° Irene (I), 
et M.' voire here [Francesco], qui m'a comble de bontes 
et d'amities ; nous avons souvent parle de vous. 

Je suis a Padoue pour retablir ma sante delabree. M."^ Dona 
vous fait ses compliments et moi je vous embrasse. 

Padoue, ce 6 7bre 1791. 

X^otre tres humble serviteur 

PITTONI. 
5) Trieste, li 4 genaro 1 793. 

Car.""' Jimico, 

Non ho risposto subito a due pregiatissime vostre, perche 
I'ultima malattia mi lascio una specie di paralisi, cagionata 
da molteplici empiastri e vissicatorie, occorrevoli per to- 
glier I'infiammazione, che minacciava il petto. Sono gia 3 
anni, che quelle Parche bugerone mi minacian di tagliar lo 
stame di mia vita, ma grazie a Dio sto meglio, anzi posso 
dir bene e pare che I'ultimo attacco fosse purgativo. 

Le nuove che mi recate di vostra Persona m'hano ca- 
gionato il piii grande piacere. Godo che vi piaccia quella 
solitudine tranquila, della quale io vado in traccia e faccio 



( I ) Deve essere un'attrice di nome Irene, ormai vecchia e ritirata a vita 
privata. Per le avventure di questa attrice, figlia del sedicente conte Rinaldi, 
vedi i :M:emoiTes (VI, 2, 167, 258. VIII, 440). 



— 235 — 
ogni sforzo ond'ottenerla. Godo che il vostro Mecenate vi 
stima ed ama, e sopra tutto mi faccio un'illusione piace- 
vole e quasi divina, che avro nel rivedervi ed abbracciarvi. 

II Mercante il piii atto ed il piu solido, ch'io giudico 
per lo smercio de panni Waldstein nel Levante e Deme- 
trio Carcioti (1). Questo ha tutte le nozioni e relazioni pos- 
sibili in Costantinopoli, Smirne, Alessandria, ed ancora 
neH'Affrica, cioe Tunisi in principalita. Conviene che le 
mostre che inoltrera il Vostro Conte sieno generose, cioe 
di tutti li colori e qualita, una mezza pezza o almeno un 
quarto, e sono certo che se possibile si rende lo smercio 
avantagiosamente, sia per mezzo suo : garantisco la sua one- 
sta e le sue cognizioni. 

Non son sortito da Trieste tutto I'anno 1 793 : in con- 
seguenza non vi posso parlar di Venezia, se non che il 
povero Procurator Morosini sia morto, che Zaguri sta bene, 
che li Pesari regolan la repubHca, e che Battaglia e I'Eschine 
contro li due Demosteni (2). 



(1) 1 conti Waldstein avevano grandi fabbriche di panni, e il Pittoni sug- 
gerisce, come intermediario per tale commercio, il negoziante Demetrio Car- 
ciotti, giunto a Trieste dalla Morea nel 1775, in povere condizioni. II Car- 
ciotti seppe avviare un ricco e proficuo traffico col Levante, e dopo ven- 
ticinque anni pot^ spendere mezzo milione in un palazzo, costruito dall'ar- 
chitetto Matteo Pertsch. Nel 1793 il Carciotti fu nominate Capitolario a 
vita della nazione (comunita) greca. CAPRIN, / nostri nonni, Trieste, 
1888. p. 25. 

(2) II Procuralore Francesco II Lorenzo Morosini mori in Treviso il 
1 dicembre del 1 793. Dei fratelli Francesco (n. 1 740) e Pielro (n. 1 744) 
Pesaro, ebbe maggior fama Francesco, che sali ai piu aiti gradi della Re- 
pubblica e, tra i pericoli che minacciavano la patria , fu con accesa elo- 



— 236 — 

Trieste tutto vi vedra con piacere, e vi festeggiera. Gra- 
dite fratanto li complimenti di tutti. 

Nuove politiche non vi scrivo, perche siete a portata 
d'averne delle migliori, sono pero contento che I'anno 1 793 
sia passato, e che neU'anno 1 794 li Inglesi spiegherano me- 
glio le lor forze. Devon scancellare da' lor fasti I'affronto 
di Dunkerque, di Toulon, della Corsica, e quello ultima- 
mente arivato d'aversi lasciato scappare la flotta di Brest. 

Se scrivete al Fratello [Francesco] a Viena ditelli da 
parte mia mille belle cose. 

Amatemi e credetemi di Voi Car.™ Amico. 

V. Dev. Servo ed Amico 

PlTTONI. 



6), C. A., 

Parto per Venezia per farmi operar una fistola all'occhio, 
percio vedete che poco vi posso scrivere. 

Sol v'accerto che la vostra '^emi (I) e spedita e rispe- 
dita, e mi meraviglio che non I'abbiate ricevuta. Ho tirato 
a responsabilita I'Officio della posta, il quale deve porre 
I'affare in chiaro. 



quenza propugnatore della neutralita armata. Secondo il Pittoni il rivale in 
eloquenza del Pesaro , come fu Eschine di Demostene, era Francesco Bat- 
laglia, che piti tardi, nel 1 796, fu Provveditor Generale in Terraferma. 

(I) La Tjemi Veneta, almanacco che si stampava annualmente, in cui 
erano indicati tutti i magistrati della Repubblica. II Casanova, assente dalla 
patria, desidero sempre avere la Tjemi, che gli era spedita dagli mici. 



— 237 — 

Da Ponte non ha sposato Ebree, e partito da Trieste 
con la sedicente figlia d'un mercante Inglese chiamato Krai, 
che poco dopo falli e fuggi anch'egli, ed abbiamo riscontri 
che tutti furon arrestati in Ostenda. 

lo desidero la pace, e di vedervi. Amatemi e credetemi 



Trieste, li 1 5 aprile 1 794. 



Vostro S. 

PITTONI. 



P. S. Fate i miei rispetti al C.' di Waldstein ed alia 
contessa, se si ricorda di me, colla quale pranzai sovente tre 
anni fa presso il C.'' Carlo Palfi ; parlo della nata Lichten- 
stein. 

7). Trieste, li 26 feb." 1796. 

Car.'"" Amico, 

Vi spedisco la Temi, che il nostro Amico Zaguri mi 
mando per inoltrarvela. Questo sara un dolce sovenire della 
vostra Patria, che verso di voi fu ingratta. II nostro Sj Marco 
\Dona\ lo troverete fra viventi, e supero due malattie mor- 
tali nell'anno 1 793, ed or e vegeto e prospero, con tutti li 
denti e con.... come fii quaranta anni fa. 

M'avete fatto un vero regalo col darmi contezza di L..., 

io lo credeva morto. Fumi pure e , io non H invidio piu 

i suoi piaceri. Non ho mai fumato, e son 10 anni che 
non.... sebbene mi piace la ragazza di primo pello. 

Tempo gia fue, che mi lusingaste di venir a Trieste col 



— 238 — 

vostro Mecenate. lo v'aspettava a bracci aperti ; ed avevo 
in antecipazione disposto tutto per amalganare il C.*" di 
Waldstein colla Greca Colonia, assai esperta per procurarli 
uno smercio grandiose di Panni. 

lo mi prepare d'andar a Vienna. II mio scopo principale 
e di cercar la mia liberta, non v'e che la quiete ed un 
dolce ozio che mi possan conservare qualche anno. Vedro 
ed abbraciero vostro Fratello, e parleremo di Voi. 

Voi che venite da Berlino, come avete trovato il suc- 
cessore d'Alessandro ? (I) Appiattatto forse in una...? Su- 
perstizioso ? Bigotto ? O son queste menzogne ? Regna an- 
cor lo spirito di Herlzberg nel Gabinetto, dittemi qualche 
cosa su cio. (2) 

Come andera la futura campagna senza Clairfait, sono 
desolato che questo grande generale non torni all'armata. (3) 

Vacilante e il Gabinetto di Torino, vorrebbe far la pace, 
e non sa come fare, fratanto i nostri rinforzi giungono, e 
spero che sosteremo I'ltalia, tanto piu che li dipartimenti 
meridionali sono in combustione ed il terrorismo incomincia. 

Noi abbiamo acquistatto una Colonia Francese, ricca, 
saggia e che ha molte relazioni e rapporti nel Levante ; 
questa e sara sempre piu utile, e contribuira molto all'in- 



(1) Del gran re Federico II, che il Pittoni paragona ad Alessandro Ma- 
gno, fu successore il vano e presuntuoso Federico Gug'lielmo II (1786-97). 

(2) II conte di Hertzberg (n. 1 725), ministro di Federico il grande e del 
sue successore, era morto nel 1 795. 

(3) Francesco conte di Clairfait (n. 1 733, m. 1 798) fu generale al ser- 
vizio dell'Austria nella guerra dei sette anni e in quella contro i Frances!. 



— 239 — 
cremento di questa citta e Porto, che ormai e divenuto im- 
portante, e bello. (I) 

Le prime tartarughe e dattoli che giungon saran vostre. 
Conservatevi, amatemi e credetemi 

'^utto vostro 
PITTONI. 

Povero Quirini ! Baciando le mani alia Bella Benzona cadde 
morto d'apoplessia : che bel morire ! (2) 



Di Marco Monti. 

(1781). 

Nel 1 773 il Casanova si trovava sempre a Trieste, met- 
tendo a servigio degli Inquisitori di Stato veneziani i mille 
avvolgimenti del suo ingegno sottile, per averne poi in pre- 
mie il sospirato ritorno in patria. E come nella questione 
di certi frati Armeni, fuggiti da Venezia e riparati sul ter- 
ritorio imperiale, egli dava agli Inquisitori, giorno per giorno, 
informazioni sulla vita di quelli, cosi seppe offrire esatte 
relazioni e vantaggiosi avveriimenti sull'andamento dei traf- 



( 1 ) La colonia francese riparata a Trieste era tutti di emigrati che fuggi- 
vano dai tumulti sanguinosi della Rivoluzione. 

(2) Angelo Quirini, la sera del 29 dicembre 1 795 « fu assalito da fiero 
accidente in Saliza a S. Moise per il quale subito mori » ^Miagislr. alia 
Sanila, reg. 982, c. 211. La nipote di lui, la bella e celebre Marina Qui- 
rini Benzon, che era corsa per assistere il vecchio zio, lo trovo gia morto. 



— 240 — 
fici di Trieste, divenuta ormai la temuta rivale di Venezia. 
Ai suoi fini giovarono principalmente due uomini : il gover- 
natore di Trieste, conte Adolfo de Wagensberg, del quale 
seppe ottenere la maggior confidenza colle attrattive dell'in- 
gegno e coll'adulazione che manifesto anche in versi, (I) 
e il console di Venezia, Marco Monti, che, come I'astuto 
veneziano confessa, gli fu fort utile pendant les deux ans pas- 
ses a 'Trieste {Mem., VIII, 381). 

Gl'lnquisitori di Stato furono contenti dei servigi pre- 
stati, e il console di Venezia Monti rimetteva un salvacon- 
dotto, in data del 3 settembre 1 774, al Casanova, il quale 
rimpatriava circa quindici giorni dopo. 

Marco Monti, console a Trieste fin dal 1 762, scriveva, 
il 12 giugno 1782, ai Cinque Savi alia Mercanzia (Arch, 
di Stato, Cinque Savi, busta 156), esser egli prossimo 
a morire, e univa alia lettera un promemoria nel quale bre- 
vemente narrava la sua vita. Mortogli il padre, che aveva a- 
vuto il grado di capitano nella guerra di Morea, egli, in- 
sieme con tutta la famiglia, priva di ogni sostanza, fu fatto 



(I) Adolfo conte di Wagensberg della Carniola, nominato governatore di 
Trieste, giunse nella sua nuova sede il 16 giugno 1773 e mori in Gorizia 
il 5 novembre dello stesso anno. Sua figlia, maritata ne' Lantieri, era una 
gentildonna tanto amabile quanto colta. « Je celebrais — scrive il Casanova 
« — la venue du nouveau gouverneur par des vers que je fis imprimer, et 
« dans lesquels, tout en exaitant les merites du pere, je ne manquais pas de 
«rendre un ^clatant hommage aux rares perfections de la fille » (Mem., Vlll, 
388). L'opuscolo rarissimo e citato dal RAVA (Marzocco, 9 ottobre 1910): 
Jlpplausi poetici doouti dalla felice, inclila ed ossequiosa cilia di Triesle al 
merito soVrano deU'Ill.mo ed Ecc.mo Signore il Signor Conle Adolfo di 
Wagensberg ecc, Trieste presso Francesco Mattia Wincov^itz. 



— 241 — 
schiavo dai Turchi. Liberate coi suoi, milito nell' eseicito 
della Repubblica per trentatre anni, trascorsi i quali fu elet- 
to console a Trieste. 

II Monti termina con la preghiera che suo figlio Giaco- 
mo sia chiamato a succedergli nell' ufficio. La preghiera 
ebbe favorevole accoglienza, e in quello stesso anno 1 782, 
Marco Monti passo di questa vita. 



Amico Stim.'"°, 

Nuovi testimonj della sua cordiale amicizia rimarco nel- 
I'annunzio, che mi ha reccato per la via di mare, ed anche 
di terra deU'accomodamento cosi stabilito fra me ed il Co. 
Ignazio Giusti. Confesso d'esserne rimasto contentissimo, non 
tanto per il modo, che vuole debba doppo undici anni 
atendere altri quattro per avere il mio rimborso, ma bensi 
per la condizione favorevole di non aver piii a trattare so- 
pra un argomento, la di cui frequente rimembranza mi esa- 
cerbava la piaga delle dolorose mie perdite (1). Passiamo 
a trattar di cose piu alegre. 

La gentilissima Campioni (2) in ventiquattr'ore di viag- 
gio capito felicemente. Prese aloggio dalla Piatti dirimpetto 
al mio, ove anche fui a visitarla e ad offerirmele in tutto 
quello valessi. Essa mi disse d'aver piii lettere da darmi. 



(1) Intorno a questa lite tra il Giusti e il Monti mi parve inutile far 
ricerche. 

(2) La ballerina Campioni, ricordata nella lettera del conte Richa a pag. I 53. 

MOLMENTI. - Carleggi. 16 



— 242 — 
ma che le aveva impegnate nei suoi bauli, quando dunque 
le avro, saio atentissimo a rispondere a chi me I'avera 
scritte. Mi fu grato il rilevaie che rEcc.™" Proc/ Conta- 
rini (I) abbi parlato in Senato molto vantaggiosamente di 
me, ma bramerei sapere su quale proposito. La Maffei 
bramarebbe aver la ballotazione dei nuovi Soracomiti (2). 
S'ella e seguita, favorisca di spedirmela, e in caso diverse 
me la fara avere a suo tempo. Doverosissimo alia parte che 
si presero nella riuscita del mio affare rEcc.™" Proc/ [Mo- 
rosini] e la Dama [Pizzamano] pregola di rilevare ad en- 
trambi li sentimenti della mia rispettosa riconoscenza. 
Fratanto abraciandola chiudo 



Trieste, 28 marzo 1781. 



Suo aff."'° Amico vero 
Marco Monti. 



DI Marco Zeno. 

(1782). 

Figlio di Alessandro Zeno e di Chiaretta Marcello, nac- 
que Marco il 3 1 maggio 1 732 , e si ammoglio nel 1 785 
con Elisabetta Maffetti. Fu podesta e capitano a Treviso 
dall'S ottobre 1781 al 7 febbraio 1783. 



(1^ 11 Procuralore Alvise II Pietro .Contarini (n. 1731, m. 1786). 
(2) Ufficiali delle navi. 



— 243 - 

Treviso, 20 aprile 1 7 82. 

J'ai regu avec plaisir, Monsieur, le Roman historique, que 
vous avez pris la peine de me faire remettre, et quoique 
n'aiant pas lu I'original frangais, a cause de mon peu de 
gout pour les Romans ; je verrais cependant le votre vo- 
lontiers, persuade que les anecdotes qu'il renfermera seront 
interessants par vous (I). Vous pouvez me regarder comme 
un de vos associes a cet ouvrage, et je desire quelqu'oc- 
casion de vous etre bon a quelque chose ; je suis bien sin- 
cerement, Monsieur, 

Votre tres humble et tres obeissant Serviteur 
Zeno. 

A M: M7 Casanova 

a VENISE. 

Di Pietro Marcello. 

(1783). 

Nacque nel 1719 da Pietro, Procuratore, e da Chiara 
Duodo. Mori nel 1790. 

La lettera di Pietro Marcello e scritta circa un mese 
dopo che il Casanova, abbandonata per la seconda volta 
la patria, dopo lo scandalo suscitato dal suo libello A^e 
amori ne donne, era andato a Vienna. II patrizio, che si 



(1) Probabilmente si parla delle pubblicazione del Casanova intitolata : 
AntddoU veneziani mililari e amorosi del secolo decimoquarto, Venezia, 1782. 



— 244 — 
scaglia contro I'ingiustizia e la malignita dei suoi compa- 
triotti, e ha parole di simpatia per I'esule libellista, rivela 
uno di quegli spiriti torbidi e inquieti che s' agitavano fra 
lo stesso patriziato e furon causa non ultima della caduta 
della Repubblica. Non fa neppur molto onore alia memo- 
ria del Marcello una lite ch' egli ebbe con un Giovanni 
Watson, al quale rifiutava di pagare una cambiale di 270 
zecchini per debito di giuoco (Arch, di Stato, Jlvogaria 
di Comun, Miscell, C, busta 147, n. 6). 



Venezia, 2i feb. 1783. 

Sig. Giacomo Stimat.^° , 

Provo una sincera contentezza nel ricevere il suo foglio, 
da cui rilevo ch' ella si ritrova in buona salute e meglio 
accolto di Venezia. lo gli sono assai grato che, anche lon- 
tano, mi riguarda con marche di compatimento nella sua 
amicizia. Se il momento che lei si separo da me fosse stato 
pill propizio, avrei corrisposto, secondando le sue circostan- 
ze, con altra prova della mia estimazione. Ma fatalmente 
vi sono dei momenti in questo Paese, che non si sa dove 
ricorrere, e perisce un buono onesto di qualunque rango e 
merito senza ritrovare assistenza. lo sono uno di quelli che 
di frequente mi ritrovo in tali angustie, e procure di rite- 
nere una eguaglianza nel mio animo per non scoprirmi. 

11 nostro Ambasciatore Foscarini Sebastiano non so se 
abbia ricercato di me piii per curiosita, che per amicizia. 



— 245 — 
poiche egli sa prendere la maschera della bonla, senza averne 
i sentimenti. In somma, Sig. Giacomo, si faccia coraggio, io 
gli desidero di vero cuore tutti i beni possibili, dovuti al 
suo merito ; sono certo che allontanato dalla cattiveria per 
qualche tempo del nostro Paese, la quale fiorisce ogni giorno, 
ritrovera altrove piii urbanita, e civilta. II tempo calma il 
tumulto di certi spiriti inquieti, nemici del genere umano. Pro- 
curero di rintracciare della Sigja Francesca [^uschini] (I), 
e indichero alia Sig."^* Paolina [T^izzamano] le sue premure 
che sono certo, per quanto potra, saranno esaudite. 

Mi continui la sua amicizia e dove posso mi comandi e 
sono con vera stima di Lei, 

Suo off""" amico e Servitore 

PlETRO MARCELLO fu M. PlE.o PROC.re 

p. S. Se lei prende il viaggio di Pariggi sara facile ch'io 
la preghi di qualche affare che non gli sara discaro. 

Di Daniele Andrea Dolfin. 

(1783). 

Daniele Andrea Dolfin (del ramo di San Pantaleone) 
nacque il 1 8 giugno 1 748 da Daniele e da Bianca Conta- 
rini, e non ancora ventenne s' uni in matrimonio con Giu- 
stiniana Gradenigo. II I ' dicembre 1 768 fu aggregato al 
Maggior Consiglio, e servi con I'animo e con I'intelletto la 
patria, adoperandosi in un gran numero di uffici pubblici. 



(I) Francesca Buschini, popolana veneziana, fu I'amica forse piu devota 
del Casanova, col quale mantenne sempre una corrispondenza epistolare in- 
teressantissima. Vedi Lelt . di donne cit. race, dal RAVA pag. 145 e segg. 



— 246 — 
Voglio enumerarli partitamente per far vedere quanto potesse 
essere occupata la vita di alcuni volonterosi patrizi veneziani. 
Fu Savio agli ordini (18 sett. 1773 e 22 sett. 1774), Savio 
sopra le Decime a Rialto (20 nov. 1 774), Capitano a Ve- 
rona (20 genn. 1 775), Provveditore ai Pro fuori Zecca (24 
febbr. 1 778), Provveditore sopra Banchi (2 maggio 1 779), 
Savio di Terraferma (30 giugno 1 779) , Ambasciatore in 
Francia (1780-86), Savio del Consiglio (31 marzo 1786), 
Ambasciatore a Vienna (1787-90), Ambasciatore straordi- 
nario in Ungheria e Boemia (27 marzo 1 790), Consigliere 
di Venezia per Dorsoduro (25 nov. 1792, 29 die. 1793), Sa- 
vio del Consiglio (31 marzo 1795), Revisore regolatore alle 
pubbliche Entrate (2 genn. 1 796), Savio del Consiglio (30 
giugno 1796), Provveditore all'Artiglieria (12 genn. 1797). 

Di vivido ingegno, di sufficiente cultura politica e lette- 
raria, fu tra i patrizi novatori , e al rompere della Rivolu- 
zione francese, appoggio, senza risultamento in uno Stato 
come il veneto conservatore tenacissimo degli ordini an- 
tichi , riforme economiche , legislative e sociali. Quando il 
decadimento di Venezia divento rovina, e la vecchia Re- 
pubblica fini, fu eletto, dopo il 1 2 maggio 1 797, all'ufficio 
della Municipalita. Ma I'anno seguente, disilluso e stanco, si 
ritirava in Padova, e alia fine di quel medesimo anno moriva. 

II Casanova conobbe 1' ambasciatore Dolfin a Parigi nel 
1 783. Nel gennaio di quell'anno I'esule avventuriero s' era 
recato a Vienna, ma, dopo quattro mesi ritornato in Ita- 
lia, avea voluto rivedere per poche ore Venezia, quasi 
addio estremo d'amante, e poi avea ricominciato a vagare 
pel mondo. Passo per Trento, Innsbruck, Augusta, Franco- 
forte, Magonza, Colonia , Aquisgrana , giunse a Spa il 23 
luglio, vi si fermo circa un mese, ripiglio poi il viaggio, e 



— 247 — 
per I'Aja , Rotterdam, Anversa, Bruxelles, arrivo verso la 
meta di settembre a Parigi. Quivi trovo il fratello France- 
sco, il pittore di battaglie, il quale, dopo la morte della 
prima moglie Giovanna Jolivet (10 luglio 1 773), avea spo- 
sato, nel luglio I 775, Caterina Delachaux, che non rendeva 
felice la vita al marito. Alle spine coniugali s'aggiungevano 
le angustie pecuniarie e le persecuzioni dei creditori, onde 
Giacomo non ebbe difficolta a persuadere il fratello di cam- 
biar aria, e chiese il passaporto per entrambi all'ambascia- 
tore Dolfin, nella cui casa ospitale aveva conosciuto il conte 
di Waldstein. II Dolfin accompagnava il passaporto con la 
seguente lettera : 

Sig/ Qiacomo Stimat.'"° 

Fontainebleau 1 3 Novembre 1 783 

Ecco il Passaporto ch' Ella desidera. L'ho fatto a suo 
comodo, di modo che le servira per tutto quel tempo che 
potra farle piacere. Stimando che uno di Sua Maesta po- 
tesse esserle utile, glielo ho procurato, e lo ritrovera qui an- 
nesso. 

Mi spiace ch'EUa parta da Parigi cosi presto, e che non 
m abbiai procurato I'occasione d'impiegarmi in suo servizio. 
Mi sono noti tutti li movimenti che si fanno in Francia, e spe- 
cialmente in Parigi per la chimerica successione l^hiery (I). 



(1) Giovanni Thierry di Hagenau (Alsazia), arricchitosi straordinariamente 
col commercio in Italia e in Oriente, mori a Venezia, dove avea preso di- 
mora, nel 1676. La sua immensa sostanza, circa una cinquantina di milioni, 
lascio ai parenti francesi. II suo esecutore testamentario, il nobile veneziano 



— 248 — 
Ne ho parlato piii volte con il Ministro , che la riconosce 
favolosa, come quella del T)ente d'oro. Conosco questo af- 
faie intus et in cute , e sono certo che la Repubblica non 
sara mai esposta ad esborsare un'eredita di 200 milioni di 
Franchi che non esiste, e non ha mai esistito ; e che quando 
anche fosse reale il T)roit d'jiuhene (droit d'auhaine), che 
in quel tempo sussisteva fra la Repubblica e la Francia, 
la renderebbe di ragione Veneta. Se posso servirla Ella 
non mi risparmi, e mi do I'Onore di essere 

Suo obb.'^o Servitore 
A. Delfino. 



Moro, recatosi nel 1 679 in Francia alia ricerca degli eredi, cadde tra le mani 
di tre cavalieri d'industria, i quali riuscirono a far credere che non esistevano 
eredi legittimi, e fabbricarono documenti e titoli falsi, coi quali poterono ot- 
lenere dal Re, in virtu del suo diritto de desherence, il dono della successio- 
ne. I tre impost ori fecero allora un accordo di antecipazione con la Zecca 
di Venezia per 124,000 scudi, di cui riscossero la rendita sino al 1696, Ma 
altri, che si pretendevano eredi, sorsero da ogni parte della Francia, fecero 
opposizione ai tre falsari, e le liti continuarono durante il secolo XVllI, sino 
a che nel 1781 il Consiglio di Stato istitui una Commissione per giudicare 
sui titoli e i diritti dei pretendenti. Questa Commissione, che esercitava il 
suo ufficio al tempo m cui 1' ambasciatore Dolfin scriveva al Casanova, re- 
spinse in due anni 366 istanze. La questione duro anche sotto la Rivolu- 
zione, fino a che il Bonaparte nel 1 797, spenta la Repubblica Veneta, con- 
fisco la successione Thierry, ridotta , dicesi, a venti milioni. La famigha 
Thierry ^ ancora numerosa in Francia. Giuseppe Thierry, deputato di Mar- 
siglia, ^ oggi sottosegretario di Stato per la guerra. 



- 249 — 
DelPoste Gio. Sigismondo Mayr. 

(1784). 

Abbiamo lasciato i due fratelli Casanova (pag. 247), alia 
meta circa del novembre 1 783, sul punto di abbandonare 
Parigi. Dopo aver toccato Francoforte e Dresda, il 15 di- 
cembre giunsero a Vienna. Giacomo nel Precis de ma 
vie {Livre, Paris, aout 1887) scrive : « Au commencement 
« de 1 783 j' ai quitte volontairement I'ingrate patrie, et je 
« suis alle a Vienne ; six mois apres, je suis alle a Paris 
« avec intention de m'y etablir; mais mon frere, qui y de- 
« meurait depuis vingt six ans, m'y fit oublier mes interets 
« pour les siens. Je I'ai delivre des mains de sa femme, 
« et je r ai mene a Vienne , ou le prince Kaunitz sut 
« I'engager a s'y etablir ». 

L' irrequieto Giacomo invece riparti subito; ando a Praga, 
a Dresda, a Dessau, forse anche a Berlino, e alia meta di 
febbraio del 1 784 ritornava a Vienna, dove pote ottenere 
I'ufficio di segretario particolare dell'ambasciatore veneto Se- 
bastiano Foscarini. Proprio a questo tempo lo raggiungeva 
a Vienna la lettera dell' oste Mayr d' Augusta, nella qual 
citta probabilmente s'era fermato nel giugno del 1 783. 

Questa breve lettera e un melanconico documento dei 
giorni difficili del Casanova. 

L'osteria alia Colomba d' oro di Sigismondo Mayr, che 
sorgeva a meta della Maximilianstrasse di Augusta ebbe, 
a traverso vari proprietari , una lunga esistenza dal 1 583 
al 1896. 



— 250 — 

Augusta li 30 Febb. A. 1784. 
Illustr.^° Signore mio Pad."^ , 

Spero che questa Lettera la rincontra al mio desiderato 
statto, questa serve rinovare le mie supliche de non scor- 
darmi, altrimenti V. S. non trova piu Mair col suo cuore 
pietoso, perche addesso viene la statione che ho bisogno 
del mio, anche il suo debito se aumentato de fiorini 17,34; 
il porto del Baulo che il sig. Bettmann ha mandato si risolva 
quel che e da fare. Aspetto pronta risposta et sono con 
stima : il tutto importa fiorini 277 : 34. 

Servitore ubidiente 

GlO. SIGISMONDO MAYR. 
alia Colomba d'oro. 

A Monsieur 

Monsieur Casa Nuova 

de Seingalt 

A ViENNE EN AUTRICHE 

Del conte Domenico Pabris. 

(1785). 

Domenico Tomiotti de Fabris, conte di Cassano, gene- 
rale d' artigUeria (K. K. Feldzugmeister) e cavaliere del- 
r ordine di Maria Teresa, nacque nel 1 725 a Mansue presso 
Oderzo, e mori a Hermannstadt il 14 gennaio 1789 (Cfr. 
Wurzbach, Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oester- 
reich) Nel 1753 il Casanova, passando per Praga, incontro 
il Fabris, allora colonnello, col quale era gia in molta di- 
mestichezza {Mem., II, 397). Quando, il 23 aprile 1785, il 



— 251 - 
Casanova vide a Vienna morire I'ambasciatore Sebastiano Fo- 
scarini, suo protettore, si considero ridotto aU'estrema rovina. 
Licenziato dall'ufficio di segretario, ch'egli aveva ottenuto 
dal Foscarini, senza denari, senza aiuti, ebbe per un istante 
I'idea, che altra volta gli era balenata alia mente , di riti- 
rarsi dal mondo e di entrare in un convento (1). Ma prima 
tento di ricorrere a qualche amico, e si rivolse al Fabris, 
offrendosi a lui come segretario. II rifiuto del Fabris, in for- 
ma quasi canzonatoria, deve esser riuscito amaro al Casa- 
nova, il quale affidandosi ancora all'ignoto parti alia volta 
di Vienna coll' idea di recarsi a Berlino. Per fortuna il 
conte Waldstein non aveva dimenticato le sue promesse. 
Nel Precis de ma vie il Casanova scrive : « J'ai pris alors 
« le parti d'aller a Berlin esperant une place a 1' Academic, 
«mais a moitie chemin le comte Waldstein m' arreta a 
« Toeplitz et me conduit a Dux » . 



7//.'"° Sig. Qiacomo Casanova 'Padrone Colendissimo, 

Rispondo a 3 riverite sue, scrittemi successivamente ; ed 
in specie all'ultima del 31 maggio prossimo scorso , come 
la piu significativa ; aveva gia mtesa con dolore la sua ma- 
lattia e per dargliene qualche contrasegno ordinai subito al 
mio agente Sig. de Peer di passarle una cartolina per lo 
spesiale. Sento poi con piacere che cominci una volta a 
riflettere seriamente sulle miserie umane. 



( I ) Nel 1 760 il Casanova avea avuto I'idea di entrare nel celebre con- 
vento di Einsiedein in Isvizzera. 



— 252 — 

L'abito d'abbate che vuol prendere non fa il monaco, 
ci vuol pill ; alia nostra eta non dobbiamo piii pensare a 
molto scrivere, ma a contemplare e morire. Finito che ebbi 
questa Carovanna, il mio disegno e di ritirarmi dal mondo 
e dagli affari. Se allora ella si ricordera ancora di me po- 
tremo avvicinarsi, mangiare , bere , contemplare e dormire. 
Da questo ricavera facilmente che non mi occorrono secre- 
tarj : ne ho qui in officio 1 8, che mi amazzano a forza di 
farmi legere e sottoscrivere. La ringrazio dunque di tutte 
le sue gentili offerte a questo ogetto. 

Cosa fa la Contessina? Se la vede, gli dica che le vo- 
glio sempre bene, quantunque la credi alquanto infedele. 
Bisogna esser giusti. 

Resto ossequiosamente 

Hermannstadt, li 10 giugno 1785. 

Suo umilis.'^o dev."^° serv.e 

Fabris. 



Del conte Corti. 

(1787). 



II conte Cesare Corti fu maggior generale nell' esercito 
austriaco, e si distinse nella guerra dei sette anni. Nac- 
que a Pavia nel 1740, mori nel 1792. E ricordato nelle 
Memorie del Casanova (V., 523). 



253 — 

Brux, (I) il 28 febb, 1787. 



thCohile Sig.e. 



Con grande impazienza, adunque, et sommo piacere spero 

d' avere V onore di vederla il 7, o sia Domenica ventura 

qui in Briix, ove tutto sara preparato alia meglio che po- 

tro, accio passi una notte meno penosa di quella che passo 

r ultima volta ! 

Ero invitato dal O^ Ferdinando (2) per il Ballo, che 
diede 1' ultimo Lunedi di carnovale a Oberleutensdorf ; 
quando fui fortunato di non interveniivi, mentre Lei pure 
non vi fu.... 

il duello del Principe di Nassau Siegen con Gorowski (3) 
mi fa orrore ; sono attonito del famoso viaggio di Cher- 
son, che secondo tutte le nostre lettere deve avere luogo, 
e sono incantato della gentilezza del Prelato di Ossegg (4) 
a di Lei riguardo. Non le faccia piii dalla parte sua 



( 1 ) Briix, piccola citta della Boemia, presso Oberleutensdorf. 

(2) !1 conte Ferdinando di Waldstein, uno dei figli del conte Emanuele 
Filippo, nato nel 1 762. Militb neil" esercito inglese e si distinse nelle guerre 
contro Napoleone. Mori in Vienna, il 6 maggio i 823. 

(3) 11 Principe di Nassau-Singen, ammiraglio russo, che nel 1 789 com- 
batte vittoriosamente contro gli Svedesi. Ma del suo duello con un Goroz- 
gowski (?) non mi riusci di trovare alcuna notizia. Cfr. SMemoires ou Sou- 
venirs et Anecdotes du ct.e DE SEGUR (Paris, 1824, 1 p. 87). Un paladin 
au XVIII siecle ; le Prince de Nassau d'apres sa correspondence inedite 
de 1784 a 1789 par le m.U D'ARAGON (Paris, 1893). 

(4) Nel 1 787 era Abate del chiostro dei Cistercensi a Ossegg Maurizio 
Giuseppe Elbel, nato il 1 2 marzo i 730 a Leipa in Boemia, morto nel 1 798 
a Ossegg. 



— 254 — 
meraviglia, di sentire, che il D.r Oreylli (1), dopo avere 
mandato la di Lui figlia a Dresda, I'abbi fatta subitamente 
ritornare, non 1' abbi piu voluta vedere, e 1' abbi fatta, ap- 
pena airivata, partire di nuovo per Laun, dove quasi di- 
sperata dice di volersi uccidere ! Da pazzi non si possono 
aspettare che pazzie ! 

II cielo facci, che il 7 Lei si porti bene, come sempre 
le desidero, e che possi percio in persona assicurarla di tutta 
la pill vera stima, e considerazione, colla quale ho 1' onore 
di dirmi Nobil Sig. "' 

Suo umil. •"" 'Devot. """ ed obi ""^ Servo 

CORTl. 

Deir abate Denina. 

(1789). 

E questi 1' abate Carlo Denina , il celebre autore delle 
Rivoluzioni d' Italia, nato a Revello in Piemonte nel 1731, 
morto a Parigi nei 1813. La lettera al Casanova reca la 
data 1 789, nel qual anno il Denina si trovava a Berlino, 
invitato dal re di Prussia, il gran Federico, che lo fece mem- 
bro deir Accademia. Nella lettera il Denina parla della 
sua opera La 'Prusse littiraire (1790, 3 voll. in-8*^). 



(1) Intorno a queslo dr. O* Reilly il Casanova in un manoscritto di 
Dux scrive : Clodius ^Mliloni , Milo Clodio. Jacobo Oreillio. Hyberno. 
Septuagenario. Illiterato. T^eliro. ^rranli. Invite morienti. Medico exigui 
nominis. Saepe nimis incerto, saepe nimis certo, persaepius aegrotis for- 
midabili. Mendaci. Jiudaci. Ignaro. Inconscienti. Lucida intervalla aliquando 
habenti. Inlegram mentis salutem lacobus Casanova "Oenetus dixit. 




l\^on Tum cnix£ueroxn non. puloj? eisefiU 



GIACOMO CASANOVA. 

neiranno 1788. 

Fuc-siinilc ilellMiic. del l?cika. 



— 255 — 

Berlin, 27 Janvier 1 789. 

Monsieur, 

Je n' ai re^u que hier 1' ouvrage (1), que vous m' avez 
fait r honneur de m' envoyer, et que vous m' aviez annonce 
par votre lettre du 20 octobre 1 788. Je 1' avois plusieurs 
fois fait demander au libraire La Garde, qui m' a toujours 
repondu que ce paquet etoit encore a Leipsig dans son 
magasin, d' oil il V auroit fait venir, Enfln il me V a envo- 
ye hier au soir. L' attente ou j' etois de le recevoir dune 
termine a V autre, m' a fait diferer de repondre a votre obli- 
geante lettre, pargeque je comptois de vous accuser, en 
meme terns, la regue du paquet. Je vous prie done de vou- 
loir bien m' excuser de ce retardement ; et je vous remer- 
cie du beau present que vous avez eu la bonte de me faire. 
Je le lirai avec plaisir, et d' abord je suis bien aise de trou- 
ver d' autres Italiens, qui ecrivent frangois en Allemagne ; 
comme je suis oblige de faire depuis que je suis ici. Ce 
qui m' a surpris c' est de voir un ouvrage si considerable im- 
prime en frangois a Prague. Par cela mieux quand je n' au- 
rois pas d' autres raisons, je crois que je pourrai encore en 
faire mention dans ma Prusse litteraire, qui est actuellement 
sous presse. Surtout si avant de liwer le supplement j' ai 
occasion de voir la Boheme, comme j'espere. 

J' aurois. Monsieur, bien des reflexions a vous comuni- 
quer sur les deux grandes tetes couronnees dont vous me 
faites mention dans votre lettre. Je n' ai pas parle a Cathe- 



(i) L' Icosameron. 



— 256 — 
rine [de Russie]; je ne I'ai jamais vue. Mais je suis de vo- 
ire avis qu'elle fait plus pour encourager les talents que 
n' en fait le grand Frederic, d' ailleurs mon heros. 

C est une faute sans doute, qui s' est glissee, je ne sais 
comment, dans mes vicissitudes de la litterature a 1' egard 
de la patrie d' Homer, Je sais par coeur depuis 40 ans Chios, 
Argos, Alhenae, etc. (1). J' ai ici chez moi un etranger 
Italien, comte Querini de Frioli, qui connoit, a ce qu' il 
me dit, un des Messieurs vos freres. II vint de Dresde, ou 
il retournera dans quelques jours. 

II a ete en Russie et en Pologne et bientot en toute I'Eu- 
rope. II est fort aimable, mais il me fache dans ce moment 
par ce qu' il m' oblige a flnir cette lettre pour sortir avec 
lui ; a peine me laisse-t-il le temps de vous dire avec quelle 
consideration j' ai I'honneur d' etre. Monsieur, 

Voire tres humble et tres obe'^ssant serviteur 

L'ABBE DENINA. 

Dei conte di Bethune e di Antonio Sgarzi. 

(1789-90). 

Le due lettere che seguono devono sembrar curiose ai 
biografi del Casanova. 

II conte Armando Luigi di Bethune -Charost conobbe 
giovinetto il Casanova , presentatogli da Antonio Sgarzi, 
uno degli addetti al servizio di suo padre, il duca di Cha- 



(1) Com'e nolo, tre delle sette cilta che si contendevano 1' onore di aver 
dato i natali ad Omero. 



— 257 - 
rost. Nella lettera qui pubblicata e scritta al Casanova, il 
conte, ormai sulla trentina, desidera avere dall' ospite del 
castello di Dux relazioni sur les affaires de Boheme. Ro- 
moreggiava il fortunoso anno 1 789. II conte di Bethune 
s accostava forse al nuovo movimento rivoluzionario e vo- 
leva assicurarsi 1' opera d' un uomo abile e accorto , per 
avere informazioni sugli umori dei paesi stranieri ? II Casa- 
nova era pratico di tali faccende, e il conte di Bethune, 
per tradizione familiare, dovea sentirsi attratto e commosso 
dair aura dei tempi nuovi. Egli avea certo imparato ad amare 
e ad aspettare la liberta dal gran cuore di suo padre, Ar- 
mando Giuseppe di Bethune, duca di Charost. Nato nel 
1738, discendente dai Bethune, che ebbero la gloria di 
dare alia Francia il gran Sully, congiunto ai La Rochefou- 
cauld, Armando Giuseppe, dopo aver dedicata la giovinezza 
alle armi, si ritiro a vivere ne' suoi vasli possedimenti di 
Piccardia, del Berry, della Bretagna, e diede tutto se stesso 
a operare e ad insegnare il bene con le idee piii utili, 
pill larghe, piu umane. Precursore pacific© della Rivoluzione, 
aboli ne' suoi domini i diritti feudali, fondo ospedali e so- 
cieta di beneficenza, fu prodigo del suo ai bisognosi. Mori 
di vaiuolo, nel 1 800, sul campo d' onore della carita, dopo 
aver visitato un ospedale di vaiuolosi. 

Armando Giuseppe di Bethune avea sposato, il 19 feb- 
braio 1 760, Luisa Susanna Martel, figlia di Carlo conte 
di Fontaine Martel. Da questo matrimonio nacque, nel I 770, 
Armando Luigi Francesco conte di Bethune-Charost, che 
nel I 790 si sposo con una sua cugina del casato dei Sully. 

Al conte Armando Luigi, che pare avesse bisogno di 
avere presso di se una persona di talento e pratica, \o Sgarzi 
raccomandava il Casanova. Ma Giacomo si sentiva ormai 

MOLMENTl. — Carleggi. 17 



— 258 — 
troppo vecchio. Non gli sorrideva piu la vita di Parigi, tu- 
multuosa di quei rivolgimenti politici ch' egli detestava, e 
non incoraggio lo Sgarzi a insistere nelle sue raccomanda- 
zioni. Se il disegno dello Sgarzi si fosse effettuato, se il 
Casanova fosse andato a Parigi, quale altro corso avrebbero 
seguito i suoi ultimi anni, tra quel folgorare di grandi fatti 
e di grandi idee ! E quale contrasto fra I'intrigante avven- 
turiero veneziano e I'austera figura del padre del conte Ar- 
mando Luigi, il filantropico duca di Charost ! 



La Haye, ce 22 xbre 1789. 

II y a bien du terns, Monsieur, que je vous vis pour la 
premiere fois a Paris. J' etois encore entre les mains de mon 
gouverneur, un des officiers de la maison de mon pere, T)on 
Antonio Sgarzi, qui me procura 1' honneur de vous connai- 
tre. J' espere que d' apres cela. Monsieur, vous ne me re- 
fuserez pas de vous mettre en relation avec moi sur les af- 
faires de Boheme. Vous me rendriez un grand service et 
je serais enchante de vous temoigner ma reconnaissance. 

Je suis bien sincerement, Monsieur, 

Voire ires humble et tres obeissant serviteur 

A. L. DE B£THUNE C. te DE CHAROST. 
Parigi, li 1 1 marzo 90. 

Sig. ' Qiacomo Stimatissimo, 

La prego di avere indulgenza per me, non essendo as- 
sai erudito, per rispondere al favore che mi fa di scriver- 



— 259 — 
mi nella Sua lettera, ricevuta solo li 20 del Cor. "^, tutto 
quello vado a dirle creda per certo la mia sincerita, e mi 
sono fatto un dovere d' esserlo per me e per altri. 

Molte volte mi sono intratenuto di V. S. con il Signor 
Conte, e senza exaltare il suo merito ho spiegato i detti 
del mio core. 

Lei dice non essere utile a cosa alcuna al sudetto Sig. '^*, 
ateso che Lei e in una eta avanzata : io penso di no, touti 
li uomini di core, e ben portanti, come Lei mi dice, pos- 
sono intraprendere ogni cosa sopra di se , dunque se il 
Sig."^ Conte avesse piacere di avere press© di lui persona di 
talento e praticha come Lei, credo che si farebbe un pia- 
cere di contribuire al genio del sudetto, non dico in que- 
sto momento, ma doppo il Suo matrimonio, che si fara cre- 
do in due mesi. 

Aveva cominciato a viaggiare nella Olanda, ma il Padre 
dubitando qualche atacco di core li potesse incontrare, ha 
fatto ritornare per condissendere ale sue brame ; la Dama 
che sposa e una richissima erede della grande famigHa di 
Sullj, gia a Lei noto nelle istorie di Luigi 13 che fu I'i- 
dolo del Re (I), ed alia morte della Sig.'* Duchessa di 
Betune avera lei sola 400 milla lire di rendita. Con que- 
sta prospettiva, si deve sperare, almeno per me, un avan- 
zamento di qualche genere. II sig. " Abate che era suo pre- 
cettore, finito che ebbe li suoi studj, lo lascio, e li anno 
fatto un trattamento secondo il suo merito, e vive solo e 
soletto in un convento. 

Lei mi dimanda come dovere fare la mansione al sudetto 



(I) Luigi XIII nomino il Sully maresciallo di Francia nel 1634. 



— 260 — 
Signoie ; presentemente che toutti li titoli sono aboliti non 
si qualifica quasi persona, onde lei deve fare unicamente 
al Sig. ' Conte de Bethune Charost en son hostel Rue de 
Bourbon N.^ 70 (1). 

II duca padre , figlio del Duca d' Ancenj (2) a preso 
il nome di Charost con il nome di duca e di pari di 
Francia. 

La Rochefoucauld e una famiglia della sorella del Duca 
d' Ancenj. 

11 Sig. Duca di Charost va alia Corte, ma non per nes- 
suno impiego. 

11 mio adrizzo e Antonio Sgarzi, maitre de M.' le Duque 
de Charost, 70. Ecco quello che Lei brama. 

Sono sempre devot."'° 
ANTONIO Sgarzi. 

Di Lorenzo Da Ponte. 

(1790-93) 

Come le lettere del Memmo, cosi queste del Da Ponte 
mi offersero argomento a un breve studio, insento negli E- 
pistolarii 'Oeneziani (3), intorno a quei due avventurieri, 
diversi d'animo e d'ingegno , che furono il Casanova e il 
Da Ponte. 



{\)Ne\l' yllmanach de Paris del 1789 (tomo 1, p, 91)si legge : « Cha- 
rost, Due et Duchesse, rue de Bourbon, 70 ». 

(2) Armando Giuseppe, dapprima chiamato marchese di Charost, dopo 
la morte di suo padre Francesco Giuseppe (1 739), divenne duca d' Ancenis, 
e pill tardi, nel 1 747, duca di Charost. 

(3) Collezione Settecentesca (Ed. Sandron) Ep. Ven. cit. pag. 93 e segg. 



— 261 — 

Per non ripetermi, daro qui poche notlzie biografiche del 
Da Ponte (1), pubblicandone pero integralmente le curiose 
lettere, delle quali non feci conoscere in quel mio studio 
che alcuni passi. 

Nacque Lorenzo a Ceneda nel 1 749 da famiglia ebrea, 
chiamata Conegliano, ma a quattordici anni fu battezzato dal 
patrizio Lorenzo Da Ponte, allora vescovo di Ceneda, che gli 
impose il proprio nome. Compiuti gli studi teologici, insegno 
nel seminario di Concordia, e passo poi, nel 1 773, a Venezia, 
dove, piu che al sacro ministero, servi ai begli occhi di « una 
delle pill belle, ma insieme delle piu capricciose dame di 
quella metropoli ». Divenuto maestro di umanita nel semina- 
rio di Treviso, professo dalla cattedra dottrine punto gradite 
al Govemo, il quale in brusco modo fe' licenziare I'inquieto 
abate, che dopo aver passato qualche tempo a Venezia, 
come ajo dei figliuoli del patrizio Giorgio Pisani, emigro pri- 
ma a Gorizia, poi a Dresda, quindi a Vienna, dove fu lieta- 
mente accolto da Giuseppe II, e scrisse parecchi drammi 
per musica, tra i quali Le 3^ozze di Figaro ( 1 786) e il 
Don Giovanni (1787) del Mozart. 



(l)Sul Da Ponte scrissero parecchi. lACOPO BERNARDI fece un com- 
pendio delle r^emorie (Firenze Le Monnier, 1871), che furono tradotte in 
francese da C. DE LA CHAVANNE {Memoires de Lorenzo d'Aponte (sic) 
Pari'; I860). Lo studio piu compiuto suH'uomo e sullo scrittore ^ quello del 
prof. ANGELO MARCHESAN (T>ella vita e delle opere di L. "Da Ponte, 
Treviso, Turazza, 1900). Una ristampa delle Memorie h stata fatta dall'/s//- 
(uto Ediloriale Ilaliano neila Biblioleca dei classic! italiani diretta da F. 
Martini ed k segnata nel Catalogo col n. 30. L'editore Laterza di Bari 
annuncia un'altra ristampa, curata dal prof. G. GAMBARIN, nella collezione 
degli Scrittori d'llalia. 



— 262 — 

Nel 1 790 al teatio di Corte a Vienna era grandemente 
applaudita una cantante italiana, la Ferraresi, della quale il 
Da Ponte s'innamoro e che protesse in modo da destare le ge- 
losie di altre cantanti, che incominciarono a congiuraie a' suoi 
danni, facendogli perdere il favore deirimperatore Leopoldo, 
succeduto a Giuseppe II. Dovette per cio abbandonare a 
malincuore Vienna e si reco a Trieste, sperando di poter 
avere un'udienza dal nuovo imperatore , che era appunto at- 
teso in questa citta. A quanto dice il Pittoni in una lettera 
al Casanova (6 settembre 1 791 ) il sovrano era sempre adiratis- 
simo con quel coquin del Da Ponte, cacciato da Vienna. Ma 
non e vero che questi ne sia stato cacciato, ne Leopoldo 
doveva essere adiratissimo contro di lui, se per intercessione 
del governatore conte Brigido, concedette al Da Ponte un'u- 
dienza, che ebbe esito favorevole ( 1 ). Tuttavia egli rimase 
ancora a Trieste, dove fini col dimenticare del tutto in 
nuovi amori i voti sacerdotali, e s'uni in matrimonio con 
una fanciulla inglese protestante, di nome Nancy, figlia di 
un Krai mercadante. Ritorno a Vienna coUa sposa, ma dopo 
la morte dell'imperatore Leopoldo si reco di nuovo a Trie- 
ste coir intenzione di andare a cercar fortuna a Parigi. Parti 
da Trieste il 1 2 agosto del 1 792, e giunto a Praga, ricor- 
dandosi che a poche miglia si trovava il Casanova, gli venne 
il desiderio di andarlo a visitare. 

11 Da Ponte aveva conosciuto il Casanova a Venezia 
nel 1 777, nelle case dei patrizi Zaguri e Memmo, ma le 
sue relazioni cordiali col famoso avventuriero s'erano intorbi- 
date per il futile motivo di una controversia intorno alia me- 



(1) Da Ponte, Memorie, Nuova-Yorca, 1829, vol.1, parte II, p. 132. 



— 263 — 
trica latina. II Da Ponte rivide il Casanova a Vienna, e fia quei 
due inquieti cercatori di fortuna si riannodarono ben presto 
gli antichi legami d' amicizia. Un' amicizia che non lesinava 
le lodi in faccia, ma non risparmiava la malignita dietro 
le spalle. Ma quale stima si puo fare delle lodi e dei bia- 
simi di questi uomini che molte virtii ignoravano , e prima 
d' ogni altra quella della sincerita ? Nonostante queste bia- 
simevoli contraddizioni, il Da Ponte che nelle Memorie si 
dimostra acerbo censore del Casanova , gli fu in qualche 
circostanza amico buono, aiutandolo persino con denaro, egli 
che ne aveva cosi poco ! E quando, insieme con la Nancy, 
si reco a visitare il romito di Dux, al desiderio di rivedere 
r amico s' aggiungeva anche la speranza di navere qualche 
centinaio di fiorini che gli aveva prestati. 

« Fui ben ricevuto, scrive egli, ma accorgendomi m 
« breve che la sua borsa era piii smunta della mia, non 
« volU dargli la mortificazione di chiedergli quello che non 
« avrebbe potuto darmi.... Partito da lui, la mia sposa che 
« rimasta era stordita della vivacita , dell' eloquenza, della 
« facondia di questo vegliardo straordinario , voile sapere 
« da me la storia della sua vita ; ed io I'mtrattenni assai 
« piacevolmente per molte ore nel raccontarle quel che ne 
« sapeva (I) ». E ne racconto di curiose, intrattenendosi spe- 
cialmente sul basso inganno fatto dal Casanova alia vecchia 
marchesa d'Urfe. 

II Da Ponte parti per Dresda, dove si fermo dieci gior 
ni, e quindi si diresse a Spira, ma, intesa la novella della pn- 
gionia della regina di Francia e dell' arrivo degli eserciti 



(1) Da Ponte, JiCemorie cit., vol. 11. parte II, pagg. 6-7. 



— 264 — 
francesi a Magonza, risolvette di andare a Londra per la 
via d'Olanda. A Londra ebbe il posto di poeta del teatro 
italiano, ma non fu un letto di rose pel povero Da Ponte, 
travagliato dalle pretensioni dei cantanti e degli impresari, e 
pill dalle molestie degli usurai e degli imbroglioni, che lo ob- 
bligarono a salvarsi colla sua Nancy e co' suoi quattro figli 
in America, dove I'aspettavano nuove tribolazioni, ma dove 
seppe anche compiere opera di buon italiano, diffondendo 
il culto delle nostre lettere, ed esaltando con lezioni e con- 
lerenze la nostra poesia da Dante al Foscolo. Mori il 17 
agosto 1838 a New- York, quasi nonagenario. 



I). Sig/ Giacomo Stimatis.'"°, 

lo non ho potuto appigliarmi al consiglio ch'ella mi da 
d'andar a Roma, o a Madrid, perche il medesimo giorno 
in cui mi e capitata ia sua ho avuto I'ordine di tornar a 
Vienna, e di dare in iscritto le mie difese. II mio ritorno 
in questa citta ha atterriti i nemici miei, tanto piii che tutti 
dicevano ch'io n'era formalmente per supremo comando 
allontanato. Vedremo cosa sara. Ad ogni modo le mire 
mie sono per ora rivolte a Venezia : mille ragioni mi chia- 
mano, e particolarmente il desiderio di levare dalla miseria 
la mia famiglia, il che potrei ottenere guadagnando la 
famosa lite, di cui tante volte parlammo. A questo oggetto 
ho scritto al Zaguri, al Memmo, al da Lezze, (1), i quali 
hanno protetta una supplica che presento il fratel mio (2) 



(1) 1 patrizi Pietro Zaguri, Andrea Memmo, Giovanni da Lezze. 

(2) Lorenzo Da Ponte ebbe quattro fratelli, due del primo letto di suo 
padre e due del secondo. I due primi mutarono i loro nomi ebrei di Baruch 



— 265 — 
allEcc. Consiglio dei X, ma con cattiva riuscita, essendo 
quella per due voti caduta. Sono stato consigliato a tentar 
una riproduzione : la Ferrarese che e gia partita per Venezia 
con suo mctfito agira per me con piii giudizio, e con piii 
interesse. 

Agli altri protettori s'uni il Lippomano (1), a cui mi 
raccomando questo Ambasciatore : io pero credo che tutto 
sia poco, se non si aggiungono alle mie preghiere ed uffizj 
quelli ancora del mio Casanova. Ripetendo lettere ai sud." 
Cavalieri, o mandandone alcuna a qualche suo protettore 
si minoreranno le difficolta. Ella lo faccia subito, e con 
quel fervore che caratterizza il suo core. Oggi non posso 
scriverle lungamente perche mi bisogna scrivere almeno 
dodici lettere ; ma quanto prima suppliro alle due pagine, 
che mancano a questa. Se ella scrivesse a qualche cavaliere 
del Corpo medesimo del Consiglio sarebbe la mighor cosa 
di questo mondo. Insomma ella operi da Casanova. Mi 
ami, e mi creda 

Vienna, addi 1 8 giugno 1 790 

Aff.'^o Amico 
Da Ponte. 



e di Anania in quelli di Girolamo e di Luigi, gli altri due furono al sacro 
fonte chiamati Agostino e Paolo. Girolamo , come il fratello Lorenzo, av- 
viato al minislero ecclesiastico, fu ottimo e colto sacerdote. Per molti anni 
ebbe Tufficio di segretario presso il patrizio Giovanni da Lezze, e mori in 
Venezia nel 1 784. In Venezia visse anche 1' altro fratello Agostino, 
pubblico faccendiere. Nel 1828 ando a trovare Lorenzo in America colla 
figlia Giulia, che datasi al canto aveva fatto buona prova a Venezia. Paolo, 
dopo di esser stato qualche tempo a Londra col fratello, mori in quella citta 
due anni dopo che Lorenzo fu costretto a parlire per I'America. MARCHE- 
SAN, op. cit., pagg. 145, 150, 466. 
( I ) II N. H. Gaspare Lippomano. 



— 266 — 
lo paitlio entro quattro o sei giorni, e porterommi a 
Trieste: mi onori di sua risposta, e faccia le lettere ferme 
in posta. 

2). Dresda, 21 7bre 1792. 

Sig. ' Qiacomo Stimatis. """, 

Siamo arrivati a Dresda felicemente verso le otto della 
sera, e siam discesi alia locanda da lei indicataci dove ci 
ritroviamo tuttora. La mattina del lunedi ho mandata la 
lettera al sig/ Angiolini, che mi favori subito d'una visita 
di due minuti: il mercoledi parimenti venne pei libri che 
alia dogana mi sono stati consegnati, resto con me due 
secondi, mi disse ci vedremo, ma io ancora I'aspetto. Ella 
non gli scriva nulla perche non vorrei nemici in Dresda, 
ove conto fermarmi ancor qualche giorno. Abbiam ricuperata 
alia stessa dogana una libra di cioccolata, e ce I'abbiamo 
a quest'ora mangiala. II Mazzola ci accolse molto corte- 
semente, e ci fa molte carezze. Se fosse qui I'Elettore, ten- 
terei qualche cosa per la borsa, e per 1' onore : non c e e 
non ci verra prima dei cinque d'ottobre. Ho veduto il Bel- 
laspica ( 1 ), gli ho consegnata la sua ; venne a visitarmi 
due volte, mi parlo molto di lei, e capisco che vorrebbe 
far pace : anch'io gli dissi molte cose, ma scopersi poi che 
e senza denaro, ond'io penso di risparmiare il fiato. Qui 
tutto e caro eccessivamente. Prima di partire le scrivero 
di nuovo, e la lettera sara piu lunga. Per oggi bisogna 



(1) Per il Mazzola e per il Bellaspica vedi piii avanti. 



— 267 — 
ch'ella si content! di poco. Tutta la diligenza usata nelle 
nostre camere a Oberleutensdorf non ci ha seivito a nulla. 
Una mano incognita aperse bravamente il sacco di pelle, 
cavo una camicia e un lenzuolo, e penso di liberarci d'una 
parte del peso. Se senza troppo adoperarsi si puo ricuperar 
tutto, bene, se no, addio. La Nancy, che la saluta distin- 
tamente, ha voluto ch'io glie lo scriva perche si regoli colla 
sua servitii. 

M'ami, mi scriva, mi comandi, e mi creda cordialmente 

Aff.^^o Amico 
Da Ponte 

lo non manco di riverirla distintamente, gentilissimo signor 
Casanova, e di assecurarla di tutta la mia stima, benevolenza 
e amicizia. 

Nancy. 

A ^M^onsieur 
^M^onsieur Jacques Casanova De Sengalt 
T^ar "^eplitz a 

Oberleutensdorf. 

3). Dresda, 24 7"bre 1792. 

Caris."'° e T)olce amico. 

La storiella degli oziosi e speculativi Boemi mi ha fatto 
ridere ; lasciam che si rompano la testa a lor senno, e noi 
frattanto badiamo al nostro. lo non ho mancato di scrivere 
appena capitato a Dresda, come pero ho dovuto scriverle 



-- 268 - 

nel medesimo giorno diverse lettere, cosi non ho potuto 
riempire il foglio, secondo i patti, del che spero ch'ella 
non vorra farmene un peccato. 

Mazzola, dopo le prime graziose accoglienze, seguita ad 
esser con me cortesissimo. Siam quasi sempre insieme; ho 
pranzato una volta in sua casa; domani ci pranzero novella- 
mente; io pero non cercai, ne cerchero di far in Dresda 
alcuna opera perche capisco che non avrebbe piacere. Ho 
proposto di fare una visita al conte Marcolini ( 1 ), e repU- 
catamente mi disse ch'era superflua. Pel principio della sua 
profezia, risguardante i pettegolezzi di Dresda, ella s'e in- 
gannato. O non se ne fanno di sorte alcuna, o hanno I'arte 
di impedire che mi arrivino all'orecchio. Non ho visto piu 
ne il Bellaspica, ne I'Angiolini. Di suo fratello [Giovanni] non 
posso dirle nulla, perche nessuno me ne parla sentendo conti- 



( I ) II conte Camillo Marcolini, figlio di Pietro e della contessa Francesca 
Ferretti di Ancona, nacque in Fano nel 1736. Passata I'adolescenza in pa- 
tria, fu mandate a compiere gli studi a Vienna nell' Accademia Teresiana, 
per andar poi come paggio alia Corte eletlorale di Sassonia. Divenuto amico 
e familiare del Principe elettore, fu nominato ministro di gabinetto ed ebbe 
gran parte nelle relazioni con Napoleone, al quale 1' Elettore, divenuto poi 
Re di Sassonia, si conservo amico ed alleato fedele. Promosse la fabbrica 
della porcellana di Dresda, introdusse in Sassonia la coltivazione dei bachi 
da seta, spendendo anche largamente del proprio. Mori nel 1824 in Praga, 
ove hi sepolto, ma poi, secondo la volonta da lui espressa nel testamento, le 
ossa vennero trasportate a Fano, e deposte nella tomba gentilizia nel 1839. 
Al conte Marcolini fu offerto il manoscritto della Hisloire de ma vie del 
Casanova, che dopo la morte di quest'ultimo era posseduto dal nipote di lui. 
Carlo Angiolini. II Marcolini offerse 2500 talleri, ma la somma parve troppo 
esigua, e il manoscritto fu poi venduto al Brockhaus. 




GIOVANNI CASANOVA 

FRATELLO DI GIACOMO. 

Da nil (lipiiito »li Kattaele Mengs. 



— 269 — 

nuamente ch'io non fo che pregiarmi della di lei amicizia (1). 
Per tutti i suggerimenti, pronostici, profezie, augurj etc. etc. 
etc. ch'ella mi fa nel suo foglio, non saprei veramente cosa 
dire. 

Adesso io non son piu padrone di nulla. // mio Dio 
muove tutte le mie potenze, ed io non son che una specie 
di macchina, che segue a puntino tutte le sue impulsioni. 
Anche alia cieca pero cerchero di fare come un uomo che 
cadde nell'acqua, e che colle mani e coi piedi s'affatica 
quanto puo per non affogarsi, e per trovare la riva. In fondo 
rischio molto per molto. Se il pericolo e grande, minore 
non e la ricompensa che ho preventivamente ricevuta. 

Finora non posso dire nocet empta dolore voluptas ; son 
all'intero possesso, e godimento del bene, e il male non e 



( 1 ) Dei dissapori di Giacomo col fratello Giovanni s' e gia parlato nella 
'Prefazt'one (pag. XXVIII). Un nuovo commento alle parole del Da Ponte ^ 
la seguente sdegnosa, ma nobile lettera inedita del Casanova al nipote Carlo 
Angiolini : 

Dux I I Xbre ! 790. 
Sig.r Carlo caro nipote, 

Non vi mando che venti Talari, e ve ne resto venticinque, che vi pa- 
gherb in Novembre. Fate al Sig.r Bellaspica una ricevuta di questi venti. 
Fatemi il piacere di scrivermi poche linee sul vostro stato di salute, poich^ 
vi stimo, e vi amo teneramente, ed all'occasione con I'opra, e col consiglio 
faro per voi tutto quello che un uomo pub fare. 

Narratemi come fu I'improvvisa partenza del P.e Beloselski. 

Io non parlerb mai piii in vita mia con vostro padre ma ricordatevi che 



- 270 — 

che possibile, Forse verra ; ma io non voglio rendermi in- 
felice col presagirmelo. 

Io non lasciero di renderle esatto e sincero conto di 
tutto quello che mi succedera, e nel viaggio e nei principj 
della mia scabrosa intrapresa ; e questo e perche so che 
ella s' interessa molto de' casi miei , e per averne quel 
consigH che I'amichevole di lei animo potra sempre som- 
ministrarmi. Si assicuri pero che ci sentiam forti, e prepa- 
rati a ogni cosa. Alfin dei conti si muore. E Io dice Se- 
neca Dunque ede, hihe, con quel che segue. Da Trieste 
abbiam ricevute notizie consolanti : tanto meglio. Qui non 
si fanno opere, perche TElettore e attualmente alia sua vil- 
leggiatura, e vi stara fino ai cinque di ottobre(l). Noi par- 
tiremo per Lipsia giovedi, non prima perche dobbiam aspet- 
tare il danaro di Trieste. Non ho veduta ne I'Allegranti, 
ne la M... (2). A Vienna mi credono ancora a Trieste, 



voi dovete unicamente rispettarlo, ed ubbidirlo, Dio ve Io conservi per il 
bene di vostra famiglia e pel vostro collocamento. 
Vi abbraccio, e bacio, e sono fino alia morte 



Carissimo Sig.r Nipote 



Vostro amoroso zio 
GIACOMO. 



( 1 ) L'elettore Federico Augusto, poi re di Sassonia, nato e morto a 
Dresda (1750-1827). La Corte di Sassonia era allora la piu magnifica di 
tutta la Germania. 

(2) II secondo nome h scritto dal copista in questo modo incomprensibile: 
Marserusi. E forse la Morichelli , la celebre cantante per la quale si dice 
che il Paisiello compose la famosa sua t^ina ? Era cantatrice anche Maddalena 



— 271 — 

e a Trieste mi credono a Pietroburgo. Ho avute delle pic- 
cole suppliche da varj virtuosi che vorrebbero per mio 
merto esser ingaggiati a quel teatro. Si raccomandano a un 
buon Protettore. Finisco perche mia cogna/a (1) vuole scri- 
vere due linee al nostro huon Casanova. 

N. B. Qui il buono non e in significazione francese. 
M'ami, mi scriva, e si ricordi del suo vero amico 

Da Ponte. 

Due versi anch'io, gentilissimo Signor Casanova, per rin- 
graziarla delle cortesi espressioni con cui si compiace fa- 
vorirmi, per assicurarla dei piii cordiali sentimenti di stima 
e di amicizia, per pregarla a scriverci spesso e a serbar 
memoria di me, come io serbero eternamente di lei, e dei 
saggi consigli ed avvertimenti che mi vengono e verranno 
dalla sua bonta e provata prudenza. 

Devot." e obb." SerVa 
Nancy. 

M'hanno detto che I'Angiolini e in collera con me per- 
che non so la lingua italiana. Egli e amico intrinseco del 
Bellaspica. 



Allegranti, che avea esordito a Venezia nel 1771, ed era poi andata nel 
1780 in Germania e in Inghilterra. Vedi le lettere di Maddalena al Ca- 
sanova nelle cit. Lett, di donne ecc. (pag. 245) raccolte dal Rava. 
(I) Cognata h uno scherzo per dir la moglie Nancy. 



— 272 — 
leii ho voluto feire un sonetto, poi mi son pentito per 
aver nemico un coglione, ed uno senza coglioni. Mazzola 
corrisponde ai saluti. Egli ci ama. Non e in tanto cattivo 
stato di salute come qualcheduno mi fece credere. Ci ho 
un vero gusto. Mi scriva a Gotha se vuole. Di la scrive- 
rolle. Di nuovo addio. Sulle soprascritte non piii abbate (1). 

La sera del 26. 

Questa lettera non e partita il giorno ventiquattro per 
negligenza del mio servo ; partira venerdi perche la portero 
alia posta io medesimo. Ho ricevuta la sua seconda e la 
ringrazio di tutto. 11 salame e grande ? Viva il bravo Guar- 
dassoni (2), e piii chi deve mangiarlo. Noi partiremo do- 
mani (giovedi) verso le dieci, in carrozza chiusa. Ho speso 
molti zecchini, pazienza ! Se invece di due ne avessi po- 
tuto lasciarle un centinajo, avrei avuto il gusto in propor- 
zione (3). L'abbraccio cordialmente. 

Ho pessimo inchiostro e penna. 

Suo 
Da Ponte 



(1) Infatti, dopo il matrimonio colla Nancy, il litolo d'abate era un con- 
trosenso. 

(2) L'impresario del teatro di Praga, dove si rappresento il ©o/i Gio- 
vanni, libretto del Da Ponte e musica del Mozart. 

(3) 11 Da Ponte e la Nancy lasciarono Oberleutensdorf insieme col Ca- 
sanova, che li accompagno fino a Toeplitz. A mezza strada una solenne ri- 
baltata rovino al Da Ponte la sua vettura , che dovette vendere, mediatore 
il Casanova, il quale sul prezzo trattenne per sh due zecchini. 



— 273 — 

4). Londra 19 gennaro 1794. 

Sig.' Qiacomo Stimatis.'"°, 

II desiderio di quattro mesi le fara parere piii dolce 
questa mia lettera ; non le ho scritto prima perche non 
aveva alcuna buona novella da darle, e cattive non volli. 
Ora le scrivo a ogni modo, benche non sia ne mele, ne 
zucchero quello che scrivo. lo sono arrivato a Londra fe- 
licemente. Con tutte le enormi spese del viaggio mi trovai 
ancora con qualche ghinea in tasca al mio arrivo (1). Seppi 
sul fatto che Kelli e Storace (2) erano i direttori dell 'opera 
Italiana ; m'offersi senza indugio a Poeta. Dio aveva tolto 
dal mondo nel medesimo tempo certo Antonioli, che ser- 
viva bene o male m tale impiego. Pareva, dunque, che 
non vi dovessero essere obbietti. Concorreva con me certo 
Badini (3), che fu altre volte poeta dell'opera e vero, ma 
che ne sa meno delle scarpe del Bertatti (4) : 

El suole con mirabile diletto 

Far ballare alle vacche il minuetto. 



(1) Quando il Da Ponle arrivo a Londra non possedeva che sei luigi e 
un orologio con catena d'oro, che vendetle per sei ghinee. Dopo essere stato 
alcuni giorni ospite di una sorella della Nancy , prase a pigione una came- 
retta e in breve tempo vuoto il misero suo borsellino. {Memorie, vol. 11, parte I, 
p. 18). 

(2) Lo Storace, fratello della cantante gia menzionata, era un composi- 
tore di tnusica, che il Da Ponte conobbe a Vienna nel 1783. 

(3) II Badini era poeta del teatro italiano di Londra. II Da Ponte fu perse- 
guitato dalle inique e volgarissime satire di codesto ribaldo. 

(4) Giovanni Bertati, nalo nel 1735 a Martellago, presso Mestre, morto 
nel 1815 in Venezia, fu poeta del teatro di Corte a Vienna, dopo la par- 

MOLMENTl. - Carleggi. IS 



- 274 - 

Parla d'Orfeo. Crimine ab uno disce omnes. Per evitar 
odiosita proposi che si prendesse il Badini a poeta, ma che 
si facesser due opere mie nel corso dell'anno coi soliti van- 
taggi che hanno gli autori in Londra, e che non sono pic- 
cioli. Mi si diedero buone parole due mesi. Intanto il ri- 
vale fece mille intrighi co' suoi protettori. La sua perfidia 
lo fa abborrire e temere. Questo infine lo fece vincere ap- 
pieno, ed io fui mandato dal sig/ Storace a farmi bugge- 
rare ; con rincrescimento di molti, e specialmente degli at- 
tori. La Mara (1) a ogni modo vuol fare un' opera mia. 

Ho ridotto a dramma il mio ^JHCassenzio. Vedrem chi 
guadagnera. Intanto le ghinee volano. Ho venduto e im- 
pegnato tutto, piuttosto che far sapere che ho bisogni. Vedo 
spesse volte il sig/ Conte Waldstein, a cui ho palesato le 
mie circostanze, e mi fa sperare qualche buon effetto della 
sua generosa grazia. Io mi trovo attualmente nella sua stanza, 
e m'assicura che partira da Londra la ventura settimana, 
per ritornare a casa. Non ho mancato di parlargli di lei, e 
di dirgli in parte i disgusti, che le cagionarono alcuni cat- 
tivi soggetti in Dux : egli se n'e mostrato sensibilissimo, e 
protesto di vendicarla alia sua venuta. Intanto dara ordine 
airinspettore di contarle cinquanta fiormi per i momentanei 
bisogni ; per quel che riguarda poi il Corriere, senza en- 
trar nelle colpe del Tenente, commettera al medesimo In- 



tenza del Da Ponte. Scrisse, fra altri, anche un dramma in un atto, il Don 
Giovanni ossia il convitato di pietra, musicato dal maestro Cazzaniga, dal 
quale attinse, pel libretto del Don Giovanni, il Da Ponte. 

(1) La Mara, celebre cantante che viveva a Londra, prego il Da Ponte 
a comporre per lei un dramma, regalandogli trenta ghinee. 




GIUSEPPE CARLO EMANUELE 
DI WALDSTEIN-WARTENBERG 

SIGNORE DI DUX. 



— 275 — 
spettore, che s'ella non ha ancora ricevuta la giusta soddi- 
sfazione, faccia per modo che debba riceverla, perche al 
suo ritorno vuol vivere in pace e tranquillita quanto e pos- 
sibile, e ridere e divertirsi col suo buon Casanova (nota 
bene buon, non buon buon) per riaversi degli spasimi pro- 
vati nelle rivoluzioni, contra rivoluzioni e di nuovo rivolu- 
zioni, che per altro non gl'impedirono di ridere, benche un 
po' piu seriamente che due anni prima (1). In Londra ei 
se la passa bene coi suoi cavalli ; e dice che sono assai 
meglio che i Francesi, che almeno sei volte minacciarono 
di squartarlo, lanternarlo, strozzarlo, ghigliottinarlo e porlo a 
pezzi come il Bifstiks ; particolarmente dopo il sospetto che 
quegU sbracati concepirono d'un progetto ch'egli ebbe di 
dare lo scampo al Re, coi suoi proprj cavalli, che sono 
stati otto mesi impiegati a tale effetto, senza che alcuno 
sapesse le vere ragioni. Non minore fu il suo pericolo il di 
30 d'agosto, giorno in cui s'e trovato in pericolo da ambi 
i partiti, prima aux Tuilleries, e poi ritornando a casa. Anche 
la morte della Principessa di Lamballe (2) lo pose in estremo 
rischio, avendo cercato in ablto di guardia Nazionale con 
alcuni amici, e gente del Popolo, da lui pagata, di fare 
ogni sforzo possibile per salvarla. Insomma, non e che un 
prodigio s'ei puo contarla ; essendo aH'ultimo stato ricono- 



( 1 ) De>. disgusti cagionati al Casanova da alcuni catthi soggetti in 'Dux 
s'e parlato nella prefzizione a questi Cadeggi. Delle vicende del conle di 
Waldstein a Parigi, che in questa lettera hanno tutta I'aria di un romanzo, 
non paria il Da Ponte nelle cJJfTemoMe. 

(2) Maria Teresa Luisa di Savoia-Carignano, vedova del duca di Lam- 
balle, I'amica infelice di Maria Antonietta, che incontro una morte orrenda 
il 3 settembre 1792. 



— 276 — 
sciuto, fu alia necessita di scappare in tempo di notte senza 
servitoie e senza equipaggio, con un passaporto d'un altro 
ministro. Con questo, arrivato non senza moki impedimenti 
in compagnia d'altri passeggeri fino a Boulogne, si lascia- 
rono dopo la revista dei passaporti stessi, imbarcar tutti gli 
altii e lui non vollero in alcun modo lasciar partire ; anzi 
la polizia, e la Guardia nazionale volevano condurio in pri- 
gione ; questo produsse una fermentazione terribile nel po- 
polo di modo che in poco tempo si unirono piii di 800 
persone, e tutti con pessime idee sopra lui : il solo Co- 
mandante della medesima Guardia, che arrivo chiamato 
dallo strepito, lo riconobbe per un Forastiere da lui veduto 
a Parigi, e lo salvo. La sua sanita non e la piu perfetta : 
pare alia cera che stia benissimo, ma si lagna di debolezza 
di stomaco e di urti nei nervi, che lo tengono spesso coi' 
piedi freddissimi, II freddo di questo momento e la sola 
ragione per cui ancora fermasi in Londra. 

Parliam un poco ancora di me. Vedendomi coglionato 
si amaramente da questi Impresarj, ho pensato di vendi- 
carmi nobilmente. Ho imaginato di fare un'operetta perio- 
dica, che avra per titolo La hilancia teatrale, dove spero 
di far capire a questi signori, che hanno fatto male a pro- 
cedere con me in questo modo. Uscira ogni mattina dopo 
la rappresentazione di qualche opera i! mio foglietto ; fin 
ora non ho che sessanta sottoscriventi, ma spero arrivare ai 
200 e questo numero mi basta (I). Le mandero il pro- 
spetto del mio piano subito che sara stampato. La Nancy 



(1) Di questa operetta periodica non fanno cenno le Memorie del Da 
Ponte, ne il libro del Marchesan. 



— in — 

sta bene ; mi paila spesso di lei, e la ama sinceramente. 
Noi vivremmo felici se la fortuna volesse un poco secon- 
darci. Non le scrivo oggi perche io non iscrivo in casa 
mia, ma in camera del sig. Conte. Mi mandi risposta N.*^ 
7, Silver street, Golden squear. 

Io non ho mai ricevuto la p... borsa (1) perduta in 
viaggio, e nemmeno riscontri. Dio abbia in gloria i c... 
M'ami, mi creda vero amico ; mi scriva in un foglio senza 
coperta ; addio. 

Vtxo amico 
Da Ponte. 

5). Londra, 1 marzo 1 793. 

Caro e sincero amico, 

Appena ricevuta la sua gratissima lettera portai I'accluse 
al signer Conte ; temeva ch' ei fosse di gia partito , es- 
sendo piu giorni ch' ei dice di cio fare : fortunatamente 
e ancora a Londra ; non era in casa : gli ho lasciate le 
lettere sul camino, e ho fatto chiudere a chiave la porta, 
perche non nascan disordini. Io avrei a scriverle tante cose 
che non ho nemmeno coraggio oggi d'incominciare, prima 



(I) Nel partire da Trieste, la madre diede alia Nancy una borsetta che 
conteneva alcune monete d'oro del valore di 100 fiorini o poco piu. II giorno 
seguente nell'attraversare la montagna di Lichtwegsberg la borsetta fu smar- 
rita. II Da Ponle si raccomando all'abate della Badia di Sant'Edmondo per 
il ricupero, se qualcuno la rilrovasse. Fu ritrovata dal contadino Chersemboum, 
che onestamente la consegno all'abate, il quale la mando a Praga; e la lieta 
notizia giunse al Da Ponte soltanto quando si trovava in Olanda. (cJ^emo- 
rie, vol. II, parte I, p. 21). 



— 278 — 
perche e gia tardi, e la posta non vuole aspettarmi, e poi 
perche sono impegnato di andare in certo loco di grande 
importanza, e non posso omettere la visita. Un altro ordi- 
nario Le scrivero tutto, e forse avro la soddisfazione di far 
che il signor Conte le scriva novellamente nella stessa mia 
letteia. La consolazione che le reco Tultima mia mi fa un 
immenso piacere ; io I'aveva previsto, e m'era affrettato ap- 
pena seppi che il Conte era in Londra di procurarglielo ; 
ma ella conosce il suo carattere : ci voUero due mesi di 
perorazione per persuaderlo. M'accorsi pero che non era 
che effetto di pigrizia, e non poca stima, od amore. In fondo 
ei le vuol molto bene, e noi parliamo assai spesso di lei. 
Di me non ho ancora alcuna cosa buona da dirle. La Sto- 
race, ne il fratello non meritano nemmeno esser nominati 
da me. Credo che I'aria di Londra sia della natura del- 
I'acque di Lete. Non serve. C'e attualmente un soggetto 
dei pill rispettabiU che pare impegnato per me (1). Al- 
I'altro ordinario le diro il resto. La mia lettera non doveva 
capitarle dissigillata, avendola chiusa il Conte stesso, e se 
vi fu etourderie, fu di lui. La mia Nancy sta bene, m'ama 
io amo lei, e se Dio vorra fare che si cangin le cose, noi 



(1) 11 soggetto dei piii rispettabiU impegnato per il Da Ponte forse era il 
Pozzi, compositore di musica. A questo punto infatti delle sue Memorie 
(vol. II, parte I, p. 19) egli dice: « Ridotto al verde siccome io era, non 
« trovai segni d'umanita e d'amicizia che nel signor Pozzi, compositore di 
« musica assai gentile, e d'animo cortese e generoso e benefico, quantunque 
« non ricco. Egli m'offri in varie occasioni la borsa, mi fece conoscere i suoi 
«amicie tra gli altri la celeberrima Mara ». Forse il Da Ponte potrebbe an- 
che alludere al duca di Bedfort, del quale parla nella seguente lettera del 
2 aprile di questo stesso anno. 



— 279 — 
potremo viveie insieme felicemente. E che le pare dei Fran- 
cesi ? Chi avrebbe detto che dovessero fare tanti progress! 
e tante iniquita ? 

Povero Re ! povera famiglia ! spero che I'lnghilterra ta- 
gliera questo nodo gordiano. Ho stampato un Ubretto di 
poesie sopra la morte del Re. Gliel mandero pel Conte. 
Non posso scrivere piii lungamente. La Nancy le scrivera 
il venturo ordinario ; per ora si contend d'un suo saluto, e 
d'un bacio. lo sto componendo un'opera sulla morte di 
Luigi (I). Pare che riesca. La borsa di Praga non e mai 
capitata (2). lo vorrei ch'ella scrivesse al Mardegani tin- 
tore in quella citta, e gli domandasse un poco cosa n'e 
adivenuto, e mi scrivesse. Non so perche devo perder 
senza ragione 25 zecchini. Mi ami, mi scriva e mi creda 

Jiff.""" cord." yJmico 
Da Ponte. 

6). Londra, 2 aprile 1 793. 

Sig.' Giacomo Stimatis.'"°, 

AU'arrivo di questa mia il signer Conte dovrebbe esser 
arrivato a Dux ; ne son ansiosissimo della novella, per po- 



(1) // iribulo del core, poesie di Lorenzo 'Da Ponte poela per died anni 
dell' Imperalore Giuseppe II di F. M. dedicate al Signor 'Duca di Choiseul 
e pubblicate in Londra dall'autore dopo la morte di Luigi XVI, Londra, 
si vende per un scellino presso M. Stace n. II al Mercato del Fieno, 
MDCCLXCIII. E un opuscolo in 16'^ di 32 pagine. Alia dedica seguono 
una lunga Canzone e un'aria con coro, intitolata : Le lagrime della Regina 
di Francia. Vedi RAVA, Un' operetta sconosciuta sulla morte di Luigi 
XVI, (in Marzocco, 25 giugno 191 I). 

(2) La borsetta col denaro smarrito daila Nancy. 



— 280 — 
termi consolare con lei della soddisfazione che mi promise 
di farle avere, dopo le ingiurie vergognose del Carnefice (1). 
Ella non manchi dunque di scrivermi e mi faccia saper 
tutto con precisione. Dallo stesso signer Conte ella potra 
saper intieramente il mio stato e le cose mie. Egli non si 
trovo in circostanze d'abbondanza, per questo non ho pro- 
fittato molto della sua amicizia e cortesia : forse sella vo- 
lesse adoperarsi presso lui con destrezza mi potrebbe in 
lontananza prestar un soccorso, che m vicinanza non ha po- 
tato. Due cento fiorini sono una bagattella per lui, e per 
me sarebbero un vero tesoro m questo momento. Ho delle 
speranze bellissime per I'anno venturo. II Principe Lichten- 
stein, che vuol far tutto per me, salvo che alleggerire la 
borsa, mi fara parlare col Duca di Bedford, che avra I'lm- 
presa teatrale per Topera italiana, e mi proteggera per I'ef- 
fetto dei miei disegni ; ma mtanto non si guadagna, ed a 
me occorre con una economia da Lichtenslein mezza ghi- 
nea ogni giorno per vivere. lo non voglio fare il maestro 
di lingua, perche questo mestiero fu disonorato da cento 
cani ; ho venduto e impegnato diverse cose, e con questo 
mi son cavato d'impaccio cinque mesi ; ora avrei bisogno 
degh amici. Dove sono? Non c'e che il mio Casanova. 
Questa prova ne varrebbe mille. AU'arte dunque. II Conte 
fa tutto, quando si sa impegnarlo ; e nessuno puo impe- 
gnarlo meglio di Lei. Prometto di fargliene la restituzione 
prima che passi un anno. Non dico di piu perche intelli- 
genti pauca. Egli ha lasciato qui un servo ed i suoi ca- 



(I) Forse allude a uno dei piii fieri nemici del Casanova, il Feltkirchner, 
r intendente del conte Waldstein a Dux. 



- 281 — 
valli ; questo agevola la cosa della spedizione : senza que- 
sto, una picciola cambiale in una lettera fara il medesimo 
effetto. Con questa somma effettuar posso diversi progetti, 
e particolarmente la stampa d'alcune cose, che non dispia- 
ceranno per la circostanza. Legga i miei sonetti pel re di 
Francia, e mi dica il suo parere. 11 quarto, il sesto, il set- 
rimo, e I'ultimo piacquero molto in Londra. La gazzetta non 
avra piii loco in gi-^zia della spesa. Non e possibile cre- 
dere quanto e cara la stampa in questa citta. II Badini 
poeta teatrale m'ha fatto una satira. Non e ancor uscita alia 
luce, ma io ne ho lette alcune quartine, ecco la piii Bella : 

O vedete qual demerito ! 
Non conosce la bestiaccia 
Come formasi un preterite, 
Benche ognor lo porta in faccia. 

Ha letto un preterito benedw in una mia poesia, e lo 
critico con questo gentiiissimo vezzo. Vedremo il resto. I 
suoi consigli li seguiro scrupolosamente, salvo che nel punto 
del maestro di lingua, finche mi sara possibile. Questa e 
una professione che si esercita attualmente da camerieri, 
calzolaj, banditi, sbirri, etc. etc. etc. e I'avvilirono a di- 
ciotto soldi, a uno scellino, e a una misura di birra tal- 
volta. Cosa dunque degg'io mescolarmi con questa « Razza 
peggior dei Lazzaron di Napoli ? » . Casti e finalmente ar- 
rivato ad esser poeta cesareo con 3000 fiorini di paga ( I ). 
Hoc eral in ootis. Maledetta politica. io fui la vittima dei 



(I) Giovanni Battista Casti, nato nel 1721 a Montefiascone. Son note le 
sue rivaiita col Da Ponte. 



— 282 — 
suoi raggiri. Ho scrilto un libro che farebbe fortuna, ma 
nondum venit hora sua. La mia cara Nancy la riverisce, e 
I'abbraccia. Ella sta bene, e buona quando non e cattiva ; 
mama, e m'impegna in tutti i modi a procurare la sua fe- 
licita. La prego di non dimenticare I'affare della mia borsa. 
Risponda a tenore di tutto quello ch'io le scrissi nell'altre 
mie. Non mi mandi mai lettere con soprascritta. Si ricordi 
che Mardegani e il nome del tintore di Praga, che deve 
aver ricevuta la mia borsa... M'ami, mi creda tutto suo e 
mi scriva spesso. 

Aff.'"° amico 
Da Ponte. 

A (Monsieur 
r^onsieur Jacques Casanova de Sengal 
T^ar Cologne a '^oeplitz 

OBERLEUTENSDORF. 
7). Londra, 10 maggio 1793, 

Signor Giacomo amico amatis."'", 

La sua lettera del 25 aprile doveva, seguendo I'ordine 
della posta, capitar jeri : non e capitata che oggi ; onde 
non era possibile, com'ella ben vede, ch'io le potessi ri- 
sponder prima. II Conte dovrebbe a ogni modo a quest'ora 
esser arrivato a Dux. Saranno presto sei settimane ch'egli 
e partito da Londra. lo non ho, in questo, bisogno d'in- 
formarmi da alcuno, perche lo vidi partire. Aveva con lui 
un mercadante di Vienna, che non voleva restar molto 
tempo in viaggio, e che aveva fissato di accompagnarlo fino 



— 283 — 
a Praga : salva disgrazia, non e dunque possibile che al- 
I'arrivo di questa mia non sia in Dux il signor Conte, e 
ne son si sicuro tra me medesimo che la prego di fargli in 
mio noma i piu distinti complimenti, e di dirgli che il suo 
servo, disperato per esser senza quattrini, e per non saper 
che si fare, lo prega di cavarlo dal purgatorio. Ei I'ha la- 
sciato qui per custodire sedici cavalli, anzi asini, ch'ei crede 
tanti Bucefali, e che per Dio non vaglion sei soldi : e, per 
eccesso di bestialita, I'ha lasciato senza un soldo, e rac- 
comandandolo all'avarissimo pseudo principe [Liechtenstein], 
che dopo avergli somministrato cinque ghinee, lo mando 
con Dio, e non vuol piii dargli un quattrino. Intanto quei 
sedici Bucefalo-fagi si son mangiati due volte, o almeno si 
son lasciati mangiare dal mozzo, che per rigurgitarli pretende 
1 80 ghinee, e che ha intenzione di vender le pelli per pa- 
garsi. Povero Conte ! Ha un core angelico, un ottimo ca- 
rattere, ma ha una testa poi molto peggiore della nostra. 
Egli ha fatto a Londra una vita oscurissima : mal alloggiato, 
mal vestito, mal servito ; sempre nelle taverne, nei lupanari, 
nei caffe, con facchini, con birboni, con... lasciamo il re- 
sto : ho veramente gusto che sia partito, quantunque, es- 
sendo in Londra, poteva qualche volta essermi utile coUa 
borsa ; dico qualche volta, perche raramente, per quello che 
diceva, era padrone di sei ghinee. In cinque mesi, a forza 
di ciarle gliene ho cavate quattro. Vegga a che condizione 
ci trovavamo ambidue ! Son sicuro che se avesse avuto 
molto, Barbatos pisces non ederem, e non sarei tuttora alia 
cruda necessita di perorar per 200 fiorini ch'io ricevero o 
dal Conte, o da Lei, come un bacio di Venere. Non e 
una gran somma, ma bastera in punto ai bisogni miei, che 
non son molti, perche mi contento di poco ; e lo stesso fa 



— 284 — 
la mia cara Nancy, che e la sola cosa buona, si te Jemes, 
che mi lascio ancor la fortuna. lo le ho gia scritto che questo 
danaro deve servirmi per fornir con decenza una cameretta, 
dove ho ideato di fare certa lettura italiana, che colla pro- 
tezione di pochi signori dovrebbe fruttarmi circa quindici ghi- 
nee al mese, e forse piu in avvenire. Faccia dunque e fac- 
cia presto. Col Duca di Bedford non ho ancora fatto alcun 
passo : ma bene col Marchese di Salisbury, che si crede 
futuro direttore e Impresario dell'opera italiana in Londra, in 
compagnia del duca di Bedford medesimo, ch'e ricco quanto 
il Padre, ma piu avaro due volte. lo son protetto da molti, 
e particolarmente daU'Ambasciatore Cesareo, dal Conte Lam- 
berg, e dal ministro del Re di Napoli ( 1 ) : non cerco d'es- 
ser poeta solo, ma direttore dell'opera. Si potrebbe gua- 
dagnar molto e farsi onore. Vedremo cosa sara. Seguiro il 
consiglio per altro ch'Ella mi da rapporto alle lezioni di 
lingua, e porro subito sulla gazzetta il medesimo paragrafo 
che mi ha scritto. La seconda lettera ch'Ella mi ha man- 
dato pel conte, ghe I'ho fedelissimamente consegnata come 
la prima : egli era ancora in Londra : non voleva che si 
risapesse a Dux, ma io ne la ho avvisata subito per sua 
norma, e sella no! seppe, segno e che quella lettera e an- 
data al diavolo ; di fatti dal primo di marzo in qua io le 
ho scritto sei volte, ed ella fin ora non mi accuso che due 
lettere. Mi risponda su questo per mia regola. Se mi do- 
manda come ho fatto a vivere sei mesi e mezzo, non sa- 
prei rispondere. Io so d'aver gia speso 90 ghinee, ma se 



(I) Nel 1793 era ministro di Ferdinando IV a Londra il Principe di 
Cetstelcicala. 



— 285 — 
uscirono dalla terra, o se son cadute dal Cielo, un angelo 
glielo dica. 

II meglio si e che non ho moiti debiti, che quelli ch'ho 
non m'incomodano, perche potro pagarii quando vorro, e 
che tutti mi credono abbastanza ricco, perche mi guardai 
dal palesare ad alcuno i bisogni miei. Insomma, se il conte 
mi manda venti sole ghinee, io arrivero a novembre felice- 
mente, nel qual mese si ricomincia a guadagnare in Londra, 
dopo le vacanze dell'estate, in cui si guadagna pochissimo. 
La risoluzione di passare a Bruxelles mi piacerebbe molto, 
se fosse per farla felice. Quanto piii facilmente non ci po- 
tiemmo vedere ! Mi parli piu chiaramente anche su questa 
materia. I di lei sette sonetti son tutti magnifici, grandi 
e degni di lei. C'e poi qualche verso che mi ha incantato. 
Per esempio iVe tempo perda cercando innocenti. — Che non 
alltnta. Lira dei Numi chi tardo si pente — son di quelle 
gemme che non si trovano mai che nei gran poeti. Avrei 
pagato un orecchio per averli fatt' io. Li ho fatti leggere a 
certo poetino che guida il tuono : critico giusto questi due 
versi come duri. Crimine ah uno disce omnes. Eppure ne 
sa in poesia almeno due volte piu del Badini. 

Son otto di in punto che la satira di costui e uscita. 
Alia prima occasione glie la mandero, per farla ridere. In- 
tanto si contenti di alcuni saggi che qui le trascrivo : 

Sol per ndere vi sferzo 

Colla coda della volpe : 

Vol dipmto avete in volto 

L'ormal della Carogna : 

Vi credevo un uomo placido, 

Ma coi nomi, e anche coi verbi, 

Dimostrate ognor dellacido ; 



— 286 — 

lo temevo sol del fiato. 

Ma vi puzza anche I'inchiostro : 

L'ardimento di Fetonte 

Par che al risico v'imbarchi, 

Perche voi siete da Ponte, 

E i testicoli son gli archi. 

Oltre quesli, e simili concetti, e una infinita d'invettive, di 
sarcasmi, di villanie, mescolate alle piii indecenti frasi, e 
parole, v'e una infinita di barbarismi, che fanno vergogna a 
un grammatico della prima classe. Per esempio : // pallone 
si crepo ; Le huggere mi stupirono ; Ei vuole imporre in 
significato d' imposer etc. Finora non ha avuto gran for- 
tuna : lo criticano e lo biasimano i suoi partigiani medesi- 
mi, che per altro son pochi, e che lo sono solo perche si 
dice nemico mio. 

lo non gli ho data risposta alcuna, benche per divertirmi 
ho fatto dodici sonetti, e una canzone che per lui sareb- 
bero un giulebbe. 

Ho pubblicato solo quattro ottave, che si lodano assai e 
che per questo le mando anche a Lei. Noti che non si sa 
che son mie, benche in Londra per Dio (e son nel mio 
dir parco) non c'e un altro che potrebbe farle (1). 

Credo che il sig."^ Conte le avra portato il mio libretto, 
che ha per titolo // trihuto del core. Consiste in dodici so- 
netti; e due anacreontiche. II Badini intitolo la sua satira 
// trihulo della coglionatura. S'assomiglia all'essenza della 
cosa. Conveniunt rebus riomina saepe suis. Le critiche che 
m'ha fatto s'assomiglian tutte anche quelle al bel titolo. Non 



( I ) Qui non si pubblicano perche sono di una indecenza insopportabile. 



— 287 — 

vuole ch' io possa dire L' arbor che invito all' ombra tigri, 
lupi e serpi, parlando dellarbor della liberta , non gli aliti 
accorli, gravidi d'errore ; non /' arbor bagno e fecondb le 
serpi, perche allora il verbo bagnb non ha accusative. Non 
// vero imitator del verbo eterno ; perche allora e lo stesso 
che dire , che il Re di Francia era il verbo eterno, non 
scuotere i cori con tromba ululante ; non // torrente tur- 
gido, non pesar sulla cervice del gregge vipereo : non le 
virtu ch'ersero i fregi alia gloria , non insomma alcuna di 
quelle cose che ho detto , e la ragione e perche egli non 
vuole. Tal sia di lui (I). 



(I) Riporto due dei sonetti del Da Ponte criticati dal Bandini 

AL SE DICENTE FIGLIO D'UN COCCHIERE. 

Luigi k morto ! al tuo furor che resta ? 

Che piu vuoi, che piii brami, o perfid'angue ? 
Versasli omai quell'mnocente sangue, 
L'uitima meta a' tuoi misfatti h questa. 

Non te placo la desolata e mesta 
Europa che per lui palpita e langue, 
Non I'egra immago della Patria esangue, 
Ch'ora ti maledice, empio, e detesta. 

L'arbor fatal che tigri, lupi, e serpi 

Par che aH'ombra ferale inviti, e chiami, 
Bagno in quel sangue, e fecondo le serpi. 

E produrra pria che i malnati rami 
La vendetta di Dio fulmini, o sterpi, 
Tremendi frutti a' suoi cultori infami. 

Sulla tomba di Luigi. 

Far non poss' io che I'esecranda Aurora 
Si cancelli dal lungo ordin de' tempi. 



— 288 — 

Oggi io scrivo all' Imperatore , perche avendomi offerto 
la sua protezione nel mio passaggio a Vienna, me I'accordi 
in questo momento. 

Fra Taltre gentilezze Monsieur Badini mi tratto da ban- 
dito. Questa e una calunnia ch'ho bisogno di smentire. Ce- 
stui e il primo birbante ch'esista sulla terra. Io I'ho dipinto 
per Dio con pennello tizianesco in certa poesia, gia da me 
pubblicata col titolo di Confessione d'un Giacobino. II bir- 
bone si vide, ne freme, e non puo parlare. Son dieci anni 
che non sorte di casa che le domeniche per i debiti ; da 
che pubblico la satira si nasconde affatto perche teme ch'io 
Io bastoni. Tutti mi dicono che potrei chiamarlo in giudi- 
zio, particolarmente per avermi trattato da sodomita : io non 
mi degno. Tutto questo ei fa per discreditarmi : e perche 



L'aurora, oh ciel ! in cui per man degli empi 
L'opra segui che I'universo accora. 

Far non poss'io che la memoria mora 
De' non intesi pria barbari esempi, 
E la vergogna non s'eterni o attempi, 
Onde il secolo mio si lagna, e plora. 

Ma ben potro con ululante tromba 
Scotendo i cor, le fredde ossa innocenti 
Dissotterrar dalla sanguinea tomba. 

E spargere la polve infra le genii ; 
Tal ch'ove suono di pieta rimbomba 
Di vendetta, e di duol germe diventi. 

Se il Da Ponte avesse potuto guardare negli scartafacci del Casanova, e 
leggervi le critiche che sui suoi sonetti scrisse I'amico, ne sarebbe rimasto male 
non meno che di quelle del Badini. Cfr. I' articolo cit. del Rava : Un'o- 
pereita sconosciuta ecc. 



— 289 — 
crede che mi possano alfine dar il posto di poeta. Perch'ella 
abbia una piccola idea di cestui legga il seguente sonetto : 

Se conoscer lo vuoi grugno nericcio, 
Curvo, bitorzoluto, e senza polpe, 
Nella fronte e ne' rai scritta ha la volpe. 
E quel che sembra umano e in lui posticcio, 

Raro si mostra : e qual tra i spini il riccio 
Celar lo fanno i debiti, e le colpe ; 
Dotto non v'ha ch'ei non ofFenda, o incolpe, 
Eppur non vale un pelo di Don Ciccio. 

Invido, petulante, e temerario, 

Palpita e fugge a ogni ombra di pericolo 
II vilissimo eroe Catilinario. 

Ecco lemolo mio : caso ridicolo 

lo ch'ho dipinto in faccia il tafanario. 
Per mio disegnator trovo un testicolo ! 

Ne ho fatto dodici, e questo e il piii moderate. Gliene 
mandero alcuni nelle mie lettere. Ho ricevuto jeri una let- 
rera di Mardegani : ove mi ripete quelle ch'ella mi scrive 
nell'ultima sua. La prego di mandarmi un erdine per un 
Banchiere di Lendra, e di metier tutte in una scatoletta, 
e farmele capitar per la posta. Abbia la bonta di scriver- 
gh la stessa cesa, per evitar il pericolo, che si possa dire 
la lettera ando smarrita. La mia Nancy, conjux in tutte le 
forme, e forse presto matercula, La riverisce distintamente 
e la prega a continuarle la sua benevolenza. Quante pa- 
gherei per vederla ! Chi sa ! Se le mie speranze hanno 
qualche effette, e pessibile che venga ie medesimo ad ab- 
bracciarla. Per questo non pubblico affatto quelle che scan- 

MOLMENTl. — Carleggi. 19 



— 290 - 
dalizzerebbe i pusilli. Ella mi capisce. Le scrivero un altro 
sonetto che ho fatto jeri contra i perfidi Frances!, in una 
conversazione, quasi improvvisamente, giacche c'e ancora 
questo piccolo spazio. 

Geme, diviso tra voler discordi 

L'immenso regno ; e or alto, or basso il volve, 
Perfido stuol, ch'in mille colpe involve, 
Una torma d'affetti empj ed ingordi. 

A ragion, a giustizia i cor son sordi, 
Dispotismo propon, condanna, assolve : 
Meta disvuol quel che meta risolve, 
E par che solo al peggio ognun s'accordi. 

Esausto e omai di tue rapine il frutto; 

Hai col mondo, hai con fame, hai teco guerra 
L'esercito diserta, od e distrutto. 

Da ogni lato il destin ti preme e serra : 
E tu sfidi insensata in tanto lutto 
La Sprea, I'lstro, il Tamigi, il Ciel, la Terra. 

I sette ch'ella mi mando faro stamparli, se ne ha pia- 
cere ; ma prima le diro il mio parere sopra alcune minac- 
cie. M'ami com'Ella fa, e com'io amo Lei, e mi creda 

L'aff.'"° cord.^ Amico 
Da Ponte. 

8), Brusselle, 18 luglio 1793. 

Caris.'"° Jlmico, 

Ella mi deve risposta di quattro lettere : io non capisco 
come un uomo si amico della diligenza questa volta e si 



— 291 — 
negligente con me. Le scrivo, com'Ella vede, da Brusselles. 
Dal manifesto che Le trasmetto ella intendera la ragione. 
Audaces fortuna juvat : spero bene, ma ho bisogno di ajuti. 
Son gia otto giorni in questa citta ; che spese ! Ecco il 
momento in cui imploro colla maggior efficacia le grazie 
del Conte, e I'assistenza dell'amico Casanova. Ogni ritaido 
saria fatale, perche son senza un soldo, e per prudenza mi 
fo creder ricco. Le famiglie Aremberg, Meternich, Ligne, 
e Rohan mi proteggono ; ma guai se sapessero che son 
povero. Ho a quest'ora 1 40 soscriventi : me ne occorrono 
300, e li faro se il Conte mi presta 200 fiorini, che gli 
restituiro onoratamente, dopo I'impresa. Ella preghi, scon- 
giuri, perori, e se fa bisogno minacci. II Mardegani non 
mi ha ancora mandato nulla, Che vergogna ! lo gli ho man- 
dato un ordine per Harris che ha affari colla ditta Thum 
a Praga. Se le cose vanno bene verro ad abbracciarla, e 
verra meco la cara Nancy, che per Dio vale un regno. 
Attendo risposta : faccia la lettera ferma in posta ; in se- 
dici giorni posso ricever riscontri. La presa di Conde le 
sara gia nota : Valenciennes sta per cadere. Jeri si son 
vuotate due mine, dov'eranvi piii di 12.000 Lire di pol- 
vere. La guarnigione ha voluto capitolare, ma invano. Spe- 
riamo bene. Corro per la citta come un cervo ad forties 
aquarum. 

Si sta poco a farmi venire una cambiale, se si vuole. 
Scrivo in somma fretta: appena sapro qualche cosa di pre- 
ciso, scrivero ancora. M'ami ; baci per me la mano al sig."^ 
Conte e mi creda 

Aff."'° cord.^ amico 
Da Ponte. 



— 292 — 
[Unita a quella del Da Ponte si trova la seguente lettera]: 

Etant I'ami de Monsieur Da Ponte, je prend la liberie 
de vous prier, sous ses auspices, de me procurer une carte 
d'echantilons des draps de la fabrique de M.' le Comte 
de Waldestein, notamment drap fins pour ofiiciers, avec 
des prix cottes au juste, et les termes de vente. La diffi- 
culte den obtenir de France me fera peut etre occasioner 
grande consommation de ceux d'Allemagne, si leurs quali- 
tes, prix et conditions conviennent. Si je puis vous etre 
bon ici pour I'utile ou I'agreable, disposez de celui qui a 
i'honneur d'etre avec estime 

Monsieur 

'Ootre tres h.' ob."' Serviteur 

L. JABLON. 
tACeg.' a JBruxelles. 

9). Rotterdam, 29 agosto 1793. 

Sig/ Giacomo stimatis.""". 

Oggi a Rotterdam ; domani saro alia Haye, ove mi con- 
duce, le speranza d'ottenere la direzione del teatro, e il 
privilegio di piantarvi un'opera buffa dallo Statolder. Ho 
molte ed efficaci commendatizie, so che i fiancesi sono stati 
scacciati, ecco i fondamenti delle mie lusinghe. Per I'im- 
presa di Bruxelles multa tuli, fecique per vedermi poi ro- 
vesciata tutta la machina dalla perfidia della Storace. Que- 
sta iniqua donna, dopo avermi sollecitato a partire, dopo 
avermi assicurato di venire se vi sara a far qualche cosa, 
mi manca sfrontatamente di parola ; mi salta fuori con delle 



— 293 — 
pretese degne solo del suo carattere infame ; mi chiede 400 
Lire sterline per dodici recite, una serata di beneficio e 
cento diavoli che I'impicchino ; e mi ruba infine trecento 
Luigi oltre quaranta che n'ho gia spesi per condurre a fine 
un progetto che faceva stordir me medesimo nella felicis- 
sima riuscita. lo aveva piii di 900 Luigi di soli sottoscri- 
venti ; e le apparenze eran tali che ne avrei fatti almeno 
1500 di avventizj, se quella briccona non mi faceva quel 
brutto scherzo. 

Ho scritto in diverse parti per un'altra prima Donna, 
ma non so ancora se potro averla. Mi scrivono che la Fer- 
rarese e in Vienna ; se il marito vuol guadagnare 500 zec- 
chini, per un mese e mezzo, io gli fo scriver domani da 
terza mano. 

In queste circostanze pensi com'io mi trovo. Ho con me 
la mia Nancy, che feci partire da Londra quando credeva 
che tutto andrebbe bene, prima cioe che la Storace facesse 
quelle stravaganti domande. Ho consumato i danari che mi 
mando il Mardegani, ho consumati 25 Luigi, che mi diede 
la Mara per un'opera seria che m'ordino ; e ne ho almeno 
altri dieci di debiti a unosteria di Bruxelles, dove da un 
mese in qua mi fanno credenza. Ella mi aveva fatto spe- 
rare che il conte Waldstein mi manderebbe 200 fiorini da 
Lipsia. Come si potrebbe fare a impegnarlo ? come si po- 
trebbe fargli capire che bis dat qui cito dat ? Non c'e che 
il mio Casanova che possa riuscire. S'ella m'ama, se ha 
premura dell'onor mio, metta in opera ogni artifizio per 
persuaderlo. Io so che il cor di quel signore e eccellente, 
che ha bisogno qualche volta di stimolo, ma poi fa tutto 
quel che si vuole. Se io sapessi come mandargli una let- 
tera, gli scriverei, e avrei forse eloquenza bastante per in- 



— 294 — 
tercedere una giazia che per lui e poca cosa, e per me e 
massima. Se vuol mandargli questa mia lo faccia ; aggiunga 
le sue preghiere, I'assicuri che gli rendero detto denaro in 
tre mesi, ma procuri in qualunque modo di far si ch'io sia 
consolato. Chi la dura la vince : io vincero dunque, ma mi 
occorre il soccorso di qualche amico, e se non mi viene 
da Lei, da chi sperarlo ? Risposta subito per carita. La 
mandi a dirittura a Bruxelles dove io ritornero entro quin- 
dici giorni, e dove mi porranno prigione se non pago, et 
quod non fecerunt Jingli, facient ^elgi. In quel caso che 
saria del povero Da Ponte, e della sua cara Nancy, che 
la riverisce distintamente e le si raccomanda ? Mad.^ Wal- 
ckis e morta. Non puo dunque prestarmi i 200 fiorini di 
cui ella vorrebbe restarmi garante. Da La Haye le scrivero 
novamente. Ora scrivo dalla barca e non ho che mezzo fo- 
glio di carta. Una cambiale di 200 fiorini per M/ de Lys, 
o per altro banchiere di Bruxelles, mi trarra da morte a 
vita. Vivro in angoscia fino all'arrivo di suoi riscontri. Una 
delle mie lettere ando smarrita. Capitera piii tardi. II so- 
netto del Zaguri non vale un soldo. Un altro ordinario Le 
scrivero piii diffusamente, e le mandero dei versacci. Le 
critiche che si fecero ai suoi mi fecero ridere. Oh che be- 
stie ! M'ami, mi scriva, mi consoli e mi creda 

Aj^.""" Amico 
Da Ponte. 

10). Amsterdam, 27 settembre 1793. 

Sig/ Ciacomo Stimatis.'"°, 

Io aveva fatto un bellissimo colpo in Olanda, se non 
succedevano in questi giorni le disfatte delle due armate 



— 295 — 
inglese e olandese sotto Dunkerque (1). Pareva che la Provvi- 
denza m'avesse mandate in buon punto. Non erano ancor 
due mesi che i perfidi predicatori [/ Francesi] erano stati 
scacciati dai teatri d'Olanda. II Paese aveva bisogno di 
spettacoli. Mi munii a Bruxelles d'ottime commendatizie ; 
mi presentai coraggiosamente alia Corte dell'Aja ; mi pro- 
mise tutto il favore per portare in quella Citta ed in que- 
sta un'eccellente Compagnia di virtuosi italiani : cosi con 
tale appoggio a Amsterdam, ebbi I'approvazione di tutti i 
signori, e in meno di quindici giorni feci una sottoscrizione 
di 80.000 fiorini, che m'assicurava uno stabilimento magni- 
fico, ed una luminosa fortuna. Non mancava che I'appro- 
vazione dei Borgomastri medesimi ; il giorno stesso in cui 
lo doveva ottenere la risposta capitarono i funesti corneri 
della nuova fatale dell'armate sconfitte, del Principe d'Orange 
ferito, deU'altro perduto : dell'assedio di Dunkerque levato, 
con tutte I'altre disgrazie ch'ella deve sapere, e che allora 
il timore, e il partito giacobmico esagerarono per modo, 
che non si penso ad altro che a chiuder gli spettacoli, a 
far aprire tutte le chiese, e a mandar al diavolo me, col 
progetto e le speranze mie. 

Quanto sia dispiaciuto tal cambiamento a tutta la Citta 
non e facile I'immaginarlo ; ma a me, com'ella puo credere. 



(1) Stanco degli intrighi di Londra e con le 30 ghinee ricevute dalla 
Mara per scrivere un dramma per lei, il Da Ponte, lasciata in queHa citta 
la sua Nancy, passo in Olanda, dove aveva sentito essere slato chiuso il tea- 
tro francese, e percio sperava piu facile aprirne uno italiano; quando arrivo 
improvvisamente la notizia che gli Inglesi e gli Olandesi erano slati scon- 
fitli sotto Dunkerque dai Francesi, comandati dal generale Hourhard. I pen- 
sieri di divertimenti e di feste diedero luogo alia desolazione e al pianto. 



— 296 — 
dispiacque per Dio piu che a tutti gli altri ; vedendo di- 
strutta per tal contrattempo una macchina che fabricava, 
per cosi dire, un edificio di compiacenza al mio core, e 
di felicita alia mia Nancy. Ora mi si propone da questi 
signori un'altra sottoscrizione, per far eseguire sotto la Di- 
rezion mia un Concerto istrumentale, e vocale, come s'usa 
di fare a Londra ; e si vuol farmi sperare che cangiandosi 
gli affari potrei forse ottenere in un altro momento I'esecu- 
zione del primo piano. Fata sequar. Non ho pero mezzo 
di ridurre a fine le cose, se Dio non mi fa cascare da 
qualche pianeta una borsa di zecchini, con cui pagare i 
miei debiti, e con cui seguitar a vivere finche tutto e fis- 
sato. Dico se Dio non fa tal miracolo, perche dagli uo- 
mini non posso piu sperar nulla. Pare che tutti sien sordi 
alle mie preghiere, inflessibili a' bisogni miei. II Conte Wald- 
stein, che solo avrebbe potuto consolarmi, o dorme, o si 
dimentica, o e negli antipodi, quand'io lo cerco. II mio Ca- 
sanova non puo far nulla : Trieste non c' e piii ; i miei 
versi non vaglion la pelle d'un cane in questi paesi. Gh 
amici son tutti morti ; i nemici ridono ed io frattanto oso, 
fatico, viaggio, m'adopero pedihus manibusque, ed il fine di 
tutti i miei travagli e il crivello delle Danaidi. Quello che 
piu mi tormenta e lo stato della mia Compagna alle sven- 
ture, ed ai martiri. 

Ella sara presto madre ; ed io inorridisco al solo riHesso 
delle conseguenze, e dei bisogni di quel momento. Per 
colmo dei malanni, mi trovo all'osteria , ove, usando di 
tutta I'economia possibile, spendo un zecchino al giorno ; 
senza sapere per Dio come potro pagare, tremando alpen- 
siero che ogni giorno il conto s'aumenta. 

Se non puo far altro per me — miserere animi non digna 



— 297 — 
ferentis — se puo fare di piii, fac cito perche periculum in 
mora ; e se non ho visitata la prigione a Londra, potrei 
ben correr rischio di visitarla qui, 

Ove ospitalitade e ignota Dea. 

La Nancy la riverisce distintamente, e le si raccomanda. 
lo le ho scritto due versi per mezzo d'un signore che non 
conosco ancora, ma che mi pare I'lnstitutore del giovinetto 
Wimmer. Vide la mia Nancy, ma non sa della cherca e 
del collar. Le serva di regola. Qui si dice che la Conven- 
zione mando all'Imperatore proposizioni di pace ; Dio lo 
voglia, ma io nol credo. C'e qualcheduno che mi consiglia 
d'aprire una bottega di negozio ; di far che la Nancy s'eser- 
citi a far fiori, ed a vender mode : il consiglio e buono, 
ma come incominciare ? Mi risponda a Amsterdam, e faccia 
le sue lettere poste restante. 

Le scrivero novellamente la settimana prossima, per farle 
saper I'esito del Concerto. Se posso far qualche cosa (stor- 
disca !) scrivero alia Ferraresi, e le offriro 1 200 zecchini 
per venir a cantare in 40 concerti. Non verra ; non serve, 
ma io faro vendetta colla nobilta della mia offerta. La ne- 
cessity di scriver oggi diverse altre lettere non mi lascia 
empire le quattro pagine ; lo faro un'altra volta in com- 
penso. Attendo risposta ansiosamente allultima mia. 

M'ami, e mi creda 

ylff.'"° cord^ amico 
LOR.« Da Ponte. 

Per risparmiare mezzo fiorino che costa qui ogni lettera, 
mando I'acclusa, ch'ella mi fara il piacere di far metter 
subito alia posta di Vienna. 



— 298 — 

Mj. DairAja, 13 8bre 1793. 

Signor Giacomo Amatis.'"°, 

Veggiam se i versi possono un poco piii che le prose ; 
e I'ultimo tentative che mi rimane a fare suU'animo del 
Conte, ch'e il solo da cui io possa sperare qualche cosa, 
e a cui io osi dire il mio stato. Per molte ragioni io son 
obbligato di tacer con ogni altra persona il mio sommo bi- 
sogno, ma particolarmente perche proponendo io un piano 
che domanda dei fondi, mi riderebbero in faccia. 

Ho proposta I'associazione a Guardassoni ( 1 ) ; se I'ac- 
cettera, sara forse perche non gli ho detto : mandatemi dei 
danari, Gli ho detto pero che n'avrei bisogno, perche ella 
si possa servir di lui, per mandarmi tutto quello che la ge- 
nerosita del Conte, stimolata dall'eloquenza e daU'amicizia 
del Casanova, potrebbe alfin ridursi di destinarmi. L'av- 
verto pero che se pel di otto di novembre non vien nulla, 
sara, venendo dopo, il soccorso di Buda. Sono stato ob- 
bligato a prendere jeri duecento fiorini da un Ebreo, con 
patto di pagarli in ventiquattro giorni : ho pagato un sol 
zecchino d'interesse, ma ho dovuto fare una Cambiale, alia 
cui scadenza o bisogna pagare, o si va in prigione. Ecco 
I'epilogo della storia, e di tutte le immaginabiU conse- 
guenze. 

Ella avra ricevute a quest'ora tre altre mie, da cui avra 
inteso Io stato attuale di tutte le cose. La Ferrarese non 
mi ha ancora risposto. Non rispondera, e non verra. Tanto 



(1) L'impresario, gia menzionato, del teatro italiano di Praga. 



— 299 — 
peggio per lei. Avrebbe potuto guadagnare comodamente 
2000 zecchini in un anno. Ora non mi resta che I'appog- 
gio di Guardassoni. Gli domandai tre cantanti : con questi 
comincierei ; darei delle accademie di musica, che in que- 
sti paesi son molto in voga, e pria che passin tre mesi, po- 
trei lusingarmi di porre in piedi un'opera. Si disse che 
rimperadore andra a Bruxelles ; e che da Bruxelles passera 
in Olanda : se questo e, potrei sperare di far qualche cosa. 
Con questa lusinga, cominciai un'operetta seria analoga alle 
circostanze, che faro porre in musica da un buon maestro, 
e cerchero di far rappresentare, se Guardassoni mi man- 
dera gh stromenti. La ho gia pregata a stimolarlo ed ora 
la riprego ; e se per amor mio ella potesse balzar a Pra- 
ga, per levargli ogni scrupolo, sarebbe il capo d'opera del- 
I'amicizia. 

leri ho ricevute due lettere da Martini : son gia tre mesi 
che gli ho scritto, e I'invitai a nome di Kelly, ora diret- 
tore del teatro di Londra, di venir a comporre due opere 
per quel teatro (I). Per disgrazia non puo fino all'anno 
venturo, avendo un contratto in Russia per tanto tempo. 
L'anno venturo dunque verra ; e prima condizione e ch'io 
deva fargli i libri. Cosa dira Badini ? Gridera allora, ma 
adesso esulta. 11 teatro e caduto quest'anno nelle mani di 
certo Teller [Taylor] ch'e Dimidium animae badinianae. 
Tutti dicono che fallira, ma intanto Badini mangia. Ecco 



(1) 11 maestro di musica Giampaolo Martini, nato a Freystadt nell'alto 
Palalinato nel 1741. E autore di parecchie opere, di molte marce militari 
e di alcuni studi suWarmonia e sul modo di comporre. Mori a Parigi nel 
1816. 



— 300 ~ 
il destino del teatro di Londra. Da venticinque anni in qua 
e nelle mani dei primi birbanti. I piii gran disperati piglian 
I'impresa : falliscono quando non possono pagare ; e caso 
che lor una volta si tolga 1' impresa stessa , bruciano il 
teatro. Aude aliquid si vis esse aliquid. lo che non ho mai 
saputo far altro che il galantuomo non ho, e non avro mai 
nulla. S'ella va a Vienna, giudizio. Parlando di me beva, 
ma non lasci bere. Mi scriva su tal proposito, e le daro 
dei lumi e forse dei progetti. Non capisco cosa mi posson 
fare i nemici in Olanda. lo vivo in modo da non temer di 
nulla, come avrei potuto dire sempre ed in ogni loco, se 
non avessi avuto il capo tonsurato e un laccio al collo. 

Desidero sapere se da Venezia le si scrive mai nulla di 
me. La Nancy la riverisce distintamente e Le si racco- 
manda. 

E quando al mondo nascera il bambino 
Sara Giacobbe, ma non Giacobbino. 

Finisco perche non ho piu candela. Questa lettera che 
doveva partire il 1 non partira che il quindici, perche non 
ho avuto tempo di copiare I'epistola tragicomica, che le 
includo pel Conte. 

Scrivami all'Aja, a la ville de Paris o ad Amsterdam 
a la premiere bible anglaise, sur le roquin. Le lettere mi 
capitano aicure in uno od in altro loco ch'ella me le in- 
dirizzi. lo son condannato a girar come un matto per que- 
ste due citta, per cogliere i momenti, e per agire coi Bor- 
gomastri, che hanno delle diflicolta, e degli scrupoli, che 
convien vincere o crepare. Mi scriva piii spesso che puo ; 
m'ami e mi creda 

Aff.""" cord.^ Amico 
D. P. 



— 301 — 
P. S. Si preparano a Bruxelles delle feste grandissime ; 
oh se il conte si lasciasse saltar I'estro di venirci, e di con- 
dur con lui il mio caro Casanova ! Sarebbe per me, e per la 
mia situazione una specie di revanche della visita da me 
fattale I'anno scorso. 

AL SlGNOR CONTE WALDSTEIN 

Magnanimo signer, son venti mesi 

Ch'io me ne vo qual Peregrino errando : 

Passai varie citta, varj paesi. 

Come passa talvolta un contrabbando : 

Incognito ed oscuro lo mi difesi 

Dal demon che mi g\a perseguitando, 

Armandomi di speme e di pazienza, 

E quando non ne avea, studiai far senza. 
Ho visto la Lamagna, e I'lnghilterra, 

E vano e dirti il mal ch'ivi provai. 

Mi fero uomini e Dei si strania guerra, 

Che alfin fatto ho un fardello, e mi salvai. 

Ma il malanno mi segue in ogni terra 

E raddoppiami ognor bisogni e guai ; 

E non e ver per me che cangi gioco 

II volubil destin, cangiando loco. 
Son neirOlanda, ove da lungi un raggio 

Di bella sorte apparve agli occhi miei : 

E gia prendea vigore il mio coraggio, 

E il fin credea de' giorni amari e rei. 

Ma quel ch'oro sembrommi era formaggio • 

E caddi allor che piii sorger credei ; 

E la caduta mia fu tanto forte, 

Che se tu non m'aiti eccomi a morte. 



— 302 — 

Esausta e omai la gia mla floscia borsa, 
Esausto il guardaroba e lo scrignetto ; 
Fu I'orologio r ultima risorsa 
Contra il duro oste : or mostra Tore al ghetto, 
Lettere scrivo che una tigre, un'orsa 
Impietosir dovrian, ma senza effetto : 
Offro drammi, poemi, odi, canzoni, 
E chiedomi se son zucche, o meloni. 

Dir non mi val io so sei lingue o sette, 
Son istorico, Retore, e Abachista, 
E il nome mio far por sulle gazzette, 
Fra i crocchi, o nei caffe del mondo in vista : 
Nessun mi guarda in faccia, o porge un ette, 
Nessun vuolmi nemmen per suo copista ; 
Omai non so di che bagnare il becco, 
Se non mi lascio far I'arme del Becco. 

E cio far non vorrei, se gir dovessi 

Lacero, ignudo, e senza scarpe e calze ; 
E mangiar ghiande, e scorza di cipressi, 
E coi ghiri abitar per grotte e baize. 
E soffrir cinquant'anni i mali stessi, 
Senza speme che alcun m'aiti, ed alze; 
E aprir sui bivj al passagger la mano : 
Stato da cui non son per Dio lontano. 

Gia indigenza fatal, la torva faccia 

In me rivolge, e gia mi veggio appresso 

Disprezzo signoril che mi minaccia, 

Livor che ride nel vedermi oppresso : 

Meco, e il sai, la mia Donna ; e ancor che taccia 

Pur le leggo nel volto il core impresso ; 

II cor che tace per non darmi affanno ; 

E quel silenzio stesso e il mio tiranno. 



— 303 — 

Che s'ella si lagnasse allor potrei 
Meno sentir del mio destin I'orrore ; 
Ne men del suo destin reo chiamerei : 
Ma che per un meschin Le appresi amore. 
Ma la misera tace, e ai sguardi miei 
Peir lieta piii quanto piii geme in core ; 
E questo e quel che piii mi pesa, e questo 
Di tutti i miei martlri e il piii funesto. 

Deh ! porgimi la man, alzami alquanto 
Dal basso stato ovora immerso io sono : 
Che se pietoso tu non odi il pianto 
D'Umanita, da chi sperar tal dono? 
Non far ch'io pera, ed a me pera a canto 
Questa infelice, e ancor che lungi, il suono 
Del suo muto dolor odi, e consola ; 
Tu sei la mia, la sua speranza sola. 

Molto gia non chiegg'io, ma quel che chiedo 
Doppio sara se fia che tosto giunga. 
Ma non tardar per Dio, perche prevedo 
Che se la mia miseria e ancor piii lunga 
Non basteran gli articoli del Credo 
A far che il creditor non mi raggiunga, 
E non mi ficchi ove ogni gran Birbone 
Vive senza pagar oste e pigione. 

Salvami pria che al mal manchi rimedio, 
E se farlo non vuoi per merto mio : 
Fallo per liberarti alfln di tedio. 
Per debolezza, per amor di Dio ; 
O qua! si prende una Citta d'assedio, 
Cosi prenderti, o Conte, alfln vogl'io, 
Non a forza di palla, e di bombarda. 
Ma di seccar cio che il calzone ha in guarda. 



- 304 — 

Ti scrivero volumi m prosa, in verso, 

In arabo, in latino, m turco, in moro ; 

E ti scongiurero per ogni verso ; 

Per San Baiardo, per San Brigliadoro, 

Per gli avi eroi che onoran I'Universo, 

Per Carolina tuo dolce tesoro. 

Per la quondam giumenta a te s\ cara 

Per Sant'Alo che a cavalcar t'impara. 
Faro che Casanova, il mio buon veglio, 

Ti tiri per la manica del sajo 

Quando stai per sbarbarti innanzi al speglio, 

O quando in bocca vuoi porre il cucchiajo ; 

Che t'arresti faro, se gli par meglio. 

Per dirti dei miei versi un centinajo, 

Qyando giovin corsier domar ti vede, 

E quando in staffa hai di gia posto un piede. 
Ma se al contrario i voti miei tu ascolti ; 

Un mausoleo d'amor vo in seno alzarti ; 

Ove solo vivrai molt'anni, e molti, 

Ove qual salvator voglio adorarti. 

E fin che i rai del giorno a me fien tolti 

Del mondo vo portar in quattro parti 

II nome, e la pieta del mio buon Conte ; 

II decimo d'ottobre. Aja ; Da Ponte. 

12). Dall'Aja, 9 9bre 1793. 

Signor Qiacomo Stimatissimo, 

II di 30 di ottobre (mirabile dictu !) mi capito una let- 
tera deirimpresario di Londra coH'offerta di 120 ghinee e 
la vendita de' Libretti a profitto mio, per ruffizio di Poeta 
nel di lui teatio. Ella puo ben pensare qual fu la sorpresa 



— 305 — 
mia, e con quanta consolazione accettai I'offerta si per le 
circostanze spinose in cui mi ritrovava, come ancora per 
la speranza di fare la piii alta vendetta del scellerato Ba- 
dini, che ne fece tante e tante a quell'impresario, che si 
trovo ridotto alia necessita di scacciarlo come un Birbante, 
con maraviglia si, ma con allegrezza di tutta la buona gente 
di Londra (1). Questa mia vittoria e tanto piu bella, 
quanto piii inaspettata, ed ecco il mio caro Casanova Pro- 
feta anche con me, ma piu faustamente che col Medini, e 
col Cagliostro (2). Aggiunga che la mia riputazione mi fece 
anteporre (sebben lontano, e senza fare alcun passo) a dieci 
poetucci che son da molt'anni in Londra, ch'han molti pro- 
tettori, e che fecero tutti i possibili sforzi per carpir quel- 
I'impiego. Quanta invidia dunque mi tocchera sostenere ! 
Ma crepin gli altri, io ridero. 



(1) II Da Ponte ricevette all'Aja questa lettera da sua cognata di Londra : 
« Caro Da Ponte. — Le iniquita di Badini obbligarono Timpresario del- 
ft I'opera [ Taylor] di cacciarlo dal sue teatro. Occorrendogli un poeta e 
« udito avendo parlare di voi, mando per me e mi commise di scriver\i ed 
« offerirvi il suo posto. Come il Badini gli ha scroccate 60 ghinee a cento 
« del suo salario, cosi vorrebbe che voi vi contentaste di pagargliele scon- 
« tandole dalle dugento ch'egli offre a voi. Io credo che Io farete, perche 
« non e il danaro che deve muovervi, ma la buona occasione di farvi co- 
» noscere a Londra. Con tale principio osai assicurarlo che verrete. Mi diede 
« percio 20 ghinee per le spese del vostro viaggio. Venite : fate presto ; i 
« vostri amici, tra gli altri Ferrari, Rovedino, la Storace e Kelli vi aspettano 
« ansiosamente, ed io muoio di voglia di riabbracciar la mia Nancy » . MAR- 
CHESAN. op. cit.. p. 121. 

(2) Del conte Medini s"e gia parlato ; del celebre conte di Cagliostro sa- 
rebbe superfluo. 

MOLMENTI. — Carteggi. 20 



— 306 — 

Attendeva con infinita impazienza una risposta allultima 
scrittale, dove pur c'era una cicalata pel signor Conte ; ma 
da due ordinarj in qua trovando delusa la mia speranza, 
penso che attendero invano, Dio sa quanto. lo partiro per 
ringhilterra martedi venturo, cioe il giorno 1 3. Un onorato 
e cortese amico di Bruxelles, a cui ho scritta la mia situa- 
zione, mi mando in risposta ventiquattro luigi, coUa sola 
promessa cKentro un mese glie ne farei la restituzione. E 
impossibile ch'io mantenga la parola s'ella non m'ajuta. 
Questo mi darebbe una pena di morte, perche I'amico che 
mi favori, non senza grave incommodo, non e ricco, e Pa- 
dre di famiglia, e potrebbe esser rovinato se gli mancassi. 
La mia paga di Londra non e gran cosa : ho diversi de- 
biti in quella citta che dovro pagar subito, son male for- 
nito di guardaroba, e per colmo de' mali, il Teatro non 
paga che per quartali, e il primo si riscuote il primo di 
febraro : osai in queste circostanze sperare che il signor 
Conte vorra prestarmi questa picciola summa : io glie ne 
faro la restituzione da Londra con un poco di tempo : ella 
mi conosce ; egli ancora. Non son solito a mancar di pa- 
rola, molto meno comincero adesso. Impetri per me una 
grazia preziosa, che interessa tutto il mio core. Senza il 
soccorso di questo buon amico sarei per Dio alia necessita 
col durissimo Israelita, di scappare o di andar prigione. 
Veda qual pena avrei, se dovessi mancare alia mia pro- 
messa. Egli le mandera per guadagnar tempo un ordine di 
ventiquattro luigi, lo accetti per carita, e lo faccia estin- 
guere alia scadenza. Avro un'obbligazione eterna al mio 
benefattore, e cerchero di meritare doppiamente il suo af- 
fetto con una puntualita ch'ei crede rara in un italiano. 

Da Londra Le scrivero, e le daro informazioni esatte di 



— 307 — 
tutto. L'anno venturo Martini verra a scriver due opere ; 
allora le cose andranno assai meglio anche per me, perche 
i libretti mi si pagheranno a parte. L'Olanda a quest'oc- 
casione non mi frutto nulla e mi costo almeno cento e venti 
luigi ; avrei guadagnato un tesoretto, se non mi tradiva prima 
la Storace, e poi Rovedini e Ferrari, il primo cantante, il 
secondo virtuoso nella composizione di musica conosciuti 
molto bene dal sig,"" Conte. M'hanno trattato indegnamente 
e mi son mancati di fede nel modo il piii barbaro, e di- 
sonesto che si possa immaginare da un Lazzarone. Ci ri- 
vedremo in Londra. L'anno venturo mi regolero meglio, e 
senza bisogno d'esseri di fango guadagnero forse da luglio 
a novembre mille zecchini ; ma secretum meum mihi et ci- 
tissime tihi. Mi risponda a Londra al solito indirizzo : Sher- 
rard street golden squear, N. 16. La Nancy la riverisce 
distintamente ed io sono 

// svLO aff.""" jJmico 
Da ponte. 

Sulla morte della Regina di Francia. 

Sonetto. 

Ah non pianger di Lei ! che non e morta 
Qyando lascio la maladetta Terra, 
Cui senza orrore il sol luce non porta 
Da che un popol di Tigri m grembo serra. 
Parve allora morir ma usc'io di guerra ; 

E in sen di Dio dai suoi martlr fu scorta ; 
Ove su i Figli i santi occhi disserra, 
Quasi anco m Ciel nel lor periglio assorta, 



— 308 - 

Piangi di te, cKe sola ir la lasciasti, 

Piangi ch'uom sei ; piangi che tra quel Mostri, 
E in SI esecranda eta I'aure spirasti. 

Piangi che agli empj ancor Dio non si mostri, 
E che I'augusto sangue omai non basti 
A por fine alle stragi, e ai pianti nostri. 

13). Dall'Aja. 17 novembre 1793. 

Sig/ Giacomo stimatis."'", 

Non so come incominciaie. La lettera ch'ella mi scrisse 
in data del 5 novembre, e ch'io ho ricevuto in questo mo- 
mento mi stordisce, mi spaventa, mi toglie la parola e il 
coraggio. lo non credeva possibile di trovar tanta insensi- 
bilita nel suo Conte. Le cose ch'ella mi disse di lui, quelle 
c'ho viste cogli occhj miei non mel dipingevano di un ca- 
rattere si inumano e si dure. Ci vuol pazienza. Nemmeno 
la mia chitarra ha piii virtii che la mia prosa. Le quattor- 
dici ottave ch'ella tiova belle, e che lo saranno forse se 
vogliam giudicarle coUa bilancia del sentimento, hanno per 
Dio cavate le lagrime e il riso a una picciolissima societa 
d'amici cui le ho fatte leggere. II Conte rise, ma resiste al 
sentimento di compassione che dovevano eccitar nel suo 
core, se non fosse stato di pietra, Quello che mi tormenta 
presentemente e la necessita in cui mi trovo di far una 
nuova ed ultima pruova sull'ambulante macigno ; ella vedra 
dall'ultima mia che le verra spedita da un mercadante di 
Bruxelles le terribili circostanze in cui mi trovava alia sca- 
denza della cambiale israelitica, se non era la bonta dun 
amico, che senza quattordici ottave e senza V avvilimento 



— 309 — 
umiliante d un uom che prega sei mesi, mi presto venti- 
quattro Luigi che sarebbero la sua rovina se non glie ne 
facessi pronta restituzione ; mi cavo dal pericolo della car- 
cere, e del disonore, e mi mise in istato d'andar a Lon- 
dra, ove mi attende un impiego bastantemente lucroso, e 
molte speranze. lo ho gia osato lusingarmi che per mezzo 
d'una cambiale, che ho a lei per tale effetto girata, potrei 
soddisfare a un dovere sacro per I'anima mia ; questa lusinga 
e scemata molto, dopo I'ultima sua, ma non affatto estinta. 
Scongiuro Lei per I'amicizia nostra, per I'onore e per Tequita, 
a fare tutti gli sforzi possibili perche quella lettera non vada 
in protesto. Forse ripregando, seccando, importunando, tor- 
mentando codesto epulone, che sospira ridendo, il mio caro 
Casanova potra ottenere quello che le mie lettere e le 
ottave mie non hanno potuto. lo so che un abate hancese 
ottenne da lui in varie volte piii di ottanta Luigi ; so che 
il Da Ponte gli fece scriver due lettere al suo fattore, 
per consolare I'amico perseguitato da due carnefici, eppure 
SI dice che sia piii facile far cacar i zecchini al Conte 
Waldstein, che fargli scriver due versi. Dunque made ani- 
mo ; mi dia questa pruova di benevolenza e di cordialita. 
Le prometto sull'onor nostro che prima che passin sei mesi 
rendero in Londra od in Praga la stessa somma. Morrei 
per Dio di dolore, se per quel poveruomo, che per solo 
atto di umanita se mosso a consolarmi, dovesse forse per 
questa bagatella fallire. Sarebbe possibile, e facile. Post do- 
mani partiro da questa Villa di cacio e di barbaric piena. 
lo non credeva che esistesse al mondo una razza d'uommi 
simile agli Olandesi. Ad onta di questo t'anno venture m: 
voglio rifare delle perdite di quest 'anno ; e cio senza il 
caro Guardassoni, che ha coglionato piii se stesso che me, 



— 310 — 
mancando di far cosa, che m'ha per lungo tempo lusingato 
di voler fare, e che ci avrebbe fatto guadagnare almeno 
ottocento luigi (1), Finito lo spettacolo in Londra, il che 
sara verso il mese di luglio, tornero in Olanda, e forse ci 
vedremo in Praga ed in Dux. 

Ho un associate discrete, ed onesto in questa impresa, 
che mi fara forte in credito ed in danari; dico mi fara, 
perche attualmente e senza un soldo ; ma so che a quel- 
I'epoca sara ricco. 

All'occasione che il Principe piii giovane d'Orange usci 
di casa, guarito dalla ferita, che riporto presso Dunkerque, 
io aveva preparata una cantata in musica, che il Padre, e 
la Madre avevan visto, approvato, e accettato. La man- 
canza dei cantanti Guardassonici, e piii il tradimento di due 
birbanti che le diro un'altra volta, namque animus memi- 
nisse horret, mi ha resa impossibile la rappresentazione. Pro- 
posi di pubblicarla colle stampe, ma mi si disse ch'era su- 
perfluo. Da Londra le scrivero il resto. Mi notifichi gl'im- 
brogli nati nel ministero di Vienna. Mi spieghi le ragioni 
per cui ella mi consiglia a fuggire per sempre e Roma, e 
ritalia tutta. Io non ho vogHa di questo bando volontario 
e non ho ragioni di temer nulla ; se pur tu non svelasti il 
gran secreto : il che non credo. 

Bramo sapere se il Memmo e il Zaguri son vivi o morti. 
Sant'Alo e il protettor dei cavalli, non mi maraviglio che 
ella nol sappia ; ma mi maraviglio che nol sappia il pio 
Conte. II verso che a lei piace tanto, e che veramente con- 
tiene un senso delicato, non e fatto per un'anima tedesca. 



( 1 ) II Guardassoni doveva mandargli alcuni cantanti del teatro di Praga. 



— 311 — 
Ella dice di sentirsi vecchio, sara. Mi consolo pero che 
sta anccr bene di vista, giacche puo si di lontano vedei 
Caronte, che sciolse la barca per venire a riceverla. Pre- 
ghiamo Dio che possa vederlo per lungo tempo. La Nancy 
la riverisce distintamente. Ella le vuole scriver due linee 
relativamente al consiglio che vonebbe darle se le fosse 
vicino. Per me non posso dirle che questo : Tutto s), ma 
coma no. Sento che Dio mi diede un core, e un mgegno; 
quello mi bastera per soffrire tutti i rovesci della fortuna ; 
questo per aprirmi una od un'altra strada onde vivere ono- 
ratamente e senza mai aver a rimprovarmi nulla di basso, 
o di disonesto Aude aliquid; ma non a spese della virtu, 
che per me e una sola, e de' pregiudizi della societa, ch'io 
ho rispettati sempre in questo proposito. 

L'offerta dell'impresario di Londra capitatami in un mo- 
mento in cui io mi trovava, per cosi dire, sul margine del 
precipizio, e della disperazione, mi farebbe creder veramente 
che v'ha di la dalle nuvole una mano che regola le cose di 
quaggiii etc. etc. etc. Oh quanto voglio divertirmi la prima volta 
che veggo il gran Giacobino ^adini ! Egli ha detto a un 
amico mio pochi di prima ch' io partissi da Londra — io 
sono da venticinqu' anni m qua poeta del l^ealro di Lon- 
dra, e Io saw ancora altri venti cinque e cinquanta cinque 
se la morte non mi cogliona. M'aspetto una lettera gratu- 
latoria da Lei : ma la migliore gratulazione sara se vedro 
ch'ella ha potuto accettare la mia lettera di cambio. Lascio 
due dita di spazio per la mia Nancy. 

La risposta a Londra e sono 

Suo amico vera 
Da Ponte. 



— 312 — 
L'ultimo verso nel sonetto per la Regina di Francia deve 
dire 

A por fine alle colpe, e ai pianti nostri. 

Mon ami, 

Vous n'avez jamais ete marie, voila pourquoi vous vou- 
driez me donner le petit conseil, que votre italien Santo 
Amhrogio n'a pas manque donner a sa nation. Mais vous 
savez que les Anglais ont proscrits les Saints et voila pour- 
quoi la morale ne serait pas bonne pour moi ; mais si vous 
voulez cependant que je comence a croire aux miracles, 
faites celui de persuader au Comte a payer ou a preter les 
24 louis et il sera le plus beau et le plus sensible. 

'Dotre tres affectionnie Servante 
A. D. P. 

14). Londra, 25 agosto 1795. 

Signor Giacomo amico Stimatis.'"",. 

Oh il bel vocione che ha il mio carissimo Casanova ! lo 
lo sento fin qui gridare stentoreamente e metter un chiasso 
carnovalesco contra me, perche son presto due anni che non 
gli scrivo. E, vogliam dire la verita, Messer Casanova ha 
ragione, e il signor Da Ponte, con riverenza, e un negli- 
gentaccio di prima classe, che meriterebbe una buona cor- 
pacciata di nerbate dal piu valoroso Luperco delle galere 
del Papa. Oh, ti dira, ho avuto mille occupazioni, mille 
imbrogli, mille disturbi ! Ho scritto agli amici per aver no- 
vella de' fatti suoi ! L'ho fatto salutare spessissimo ! mi son 
ricordato di lui etc. etc, Corbellerie, signor Dapontino bello, 



— 313 — 
senza ne pepe, ne sale ! Dopo questo preamboletto da col- 
legiale ribobolesco, che servira se non altro per mettersi un 
poco in gamba, veniamo ad rem. 

lo me la passo bene: godo d'una perfetta salute, e senza 
la mancanza di 24 o 26 denti, che non so per qual matto 
capriccio non vollero piii stare con me (1), non mi accor- 
gerei nemmeno d'aver quarantasei anni. Ho con me la mia 
Nancy, ch'io amo, e che ama me ; anzi che mi potrebbe 
far del tutto felice, s'io non fossi un di quegli uomini che 
la fortuna e i cattivi amici si divertono di maltrattare. II 
paese in cui vivo, analogo alia morale d'un'anima onesta- 
mente libera, e uno stato mediocre relativamente ai bisogni 
della vita, che a forza di pazienza, e fatica m'era acqui- 
stato, potevano forse farmi dimenticare tutte le passate vi- 
cende, se la cattiveria, assistita da qualche bizzarra combi- 
nazione, non se ne fosse mescolata alcun poco, per farmi 
tornar mdietro alcuni gradini di questa buggeronissima scala 
della vita. 

Ella sa come io amava il Maestro Martini, autor della 
musica della Cosa rara, e deW Albero di Diana (2) : a forza 
di coraggio e di prudenza, m'e riuscito di farlo venire a 



( 1 ) A Vienna un vilissimo chirurgo, certo Dorigutti, richiesto dal Da Ponte 
di un rimedio per un male alle gengive, somministrb al povero poeta, ch'egli 
credeva suo rivale in amore, dell'acc/ua forte, la quale fece perdere quasi 
tutti i denti al Da Ponte, che contava appena trent'anni. MARCHESAN, 
op. cit., p. 104. 

(2) Una cosa rara e L'arbore di 'Diana, due libretti del Da Ponte 
musicati dal maestro Giampaolo Martini. 



— 314 — 
Londra a comporre dell'opere per questo teatro (1). Non 
potrei sciiveie in un volume tutte le brighe, gl'intoppi e le 
difficolta che ho dovuto superare per tal disegno. Gelosie 
di maestri, etichette di rivali, cabale di donne, ignoranza 
di direttori, pregiudizj nazionali, e infinite altre maledizioni 
che sogliono nascer sempre a quelh che propongono delle 
cose buone, ma contrarie agl'interessi particolari de' furfanti 
in carica. Non mi lasciai spaventare da rischi, ne da mi- 
nacce, e il Martini venne. Egli compose due opere buffe (2) 
per questo teatro, che piacquero molto, ad onta di mille 
cabale, di mille bindolerie ed una satira sanguinosa del 
sempre infame Badini, che a suo dire fu pagato per farla. 
Le scrivero un'altra volta perche si tento in vari modi di 
opprimer quest'uomo, e come (mirabile dictu ! ) I'impresario 



(1) Impresario del teatro italiano a Londra era allora Guglielmo Taylor. 
II Taylor, vedendo che le cose andavano male, dlede ordine al Da Ponte di chia- 
mare a Londra il Martini, il quale era allora impegnato per il teatro di Pie- 
troburgo. II Martini venne. Vennero pure la Banti e la Morichelli, la cui 
rivalita per impossessarsi deU'animo dell* impresario creo molti impicci al Da 
Ponle. La Morichelli, cantante celebre nel buffo, per azione vera, nobile, 
ragionata e piena di espressione e di grazia, aveva molto ingegno e molta 
coltura, ma era una volpe vecchia, che copriva tutti i suoi disegni col velo 
del mistero. II Da Ponte scrisse per la Morichelli L'isola del Piacere, che 
fu musicata dal Martini. (MARCHESAN, op. cit., pag. 121 e segg.). Brigida 
Banti era nell'opera seria una delle piu celebri cantanti d'Europa. Ai giorni 
del Da Ponte non era piu giovane. Pagata esorbitantemente per il pregio 
della sua voce maravigliosa, non aveva pero altre doti notevoli. Parlando il 
Da Ponte di lei e della Morichelli le dice pari nei vizi, pari nelle passioni 
e nella cattiveria del cuore. La Banti, continua egli, era una feminaccia igno- 
rante, sciocca e insolente. L' impresario Taylor cadde in potere di questa 
donna {Memorie, vol. II, parte I, pag. 29 e 31). 

(2) L'isola del Piacere e La Capricciosa corretta. 



- 315 — 
medesimo era inter essatissimo a procurare che le sue opere 
non piacessero. Un'amicizia consolidata dall'abitudine di 
dodici anni, col sigillo, dal canto mio, di una condotta 
che caratterizzav a si vivamente la mia illimitata affezione, 
non mi lasciava nemmen ombra di sospetto suUa sincerita 
del Martini. Egli resto in Londra circa nove mesi, nel qual 
tempo mi studiai di fargli contar i giorni coi tratti della 
pill distinta benevolenza. Oh ! mostro senza carattere, e 
core ! Appena finita la seconda opera, il maledetto bastardo 
si fece conoscer per il piii perfido , e il piii appassionato 
de' miei nemici ; sparlo pubblicamente di me, con quanti 
gli capitarono alle mani ; mi dipinse coi colori della sua 
neia anima in faccia agh amici miei, si lagno di spese 
fatte in mia casa, quando costo, per Dio, a me piii di 
quaranta ghinee il pazzo desiderio d'averlo meco ; fe ricader 
sul mio dosso alcuni contrattempi, che per sua sola impru- 
denza gli sono accaduti, e particolarmente per essersi mat- 
tamente innamorato della gia vecchia, e conseguentemente 
torbida Morichelli ; mi usurpo diritti, mi rubo ! e parti da 
Londra insalutato hospite, dopo avermi ingravidata una 
brutta serva, e fatto poi creder a molti che io e non esso 
I'aveva ingravidata. 

Passati i primi moti della mia collera, io non avrei fatto 
caso di questo miserabile, che tutti conoscono per un falso 
egoista, per un adulatore vigliacco, per un avaio mjsan- 
tropo, incapace di onesta, di gratitudine, di amicizia, e di 
alcuno di que' sentimenti che caratterizzano un uomo : ma 
disgraziatamente, per aver voluto sostenerlo contro i raggiri 
e le persecuzioni di alcuni, mi son fatti certi nemici, che 
avendo grande influenza sull'animo dell'impresario, e pro- 
teggendo per secondi fini il Badini, che m'insidia sempre 



— 316 — 
Timpiego, mi misero alia crudele necessita di adattarmi a 
condizioni infinitamente meno lucrose che I'anno scorso, il 
che nell'eccesso attuale dei prezzi di tutte le cose forma 
un enorme sbilancio nella economia della mia famiglia. 
Quantunque questo mio moto retrogrado all'eta mia m'in- 
comoda molto, pure converra aver pazienza, e aspettar la 
medicina delle circostanze, e del tempo. Per rimediare se 
si puo a questo deficit, ho pigliata in affitto dall'Impresario 
stesso la bottega di caffe del teatro, e ho destinata la mia 
Nancy per sopraintendente. Se le cose van bene si puo 
guadagnarvi un centinajo di lire sterline, che sarebbe un 
compenso all'altro danno. Eccole in breve I'epilogo de' 
miei casi, e dello stato mio. 

Com'ella s'interessa tanto de' fatti miei, ho voluto fame 
il soggetto della prima lettera, che le scrivo per ricomin- 
ciare il nostro amichevole carteggio. Nell'altre le parlero 
d'altre cose. 

Or proponendo, or rispondendo ai detti. 

Mi risponda subito, perche ardo di voglia d'aver novelle 
di Lei. La Nancy la riverisce distintamente e le domanda 
la permissione di far battezzare in suo nome la seconda 
prole. Mi dica qualche cosa del sig."^ Conte. M'ami e mi 
creda 

cord.' Amico 
L. Da Ponte. 

II mio indirizzo : au theatre de VOpira. 

A Monsieur 

cM^onsieur Jacques Casanova 

Bibliotecaire de M.' Le Comte de IValdstein 

T^ar '^oeplitz a 

Dux. 




MARIA ANNA TERESA 
PRINCIPES3A DI LIECHTENSTEIN 

MOGLIE DI EMANUELE FILIPPO, CONTE DI WALD3TEUV. 



— 317 — 
Delia Contessa di Waldstein. 

(1789-1792). 

Maria Anna Teresa principessa di Liechtenstein (n. 1 738, 
m. '814), sposo il 30 marzo 1753 Emanuele Filippo conte 
di Waldstein (n. 1731, m, 1775). II matrimonio fu lieto 
di undici figli, il primogenito de' quali, il conte Giuseppe 
Carlo Emanuele (n. 1755), protettore del Casanova, ere- 
dito nel 1 797 il maggiorasco di Trebitsch in Moravia, e 
mori celibe il 17 marzo 1814, un mese circa prima di sua 
madre, che passo di vita il 29 maggio. 



1 ). o^onsieur ! 

Je scais gre a mon Fils d'avoire ajoutte mon nom a la 
souscription de votre ouvrage, et je suis vaine, Monsieur, 
que Vous aijes voulue me juger digne a rendre justice au 
style d'un homme d'esprit, dont vous vous etes acquis la re- 
putation. Mes premiers loisirs seront assurement consacres a 
la lecture du 5. tome (1), que vous avez eu la bonte de 
m'envoier. lis ne feront qu'augmenter le desir que j'ai de 
faire votre conoissance. C'est a ce moment que je reserve 
les remerciements dus au soins que vous prenez de deta- 
cher mon fils des occupation si peu analogue aussi a son 
esprit qua sa naissance. Puissiez vous parvenir a votre but 
et aquerir par cette correction un nouveau degre de cele- 
brite qui fera I'admiration du publique et excitera en moi 



(1) Il tomo V ed ultimo dell'/cosameron. 



— 318 — 

les sentiments de la plus vive reconnoissance. J'ai Thon- 
neur d'etre, Monsieur, 

a Vienne, ce 1 4 de Janvier 1 789 

X^otre tres humble et tres obeissante Servante 

WALDSTEIN P.« de LlCHTENSTElN. 

2). Signor ! 

Lei mi scrive, Signor, che mio figlio Giusepe si aspeta 
in alcuni giorni a Dux, ma come ho ricevuto ieri una let- 
tera di mia figlia la contessa di Kriichenburg (I) che si 
trova a Parigi e la qualle mi scrive che suo fratello era 
ancora con essa il di dieciotto d'aprile, non credo Signore 
che ne partira cosi presto per ritornare a Dux, perche que- 
sto momento e tropo interessante per partirsene da Parigi, 
E dall'altra parte noi conosciamo come e sempre senza ri- 
soluzione, e che la minima cosa lo ritiene in ciaschedun 
Borgo, ma se certo arrivara in Dux, lei mi fara un gran- 
dissimo piacere d'avvisarmi del suo arrivo, e di scrivermi 
tutto cio che passa nelli suoi affari, ed altre disposizioni 
che gli riguarda, ma bisognia scrivermi con gran segretezza, 
affinche lui non abbia dubbio di questa corrispondenza. lo 
saro egualmente segretta e Vossignoria mi fara piacere di 
scrivermi in Italiano, perche sarei molto felice d'aver I'oc- 
casione di esercitarmi in questa lingua, ed anche scriven- 
domi in Italiano, caso che le lettere venissero aperte non 
saranno facilmente lette dagli ufficiaH di economia. Se la 



(1) Maria Teresa contessa di Waldstein (n. 1766, m. 1796), sposa a 
conte Teodoro di Kriichenburg. 



319 — 
predizione che lei fa per il matrimonio di mio figiio po- 
tesse adempirsi, ne sarei molto contenta, e lei Signore che 
ha una parte della sua confidenza dovrebbe sempre parlaigli 
di sposarsi e specialmente sollecitarlo di far scelta della 
Principessa di Lobkowitz (1), che riunisce ad una gran na- 
scita anche duecento mile fiorini di Capitale. Questa Prin- 
cipessa sarebbe la miglior scelta che potrebbe fare nelli 
nostri paesi ; quanto a me, non mi lusinga d'aver assai 
credito sopra il suo spirito, e liel'ho detto gia sovente, ma 
sempre senza frutto. Sono tutto fastidiosa di sapere che la 
manifattura di drappi e cosi negletta, ma spero che questi 
lavoranti potranno bene, e presto, rimetterla, essendo ripie- 
gato a tempo per non lasciarli pagati senza ritirarne qual- 
che d'utile. Se quest'uomo, che ancora arrivara, e desti- 
nato alia direzione, che ne sara di Gallino (2), e del vec- 
chio Easier, che gia, I'uno piu di 50 anni, e I'altro piii di 
30 servono alia fabrica e I'hanno sempre ben diretta ? Tanti 
pensionisti ingiotiranno il profitto della manifattura, che gia 
pur troppo non e stata giammai d'un gran vantagio. Se come 
io mi propongo d'andare all'incoronazione di Bohemia, spero 
di far la Sua conoscenza, e se non dovessi fare il viaggio 
coirimperatrice, andaro dopo Tincoronazione col mio liglio 



(1) Maria Giuseppa, figlia del principe Augusfo Antonio Giuseppe Lob- 
kowitz, nata nel 1756, morta nubile nel 1793. 

(2) A proposito di questo Gallino scrive il conte Giov. Waldstein in una 
lettera del 28 dicembre 1 792 : « Galino dunque morto, morira presto anche 
« la fabrica, non gia che la tenesse lui che era galantuomo, ma non fabri- 
« cante, ma adesso piu che mai galina e uova andrano in (rittata, non es- 
« sendoci n^ capo n^ coda e campo aperto per li aventurieri >> . 



— 320 — 
per alcuni setimani a Dux, dove noi meterremo in ordine 
la biblioteca e faremo un catalogo di quel libri che do- 
vevano essere continuati, ciocche non si e fatto doppo la 
tutella di mio figlio. Questa negletezza diminuisce il prezzo 
della Biblioteca, che benche non e d'utile a mio figlio, lui 
non e meno obligate di tenirla in ordini, e sono sicura che 
fara con piacere a poco a poco questa spesa se qualche- 
duno glie lo dicesse. Lei Signore non mi dice niente se 
il poema intitolato VAlbertiade (1), che lei compone, e 
avanzata. Fin al tempo che sara finita, spero d'essere piii 
ferma nella lingua italiana, la sua conversazione in Dux e 
questa lettura mi sara molto instruttiva ed agreable ; ho 
I'onore d'essergli di Vossignoria 

a Vienna, il 1 5 di maggio 1791. 

pronta a servirla 

LA CONTESSA di WALDSTEIN 
NAT A PRINGIPESSA di LlCHTENSTElN. 

3). Signore ! 

Con grandissimo piacere ho ricevuto la lettera eloquente, 
e lunga che lei m'ha fatto I'onore di scrivermi, vorei po- 
terli rispondere coUa medesima eileganza, ma le mie facolta 
n questa lingua sarebbero insufficienti per egualizzarla, li- 
mitto dunque mio stilo a rispondere a punto, a punto ai 



(1) \J Albertiadc, il poema incompiuto che dovea cantare le geste del 
gran capitano Alberto di Wallenstein. 



— 321 — 
fatti li pill necessari, cominciando per assicurarla che mio 
figlio il primo di maggio era ancora a Parigi, e aveva ri- 
solto d'andarsene in Normandia per la rutta del mare, e 
di non ritornare a Dux avanti il mese di luglio ; questo ha 
pregatto lui stesso la sua sorella di scrivermi in suo nome. 
Temo che questi emigranti, benche pagati, s'impazienteranno 
e non aspetterano il suo ritorno, e che tutte le spese fatte 
saranno inutili, ma temo ancor piii che questa gente oziosa 
impiegaranno il loro tempo a mettere in confusione li no- 
stri suditi : che gia in questo luogo sono sempre un poco 
ostinati questa gente venendo da paese rivolte, ed essendo 
per la piii gran parte vagabondi dovrebbero essere ben os- 
servati dagli officiali d'economia, e nelle osterie dove si 
tratengono la giornata. Nei nostri paesi non abbiamo bi- 
sogno di questi predicatori della propaganda, che corre 
adesso in tutta I'Europa, per far delli proseliti donde i 
principii terminarebbero la nostra ruina, e lei potrebbe aver- 
tire gli officiali di quest! perigH. In riguardo della carica 
che mio figlio voleva domandare all'Imperatore, credo che 
non sarebbe piu tempo avendo sentito che I'lmperatore I'ha 
promessa al Conte Dominico di Kaunitz, ch'era Amba- 
sciatore m Spagnia (I), e che ha piii diritti alle grcizie del 
Sovrano che mio figlio, che non ha fatto niente per lo 
State e non merita nissuna ricompensa e ch'al contrario 
meriterebbe d'essere riguardato come un uomo mal inten- 
zionato per la patria, spendendo tutto il suo bene in paese 
estero. Sicuro lui non diventera giamai un uomo rasonevole, 



(I) Domenico Andrea principe di Kaunitz, figlio del celebre ministro, fu 
ambasciatore auslriaco in Madrid da! 1774 al 1794. 

MOLMENTI. - Carlcggi. 21 



- 322 — 
e la sua consorle sara la piii infelice creatura del mondo; 
non meno vorrei che si sposasse, ma non e la principessa 
Lobkowitz vedova (1) ch'io vorrei che prendesse, ma e la 
figlia del principe Augusto, che sta sempre in Praga, che 
non e ne Bella, ne brutta, ma richa, e d'un carattere dolce, 
una qualita che la moglie di mio figlio avra bisogno d'avere 
in superlativo, dunque questa riunendo tutte queste perfe- 
zione, lei fara bene di disponerlo a questo matrimonio, 
come anche di frastonarlo dal suo viaggio in Spagnia, per- 
che come lei dice bene, non ricevera giamai la permissione 
di far sortirne delli stalloni, benche suo cognato e il primo 
maggior d'uomo della corte del Re (2). Mia FigHa non 
amarebbe di vederlo arrivare come un ciarlatano, dico cosi 
viaggiando sempre con cavalli, amorose, negri, ed altre fi- 
gure ridicolmente vestiti ; per questa raggion ella gli ha gia 
una volta scritto di non venire, tremando che non vi fara 
che dei spropositi, e cose che potrebbero far torto alia glo- 
ria della famiglia di Waldstein, che sta in un gran credito 
in quel paese, ed ancor piu per I'onorabile condotta, ed 
educazione, e la sua maniera di guadagnare I'amicizia e la 
stima di tutti. La Principessa Clary [vedi pag. 15] non ar- 
rivera a Toplitz che in alcune settimane, ma credo che suo 
consorte vi sara piu tosto. La principessa, alia quale ho 



(1) II Casanova avea creduto che la Contessa di Waldstein intendesse 
parlare non gia di Maria Giuseppa, figlia del principe Augusto Antonio 
Lobkowitz, ma di Maria Gabriella, nata duchessa di Savoia-Carignano e 
vedova fin dal 1 784 del principe Ferdinando Filippo Giuseppe Lobkowitz. 

(2) Maria Anna contessa di Waldstein (n. 1 763), sorella del conte Giu- 
seppe Carlo, era maritata con Giuseppe Gioachino barone de Sylva, mar- 
chese di Santa Croce, primo maggiordomo alia Corte de! re di Napoli. 



— 323 — 
detto che lei ha composto una comediuccia per essa (1), e 
molto lusingata di questa attenzione, ma come arrivera senza 
le altre dame, teme di non trovar in Toplitz persone per le- 
citare le altre parti... tutte le nobilta di Boemia dovendo 
trovarsi per la metta d'agosto in Pragua. L'imperator fa- 
cendovi I'entrata il di ventisei, e volendovi fermarsi otto 
setimane, veruno della nobilta potra andarsene per I'autunno 
alia Campagna, e questi che sono stabiHti in Vienna ritor- 
neranno certissimamente a drittura a Vienna, e io stessa 
prendero il medesimo partito e dovero rinunziare a tutti i 
progetti d'andare a Dux. Fin adesso non so se faro que- 
sto viaggio sola, o colla Corte, perche non e ancora risolto 
quante delle nostre dame I'accompagnerano : alcuni credono 
che fara il viaggio senza dame, essendo assicurata di tro- 
varne molte, che senza di questo vi anderanno colli loro 
maritti ; tutto questo mi fa dubitare se potro aver il pia- 
cere di far la sua conoscenza, fratanto lei m'obligara molto 
di continuarmi la sua correspondenza, e d'essere assicurato 
della mia riconoscenza, non meno che della considerazione 
colla quale rimango, e saro sempre di Vossignoria 

a Vienna, il 30 di maggio 1791 

pronta a servirla 

LA CONTESSA DI W. PR. DI L. 



(1) Le Polemoscope ou la Calomnie demasquee par la presence d'esprit. 
'Uragicomedie en Irois actes presentee a S. A. t^adame la Princesse de 
Clari nee Princesse de Ligne a son chateau de Toeplitz dans I'ete de I'an- 
nee 1791. 



— 324 — 

4). Signor, 

Volendogli scrivere per mezzo della Principessa Clary, 
ho rimesso fin alia sua partenza la risposta alia di lei let- 
tera, che ho ricevuto giorni fa con piacere, e grandissima 
riconoscenza ; mi rallegro con lei che I'arivo di questa prin- 
cipessa li dara una vicinanza amena, e la possibilita di 
passare alcuni giorni in agreabile compagnia, vorei volon- 
tieri partire con essa essendo gia cosi lungo tempo assente 
dal caro Dux, dove ho passato la mia gioventii nella piu 
gran felicita, tristo ricordo... 

Fin adesso nissuno non sa le disposizioni del viaggio 
della Corte, e per questa causa sono ancor io sempre in 
dubio su! mio viaggio, ma se non lo fo colia Corte, par- 
tiro certissimamente i! di 23 del mese d'agosto, volendo 
prendere il giro per Briinn, impieghero almeno cinque giorni 
al mio viaggio di Praga. 

Sperando di vederla col mio figlio in quella citta : que- 
sto figlio era ancora a Parigi il di 29 di maggio, dopo 
questo tempo mia figlia Kriichenburg essendo partita da 
Parigi, non ho piii ricevuto altre notizie dei suoi viaggi. 
Sarebbe fastidioso ed anche vergognoso per me se man- 
casse questa occasione di render omaggio al suo Sovrano, 
ma niente della parte sua mi sorprendera, e facendo egli 
tanti altri spropositi potrebbe ancor far questo. La prego, 
Signor, di scrivermi dove questo Figlio allogiera in Praga, 
non sapendo se potrebbe darmi egli un apartamento ho 
pregato il conte Vincenzo di Waldstein di darmi una 
stanza in casa sua, dove anche allogiera il duca di Curlandia. 

leri rimperatrice m'ha detto che attende qui I'Elettore di 



— 325 — 
Collonia, e che anche questo principe accompagnera la Corte 
aH'incoronazione. Sicuramente mio figlio Ferdinando [vedi 
pag. 253] sara del suo seguito; non e colpa mia ch'il primo ge- 
nito si e nella gioventii fatto soldato, giamai il padre ne io 
avevamo questi principii durante la sua educazione, che era 
simile a quella dei altri figli, ma lui non volendo aplicarsi 
s'e reso incapace ad alcun altro impiego, e per non la- 
sciarlo ozzioso, I'abbiamo pero risolto di prendere questo 
partito, e chi sa se vi fosse restato se non sarebbe dive- 
nuto piu rasonabile, a! meno non avrebbe avutto tempo di 
viaggiare sempre, e sarebbe restato in subordinazione, gia- 
mai inutile per un giovine cosi intieramente dato alia sua 
volonta, come lui da fanciullo e sempre stato. II principe 
Clary benche ama la caccia e molto instruito, e la sua 
educazione e in ogni modo buonissima, ma, non tratenendosi 
alia campagna che sempre per poco tempo, impiega i suoi 
giorni all'economia ed alia caccia, utile alia salute, ma in 
citta arti, e belle lettere fano le sue piii care occupazione. 
La principessa le dira le notizie politiche ; la guena s'av- 
vicina, ma benche sette dei nostri reggimenti hanno ordme 
d'esser pronti, la guerra non e ancor risolta, dovendo aspet- 
tare il ritorno delle corriere spedite alle corte estere. Al- 
cuni credono che I'lmperator ritomera prestamente a Vienna; 
Dio lo voglia essendo moltissimamente necessaria la sua 
presenza in un momento cosi importante per gli Stati d' Au- 
stria, ed il bene di tutta I'Europa (I). 



(1) L'imperatore Leopoldo II, impensierito dal rapido propagai si delle idee 
rivoluzionarie in Europa, aveva gia conchiusa con Federico Guglielmo II di 
Prussia la pace di Reichenbach (27 luglio 1 790) e aveva indotto la Svezia 
ad accordarsi con Caterina II di Russia (14 agosto). 



— 326 — 
Vossignoria riceve per fine di questa lettera le assicura- 
zioni della mia atnicizia, e dellimpazienza che ho di far la 
di lei conoscenza : con questi sentimenti ho I'onore d'es- 
sere pronta a servirla 

Vienna, i! di 26 di giugno 1791 

Maria Anna contessa di Waldstein 
n.* p.^ di lichtenstein. 

La principessa Clary m'ha promesso d'esser discretta 
suUa nostra corispondenza. 

5). ^Mionsieur ! 

Je suis bien chagrinee Mr. que I'absence de mon fils 
vous aie exposee a essaier tant de desagrements de la part 
de ses domestiques, et pleinement convaincue qu'il scaura 
rendre justice a telle offence. Je vous remercie Mr. d'avoir 
remis a son retour les justes plaintes que vous etes en 
droit de faire, et je crois pouvoir vous assurer d'avance 
qu' il ne tiendra qu'a vous de prescrire la reparation et la 
satisfaction due a pareille infamie. Je rend trop justice a 
votre merite pour vouloir I'avilir lui meme, ou permettre que 
les domestiques puisse y porter la moindre atteinte. D'ail- 
leur un homme comme vous Mr. est au dessus des bisbilles 
de pareille canaille, meprises-les, et ils seront assez punies 
et se garderont a I'avenir de vous offenser. II est malheu- 
reux pour mon fils qu'avec la plus belle ame, et le desir 
de faire des heureux il soit toujours environne de gens qui 
abuse des ses bonnes qualites et de son ame genereuse et 



— 327 — 
noble. Qu'il seroit heureux, si une femme aimable et spiri- 
tuelle pouroit expulser pareille gens de la maison (1 ). CaroUine 
la premiere que je voudrois voir renvoiee, mais je voudrois 
la scavoire etablie et heureuse et ne pas la voire exposee 
au degout qui suit presque toujours au comerce de pareil- 
les creatures (2). Si j'etois devotte je demanderois a Dieu 
le retour de ses moeurs honnetes, mais en femme du monde 
je ne demande que le retour de sa raison, et celui de sa 
fermete pour pouvoir ramener soi meme au bien que son 
coeur veut, et n'a jamais encore demande. Esperons tous, 
Monsieur, du temps , et de cette feme qu'il promet de 
ramener de I'empire. La princesse Clary, que j'embrasse 
de tout mon coeur, a bien sagement fait de vous detour- 
ner d'un parti violent. Je dis ;omme Elle que vous auio s 
lieu d'etre content de votre juge, il est equitable, et vous 
est attache, cela sufit pour vous remettre en pleine tran- 
quillite et attendre avec patience ce retour tant desire. 
Toutte I'histoire de France doit vous etre maintenant con- 
nue par les gazettes. C'est Mr. de Boullis, et les Cours 



(1) La Contessa si rammarica delle villanie e delle persecuzioni onde it 
Casanova era fatto segno a Dux dal servidorame. Vedi la Prefazione. 

(2) La Carolina era cameriera o guardarobiera al castello di Dux, e non 
pare partecipasse aH'odio di tutlo il servidorame contro il Cascinova. Dalle 
lettere del Casanova all'intendente Feltkirchner sembra fosse I'amanle di que- 
st'ultimo, non senza gelosia del vecchio impenitente veneziano. E la facile 
Carolina non fu avara delle sue grazie anche col confe castellano di Dux. 
11 Da Ponte nelle sue ottave al conte di Waldstein (pag. 304) scrive : 

« Per Carolina tuo dolce tesoro ». 



— 328 — 
etrangeres alliees et parentes qui ont arrangee cette fuitte (1). 
Si elle avoit reussie la France eut ete bientot envasee de 
troupe etrangere. Voila cette contra revolution rompue, ou 
du moins suspendue, pour bien long-temps. lis sont a plain- 
dre ces pauvres souverains, mais plaignions aussi les mal- 
heureux habitans de ces pajs, si riche et puissant jadis. 11 
semble qu'il-y aie une coruption universelle dans le ames. 
Je ne sgais rien de mon fils Joseph, mais cerlainement il 
sera bientot en Boheme. Receves Mr. les marques de mon 
admiration, jointe a ceux de ma reconoissance pour le beau 
sonnet que vous m'avez adressee. J'aimerois la poesie Ita- 
liene, si j'etois assez en possession de la langue, mais helas, 
je puis a peine comprendre la prose, et j'ai I'honneur de 
vous assurer que je le parle tres peu, et bien plus tnal 
encore que je I'ecris. 

Agreez Mr. I'assurance de la consideration avec la quelle 
j'ai I'honneur d'etre 

Monsieur 
voire tres humble et tres obeissante SerVante 

C.e DE W. L. 

a Vienne, 13 de julliet 1791 

6). Signor ! 

Sono molto fastidiosa di sentire tutte le cose dispiace- 
vole che li sono arrivate in casa di mio figlio dopo la sua 



( 1 ) 11 marchese di Bouille, generale in capo dell'esercito della Mosella, 
secondo la fuga di Luigi XVI, che fu riconosciuto e arrestato coUa famiglia 
a Varennes. 



— 329 — 
partenza ; ed io le saro ben obligata se volesse aspettare il 
•litorno suo per farsi rendere satisfazione, essendo assicurata 
che gliela dasa in ogni maniera, e conoscendo il caso che 
fa di lei, e la stima e lamicizia che gli ha sempre di- 
mostrato, sono sicura che dipendera da lei di domandare 
quella ripaiazione che lei desiderera. Mio figho e infelice 
che questa p... gU empi la casa di birboni, e che benche 
lui vuol dargli una dotte non ha potuto fin adesso trovarle 
un maritto che la rendesse feHce, sapendo ch'il buon core 
di mio figlio non consentirebbe giamai ch'ella sia la vittima 
del suo amore verso ella (1). Non posso credere che se 
ella fosse maritata con questo Coriere lui sarebbe tanto di- 
screto di non domandare in publico la d otte, sapendo che 
mio figlio gli avra trovatto un maritto, se ne separera con 
piacere. Questo me I'ha detto cento volte pregandomi di 
cercarli io stessa qualcheduno ; ma avendo cura di giamai 
framischiarmi in tale affare, mi contento di domandar al dio 
d'amore che la li ha datto, di lirla prendere ancor via, in 
una od altra maniera, aspetando da questa mutazione il suo 
ritorno nella buona compania e per fine un felice mabi- 
monio. Puo essere che sia stato in Spa, poiche le mie ul- 
time lettere di Parigi del di 5 luglio non dicono piii niente 
di lui ; dunque spero che sara ritornato adesso fehcemente 
m Dux. Ml rallegro che la Pnncipessa Clary si porta bene, 
e fa I'uso della di lei compania, la prego, Signor, di farle 
li miei piii teneri complimenti. Aspettero il mio arivo in 
Boemia per leggere quella comediucia composta per essa, 



(I) Si paria sempre della Carolina. II corriere e probabilmente quel Wie- 
derholt, che espose a ludibno in una latrina il ritratto del Casanova. 



— 330 — 
e mi contentaro per adesso delli belli carmi che erano 
giunti nella di le: lettera ; quanto alia ciffera credo che 
giamai non avro ne lo spirito ne la pazienza per servir- 
mene sia verso di lei, o in riguardo dei altri miei corri- 
spondenti. Fra tanto le sono obligata di questo dono, e 
spero che I'arivo di mio figlio mettera ii di lei fastidio nella 
piu tranquilla e dolce filicita, e che tutti questi che sa- 
ranno in avenire al servizio di mio figlio gli renderanno il 
rispetto e la considerazione che lei merita, al meno lei sara 
sempre ben assicurato della mia stima, e dell'amicizia colla 
quale rimango, e che saro sempre attenta di dimostrarle ; 
ho I'onore d'essere 

Signor 

pronta a servirla 
M. A. C.» DI Waldstein p. D. L. 

a Vienna, il di 20 lugllo 1791. 

L'imperator arivera oggi, e si dice che subito fara di~ 
chiarare la pace coi Turchi, accettata dalla lor parte d'apresso 
quella di Passarowitz (1). 

A I Signor 

Signor Giacomo di Casanova 

T^er ^raga Toplitz a 

Dux. 



( 1 ) Leopoldo II, per converger tutte le forze contro le armi della Rivo- 
luzlone francese, aveva indotto Caterina II a desistere dalle sue imprese con- 
tro la Turchia e la Polonia. 



— 331 



7). 



HQnor ! 



II direttore Stelzel ( 1 ) avendo scritto giorni fa all'agente 
Weinrauch ch'il suo padrone e arrivato in Boemia, spero 
ch'adesso sara ancor giunto a Dux, e che lei sara restata 
contenta, non solamente deU'accoglienza, ma ancora della 
di lui decisione suUe differenze col Coriere, ed altri che 
non li rendono cioche gli e dovuto. Non meno sono lu- 
singata di sentire che la mia lettera li pare una riparazione 
suficiente ; il suo spirito e la sua filosofia fara il resto e li 
dara la forza di incontrare tutti quelli piccoli intrighi di 
domestici ; un uomo di spirito ed educazione come lei, 
trovera sempre delle occupazione e distrazione d'altre parte 
per non framischiarsi con questa gente senza giudizio ne 
culturazione, e questo sarebbe il miglior partito da pren- 
dere. Spero anche che mio figlio sara divenuto piu raso- 
nabile, e finira una volta a dar ridiculo alle cose le piu 
seriose ; la legeresa dello spirito non s'acorda piii colla di 
lui eta, ma ancor meno alii suoi affari, gia assai negletti ed 
in disordini, questo si prova in ogni maniera ma ancor piii 
per la negligenza a pagare gli apanagi ai fratelli ed a me 
stessa. Questi continui viaggi e paizzie in ogni modo de- 
vono ruinarlo, e fanno soffrire tutti quelli che hanno il ma- 
lore di dipendere dalla sua cassa. Quel disordine lui viene 
d'ajuttare con una perdita al gioco, di piu di sesanta mile 
fiorini ; tutte le lettere di Parigi confirmano questa brutta e 



(1) Domenico Giuseppe Stelzl, (v. pag. 48) era amministratore generale 
del conte di Waldstein. 



— 332 - 
cattiva notizia. Dio voglia che fosse bugia, ma venendo 
da persone di credito non posso lusingarmi ne sperar un 
meglio. Imaginandomi che la principessa Clary sara ben vi- 
cino delia sua partenza, io lie fo la mia condolanza di 
dover ritornaie in solitudine, ma la mia partenza restando 
fissata per il 21 spero di vederlo in Praga, benche non 
vi avro molto tempo di profilare della sua dotta conversa- 
zione. Mio figlio I'abbate (1) e arrivato in Carlsbad, e dopo 
questa cura verra anche a Praga, ancor gli altri dui figli, 
e mio genero vogliono andarvi, ma I'Elettore di CoUonia 
avendo rinunziato a quel viaggio, temo che Fernando (2) 
sara pero obligate di restar con lui ; gli affari della Fran- 
cia divengono tanto seriosi che tutti i principi dell'Impero 
sono in confusione e potranno difficilmente in quel momento 
abandonare li loro paesi ed affari. 

Qui core la voce che la Regina di Francia e stata do- 
mandata all'assemblea dal nostro Imperator (3). Si dice 
anche ch'il Re e molto amalato, e che e sospetto d'aver 
ricevuto un veleno lento.... Come era sempre i! costume, 
adesso vogliono rendergli il poter esecutivo, avendo paura 
delle minacie della corte di Spagnia ; in pochi giorni noi 
avremo la pace coi turchi, ma non sara onorabile per un 
Sovrano che tiene un armata di trecento mila uomini, ma 



(1) II secondogenito Giovanni Federico Waldstein. 

(2) II conte Ferdinando di Waldstein si trovava allora alia Corte dell'ar- 
ciduca Massimiliano, Elettore di Colonia. 

(3) Commosso dalle sventure della famiglia reale di Francia, Leopoldo II 
invito tutti gli altri potentati d'Europa a unirsi contro la Rivoluzione. Col 
trattato di Pillnitz (27 agosto 1791) I'Austria e la Prussia minacciavano 
d'invadere la Francia. 



— 333 — 
il nostro Impeiator la vole. Quest' Imperator partira per le 
sue visitte al Re di Prussia ed a I'Electore di Sassonia il 
di 20 di questo mese, e sara a Praga il di 30 per la sua 
entrata coU'Imperatrice, che anche sara coronata il giorno 
dopo I'incoronazione dell'lmperator (1). 

Oggi matina i deputati hanno pigliato la Corona e sono 
partiti per Praga. II conte Vincenzo di Waldstein e il 
primo deputato e riceve come gli altri 30 fl. di dietta per 
giorno, ed il viagio pagatto. Questo fa gran spese al paese 
e mi pare d'esser di nissun utilita. Riceva, signior, le as- 
sicurazione della mia stima e perdone la cativa scritura di 
questa lettera e anche gli erori, donde io stessa ne trovo molti. 

8). (2). 

.... le mie gazette in tutto questo mese non essendomi fin 
adesso parvenute, ho letto con piacere quello che Vossi- 
gnoria ha avutto I'atenzione d'inviarmi, e sapendo come lei 
e affrettata di legerle, io le rinvio hatanto quelle, che ho 
gia finitte, li altri 3 numeri le saiano rendutti dopo la mia 
partenza, (issata al di 28. Ho ricevuto con riconoscenza le 
cortese brame addrizzatemi per la mia festa di nome ; e la 
prego d'accettare ancora in questa lettera tutti i ringrazia- 
menti dovuti alle di lei attenzione , dimostratami nel mio 
sogiorno in Dux. Vorei che la mia presenza avrebbe po- 



(1) L'elezione di Leopoldo II a Imperatore ebbe luogo a Praga il 30 
settetnbre 1730; I'incoronazione a Francoforte il 5 otlobre. 

(2) Di questa lettera non ho trovato che la parte qui pubblicata , che 
riuscira curiosa ai biografi del Casanova, perch^ la Contessa, dopo essere 
stala a Dux, sembra convinta che la causa dalle querele, che turbavano gli 
ospiti del Castello, fosse da imputarsi, almeno in parte, al Casanova. 



— 334 — 
tuto rimettere la pace in casa del mio figlio et specialmente 
al riguardo di lei. Ne ho parlato a tutti, e tutti m' hanno 
assicurati che dipendera di lei di vivere in pace, e senza 
torbidi, se lei, dalla parte sua, cercara comportarsi un poco 
bene e meglio con quelli che hano I'obligazione di vivere 
in casa e compagnia sua. Dunque spero tutto dal di lei 
spirito, per mantenersi bene con tutti che servano, sia bene 
o male mio figlio, non toccando ne a me, ma ancor meno 
a lei, Signor, di framiscarsi in questi affari, ne di decidere 
chi e quello che serve bene o che serve male. In tal sorta 
sara facile per lei di lasciar ciascheduno in riposo, e di 
goder lo stesso. Adio, Signor, resto la sua arnica 

e serva 
Waldstein. 

Del conte Giovanni Federico di Waldstein. 

(1792-1797). 

Giovanni Federico, altro dei figli di Emanuele Filippo 
di Waldstein e della principessa Maria Anna nacque in 
Vienna il 21 agosto 1756. Abbandono a vent'anni il col- 
legio militare per dedicarsi alia vita sacerdotale. Nel 1802 
f u nominato principe-vescovo di Seckau e nel 1 808 vescovo 
di Leoben. Mori a Seckau il 1 5 aprile 1812. 



Salisburgo, 17 genaro 1792. 

1). 111.'"° Sig.' ! 

Dalla Posta di Vienna, m'e stata mandata sabato scorso, 
la di lei lettera, in data di 1 1 novembre, ed oggi ho ri- 
cevuto un'altra sua stimatissima scritta in Oberleutensdorf. 



— 335 — 
Da Tuna e Taltra viddi con somo dolore, ed il deplorabi- 
lissimo stato degli affari di mio fratello, ed i disgusti con- 
tinui, che gli fanno provare. Capisco bene, quanto oprimere 
devano il cuore di chi, e per nascita, e per educazione, si 
sente tanto superiore a questa canaglia, colla quale vienne 
ora confuso, ora da I'istessa vilipeso, e finalmente esposto 
a soffrire insulti e difamazione. lo non so che dire , se 
sentissi meno roltragio, che tanto gli deve esser sensibile, 
direi anch'io patienza, ma come sperar rimedio, come spe- 
rare questo ritorno tanto desiderato ? Anzi una lettera di 
Vienna, mi dice oggi che [Giuseppe Carlo] sempre ancora 
se ne sta quieto a Parigi, non curandosi ne di noi, ne di 
se stesso, ne de' suoi affari. 

Mi dispiace della morte del povero Federico, servo fe- 
dele ; la sua morte dara certamente campo a costoro di 
agire piii liberamente, e vorrei che per salvare la Biblio- 
theca V. S. avesse potuto restare a Dux. Le memorie della 
di lei vita, mi farebbero a sicuro gran piacere, ma io non 
so come poterle fare venire, non essendoci carozoni che da 
Praga venissero qui (1), altro che per Vienna. Potrebbe 



(I) Questo passo e molto importante per gli studiosi del Casanova. Or- 
mai nessuno puo negar piu I'aulenticita delle Memorie, ma gli studiosi piii 
diligenti e autorevoli, come il Bcischet e il D'Ancona, credevano che nel 
1791 I'opera fosse soltanto concepila, dislinta forse nelle sue parti, e steso 
qualche capitolo, ma nulla piu. Vero ^ che nella lettera al patrizio Gri- 
mani 18 ottobre 1791, il Casanova scrive : « Ora che la mia eta mi fa 
credere di aver flnito di farla, ho scritto la storia della mia vita ■■>. Ma e 
questa una affermeizione che poteva esser non vera. Invece la lettera al conte 
di Waldstein prova che nel gennaio 1 792 le eJiTemone erano, almeno in 
parte, compiute, perch^ I'autore si offre di mandarle al conte Giovanni Fe- 
derico. 



— 336 — 
peio Mr. De Bompie trovare qualche occasione di man- 
dare questi scritti colle mercanzie che vanno in Impero, ed 
indirizarli o qui, o pure a Augusta, dove che il comercio 
colla Bohemia I'e piu forte e piu spesso. Mi dispiace in- 
finitamente che e per la lontananza del sitto, e per la se- 
parazione totale degli affari di mio fratello, io non possa 
essergli di qualche utilita nelli presenti suoi disgusti : del 
resto la di lei sagacitta gli sugerira quel che ci sara da 
fare ; e la phylosophia sua cara compagna, gli dara le forze 
di sprezare e confondere costoro, troppo insignificativi per 
insultare un huomo d'onore. Io mi protesto con vera stima 
di V. S. 111.- 

Dev."'° Servo 

CONTE DI WALDSTEIN. 

A ^JHConsieur 
^l^onsieur Casanova de St. Qalle 
^ibliothecaire aupres de ^Mlr. le Comte Joseph 
de Waldstein 
p. Prague 

A Oberleitensdorff. 

2). ///.""' Sig.' ! 

Con somo piacere sento dalla di lei stimatissima lettera 
che finalmente sono terminati li oltraggi ed i disgusti con- 
tinui, ai quali da tanto tempo in qua V. S. era stata espo- 
sta — e spero che adesso principalmente avicinandosi I'ar- 
rivo di mio fratello Ella godera fra tanto questa tanto bra- 
mata pace, e che per I'avenire, dalla sodisfazione che cer- 
tamente non potra ricusare a dargli, passera I'animo e la 



— 337 — 
voglia di costoro che la disturbavano a gara. Crederei dun- 
que per adesso la reclamazione ad judicem aprohatum inu- 
tile, il fatto essendo gia troppo vechio, ed avendo il soste- 
gno deirinspettore, che certamente impedira, che se ne facci- 
no delli altri, il ricorso giusto sarebbe stato, oh denegatam ju- 
stitiam, ma Loeser (I) essendo licenziato, aflictis non est 
addenda aflictio, e se non viene piii altro, aspettarei, sem- 
pre sub cominatione, il ritorno e la sodisfazione. Del resto 
io credo, che con tutto cio il ritorno a Dux sia nulla di 
meno cosa facile, e che ci potra stare immunis, se non 
sub cl^peo justitiae, sub umbra delle spalle grosse del Sig/ 
Stelzel ; anzi sarebbe convenienza. Ma pure vorrei che fa- 
cesse questo, doppo avere il suo consiglio, perche detto fia 
di noi non so se ardisce agire contro il plenipotenziario in 
caso di bisogno : manus manum lavat. Mio fratello Ferdi- 
nando e sempre ancora in Vienna, e ricevendo di giorno 
in giorno novi comandi dell'Eletore, non sa ne il tempo di 
sua partenza ne la strada che dovra prendere per il ri- 
torno. lo parto doppo domani per Augusta, e ci staro tre 
mesi per finire la mia residenza, m'aspetto di sentire presto 
la continuazione della di lei contentezza. Intanto mi pro- 
fesso con vera stima di V. S. 111."''' 

Salisburgo, 10 aprile 1792. 

oblig.'"" e dev."'° Servo 

CONTE Dl WALDSTEIN. 



(I) Francesco Saverio Loser era avvocato e sindaco di Dux, dove mori 

nel 1824. II Casanova era adirato con lui, perche non aveva accolto i 
suoi reclami contro coloro che I'avevano offeso. 

MOLMENTl. — Carleggi. ri 



— 338 — 

3). 7//.'"° Sigj, 

Una quantita di affari e lettere che mi sopravennero, da 
qualche tempo in qua, giunte ad una febre, che mi fece 
stare otto giorni a letto, sono la cagione, che rispondo cosi 
tardi alle due sue lettere, di 19 e 21 aprile , le quaU ho 
ricevute nel istesso giorno. Fra tanto mi pervenne ancora 
quella di 19 maggio, che mi diede finalmente la desiderata 
nuova, della pace fatta. Stelzel me ne aveva gia dato un 
presentimento, dicendo che aveva parlato a Feltkirchner per 
parte mia, e che sperava che le rimostrazioni fatte gli fru- 
tarebbero a segno, che per 1' avenire V. S. potesse star 
quieto; il che voleva sostenere ancora di tutto suo potere, 
pur che Ella stessa non dasse occasione a nuovi disgusti, 
mentre le lagnianze del Feltkirchner contro di lei erano le 
stesse, ed egualmente gravi. Ho veramente piacere che mio 
fratello Ferdinando, abbia adesso terminate le cose, se non 
intieramente al di lei contento, almeno a suo honore. II 
pardonare e sempre I'effetto d'un cuore magnanimo, e doppo 
tale generosa azzione cresce maggiormente il torto del animo 
vile, che di oltraggiare nuovamente non ha rossore. Dipen- 
dera dunque adesso da V. S. 111.'°*, evitando le occasioni 
e gli effetti de la rancune, di mantenere quella cosi bra- 
mata, e per sua salute ed il proprio contento cosi neces- 
seu-ia pace. Scrivo anch'io oggi a Stelzel per ringraziarlo di 
quel che aveva fatto, e per impegnarlo magiormente a te- 
nere la sua parola. Spero che da questa lettera V. S. ne 
provera buon effetto e che quanto prima Ella mi dara la 



— 339 — 
nuova della di lei perfetta sodisfazione. Intanto mi protesto, 
con vera stima, di V. S. 111."* 

Augusta, 30 di maggio 1 792 

Dev.'"° servo 

CONTE DI WALDSTEIN. 

Ho sentito piii volte la storia di quella donna trasvestita, 
ma la chiamavano il conte Tassis ; il Canonico Hornstein 
suo amico, vive ancora ed e adesso gran Preposito di Fri- 
singa. 

4). Praga, 18 agosto 1792, 

Le di lei lettere del 5 e 26 di luglio mi pervennero a 
Carlsbad, ma non ho trovato sinora mezzo di rispondere, 
essendo stato sempre impedito e da passeggi, divertimenti 
e funzioni... Mi dispiace che V. S. non sia totallamente 
rimasta contenta del soggiorno di mia Madre in Dux ; ma 
non volendo essa entrare in nissuna cosa, non potea fare 
di pill ; evitare di sentire calunnie, che gli offendevano 
I'anima. Non I'aprovo, ma la scuso, la Donna potendo 
meno del huomo coprire il risentimento. Ella parti I'altro 
hieri per Vienna, ed io domani parto pure per I'lmpero. 
Mio fratello era ancora ai 1 5 luglio in Parigi, e se non lo 
portano incatenato non lo credo tornare cosi presto ancora. 
Reverisco il sig/ Stelzel, ho piacere ch'Ella ne sia sempre 
contenta e mi protesto con vera stima di V. S. 

Oss.'"" servo 

CONTE DI WALDSTEIN. 



— 340 — 

5). Salisburgo, 26 8bre 1792. 

///.'"'• Sig.', 

Gli sono molto obligate, del consiglio datomi nella di lei 
stimatissima lettera, ma le nuove arrivate fratanto del mi- 
nistro Imperiale, sul arrive di mio fratello in Londra, ren- 
dono le perquisizioni per ora inutili, e le mie rimostranze 
per il suo ritorno non avrebbero piii effetto delle citazioni, 
spedite dalla Cancelleria di Bohemia soto pena di seque- 
strazione. Non ho potuto sapere nulla sul viaggio del abate 
da Ponte. Passarono qui giorni sono, il giovin Mocenigo, 
coUa sua moglie, nata Memo, bella e gentilissima Signo- 
ra, per andare a Vienna. Parlassimo moito di V. S. es- 
sendo amico di suo padre. Mi protesto con vera stima di 
V. S. III.- 

T)ev."'° oblig.""' servo 
C. Waldstein. 

1 francesi hanno preso Magonza, e vano adesso verso 
Coblenza e Wiizburg (1). 

6). Salisburgo. 11 xbre 1792. 

Mi piacque moltissimo il di Lei ragionamento su la ri- 
voluzione di Francia (2) ; credo anch'io che un governo 



(1) 1 Francesi, sotto il comando del Custine, presero Worms e Magonza 
(2 1 ottobre 1 792), quindi, espugnata Francoforte , corsero lungo il Meno 
per mettere in rivoluzione la Germania. 

(2) Due ragionamenti inediti sulla Rivoluzione, scritti in francese, si tro- 
vano fra le carte di Dux. II primo k dedicate alia principessa Clary de 
Ligne ; it secondo fu pubblicato dall'UZANNE nel Livre (10 aout 1887). 
Vedi anche I'articolo di A. RAVA, Casanova e la Riooluzione francese, 
in Marzocco, 25 dicembre 1910. 



- 341 - 
Monarchico sia il piu felice di tutti ; ma lo voglio mode- 
rato ed elettivo, essendo nemico di questi embrioni di so- 
vrani, che nascono Re, senza mai sapere qual sia lor do- 
vere, guidati dal orgolio solo, che gli da una nascita, ef- 
fetto della sorte, governano, e qual minchioni siano, sono 
I'ogetto di vile adulazione, credendosi Semidei, mentre che 
nella infima classe di uomini, troverebbero apena a distin- 
guersi dal numero. L'interesse e le nostre passioni sono so- 
lamente quello che ci governa ; Hberi da queste troviamo 
I'unico mezzo d'una liberta, che una Nazione folle cerca in 
un chimerica esistenza. II sapere contentarsi di quello che 
si ha e si e, rende felice, allontana I'idea di schiavitii, e 
ci rende piii liberi e piii contenti d'un Monarca, ricono- 
scendo sempre di non dovere alia sorte, ma al proprio me- 
rito la felicita e la liberta che godiamo. 

Sono sempre ancora cative le nuove di questa funestis- 
sima guerra, benche adesso a Francfort si siano riportati 
considerabiH vantaggi. In tanto i Paesi Bassi sonoiti(I) e 
temo persi per sempre, il veleno dei vincitori essendo piii 
ancora da temere che le loro armi. Non credo la sonniata 
alianza fra i Francesi e Prussiani, benche la condotta di 
costoro, e prmcipalmente del Duca di Brunswick in questa 
guerra, dasse occasione di giudicare delle loro cativissime 
intenzioni. L'armamento del'Impero e decretato. La nostra 
armata e gia pronta di partire. 

Non ho nissuna nuova del ritorno di mio hatello, e credo 
che sia sempre ancora in Londra, ho paura che non senta 
e non lega la di lei orazione in dilesa di Feltkirchner ; se 



(I) L8 oltobre gli Austriaci s'erano ritirati dai Paesi Bassi. 



— 342 — 
ella non la fara ex abrupto. Ma non vorei che intanto que- 
sta difesa, cagionasse la disgrazia del Sig.r Stezel, il quale 
sempre preferirei per amico, essendo piu potente, piu fino, 
pill furbo, ed in conseguenza sicuro di vincere contro Felt- 
kirchner (I). 

E morto fratanto il nobile Memmo [Andrea], suo amico. 
Mocenigo parte subito da Vienna, per tornare a Venezia, 
lasciando la moglie gravida avanzata , fuori di stato a fare in 
questa stagione un cosi penibile viaggio. Mi protesto con 
vera stima di V. S. 



T)ev.""' oblig.""' Servo 

CONTE DI WALDSTEIN. 



7). 



Ho avuto sommo piacere del felice esito della Comis- 
sione del Sig/ Stelzel, questa giustificandolo intieramente 
contro le calunnie de' suoi nemici, e rendendo mio fratello 
sicuro della sua persona, la quale con tante ciarle li do- 



(1) In un'altra leltera da Augusta. II 16 maggio 1793, il conte Giovanni 
di Waldstein si rammarica che Casanova « sia nuovamente incomodato da quel 
boja [r7 corriere Widerholl] che non merita il pane che mangia ». Del 
pari, in una lettera del 10 giugno 1793, dove fra le altre cose dice 
parergli che « Carolina regga la clemenza del conte Giuseppe verso il Co- 
riere », eccita il Casanova a persist ere nel domandare piena sodisfazione. In 
un'altra del 29 maggio 1 793, lo stesso conte Giovanni si compiace che il Ca- 
sanova abbia pace da' suoi nemici e gli soggiunge : « che egli bench^ Ec- 
« clesiastico dovesse predicargli di perdonare, lo consiglierebbe di non per- 
« donar loro prima di non averli umiliati poich^ non risentire le offese 
« e far da cojon, ma perdonarle doppo k magnanimo ed il dovere d'un cri- 
« stiano ». 



— 343 — 
veva essere di sospetto, e di danno, non essendo con la 
sua incuria nelli affari ed indolenza, capace a convincere 
se stesso della sua onesta. lo credo che questo ultimo sfogo 
da Giacobini sara I'epoca della pace e ne godo e per lui 
e per V. S. Mi meraviglio di quel prelato di Ossegg, [vedi 
pag. 253] che per amicizia e procedere, non dovrebbe ri- 
tenere persone cosi odiose a mio fratello, e temo che vi sia 
qualche motivo nascosto, che non farebbe onore al Prelato. 
Credero anch'io, quando lo vedero, il matrimonio di mio fra- 
tello ; intanto puo darsi che sia effetto della melanchonia e 
maturita delle sue idee. Le corse di cavalli mi fanno sup- 
porre che ne abbia riportato un bel numero dal Ingilterra ; 
se ve ne fosse uno, o due di sella, veri Inglesi, belli, buoni 
e forti, che convenire mi potessero, ed a prezzo amicabile 
ed onesto, li prenderei a conto del mio danaro. E desi- 
dero veramente pronta notizia per vendere i miei ; ma vo- 
glio robba buona e sicura ; rimettendomi interamente sulla 
parola di mio fratello. Le profezie che V. S. mi scrive 
sulla misera sorte della Francia mi paiono probabilissime, 
stando questa disunione fra di loro, la quale e il maggior 
loro nemico ed e la cagione della loro sicura total rovina. 
L'incendio di Marseille, e li eccessi in Lione fanno prova 
del fanatico loro delirio. Mi protesto con vera stima di 

V. s. 

a 17 7bre 1793. 

Devot.'"" ohbl.'"° Servo 

CONTE DI WALDSTEIN. 

8). 

Ho ricevuta I'altro jeri in Salisburgo la stimatissima let- 
tera che V. S. in data di 20 scorso m'avea indirizata in 
Augusta, donde io partii quindici giorni prima... 



— 344 — 

La Pace e fatta, ma s'ha da fare ancora quella di Rad- 
stadt ; desidero che si faccia conforme a la di lei prophe- 
tia, ma temo che ci minacci la stessa sorte della Republica 
di Venezia (I), che probabilmente avra ancora molti guai 
a sofrire, prima di godere dei vantaggi deila nuova sua co- 
stituzione. 

Mi maraviglio che Ella pensi d'andarci per essere pre- 
sente a questi disturbi, e godo in tanto che questa risolu- 
zione mi dia il vantaggio di vederla in nostri paesi, ma es- 
sendo stato eletto gran Decano in Salisburgo, difficilmente 
potro essere per Suo passagio in Augusta. lo non ho nis- 
suna nuova di mio fralello Ferdinando ; desidero che lui e 
Giuseppe finiscano ormai le loro pazzie. Mi protest© con 
vera stima di V. S. 

Salisburgo, a 5 xbre 1797. 

T)ev.""' Servo 
Giovanni Conte di Waldstein. 

I trattati hanno principiato in Radstadt ai 2 di questo 
mese. 

Di Francesco Bellas pica. 

(1792), 

Francesco Caffi ricorda il Bellaspica fra i contralti della 
Cappella di San Marco (2). II Bellaspica, un giorno, abban- 



.' (1) Dopo Campoformio, nel Congresso di Rastadt, Bonaparte s'intese col- 
i Austria per ottenere la riva sinistra del Reno, spogliandone i principi te- 
deschi. 

(2) Storia della musica sacra della Cappella Ducale di S. Marco, Ve- 
nezia. 1855, vol. II, p. 48. 



- 345 - 
dono il suo posto e ando a Dresda, dove pote essere 
scritturato fra i cantori di quel teafro. Del suo ritorno in 
patria e della sua nammissione alia Cappella Marciana, egli 
si professa grato a un gran personaggio che non nomina. 
Era questi il patrizio Pietro Zaguri, al quale il Bellaspica 
fu raccomandato dal Casanova. Le parole tutte miele del 
Bellaspica si mutano a un tiatto in accenti d'ira; ne fa ma- 
raviglia, chi pensi che il Casanova non era uomo da far 
benefizi gratuitarnente. 



1 ). Monsieur, 

Mercordi passato, I'adorato [Zaguri] mi favori scrivermi 
e m'invio la copia della Terminazione delli Procuratori di 
S. Marco, dove lessi con vera allegrezza d'animo che fui 
rimesso in S. Marco (1). Tal nuova mi fu molto sensibile, 
ed il mio contento sarebbe stato maggiore se nella delta 



(1) « Adi 13 aprile 1792. 

« Pubblicati li proclaim li 27 marzo decorso per elegger musico contralto 
« in luogo di Michiel Cavana escluso dal servizio della Capella di S. Marco 
« con Terminazione 23 marzo passato, si e dato in nota il solo Francesco 
« Bellaspica. SS. EE. lo hanno dispensato dalle prove prescritle colle Ter- 
« minazioni 8 ottobre 1765 e 3 maggio 1772, et avuto dal maestro di Ca- 
« pella I'attestazione in scritto della di lui abilita in ordine alle Termina- 
« zioni sudette lo hanno eletto per contralto della Capella stessa col salario 
« di ducati duecento v. c. Sono lire mille duecento quaranta, da non do- 
« vergli principiare se non dal giorno che cominciera il servizio e cogli ob- 
« blighi tutti prescritti dalle Termmazioni di questa Procuratia. 

« Cav. Morosini Procurator Cassier 

« Nicolo Erizzo primo Cavalier Procurator Cassier ». 

(Procuratori de Supra, Decrcli e 'Ucrminazioni, n. 158, 103 /.). 



— 346 — 
Terminazione non avessi letto, che in vece di accrescere 
la paga ch'ebbi per il passato, o pure almeno che mi fosse 
stata lasciata I'istessa che avevo per Taddietro, in contra- 
rio mi scemarono 50 Ducati, val a dire fui rimesso con 
soli 200 Ducati all'anno. L'adorato mi consiglia di mo- 
strarmi contento, promettendomi che a! mio arrive in Ve- 
nezia, se vi sara luogo, mi fara aumentare la paga. Lunedi 
venturo li daro adequata risposta, mostrandomi grato (come 
e mio dovere) a tal grazia, che mi fu fatta per suo mezzo 
e protezione, Li scrivo (come e mio obbligo) ancora a V. S. 
con darle tal nuova, per ringraziarla di tante pene, che si 
diede presso 1' adorato per ottenermi quello che deside- 
ravo. Oso pregarla (se ha tempo e che voglia aderire a 
tal preghiera) di spedirmi due copie di lettere di ringra- 
ziamento alii Procuratori Erizzo e Morosini. Credo pero 
che una sola fara il medemo effetto, cioe di una, ne faro 
due, Che dice Ella ? Penso poi anco di scrivere al N. U. 
Gio. Carlo Grimani. V. S. mi consiglia a scriverli ? Se 
approva mi potra inviare la formula che trascrivero. Di tanto 
la prego. Quello poi che mi dettera V. S. circa la dimo- 
strazione della gratitudine al cavaliere, che per suo mezzo 
li promisi, eseguiro a puntino li suoi savi consigli e faro 
tutto quello che Lei mi accennera. Solo Li metto in vista, 
che non solo non ebbi un accrescimento, ma mi scema- 
rono quello che avevo per il passato. Di tanto lo feci av- 
visato come era mio dovere di uomo probo, onesto e grato. 
Ed ansioso di un suo pronto e grato riscontro, mi dichiaro 
di Monsieur 

Dresda, li 5 maggio 1 792 

Suo ohhl.'"° servitore 
Francesco Bellaspica. 



— 347 — 

2). Dresda, li 11 giugno 1792. 

Madron mio Sti.""', 

Sua Eccellenza Zaguri per sua cagione mi mortifico in- 
giustamente. Li risposi come dovevo. Ella poco si cura 
della mia amicizia. Ed io dopo tutto quello che passo tra 
di noi, esser debbo stanco di una serie di fatti e di let- 
tare, che m'anno insultato, e tolto la pace. Finisca questo 
puzzolente pettegolezzo. 

Mi dica in qual maniera devo sodisfare I'impegno con- 
tralto per la grazia ricevuta. In questo affare, io non posso 
riconoscere altro che Lei. Con Lei dunque devo termi- 
neu'lo. Sciolti che saranno questi legami che a Lei mi strin- 
gono, non mi espono piu che le mie lettere mi siano ri- 
mandate senza essere state aperte. Soffrii questa. Sono 

aff.'"° Servitore 
Bellaspica. 

3). Sig/ Qiacomo Casanova 'P"" mio Riverito, 

Da tutte le lettere, che Lei ha scritto a suoi Corrispon- 
denti, inclusa 1' ultima alia Sig.'"* Allegranti rapporto a 
me, rilevai che pretende che m'accusi d'averlo offeso, ov- 
vero che mi giustifichi. Non e questo il primo caso, m cui 
dopo di avermi offeso, Lei ebbe le medeme pretese. Av- 
vanti di avere tali pretensioni, bisogna che mi provi ad 
evidenza le offese che li leci. Senza un tale preliminare 
(ben giusto) diviene irragionevole tale domanda. Quando 



— 348 — 
m'invio una sua (scritta in ferocissimo momento) assieme 
con le lettere Zaguri e Bertoni (1), scrisse come segue: 

Li faro fare regalo del regalo pattuito per la grazia ricevuta. 

Nelle lettere al Sig/ Angiolini fece le medeme promesse. In 
quella scritta al Sitius (la quale per sua regola e nelle mie 
mani essendomi stata regalata dal suddetto senza averla di- 
mandata), si da il vanto medemo. Ed io appunto (per non 
esser vinto da lei in generosita) Li scrissi piu e piii volte 
che mi desse una definitiva risposta, come dovevo compire 
la promessa fatta per la grazia ricevuta. Ad una tal onesta 
dimanda, non degno rispondermi, ma scrisse alia signora 
suddetta che se con Lei appunto (dopo di averle assicu- 
rato che non vole piu carteggiare meco) non finiro la pro- 
messa fatta in grazia ricevuta al mio ritorno in Venezia, la 
passero male con il cavaliere che mi protesse. Lei, Pa- 
dron mio riveritissimo, non ha buona memoria, o pure crede 
di avere il privilegio esclusivo di asserire e di contradirsi 
poi, senza che veruno abbia giusto motivo di lagnanza. Mi 
rispondi categoricamente come dovro compire la promessa 
fatta per la grazia ricevuta. Se deve essere in denari, ov- 
vero in effetti (E previa una ricevuta in forma, che spieghi 
il tutto). In risposta adempiro cio che promisi, e che Lei 
si vanto positivamente di avermi regalato, si per se, come 
per altri, nelle sue lettere antecedenti. Pur troppo e vero 
cio che scrisse il gran Metastasio : 



(I) 11 salodiano Ferdinando Bertoni, maestro di cappella nella Basilica di 
San Marco, 



— 349 — 
Cambiano i Saggi a seconda de casi i lor pensieri (Di- 
done, atto primo). 

Sono fratanto del Sig/ Casanova. 



Dresda, li 23 giugno 1792 



Umdissimo Servitore 
Francesco Bellaspica. 



P. S. Per contestarle poi sempre piu, che sono in pos- 
sesso della lettera scritta al Sitius dove asserisce positivamente 
che mi fara fare regalo del regalo ec. Li trascrivo un di 
lei paragrafo come siegue : E che faro in modo che non 
esborsi ne pur un quattrino per Vaffare che sa, e che sicu- 
ramente sara falto. 

4). Dresda, li 20 luglio 1792. 

Monsieur, 

Lei ha di nuovo scritto alia Sig.'"* Allegranti. Tutto inu- 
tile, mentre sono note abbastanza le querele, da Lei su- 
scitatemi. 

Giacche lei non vole piii essere il canale, per il quale do- 
veva passare la promessa fatta per la grazia ricevuta, la por- 
tero io stesso al mio ritorno in Italia, e questa consistera in 
un Cucchier [cocchio] o sia Carretto, con tutte le sue abien- 
ze, come li feci sapere I'anno passato al cavahere [Zaguri] 
a cui appartera tale offerta. Alia prima occasione scrivero 
io stesso al soggetto in Venezia. Onde di questo affare non 
si parli piu, perche e di gia ordinato il tutto a Vienna. 
La ringrazio di avermi scaricato dal rossore di esserle ob- 



— 350 — 
bligato, con il non avermi fatto fare regalo del regalo pat- 
tuito. Questo e quelle che bramavo, e poi anco per aver 
il giusto piacere di poterle dire che le sue promesse e le 
sue minaccie sono bulade in credenza. 

10 sono un galantuomo, quello che scrissi e che promisi 
lo mantengo. Ma Lei, di quello che scrisse e che promise 
tante volte, se ne fa un gioco il non mantenerlo. Si ricordi 
intanto che Lei e mio debitore da molto tempo, e che se 
ha buona memoria mi promise in onore di pagarmi il mese 
di febbrajo p. p. Lei non compi la parola datami, avendo 
giurato in un nome si sacro. Dunque ! 

11 resto lo lascio nella penna, per non farlo arrossire di 
pill, se e possibile. Spedisca pure la presente a Venezia 
al Cavaliere che sa. Siccome li partecipa il tutto, cosi avrei 
piacere, che li inviasse le mie proprie lettere, niuna eccet- 
tuata, accio veda che io sono un uomo proho, onesto e 
esatto. 

Suo servo 
Bellaspica. 



Di Caterino Mazzola. 

(1792), 

II Mazzola nacque a Longarone, nel Cadore da genitori 
veneziani. Fu educato a Treviso nel Collegio dei Somaschi. 
Coltivo con amore lo studio della lingua e letteratura italiana. 
Fu poeta deir Elettore di Sassonia e poi della Corte di 
Vienna, dove scrisse per quel teatri parecchi libretti, che 
ottennero il plauso del pubblico. Non confacendosi alia sua 



— 351 — 
salute il clima troppo freddo di quelle regioni, nel 1 796 si 
licenzio e ritorno a Venezia, con I'obbligo gradito di mandare 
alia corte di Dresda, ogni anno, qualche suo lavoro. Mori in 
Venezia nel 1806. 

Tra i suoi libretti migliori sono da ricordarsi : UOsiride 
(1781), il ^M^arito indolente (1782), il Capriccio corretto 
(1783). il "Pazzo per forza (1783), La Villanella di Mi- 
snia (1784), Amore giusUficato (1792), e tra i suoi ora- 
tor! il Davide in Terebinto (1794). 



Dresda, 28 maggio 1 792. 

'Pregiatissimo amico, 

Quelli, che sanno adoperar giudiziosamente, come il chia- 
rissimo signor Giacomo Casanova, la sferza di Aristarco, 
danno pregio alle lodi, che compartono agli Autori ; percio 
mi fu grato quanto la sua lettera mi disse di gentile in- 
torno alia mia Cantata. 

M'increscerebbe pero molto, se non credessi di poter 
giustificare il nome di Aretea. Puo ben credere ch'io non 
pensai alia moglie del Re dei Feaci. Con questo nome 
chiamai la virtii, seguendo I'esempio del nostro divino Me- 
tastasio, come si vede neWAlcide al ^ivio. 

Non mi par nemmeno senza difesa il verso : S) (Mjumi, 
I'uno alValtra il del destina. M'e noto che I'uno e I'altro 
vagliono amendue. Dice pero la Crusca: Uno, correlativo 
ad altro, s) in singolare come in plurale, riferendo due cose 
mentocate, I'uno val primo, I'altro secondo, e talora va- 
gliono entrambi, amendue. Talora non e sempre. Nel sud- 
detto verso I'uno all'altra e come dicesse // primo alia se- 



— 352 — 
conda. Se questo non basta, nella Crusca medesima trovasi 
un esempio sufficiente per mettere in calma il mio spirito, 
agitato dagli sciupoli suoi forse troppo severi, degni pero 
d'un linguista, ch'abbia la coscienza dilicata. Ecco queste 
voci adoperate in diverso genere. Che le mie cose, edella 
ti sieno raccomandate, e quello delVune e dell'altra facci, 
che credi, che sieno consolazione delVanima mia. Non ha 
difesa V addombra invece di adombra, come nemmeno Vad- 
desca invece di adesca, che leggesi p. 24. Queste voci, 
benche composte, non raddoppiano la consonante piii per 
giusta ragione, che per capriccio della nostra bella Hngua, 
com'ella dice, cercando gentilmente una scusa al fallo. Non 
possono raddoppiare la consonante quelle voci che non 
rhanno. Ombra ed esca cominciano per vocale ; si dovrebbe 
dire aombrare, aescare, ma come questo riuscirebbe duro 
alia nostra lingua, si frappose fra le due vocali, un d, che 
ne addolcisca il suono. Questi due errori sono stati nella 
mia povera Cantata inseriti dal Correttore delle stampe. E 
vero che I'ultima correzione e stata fatta da me ; ma I'espe- 
rienza mi fa sempre piu conoscere ch'io non ho il talento 
che si esige per correggere le stampe, principalmente ove 
la cosa stampata sia mio lavoro. 

II titolo poi di Altezza reale e sicuramente quello che 
conviene alia novella nostra Principessa. Prima di andar 
alia stamperia e stato rivisto dal Gabinetto. 

Aspetto con impazienza I'epitalamio, che sta componendo : 
e per sua consolazione le dico, che il Principe Massimi- 
liano ama moltissimo la poesia italiana, anzi compose molte 
cantatine, e diede sempre la preferenza alia nostra lingua. 

La Principessa e bella di viso, bianca, e vermiglia ap- 
punto qual io la dipinsi ; e un p6 grassottina, non grande, 



— 353 — 
e si ammira in lei piu di grazia che di maesta. Credo che 
abbia meno trasporto per la poesia che per la musica. E 
pia, ma non puo dirsi ancora che sia troppo scrupolosa. 

Bellaspica, che pretende d'esserle stato e d'esserle amico, 
si maraviglia, ch'ella possa fare si poco caso di lui : de- 
sidera la contmucizione dell'interrotta corrispondenza, con- 
fessando le obbhgazioni che lo legano al Sig/ Casanova, 
il qual solo puo servirgli di mezzo per adempiere il suo 
dovere, come gli servi di mezzo per conseguire la grazia 
impetrata. 

Mia moglie la riverisce tanto e poi tanto. Mi conservi 
la sua cara amicizia e pieno di vera stima mi protesto 
Suo ohb.'"° OSS. servo e vero amico 
Mazzola. 
A Monsieur 
Monsieur Casanova de Sengal 

a TOEPLITZ. 




FINE DEL I VOLUME. 



MOLMENTI. - CaHeggi. 28 



;\ 



.A 



b> 



INDICE DEI NOMI 

Le cifie romane riguaidano la Prefazione. 



Acton generale 15, 16. 

Ademollo 134. 

Adnesse J. F. H. 200. 

Albani XVIII. 

Albergati Francesco XVIII, II 5, e segg. 208. 

Albetgati Luigi I I 6. 

Albergati Bentivoglio d'Aragona Eleonora I I 6. 

Albert! Francesco 15, 16. 

Albrizzi Alessandro 71, 72. 

Albrizzi Barbarigo Teresa 72. 

Albrizzi Giuseppe 72, 78. 

Albrizzi Teotochi Isabella 72. 

Albrizzi Zenobio Alba Maria 72. 

Alessandro Felice, maestro di musica 152. 

Alfani monsignore 138. 

Algarotti Francesco 80. 

Allegranti Maddalena XVIII, 270.271. 347, 

349. 
Amelot de la Houssaye 116. 117. 
Ancilla cortigiana 145, 153. 
Ancona (d') Alessandro IX, X, Xlll, XV, 

XIX, XXI, XXII, XXIII. 2, 200,335. 

Andreasi Luigi 155. 

Andreetti avvocato 136. 

Angeli capitano 123. 

Angiolini Carlo XII, XXVI, XXIX, XXX, 

XXXII, XXXIII. XXXIV, 10, 266, 

268. 269, 271. 348. 
Ankarslroem barone 70. 
Anna Ivanowna imperattice 4 1 . 



Aremberg famiglia 291. 

Aretino Pietro XV. 

August Casanova Maria Maddalena 9, 10,35 

August Marianna marit. Angiolini XXVI, I 

August Pietro XXVI, 10. 

Ayala (d') Sebastiano 45. 

Azeglio (d") Massimo 79. 

Badini poeta 273, 274, 281. 285, 286, 
288, 299. 305. 311. 314, 315. 

Baerent Carlo 88. 

Balbi Ameri?o 78. 

Balletti Benozzi Giovanna XVIII. 

Balletti Manon XVIII. 

Bandini canonico 118, 119. 

Banti Brigida cantante 74, 3 1 4. 

Barbarigo Contarina 198. 

Barbarigo Gregorio 145. 

Baroni Bernardino 132, 133 

Barthold F. W. X. 

Baschet Armand X, 335. 

Basler agente del conte Waldstein 319. 

Barsi Verati Laura XVIII. 

Battaglia Francesco 235. 236. 

Bedford (di) duca 278, 280, 284. 

Bellaspica Francesco 56, 266, 268, 

269, 271, 344 e segg , 353- 
Beloselski prmclpe XVIII, XXI. 42. 62, 269. 
Bentivoglio d'Aragona Carlo 212. 
Bentivoglio FoKarini Adelaide 212. 



— 356 — 



Benzon Quirini Matina 239. 
Bergonzi Nina, ballerina 1 1 6. 
Beika. incisoie 7. 
Beilendi* XVIII. 
Berni? cardinale 137. 
Bertati Giovanni 273. 
Beitola padre 117. 
Beitoni Ferdinando 348. 

Bethune - Charost Armando Luigi 256 e segg. 
Bethune - Chatost Armando Giuseppe 257, 
258, 260. 

Bethune Martel Luisa Susanna 257. 

Bettmann 250. 

Bettoni ab. Giuseppe 166. 

Bianchi Francesco maestro di muiica 1 82 . 

Bilbaroff (von) B. 89. 

Bildt (de) barone 193. 

Bischi Vittoria 142. 

Blache (Blelc) Riccardo, ballerino 153. 

Bossi Giacomo cantante 74. 

Boisrobert (de) ab. Francesco 1 56. 

Boisson de Quency Luigi 206. 

Boi>son de Quency della Porta Teresa XVIII, 

205, 206. 
Boldii Giacomo 78. 
Bolognese Giac. Filippo 9. 
Bombelles contessa 45. 
Bompre (de) 336. 

Bonaparte Napoleone 248, 268, 344. 
Bonaccorsi Virginia 1 43. 
Bonafini Caterina, cantante, 151, 152. 
Bonafini Emilia, cantante 151. 
Bonaldi 67. 

Bonanni Monica, cantante 152. 
Bonfadini Giovanni 78s 
Bontempi frate 141, 142. 
Borelli Davide Paola, cantante 1 52. 
Boiromeo 172. 
Boacovich ab. Ruggero 37. 
Bouill(5 (di) marchese 327. 328. 
Bourbon (de) abate 190. 
Bozoli ab. Giuseppe 155. 
Bragadin Matteo Giovanni XVI, 3, 200. 
Branicki conte XXVI. 
Brigido Pompeo Benvenuto 233, 262. 
Brockhaut Federico Arnoldo XI, XII, 3, 27. 



Brognard 30. 

Brunelli Vitaliano 117, 119. 

Branet madame XVIII. 

Brunswick (di) duca 341. 

Buoncompagni Ludovisi card. Ignazio 39, 1 90 

Buschini Francesca XVIII, 245. 

Caffi 344. 

Cagliostro 305. 

Calegari, libraio 211. 

Campagnini Giuseppe, cantante 152. 

Campioni Bianchi Giuitina, ballerina 1 53, 243. 

Campioni Vincenzo, ballerino 1 53. 

Canova Antonio XIV. 

Cappello Antonio, ambasciatore 12, 13, 34, 47. 

Cappocci Manzoni Caterina XVIII. 

Caracciolo marcheie 15, 16. 

Carcado marchese 95. 

Carciotti Demetrio 235. 

Carducci GiosuJ VII. 

Carletti cavaliere 215,216. 

Carli Vincenzo 1 58. 

Carloni, cantatrice 207. 

Carolina, cameriera 304, 327. 329, 342. 

Casanova Caterina nata Delachaux 247. 

Casanova Farussi Zarietta 8, 9, 10. 

Casanova Faustina Maddalena 9. 

Casanova Francesco, pittore XXVII, XXXI, 

XXXII, 8, 9, 10, 40, 45, 84, 234. 

235, 247, 249. 
Casanova Gaetano Giuseppe Giacomo 8, 9. 
Casanova Gaetano Alvise, prete 1 0. 
Casanova Giovanni Alvise, pittore XXVI, 

XXVII, XVIII, 9, 10, 35. 268. 269. 
Casanova Maria Giovanna nata Jolivet 10, 

247. 
Casanova Maria Maddalena maritata August 

XXVI, 9, 10. 
Casanova Teresa XVIII. XXVI , XXVIII. 

XXIX. XXXI, XXXII. 
Ceissis famiglia 232. 
Castelli vescovo 118. 
Castelcicala (di) principe 284. 
Casti Giovanni Battista 117, 281. 
Caterina II imperatrice di Russia XI, 10. 41. 

54, 55, 89. 170. 325. 330. 



— 357 



Caton M. XVIII. 

Catiani arciprete 138. 

CatroUi Elisabeita XVIIl. , 

Cavana MicheJe 345. 

CavjizziQa, ballerina I 53. 

Ceregal' Giulio 24. 

Cerato abate 1 79. 

Ceruti ab. Giacinto 134 e segg. 

Cesarotti Melchiorre 79, 177, 199. 

Chalons (di) ambasciatore 12, 13. 
" Charpaioa (U) XVIII. 

Chersemboum 277. 

Chigi Grimani Matia Virginia 53, 59. 

Chigi Zondadari Flavio 120. 

Chigi Zondadari Violante nata Gori Panin- 
lini. XVIII, 119, 120, 122, 125. 

Ciaccheri ab. Giuseppe I 18, 1 19, <2 1 , 123. 
125. 

Cian Vittorio 134. 

Cigna-Santi Vittorio 152. 

Clairfait (di) Francesco 238. 

Clary Federica nata von der Osten 8 , 11, 

14, 27. 
Clary Frjincesco Carlo 8. 
Clary Giovanni Nepomuceno 15, 325. 
Clary Maria Crittina nata de Ligne XVI, 
XXII, XXVI, 15, 17, 19, 21 . 25, 
322, 324. 326, 327, 329, 332 . 340. 
Clemenle XIV 137. 143. 
Cobelli Monsignore 89. 
Cobenztl Guidobaldo 91. 112. 
Coburg-Saalfeld Federico 47. 
Coletti (de) Giuseppe 112. 113. 
CoUalto Antonio Ottaviano XXII, XXVII, I 

e «egg. 199, 201. 
Collalto Francesco Agottino 5. 
CoUalto Nani Laura 5. 
Coilalto Odoatdo 5, 36. 42. 78. 
CoUalto Rambaldo XIII. 5, 
Colloredo MansfeJd Francesco Carlo XVIII, 

66. 
Coadulmer Tomato ammiraglio 7 I . 
Conrad XX. 

Contarini Alrise 194, 242. 
Contarini Civran Caterina 194. 
Contarini Carlo 53, 223. 



Contarini Niccolo 205. 

Gorilla Olimpica (Maddalena Morelli Fernan- 
dez) 120. 121, 123. 

Cornaro Caterina recina di Cipro 181. 

Coronini Francesco Carlo 95, 99, 102, 103, 
104, 105. 

Coronini Rodolfo 89, 95. 

Coronini di Montmorency Anna Claudia 95. 

Corsini principe 135. 

Corti Cesare 82. 84. 85. 252 e segg. 

Crebillon figlio XIII. 

Curlandia (duca di) Pietro di Ernesto Biren 
41. 195. 196. 324. 

Custine generate 340. 

Damiani Giambattista 104. 

Dandolo patrizia I 56. 

Dandolo Lauro 78. 

Dandolo Maria 163. 

Dandolo Marco I 64. 

Da Ponte Agostino 265. 

Da Ponte ab. Girolamo 265. 

Da Ponte Giulia 265. 

Da Ponte Lorenzo vescovo 261. 

Da Ponte Urenzo XVIII. XXVIII. XXX. 

28. 32. 36. 40. 66. 90. 112. 185. 

233. 237, 260 e segg. 327. 

Da Ponte Krai Nancy 237, 262, 263, 264. 

267, 271, 272, 273, 276. 277. 278. 

279. 289. 293. 294. 296. 297. 300. 

305. 307. 311. 313. 316. 
Da Ponte Luigi 265. 
Da Ponte Paolo 265. 
David Giacomo, cantante 74. 152. 
Dandolo Marco 1 64. 
Denina ab. Carlo 85, 254 e segg. 
Diderot XIII. 10. 
Diedo Girolamo 173. 
Diodali Domenico 1 68, 1 69. 
Dolfin Chiaretta 161. 
Dollin Contarini Bianca 245. 
IDolfin Daniele Andrea ambasciatore XV, 34, 

45. 57, 245 e segg.. 
Dolfin Gradenigo Giustiniana 245. 
Dolfin Zorzi Maria Teresa XVIII. 
Dominis (de) (rate 147. 



- 358 



E)on^ patrizio 46, 58. 

Don^ Franco 205. 

Dona Marco 227, 228, 234, 237. 

Donc> Pietro arabasciatore 206. 

Dorigutti medico 313. 

Droghy (de) Flavio 26, 28, 51. 

Dupont madama 182, 185. 



Vienn 



Ebu Bekir, ambasciatore ottomano 

67, 72. 
Elbel Maurizio Giuseppe, abate di Ossegg 253. 
Elisabetta imperatrice di Russia XI, I 70. 
Elmo Alvise 58- 
Emo Angelo 68, 71, 72. 
Erizzo Niccolo 345, 346. 
Eudossio di Gnido, astronomo I 76. 
Eutocio di Ascalona, matematico 1 76, 1 77. 

Fabris Tomiotti Domenico 250 e segg. 

Farina padre 1 38. 

Farussi Girolamo 8. 

Farussi Marzia 8, 9. 

Favre G. B. abate 135. 

Federico II di Prussia XI, 238, 254, 256. 

Federico Augusto III Elettore di Sassonia 52. 
270. 

Federico Guglielmo di Prussia 44 

Feltkirchner XXV, 280, 327, 
341. 

Fenaroli XVIII. 

Fenzo, tipografo 88. 

Ferdinando I impfratore 50. 
Ferdinando II imperatore re di Boemia 4 1 . 
Ferdinando IV re di Napoli 146, 284. 
Ferraresi, cantante 36, 66, 261, 265, 293 

297, 298. 
Ferrari 305. 307. 
Ferrari, detto Torretti, scultore 1 96. 
Ferretti Francesca 268. 
Filippini Giambattista 222 e segg. 
Filosi .Angelo 9. 

Flangini card. Luigi patriarca 40. 
Fortuna Maria (Isidea Egirena) 121, 125. 
Fcrtuna Teresina 121, 125. 
Foscari Ferigo ambasciatore 34, 42, 46. 
Foscari Francesco 61, 62 . 
Foscarini Alvise 24, 212. 



238, 325- 
331, 338, 



Foscarini Bar§~ro Andriana 212. 

Foscarini Contarini Bianca 24. 

Foscarini Corner Andriana 23, 24, 83. 

Foscarini Fantinati Lucia 212. 

Foscarini Felice 23, 24. 

Foscarini Giacomo, detto i7 Zotlo 23, 24, 28, 

83, 207. 
Foscarini Marco doge 24, 1 96, 
Foscarini Memmo Giovanna Maria 24. 
Foscarini Nani Chiara 212. 
Foscarini Niccolo, ambasciatore 23, 28, 212. 
Foscarini Sebastiano, ambasciatore 23, 24, 184, 

212, 244, 249, 251. 
Franceschi Antonio, bibliotecario 1 . 
Francesco Giuseppe arciduca d' Austria poi 

imperatore Francesco I, 44, 50, 66. 
Frescobaldi Vitelli marchesa XVIII. 
Fulin Rinaldo X, XII. Xlll. 
Furstenberg Francesco vescovo 197. 
Furstenberg Guglielmo cardinale 197. 

Gabbiati Giacomo 229. 

Gallino agente del co. Waldstein 3 1 9 

Galvagna baroni I, 2. 

Gamba Bartolomeo 80, 88. 

Gambara Alemanno 2 1 4 e segg. 

Gambara Carbonara Marianna 216, 217, 
218, 220 e segg. 

Gambara Martinengo Allegri Clarina 2 1 4. 

Gambuzzi (Gambucci) Innocenzio, ballerino 

153. 
Garde (La) 255. 
Garnier, editore XII. 
Garzoni Agostino ambasciatore 58. 
Garzoni Cappello Foscarina 58. 
Garzoni Quirini Pisana 58 
Gennariello, ballerino 1 53. 
Gentzel Federico XII- 
Gering XXV. 

Giacomo (di) Salvatore 27, 170. 
Gibelli Francesco, cantante 74. 
Gioannetti Andrea, cardinale 2 1 0. 
Gioia Gaetano, ballerino 168. 
Giolma, capitano 1 80. 
Giovanelli Benedetto 205. 
Giusini Teresa cartante 74. 



-- 359 — 



Giuseppe II impetatore I 1 , 30, 3 1 , 38, 72, 

185, 231. 251, 262. 
Giusti CO. Ignazio 241. 
Giustinian palrizio 62. 
Giustinian Girolamo .Ascanio 205. 
Giustinian Lolin Pisana 53. 
Goldoni Carlo XIII, 9, 58, 74. 
Gorzgowski 206, 253. 
Goudar Angelo 146, 169. 
Goudar Sara, 146, 169. 
Gozzi Carlo 79. 
Gozzi Gasparo XIII. 
Gradenigo Pielro 205. 
Grillo (del) Capranica Faustina 187 
Grillo (del) duca Onofrio 187. 
Grimani, detto dei Servi 33, 34. 
Grimani Francesco 63, 215, 216, 221, 335 

(». 
Grimani Gian Carlo di Michele 53. 59, 346. 
Grimani Gian Pietro ambasciatore 34 , 42, 

58. 62, 63. 

Grimani Dona Marina 42. 

Guardassoni, impresario 272, 298, 299, 309, 

310. 
Guede dottor 200. 
Gugitz Gustavo XX. 

Gundling dotror Giulio (Luciano Herbert) XIX. 
Gustavo III re di Svezia 55, 70. 

Hamilton 1 67 
Hasse Francesco 80. 
Heinzelmann Giovanni 33- 
Henry Carlo XIX. 
Hertzberg ministro 44, 238. 
Hohenzollern dinastia 4. 
Hornstein canonico 339. 

Incisa di Camerano 170. 
Ive prof. Antonio XIX. 

Jablon L. 292. 

KaKn Gustavo XIX. 

Kaunitz Principe XVIII. 45. 32 I . 

Keiich XVIII. 

Kelly 273. 299. 305. 

Kingston duchesui 167. 



Kinska contessa 1 I . 
Kirchmeyer. magistrato 68. 
Kruchenburg (di) Teodoro 318- 
Kunigl cont. Clary 8. 

Ladoloni 181. 

Laforgue Giovanni XII. 

Lamballe (di) principessa 275. 

Umberg Massimiliano XVllI. 150.212.213. 

222. 224, 225, 226, 284. 
Lamberg Dachsberg Maria Giuseppa , I 50, 

230. 
Laudon Gedeone Ernesto 19. 31, 33, 44. 
Lavello (di) duchessa 208. 
Leer Vincenzo 1 5. 
Lena (della) ab. Eusebio XVIII, XXIII, XXX, 

59. 60. 79 e segg, 151. 
Lena (della) Giacomo 79. 
Leo (de) Costanzi Maddalena XVIll. 
Leopoldo II imp. 35, 38, 40, 50, 66, 67. 

74, 233, 262. 325, 330, 332. 
Lezze (da) patrizio XVIII. 154, 264, 265. 
Liechtenstein canonico 201. 
Liechtenstein Carlo Borromeo 1 e Carlo Bor- 

romeo II 3 I . 
Liechenstein Luigi Giuseppe 17, 19, 20, 25, 

280, 283. 
Liechteinstein Monderscheid Carolina 17. 
Liechtenstein Oettinger-Spielberg Eleonora 3 I . 
Ligne (de) Carlo Giuseppe XVllI . XXIV, 

XXXII. 4. 10. 15, 72, 291. 
Lincoln lord 147. 
Lipporaano Gaspare 101, 265. 
Livi Giovacni 208. 

Lobkowitz principessa Maria Gabriella 322. 
Lobkowitz principessa Maria Giuseppa XVIII, 

319, 322. 
Lodoli Carlo 179, 190. 202. 203. 
Lodovica Amalia liglii di Ferdinando I. 50. 
Lolli Luca XVIII. 
Longo Antonio 1 58. 
Loredan patrizio 47. 
Loser XXV. 337. 
Lucchctini 79. 

Luigi Xlll. 259. 
Luigi XV. XI. 
Luigi XVI. 328. 



— 360 



Lys (de) monsieur 294. 

Mahmud pascik di Scutaii 30. 

Madei signora 242. 

Mafiei sac. Giuseppe 45. 

Mahler XX. 

Manenti abate 46. 

Manin Ludovico 205. 

Mansfeld CoUoredo Maria Isabella 66. 

Mantovani 172. 

Manuzzi Giambattista 4. 

Manzoni Alessandro 214. 

Mara, cantatrice 274, 278, 293. 

Marcello Duodo Chiara 243. 

Marcello Pielro 53, 222, 243 e segg. 

Marcolini Camillo 268. 

Mardegani 279, 282, 289, 291. 293. 

Maria Antonietta 66, 275. 

Maria Cristina moglie al Principe Alberto di 

Sassonia Teschen 66. 
Maria Luisa di Parma imperatrice 74. 
Maria Teresa imperatrice XI, 146, 233. 
Maria Teresa di Napoli 50. 
Maria Teresa figlia di Leopoldo II, 50. 
Maria Teresa di Parma 50. 
Martinengo Alvise 179, 192. 
Martinengo Caterina 192. 
Martinengo Giacomo 59. 
Martinengo Giovanni 144. 
Martinengo Memmo Paola 179, 192. 
Martinengo Vencesko 192. 
Martini Giampaolo 299, 307, 3 1 3, 3 1 4, 3 1 5. 
Masi Ernesto 115. 
Massimiliano Giuseppe Elettore di Baviera 1 49, 

352. 
Mazzarino cardinale 1 56. 
Massimo Crisioforo 172. 
Massimo Innocenzo 172. 
Mazzoli Caterino XVIII. 266. 268. 272. 

350 e segg. 
Mayr Gio. Sigismondo 249. 
Medin Tomaso XVIU, 145 e segg., 305. 
Meier XX. 

Memmo Andrea seniore 1 96. 
Memmo Andrea XVIII, 32, 34, 82. 178 e 

segg.. 260, 262. 264. 310, 342. 



Memmo Bernardo 157, 184, 204. 

Memmo Costantino 1 96. 

Memmo Giovanni Maria 195, 196. 

Memmo Lorenzo 78, 204 

Memmo Pietro 1 79. 

Memmo Piovene Elisabelta 179. 

Memmo Zeno Marina 196. 

Mengs Raffaele XVIII. 1 0. 

Metastasio 348, 351. 

Metternich famiglia 291. 

Micheroux cavaliere 15. 

Migazzi (de) Cristoforo cardinale 143. 

Miniscaichi conte 2 1 6. 

Miiabeau 37. 

Mirszinsky conle 117. 

Mocenigo Alvise di Sebastiarso 76, 78, 1 79. 

198. 340. 342. 
Mocenigo Giovanni 198. 
Mocenigo Memmo Lucia 76, 77. 179, 190, 

197, 198, 340. 
Mocenigo Pisana 76. 
Mocenigo Sebastiano 198, 205. 
Montecchio conte XXX. 
Monticelli medico 9. 
Monti Giacomo 241 
Monti Giuseppe 9. 
Monti Marco 239 e segg. 
Montmartel contessa XVIII. 
Morichelli, cantatrice 271, 314, 315. 
Moro. patrizio 248. 
Morosini, giovane patrizio 167. 
Morosini Francesco II Lorenzo procuiatore 46. 

62. 154, 173, 177, 180, 181, 182, 

228, 235, 345. 346. 
Morosini Leopoldo? Lorenzo? 157 e segg. 
Moschini Gannantonio 1 48. 
Mozart 261, 272. 

Nassau Singen principe 253. 
Negroni Andrea cardinale 143. 
Noailles (di) Emanuele Maria 69. 

Oglio (dall") Giuseppe 206. 
Opiz Y. F. XVlll. 
Orange (d") principe 295. 
O ReiUy XVIII. XXV. 254. 



— 361 — 



Orsucci Baroni Anna Lucia 133. 
Ortes Giammaria SO. 
Osman pascia 19. 
Ottmann XX, 88. 

PaccKierotti Gaspare, cantante 74. 

Paisiello Giovanni 73, 74. 

Palfy Carlo 237. 

Pallavicino Lazzaro cardicale 1 90. 

P^er (de) 251. 

Penna madama 167. 

Pepoli Alessandto 73. 74, 77. 

Pertich Matteo 233. 

Pesato Francesco 205, 235. 

Pesaio Pietro 205, 235. 

Pialti signora 241 . 

Piccioni 134. 

Pichelin Davide 230. 

Pischelin Zanetla 230. 

Pietro (fra), priore dedli Scaizi 134, 142. 

Pindemonte Giovanni 58, 59. 

Pindemonle ippolito 47, 78. 

Pio V! 35. 117, 143, 190. 
Pisani Giorgio 52, 53, 58, 184, 185, 223. 
251. 

Pisani Pietro Vettor /'.05. 

Pittoni Pjetro Antonio XVIll, 107, 113, 

174, 226 e segs., 262. 
Pizzamano Matteo 181. 
Pizzamano Stratico Paolina 181, 182, 228. 

245. 
Pizzi XVIII. 
Plainer Giuseppe 231. 
Polcetiigo Giorgio 163, 165. 
Poniatow.'ski principe G. A. 11. 
Poniatdwski Stani^lao re di Polonia 140. 
Pozzi. maejtro di mtisica 278. 
Priuli Anton Maria 40. 

Prividali Antonio .92. 93, 94, 96, 100. 101. 
102, 103, 105. 107, 108, 109, IM. 

Quirini Angelo 239. 
Quicini conte 256. 

R. madama (Maria Rizzotti ?) 84. 
Radicchio ah. Vincenzo 182, 186. 195. 
Rava Aldo XX. XXI. XXXII. 



Recke (von der) Elisa XVIII, XXXII. 
Renier Paolo doge 32, 146, 187,223,229. 
Rhomberg padre Ignazio 135. 
Ricci padte Lorenzo 135, 136. 
Ricci (de") Scipione 85, 1 17. 
Ricca o Ricka conte 150, 241. 
Rietz Guglielmina XVIII. 
Rirslc'i Irene 234. 
Riola (di) conte I 1 6. 
Rochefoucauld (La) 257, 260. 
Roggendorff XVIII. 
Rohan famiglia 29 1 . 
Romanino 161. 
Romano ab. Giuseppe 135. 
Romelli padre 1 56. 
Rosez, editore XII. 
Rotingo o Rodengo Fiaminia 1 44. 
Rousseau XI. 
Rovedino 305, 307. 
Rumain (do) madama XVIII. 
Ruspoi; Francesco 35, 37. 43, 45. 47, H7. 
Rujpoli Klevenkuller-Metsch Leopoldina 35, 
37. 

Saby (de) madama XVIII. 

Saint-Priest Francesco 183. 

Salisbury marchese 284. 

Salvini Anton Maria 124. 

Sand Giorgio XI!. 

San Secondo (di) contessa 217. 

Sania-Croce principe e principessa 130, 131, 

133. 
Sas'onia (principi di Sas-'on'.a) Antonio e Mas- 
similiano 50. 

Savorgnan Mario 1 46. 

Schift Yuda XVIII. 

Schuckmann (de) Entichetta XVIII. 

Schutz (de) Guglielmo XII, 27. 

Schuwaiow Ivan I 70. 

Selim HI suhano 67. 

Seiva Giannantonio arch. / 4. 

Serafirii ab. Gio. Vincen/o 45. 

Serracapriola (di) Antonio 167. 

Serracaprioli del Carrelto Maria Adelaide I 66, 
167. 

Serlor ab. Gactano 182. 



— 362 — 



Sessi Matianna, cantante 74. 

Severini abate 207 e segg. 

Severini Cristina 208. 

Severini Maria 208. 

Sgarzi Antonio 256 e seg^. 

Simoncini Francesco, pittore 1 0. 

Sinibaldi marchese 35. 

Skala Chib^aw Giovanni vescovo 194. 

Smecchia Francesco Venceslao 56, 57. 

Snetlage Leonardo XVII. 

Soardi Carlo Ludovico 99, 102. 

Spinola Carlo 106, 156, 159, 160, 161. 

162. 
Spinola Stharemberg Erne^tina 1 58. 
Stanislao re di Polonia 55. 
Stelzl Bettina 48, 49. 
Stelzl Domenico Giuseppe 48, 331, 337, 

338, 339, 342. 

Storace, cantatrice 185, 278. 292, 293, 305, 

307. 
Storace, maestro di musica 273. 274. 278. 
Strassoldo conte XVIIl. 
Stratico Gian Domenico 89. 1 06. 1 I 7 e segg. 

165. 168. 
Stratico Simone XVIII, 126, 165, e segg. 
Strohlendorf Ambrogio 23 I . 
Sully maresciallo di Francia 257, 259. 
Sumani conte 63. 
Suzzos conte 30. 

Sylva (de) Giuseppe Gioachino 322. 
Symons XX. 

Tacquet Andrea I 76. 

Tanucci ministro 1 67 . 

Tassis 339. 

Taylor 299. 305. 314. 

Temanza Tommaso 74. 

Teza Emilio 1 07 . 

Thierry Giovanni 247. 248. 

Thierry Giuseppe 248. 

Thugut Francesco 183. 

Thum Matteo banchiere 38. 291. 

Tiepolo Alvise 205. 

Tiepolo Giambattista XIII. 

Tilney lord 1 06. 

Tomitano Clementino 1 . 



Torella (di) principe 208. 

Torelli Salinguerra Silvio 140. 143. 

Tornielli famiglia 33. 34. 

Torrfe (de) Emanuele Antonio XVIlI. 91 . 95. 
97,98, 99. 100. 101. 102, 107. 108, 
109. 110. 111. 112. 1 13. 114. 

Tosello G. B. sacerdote 9. 

Tron Andrea 190. 

Tron Cecilia 79. 

Turco (dal) Gir>vanni 124. 

Turner segretario alia Corte di Vienna 67. 

Urfe (d") marchesa XVI. 263. 
Uzanne Ottavio XX. XXI. XXII. 

Valeri Antonio 134. 

Valery (de) Valeric 87. 90. 92, 93, 94, 

95, 96, 97,98, 100. 102. 107, 108. 

109. no. 111. 112. 
Valmarana Prospero 78. 
Vedova Gerolamo, cantante 74. 
Veith Giovanni Adalberto 195. 
Venanzio abate 27. 
Venier Nicco 6 205. 
Verne Giulio 2. 
Vigano Marina Maria 74. 
Vigano Onorato. coreograio 74. 
Vigano Salvatore. ballenno 74. 
Vigoni Giulio. maestro di musica 74. 
Visconti Antonio Eugenio cardinale 143. 
Voltaire XI. XXIV. 116. 174, 228, 229. 
Vukassovicti generale 30. 

Wagensberg (de) Adolf o 240. 
Walckis madame 294. 
Waldeck Cristiano Augusto 197. 
Waldstein canonichessa 20, 
Waldstein Em. Ernesto, vescovo 36. 
Waldstein Emanuele Fiiippo XV, 230. 3 1 7. 

334. 
Waldstein Ferdinando 253. 325. 332. 337. 

338. 344. 
Waldstein Giovanni Federico 319. 332. 334 

e segg. 
Waldstein Giuseppe Carlo Emanuele XV, 

XXIV. XXV, XXXIII, 4, 14, 17, 19, 

82, 84, 176, 197. 230, 237, 238, 247, 



— 363 



251, 274, 275, 280, 292. 293, 296, 

301, 309, 317, 318, 327, 335, 342. 

344. 
Waldstein Liechtenstein Maria Anna XV. 237, 

317. e segg. 334. 
Waldstein Maria Teresa marit. de Kruchen- 

burg 318, 324. 
Waldstein Maria Anna marit. de Sylva 322. 
Waldstein Vincenzo 324. 333. 
Wallenstein Alberto duca di Friedland XVI, 

XXI, 320. 
Watson Giovanni 244. 
Weinrauch agente del co. Waldstein 331. 
Weichs barone 3 1 . 
Wessening (von) Rodolfo XXXII. 
Widmann Lodovico 212. 
Wiederholt XXV, 329, 342. 
Wimmer 297. 

Winckelmann Giovanni Gioachino 10. 
Wramzemski principe 167. 
Wurtemberg (di) principessa Guglielmina 50. 



Wynne (de) Rosemberg Giustina XVIll. 

Ypsilantis Alessandro 29. 

Zaguri Pietro Antonio XVUI. XXIII. XXXI, 
22, 28, 40, 44, 53, 56, 58, 60, 62, 
84, 111, 161, 199, 201, 202. 203. 
222. 225, 235, 237, 262, 264, 310, 
345, 347, 348, 349. 

Zambelli medico 9. 
Zanetti 171. 

Zanowltsch conte 147. 150. 
Zeno Alessandro 242. 
Zeno Alvise 147. 
Zeno Mario 242 e segg. 
Zeno Maffetti Elisabetta 242. 
Zeno Marcello Chiara 242. 
Zeno Pietro 205. 
Zinzindorf Venceslao 68. 
Zulian Girolamo 28. 185. 
Zusto Giovanni 78. 



INDICE. 



Prefazione ......... 

Parte I. — Carleggio Casanova-Collalto 

Lettere del Casanova al conte Collalto 

Lettere del conte Collalto al Casanova 
Parte II. — Tre lettere del Casanova all'abate Delia Lena 
Parte III. — Una controversia del Casanova coll' editore 

della sua « Istoria della Polonia » . 
Parte IV. — Lettere di varii al Casanova. 

Di Francesco Albergati (anno 1771) 

Di Giandomenico Stratico (1770-71) 

Dell'abate Giacinto Ceruti e di fra Pietro degli Scalzi 
(1773-1774) 

Del conte Giovanni Martinengo (1774) 

Del conte Tomaso Medin (1774) 

Del conte Richa (1775) 

Del marchese Luigi Andreasi (i 775) 

Del patrizio veneto (Lorenzo?) Morosini (1775) 

Del conte Giorgio di Polcenigo (1776) 

Di Simeonc Stratico (1777-1789) . 

Di Andrea Memmo (1779-1788) . 

Dell'abate Severini (1780) .... 

Di Niccolo Foscarini (1780) .... 

Del conte Alemanno Gambara (1780-1783) . 

Della contessa Gambara (1780-1783) 

Del capitano Filippini (1780) .... 



Pag. VII 
I 

7 
65 
79 

87 

» 115 
» 117 

» 134 
« 144 
» 145 
V 150 

> 155 
157 
163 

» 165 

> 178 
.. 207 
» 212 
.> 214 
» 220 
» 222 



— 366 — 

Di Pielro Antonio Pittoni (1780-1794) . . . Pag. 226 

Di Marco Monti (1781) » 239 

Di Marco Zeno (1782) » 242 

Di Pietro Marcello (1783) » 243 

Di Daniele Andrea Dolfin (1783) .... » 245 

Dell'oste Gio. Sigismondo Mayr (1784) ...» 249 

Del conte Domenico Fabris (1785). ... » 250 

Del conte Corti (1787) » 252 

Dell'abate Denina (1789) . . . . ; » 254 

Del conte di Bethune e di Antonio Sgarzi (1789-90) » 256 

Di Lorenzo Da Ponte (1790-93) .... » 260 

Delia contessa di Waldstein (1789-1792). . . » 317 

Del conte Giovanni Federico di Waldstein (1792-1797) » 334 

Di Francesco Bellaspica (1792) .... » 344 

Di Caterina Mazzola (1792) » 350 

Indice dei nomi ....... » 355 



THE LIBRARY 
UNIVERSITY OF CALIFORNIA 

Santa Barbara 



THIS BOOK IS DUE ON THE LAST DATE 
STAMPED BELOW.